CAMILA GIORGI SQUALIFICATA/ La Federazione sospende l’azzurra per nove mesi (Tennis, oggi 30 gennaio 2017)

- La Redazione

Camila Giorgi squalificata, tennis news: a seguito della vicenda dello scorso aprile la Federazione ha deciso di sospendere dalle attività marchiate Fit, per nove mesi, la maceratese

Giorgi_allungo
Camila Giorgi, 25 anni (Foto LaPresse)

Brutte notizie per Camila Giorgi: la tennista di Macerata è stata sospesa per nove mesi con una sentenza del Tribunale Federale, e le è stata comminata una multa pari a 30000 Euro. In attesa delle motivazioni (saranno rese note tra dieci giorni, come riportato nel comunicato della Federtennis) spieghiamo innanzitutto che la squalifica si intende a livello nazionale: vale a dire che la Giorgi non potrà giocare i tornei che vanno sotto legida della Fit e, molto probabilmente, non potrà nemmeno disputare match di Fed Cup (per ovvie ragioni). Proprio dalla Fed Cup arriva il contenzioso, che risale allaprile dello scorso anno: lItalia sarebbe stata impegnata nel match contro la Spagna (lavrebbe perso) per rimanere nel Gruppo Mondiale. Nei piani di Corrado Barazzutti cera ovviamente la convocazione della Giorgi, ma la tennista aveva chiesto di essere esentata per poter iscriversi alle qualificazioni del torneo Wta di Stoccarda. Richiesta di fatto legittima – e di certo non è la prima volta che un giocatore rinuncia agli impegni con la nazionale, anzi – senonchè la Federtennis le aveva ricordato, nella persona del presidente Angelo Binaghi, un contratto firmato a suo tempo nel quale – pare – venisse esplicitato lobbligo a rispondere alle convocazioni di Fed Cup. Da una possibile risoluzione elegante si è arrivati allo scontro: Barazzutti è stato spinto a convocare comunque Camila, la rinuncia ufficiale della maceratese ha di fatto scatenato il caos. Per questo motivo la Giorgi non ha potuto giocare alle Olimpiadi (dove sarebbe stata la nostra seconda punta di diamante, visto il ritiro di Flavia Pennetta) e per questo oggi è arrivata la notizia della squalifica. 

(Claudio Franceschini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori