VIDEO / Napoli-Pescara (3-1): highlights e gol della partita. Sarri: il rigore al 93′? fa arrabbiare ma… (Serie A, 20^ giornata)

- La Redazione

Video Napoli-Pescara (3-1): highlights e gol della partita di Serie A, valida per la 20^ giornata. Le immagini salienti dallo stadio San Paolo (domenica 15 gennaio 2017)

europaleague_palla_scarpino
Pronostici Serie B, LaPresse

Tre punti importanti per il Napoli, che ieri pomeriggio ha trovato il successo in casa contro il Pescara di Oddo battuto per 3 a 1. Ad analizzare quanto messo in campo dagli azzurri ci ha pensato lo stesso Maurizio Sarri, tecnico del Napoli, ai microfoni di Sportmediaset, ha dichiarato: E stato un primo tempo dove non siamo stati pericolosi ma il merito va anche a loro, mettevano in grande pressione. Loro hanno avuto un grande dispendio di energie e dopo il gol, abbiamo fatto bene,40 minuti di ottimo livello, dove non abbiamo concesso nulla. Il rigore al 93 fa arrabbiare, sarebbe stato meglio non prendere altri gol. La Juve? Non mi interessa, vince da molti anni e si è costruita una grandissima mentalità, ha la capacità di vincere le partite in cui anche non dà spettacolo: hanno qualcosa più di noi, ma di tutti. Pavoletti e Gabbiadini? Ho fatto altre scelte. Loro come due punte? Lo stiamo sperimentando in diversi spezzoni di partite.

Ennesima sconfitta subita ieri pomeriggio nella 20^ giornata di Serie A dal Pescara, battuto per 3 a 1 dal Napoli: per la formazione ospite linsuccesso è arrivato al termine in cui i proprio delfini hanno messo cuore e coraggio per 90 minuti, ma che non è stato evidentemente sufficiente. Ad analizzare il match ci ha pensato il tecnico del Pescara, Oddo che ai microfoni di Sky sport ha dichiarato: Purtroppo è stata unannata sfortunata, anzi dipiù: avremmo potuto avere molti più punti, abbiamo avuto partite ben fatte, forse anche di più in cui potevamo vincere e non siamo riusciti e una marea di infortunio. Oggi ci siamo presentati con solo 3 difensori di ruolo: uno si è ammalato questa mattina, Zuparic è arrivato da Pescara stile longobarda, quando ci si mette di mezzo la sfortuna ci si può fare poco. Nonostante questo i ragazzi oggi hanno veramente dato tutto non gli si può dire nulla.

Uno dei protagonisti principali del match tra Napoli e Pescara, terminato ieri pomeriggio al San Paolo per 3 a 1 a favore dei padroni di casa è stato senza dubbio il ritrovato Lorenzo Tonelli, autore anche del gol che ha sbloccato il risultato, al secondo minuto del primo tempo. Lazzurro, bloccato nel post match, ha dichiarato ai microfoni dei giornalisti che: è un momento particolare perché sembra tutto bello e fantastico, ma viene da un periodo di sofferenze e lavoro. Ho avuto la fortuna e la bravura di non mollare, e   ti paga sempre. Ovvio che il gol, mi rende felice ma quello che a me interessa è la fase difensiva che è il mio compito. Anche oggi abbiamo preso gol ed è quello che più mi lascia lamaro in bocca. Per Lorenzo Tonelli quello di eri pomeriggio si tratta del secondo gol in appena due presenze nel campionato di Serie A, dove solo nella scorsa stagione è stato scelto da Inzaghi per la formazione titolare: una scelta che premia difensore, spogliatoio e società, per la gioia poi chiaramente dei tifosi.

Il Napoli batte 3-1 il Pescara e prosegue nella sua corsa verso il terzo posto e, pensando più in grande, lo scudetto. Le statistiche della partita ci dicono del solito dominio dal punto di vista del gioco per il Napoli di Maurizio Sarri: 65% di possesso palla che ha generato la bellezza di 21 tiri, 13 dei quali sono peraltro terminati nello specchio della porta. Albano Bizzarri ha dovuto effettuare otto parate evitando un passivo ben peggiore; il Pescara, che ha fatto bene soprattutto quando il risultato era ancora sullo 0-0 (e dunque nel primo tempo), ha tirato soltanto in sei occasioni e per due volte Reina ha dovuto parare. I partenopei hanno generato undici occasioni concrete da gol (tre per il Pescara) e sono arrivati in porta per tre volte tramite un assist; sono quelli che hanno deciso la partita, firmati da Jorginho, Piotr Zielinski e Allan. Napoli che ha anche battuto sei calci dangolo contro i due del Pescara, il Pescara è risultato essere più falloso commettendo 14 irregolarità (9 per il Napoli), per contro la formazione di casa ha perso più palloni (51) ma ci sta visto lampio possesso (si tratta di palle perse strutturali). Guardando ai singoli, José Callejon e Dries Mertens sono quelli che hanno avuto più occasioni da gol (tre a testa) mentre Marek Hamsik ha tirato di più (quattro volte); bravo Ledian Memushaj in mezzo al campo, ultimo a mollare con 8 recuperi, mentre a perdere più palloni (7) sono stati Callejon e Jorginho per il Napoli, Gianluca Caprari per il Delfino. Questultimo però è stato anche il giocatore a provarci di più per i suoi: due tiri verso la porta di Reina, e il calcio di rigore che in pieno recupero ha reso se non altro meno amaro il risultato.

Al termine della partita Maurizio Sarri, parlando a Premium Sport, ha espresso tutta la propria soddisfazione per la vittoria: Sofferenza zero ha detto anche se nel primo tempo non siamo stati pericolosi come al solito. Loro sono stati bravi, hanno speso tantissime energie ma prevedibilmente si sono poi stancati. Sarri ha rimarcato le tantissime occasioni avute dal Napoli e, proprio per il fatto di non aver subito niente, ha ammesso come il gol di Caprari lo abbia fatto arrabbiare. Una parola anche su Dries Mertens ancora in gol: A me sembrava bravo anche prima, ha tanta qualità e quando entra dalla panchina è bravissimo a spezzare le partite. Finora ha concluso lallenatore del Napoli aveva reso al di sotto delle sue potenzialità visto lenorme potenziale che ha. (Claudio Franceschini)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori