Muhammad Alì/ Oggi il compleanno di Cassius Clay, avrebbe compiuto 75 anni (17 gennaio 2017)

- La Redazione

Il 17 gennaio 2017 Muhammad Alì avrebbe compiuto 75 anni: l’ex pugile, grandissimo simbolo del XX Secolo non solo a livello sportivo, ci ha lasciati nel giugno dello scorso anno

MuhammadAli
Muhammad Alì avrebbe compiuto oggi 75 anni (Foto LaPresse)

Oggi Muhammad Alì, al secolo Cassius Clay, avrebbe compiuto 75 anni. Ha fatto in tempo a festeggiare il 74esimo compleanno: si è spento a Scottsdale il 3 giugno scorso, consumato dalla sindrome di Parkinson che lo aveva colpito da tempo (gli fu diagnosticata nel 1984). Da più parti, e quasi allunanimità, è riconosciuto come il pugile più grande di tutti i tempi, una delle icone sportive del XX secolo e addirittura Sportivo del Novecento (secondo un sondaggio condotto da Focus Storia); la sua carriera parla di 56 vittorie (37 per ko), ma al di là dei numeri messi insieme la figura di Alì è trasfigurata nel mito per il suo incredibile carisma, come si è ampiamente visto quando, alle Olimpiadi di Londra 2012, portò ufficialmente la bandiera allinterno dello stadio (aiutato dalla moglie Lonnie) generando una reazione difficilmente descrivibile negli spettatori e nei milioni di persone incollate agli schermi. Prima ancora, a 13 anni dal ritiro ufficiale, aveva acceso il tripode ai Giochi di Atlanta nel 1996; nelloccasione il Comitato Olimpico gli aveva anche riconsegnato la medaglia doro che aveva vinto a Roma nel 1960. Uno degli episodi più famosi nella carriera di Alì: allora si chiamava ancora Cassius Clay e arrivava dal Kentucky, era un dilettante e come tale partecipò alle Olimpiadi vincendole, ma tornato a casa un ristoratore della sua città si rifiutò di servirlo in quanto nero. Sdegnato, Clay gettò la medaglia nel fiume Ohio in sprezzo al suo Paese; questo fu quanto raccontò lui, perchè la vicenda non fu mai accertata e alcuni amici personali negarono il fatto. Sia come sia, la restituzione della medaglia ad Atlanta fu di grande significato. 

Raccontare nel dettaglio i fatti nella carriera di Muhammad Alì è difficile: sicuramente merita uno spazio la Rumble in the Jungle, ovvero lincontro che si disputò nel 1974 in Zaire (oggi Repubblica Democratica del Congo) tra lui e George Foreman, ovvero il pugile che aveva sconfitto Joe Frazier e Ken Norton, unici due in grado di battere Alì. Il quale, al grido di Alì boma ye (Ali uccidilo) vinse per KO allottava ripresa con una strategia che i suoi stessi allenatori definirono sorprendente, evitando cioè di ballare e saltellare sul ring come aveva abituati ma subendo invece i colpi di Foreman per quasi tutto lincontro, lasciando che le corde attutissero i pugni e poi caricando a sua volta una volta che lavversario si era stancato. Lanno dopo avrebbe battuto Joe Frazier a Manila, nelle Filippine, per ritiro dellavversario, ma erano gli sgoccioli di una favolosa carriera: lultimo match è quello del dicembre 1981 contro Trevor Berbick, perso ai punti (decisione unanime): già allora il suo allenatore aveva riscontrato quelli che sarebbero stati individuati come i primi sintomi del Parkinson. Il lascito di Alì come detto è straordinario: non solo le 56 vittorie, anche i riconoscimenti di sportivo del secolo (Sports Illustrated) e personalità sportiva del secolo (BBC), oltre allappellativo di The Greatest. Non solo: convertitosi allIslam (nel 1964), per motivi religiosi rifiutò di combattere in Vietnam – subendo larresto per renitenza alla leva – e privato del titolo iridato, ma riuscì a far invalidare la sua condanna e, naturalmente, lepisodio lo fece immediatamente diventare un simbolo per la controcultura di quegli anni turbolenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori