Video/ Udinese-Milan (2-1): highlights e gol della partita. Danilo: nessun alibi, vittoria meritata (Serie A 2016-2017, 22^ giornata)

- La Redazione

Video Udinese-Milan (risultato finale 2-1): gli highlights e i gol della partita giocata domenica 29 gennaio, che è stata valida per la ventiduesima giornata del campionato di Serie A

RomagnoliDonnarumma
Foto LaPresse

Un successo importante quello occorso ieri pomeriggio allUdinese, capace di battere in casa per 2 a 1 il Milan di Montella: i rossoneri al momento scontano una piccola crisi di risultati, mentre i friulani con ti tre punti ottenuti sul campo si rilancia e entra nella top ten della graduatoria del campionato di serie A. A commentare la prestazione friulana ci ha pensato il difensore bianconero Danilo ai microfoni di Mediaset Premium, ai quali ha dichiarato: abbiamo fatto un passo falso contro lEmpoli, mancava giocare così e vincere contro una grande. Abbiamo fatto una bella partita di grande sofferenza ma il risultato è giusto. De Paul? Le polemiche capitano sempre dopo una partita così, non ci sono alibi comunque oggi lUdinese è stata più coraggiosa del Milan. Il Milan è una squadra che palleggia molto, davanti sono pericolosi ma penso che oggi abbiamo dati una bella risposta: siamo stati corti e aggressivi. Ora festeggiamo la vittoria la classifica lasciamola per le prossime giornate.

Tra le critiche che la prestazione rossonera vista ieri pomeriggio in campo nel match tra Udinese e Milan, terminata con il successo friulano, ha coinvolto proprio al difesa della compagine di Montella, per le troppe disattenzioni che hanno senza dubbio inficiato il tabellone finale. A rispondere di quanto detto è intervenuto il terzino destro Ignazio Abate, che hai microfoni di Sky Sport ha dichiarato: avevamo sempre il pallino del gioco in mano, ma poi abbiamo commesso una grave ingenuità sul secondo gol. Siamo rimasti in dieci e abbiamo ripreso l gioco: noi più grandi dovevamo farci sentire un po di più. Non si possono prendere dei gol in questa maniera: era già successo a Torino dove avevamo rischiato in unoccasione simile. Tutti si aspettano tanto da noi, ma noi dobbiamo stare tranquilli e tapparci le orecchie, continuare e a lavorare sui nostri principi. E una squadra che merita un posto in Europa senza dubbio, ma ora non dobbiamo guardare la classifica, anche perché tra balzare in zona Champions e perdere lEuropa League è un attimo.  

Tra i protagonisti del match tra Udinese e Milan, terminato ieri per 2  a 1 a favore della compagine friulana, va nominato senza dubbio il bomber dei bianconeri Cyril Thereau, tra i milgiori marcatori a disposizione di Delneri, che dopo circa un mese di secco è tornato a bucare lo specchio avversario. Intervistato nel post match dai microfoni di Udinese Tv, la punta francese ha dichiarato: è stata una bella partita, avevamo tanta voglia di fare bene oggi, di ricominciare una striscia positiva e di fare punti. Eravamo tutti concentrati, siamo stati molto aggressivi: il gol preso poteva abbatterci nel morale, però la squadra cera, siamo ancora qua e non ci accontentiamo di una salvezza. Lo so, sento la responsabilità della squadra, il mister mi chiede di afre la differenza e sto provando a farlo: siamo tanti giocatori giovani, stiamo bene e lavoriamo bene nella settimana. Abbiamo raccolto oggi ciò che abbiamo meritato: nelle ultime giornate avevamo raccolto poco. Chievo? Sono contento per loro, a ora sarà una bella partita, siamo in forma.

Si tratta del quarto risultato negativo per il Milan di Montella, ieri pomeriggio sconfitta per 2 a 1 dallUdinese. Se parlare di crisi in casa rossonera nelle prime giornata del girone di ritorno del campionato di serie A è forse eccessivo certamente la mancanza risultati non fa piacere a tifosi e panchina. Per analizzare quanto sta succedendo in casa Milan il tecnico rossonero Vincenzo Montella è intervenuto nella conferenza stampa del post match affermando che: non si se si possa definire crisi o meno, sicuramente in termini di risultati si: abbiamo eperso diverse partite ultimamente, sempre di misura, sempre stando in partita anche in partite di alto livello. Se vigliamo dare un titolo si forse è una crisi di crescita. Penso che questa sconfitta non mini assolutamente i nostri obbiettivi reale. Va certamente notato come i fedelissimi di Montella, titolari inamovibili in campo siano per la maggior parte molto giovani: letà media è di circa 26.4 anni.

Terza sconfitta in una settimana per il Milan. I rossoneri cadono anche a Udine, perdendo per 2-1. La squadra di Montella si porta in vantaggio con Bonaventura ma alla mezzora Thereau sigla il gol del pari. Nel secondo tempo De Paul firma il gol vittoria per lUdinese. Nel prossimo turno di A il Milan cercherà il riscatto a San Siro contro la Sampdoria mentre i bianconeri saranno in scena al Bentegodi contro il Chievo.

Udinese in campo con il 4-3-3. Tra i pali Karnezis, fronte a lui Faraoni, Danilo, Felipe e Samir. A centrocampo Fofana, Halfredsson e Jankto mentre in zona offensiva ci sono De Paul, Duvan Zapata e Thereau. Anche per Montella 4-3-3, come al solito. De Sciglio torna titolare dal primo minuto occupando il ruolo di terzino sinistro. Abate, Paletta e Romagnoli completano il reparto difensivo a protezione di Gigio Donnarumma. A centrocampo Pasalic vince il ballottaggio con Bertolacci affiancando Locatelli e Kucka. In attacco Suso e Bonaventura larghi ai fianchi di Carlos Bacca. Dirige lincontro il signor Luca Banti, arbitro iscritto alla sezione AIA di Livorno. Il Milan prova a fare possesso ma l’Udinese si rende subito pericolosa in contropiede. Samir trova Thereau in area. Il francese da posizione angolata conclude con potenza ma Donnarumma non si fa sorprendere. I rossoneri si portano in vantaggio poco dopo sfruttando la prima occasione di giornata. Suso crossa in area trovando Bonaventura sul secondo palo. Faraoni se lo perde e da due passi Bonaventura controlla e gira in rete. Lasse Suso-Bonaventura colpisce ancora. Dopo lo svantaggio l’Udinese manda timidi segnali di recupero. Il Milan resta vigile provando a ripartire. In fase di possesso i bianconeri sbagliano parecchio rischiando di subire pericolosi contropiedi. Su uno di questi Bacca sceglie male non premiando l’ottimo inserimento di De Sciglio e perdendo palla. Faraoni prova a farsi perdonare per l’errore nell’azione del gol ma il suo colpo di testa è impreciso. Poco dopo il terzino ex Watford abbandona il campo per infortunio, al suo posto entra Angella. Perdita pesante intanto anche per il Milan: Bonaventura getta la spugna dopo un contrasto proprio con Faraoni. Al suo posto entra Delofeu. L’Udinese trova il gol dell’1-1 alla mezzora. Locatelli sbaglia nella propria trequarti, i bianconeri ne approfittano e De Paul serve Halfredsson dentro la lunetta. Tocco sulla sinistra per Thereau che in area non sbaglia superando Donnarumma con un tiro potente e preciso. Il Milan prova subito a reagire, Suso tocca per Delofeu ma Angella capisce tutto e lo anticipa. Poco dopo Pasalic fa tutto da solo. Recupera palla e punta l’area ma nessun compagno lo assiste e l’ex Chelsea deve per forza calciare da fuori area mandando la palla in curva. Delofeu, in più circostanze, fa segno di non voler ricevere la palla, forse a corto di energie visto il tanto tempo trascorso lontano dai campi di gioco. Per quanto riguarda l’Udinese si lamenta parecchio con i compagni Duvan Zapata, chiedendo maggior assistenza.

Nessuna sostituzione al ritorno dagli spogliatoi. L’Udinese cerca un’idea con Thereau tra le linee. Il francese non riesce però a trovare un compagno in area. Il Milan si appoggia invece a Suso. Samir lo contiene bene, confermando l’ottima impressione lasciata nel primo tempo. Al 50esimo prima vera occasione della ripresa. Thereau scappa ancora tra le linee e serve Duvan Zapata che in area si allunga troppo la palla per poi farsi murare dall’uscita di Donnarumma. Locatelli poco dopo recupera palla avviando un rapido contropiede. Delofeu scarica da posizione centrale per Suso che di mancino calcia di prima intenzione non trovando però lo specchio. A 53esimo ammonito Romagnoli per fallo su Fofana. Halfredsson ci prova sul calcio di punizione che segue. Posizione interessante, a ridosso dell’area, ma l’ex Reggina calcia sulla barriera. Delofeu trova invece Bacca sul limite. Il colombiano calcia con forza senza pensarci su. Karnezis c’è. Al 60esimo cartellino giallo per Samir, punito per una scorrettezza su Locatelli. Ammonito poco dopo De Paul per un bruttissimo fallo su De Sciglio. Montella e Del Neri intanto cambiano: per i rossoneri esce Bacca ed entra Lapadula, per i bianconeri fuori Fofana, dentro Adnan. De Sciglio intanto non ce la fa, accusando un forte dolore al malleolo, e lascia i suoi momentaneamente in 10. Il Milan ritarda la sostituzione e De Paul proprio da quella porzione di campo riceve e tira con forza e precisione trovando l’angolino basso più lontano. Udinese in vantaggio. Proteste Milan. Banti invita il medico sociale rossonero ad abbandonare il campo. La squadra di Montella prova a reagire allo svantaggio ma fatica parecchio a trovare spazi. Suso subisce fallo su Halfredsson e da calcio di punizione crossa in area non riuscendo a trovare nessun compagno. L’Udinese propone un buon agonismo a centrocampo limitando per diversi minuti le iniziative avversarie. Halfredsson sfiora addirittura il gol con un mancino potente che esce fuori di poco. I rossoneri hanno la chance giusta per il pareggio all’87esimo. Da calcio d’angolo cross sul primo palo, Karnezis afferra palla ma la perde e da posizione angolata Lapadula calcia immediatamente centrando il palo esterno. Al 91esimo, altro cross dalla bandierina, questa volta Karnezis respinge con i pugni e da fuori area Vangioni calcia al volo spedendo il pallone in curva. Thereau risponde con un’ottima giocata. Il francese si accentra e mira con il destro il secondo palo. Tiro potente ma leggermente impreciso. Duvan Zapata al 95esimo si divora il 3-1. Solo davanti a Donnarumma si fa ipnotizzare calciando addosso al portiere rossonero. (Francesco Davide Zaza)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori