Probabili formazioni / Benevento Inter: i jolly del match. Quote, le ultime novità live (Serie A)

Probabili formazioni Benevento Inter: le quote e le ultime novità live sugli schieramenti delle due squadre che si affrontano domenica 1 ottobre nella settima giornata di Serie A

01.10.2017 - Claudio Franceschini
DAmbrosio_Spalletti_Inter_lapresse_2017
Probabili formazioni Inter Eintracht (Foto LaPresse)

Quali potrebbero essere i jolly nelle probabili formazioni di Benevento Inter? Nicolas Viola non è partito titolare nelle idee di Marco Baroni, ma è stato un giocatore fondamentale per la promozione in Serie A: mancino educatissimo e qualità, si è affermato nella Reggina e poi ha provato a farsi strada in altre realtà della Serie B, arrivando anche aPalermo e diventando appunto protagonista a Benevento. Può rappresentare una bella soluzione dalla panchina, soprattutto perchè ha qualcosa da farsi perdonare: domenica scorsa ha mandato sul palo il rigore che avrebbe permesso al Benevento di tornare asegnare dopo quattro partite di digiuno e soprattutto avrebbe rimesso in partita gli stregoni. Cataldi e Memushaj gli partono al momento davanti ma Viola è pronto a giocarsela; nellInter è inevitabile parlare di Yann Karamoh, il diciannovenne arrivato in prestito dal Caen: domenica Luciano Spalletti gli ha concesso uno spezzone contro il Genoa e ha lasciato unottima impressione, tanto che alcuni tifosi si sono scatenati sui social network chiedendone una maglia da titolare. Forse è prematuro, anche se certamente il franco-ivoriano consentirebbe un diverso spartito tattico al suo allenatore e aumenterebbe le soluzioni a sua disposizione. Con Karamoh esterno infatti Candreva potrebbe andare agiocare come trequartista, di fatto la sua posizione naturale. Rivedremo dunque il giovane del Caen in campo oggi al Vigorito? (agg. di Claudio Franceschini)

CODA A CACCIA DI GOL

Quali giocatori sono i papabili, nelle probabili formazioni di Benevento Inter, per far tornare al gol la squadra campana? Il Benevento condivide con il Verona il peggior attacco della Serie A 2017-2018: fino a questo momento ha segnato una sola rete, quella di Amato Ciciretti che, contro la Sampdoria, ha anche rappresentato la prima di sempre nel massimo campionato per la società. Da allora però sono passati 525 minuti e gli stregoni non hanno più visto la rete avversaria gonfiarsi: per ritrovare la strada perduta Marco Baroni dovrebbe affidarsi alla coppia formata da George Puscas – di cui abbiamo già parlato – e Massimo Coda, che in questo momento è il più quotato tra gli attaccanti del Benevento vista la sua esperienza in Serie A ai tempi del Parma e, soprattutto, due ottime stagioni con la Salernitana in Serie B che gli hanno fatto riscoprire listinto del bomber. Si punta molto sul ritorno in condizioni ottimali di Pietro Iemmello, acquistato proprio per aumentare il potenziale offensivo dentro larea di rigore, e si scommette sulla crescita di Samuel Armenteros che inevitabilmente a oggi ha meno spazio dei compagni; andando a pescare in altri ruoli, uno degli indiziati al gol è Danilo Cataldi, un giocatore che può essere temibile anche sui calci piazzati e che sicuramente ha lesperienza giusta (nonostante la giovane età) per caricarsi le difficoltà della squadra e provare a farla uscire dal periodo buio. (agg. di Claudio Franceschini)

TEGOLA PER SPALLETTI

Se la coperta difensiva, nelle probabili formazioni di Benevento Inter, era già corta, lo scorso mercoledì lo è diventata ancora di più per Luciano Spalletti. La partita di Domestic Champions Cup della Primavera nerazzurra ha infatti portato in dote unamara notizia: Zinho Vanheusden, difensore centrale belga, è uscito per infortunio nel corso del primo tempo e la diagnosi per lui è la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro. Classe 99 e grande protagonista con la formazione giovanile con la quale ha vinto lo scudetto di categoria, questanno Vanheusden era stato aggregato stabilmente in prima squadra; non solo, rappresentava il quarto centrale alle spalle di Miranda e Milan Skriniar (la coppia titolare) e di Andrea Ranocchia, la cui permanenza fino al prossimo giugno non è affatto certa. Il belga era la classica assicurazione in caso di tempi difficili (squalifiche o problemi fisici), ora invece rischia di rimanere fuori almeno fino a marzo; una tegola innanzitutto per il cammino europeo di Stefano Vecchi e della sua Primavera, ma anche per lo stesso Spalletti che deve fare a meno di un difensore centrale, e che dunque sul calciomercato di gennaio potrebbe chiedere alla società di operare uno sforzo per regalargli un sostituto. (agg. di Claudio Franceschini)

GLI EX DEL MATCH

 Benevento Inter è una partita speciale soprattutto per due giocatori, anche se con delle differenze. Vid Belec, portiere sloveno, e George Puscas, attaccante rumeno, oggi fanno parte della rosa del Benevento ma sono entrambi cresciuti nel settore giovanile dellInter. La differenza sta nel fatto che, mentre Puscas è ancora di proprietà nerazzurra, Belec ha di fatto tagliato il cordone ombelicale due stagioni fa, quando il Carpi lo ha acquistato a parametro zero poco dopo che lestremo difensore aveva rescisso il contratto. La carriera di Belec si è sviluppata soprattutto nelle serie minori: due anni aCrotone, poi le esperienze allestero con Olhanense e Konyaspor, quindi il ritorno in Italia per giocare appunto nel Carpi, con cui ha partecipato alla campagna in Serie A e ha raggiunto la finale playoff di B lanno dopo. Puscas invece è arrivato allInter nel 2013: dopo due anni in Primavera ha anche avuto modo di esordire in prima squadra (Serie A, Coppa Italia e anche Europa League) ma vista la giovane età (è un 96) è stato mandato in prestito al Bari (7 gol in 22 partite) e poi al Benevento, dove è stato il grande protagonista dei playoff (3 gol) che si sono conclusi con la storica promozione dei campani. Prestito rinnovato, e oggi Puscas potrebbe essere titolare contro la squadra dove un giorno spera di tornare. (agg. di Claudio Franceschini)

PROBABILI FORMAZIONI BENEVENTO 

Benevento Inter è valida per la settima giornata del campionato di Serie A 2017-2018: si gioca alle ore 15 di domenica 1 ottobre presso lo stadio Vigorito. I tifosi degli stregoni aspettano ancora il primo punto di sempre nel massimo campionato, ma dopo Napoli e Roma cè unaltra big da sfidare per un avvio di stagione da incubo. LInter invece ha una bella occasione per confermarsi nelle prime posizioni della classifica e magari prendersi anche il secondo posto. Andiamo allora a vedere in che modo i due allenatori potrebbero schierare le loro squadre sul terreno di gioco per questa partita pomeridiana, analizzando in maniera dettagliata le probabili formazioni di Benevento-Inter.

QUOTE E SCOMMESSE

Benevento Inter, valida per la settima giornata del campionato di Serie A, è stata analizzata dallagenzia di scommesse Snai: per quanto riguarda 1X2 finale il segno 1 (vittoria Benevento) vale 11,00; il segno X per il pareggio è quotato 6,00 mentre con il segno 2 (vittoria Inter) guadagnereste 1,25 volte la cifra che avrete deciso di mettere sul piatto.

BENEVENTO: I DUBBI DI BARONI

Qualche speranza per Iemmello e DAlessandro, che potrebbero se non altro andare in panchina; dovrebbe invece essere costretto a un altro forfait Ciciretti, che sulla corsia destra sarà sostituito da Lombardi. Il Benevento va in campo con il 4-4-2, più compatto: in mezzo Cataldi (altro ex della Primavera della Lazio) e Ledian Memushaj fanno filtro e impostano la manovra, a sinistra dovrebbe esserci ancora spazio per Lazaar che dà una dimensione più difensiva rispetto a DAlessandro. Squalificato capitan Lucioni, in mezzo al reparto difensivo sarà Costa a giocare al fianco di Venuti, mentre sulle corsie laterali Baroni sceglie Gaetano Letizia e Di Chiara, anche se il giovane Gyamfi potrebbe trovare spazio sulla corsia destra – così da dirottare il polivalente Letizia dallaltra parte del campo. Per quanto riguarda lattacco, Iemmello scalpita per una maglia da titolare ma come detto bisogna innanzitutto valutare la sua condizione: più probabile che a fare coppia con Massimo Coda sia Puscas, e dunque per il rumeno sarà una partita speciale visto che arriva proprio dalla Primavera dellInter con cui ha fatto grandi cose.

INTER: LE SCELTE DI SPALLETTI

I soliti duelli interni nella formazione che Luciano Spalletti metterà in campo: in mezzo al campo Matias Vecino e Gagliardini si contendono una maglia accanto a Borja Valero, lunico che in questo momento sembra certo del posto. Sulla trequarti invece il ballottaggio è quello tra Brozovic e Joao Mario: a oggi il croato parte favorito ma non sono escluse inversioni di rotta. Il resto della squadra che giocherà a Benevento dovrebbe essere confermato: in difesa spazio a DAmbrosio e Dalbert sulle corsie con Miranda e Skriniar al centro, mentre nel reparto offensivo Perisic è in vantaggio su Eder con Candreva che per il momento dovrebbe vincere la concorrenza del giovane Karamoh, che domenica scorsa ha destato ottime sensazioni e sembra pronto ad avere più campo da parte del suo allenatore. La prima punta ovviamente sarà Mauro Icardi: largentino ha segnato un gol su rigore nelle ultime tre partite, ma resta il principale punto di riferimento della squadra nerazzurra e anche questanno corre per vincere la classifica dei marcatori. 

PROBABILI FORMAZIONI BENEVENTO INTER

BENEVENTO (4-4-2): 1 Belec; 3 G. Letizia, 23 Venuti, 21 A. Costa, 17 Di Chiara; 87 Lombardi, 8 Cataldi, 20 L. Memushaj, 77 Lazaar; 11 M. Coda, 32 Puscas

A disposizione: 22 Brignoli, 18 Gyamfi, 95 Gravillon, 13 Chibsah, 4 Del Pinto, 14 N. Viola, 7 DAlessandro, 26 Parigini, 33 Iemmello, 90 Armenteros

Allenatore: Marco Baroni

Squalificati: Lucioni

Indisponibili: Antei, Ciciretti, DAlessandro

 

INTER (4-2-3-1): 1 Handanovic; 33 DAmbrosio, 25 Miranda, 37 Skriniar, 29 Dalbert; 11 Matias Vecino, 20 Borja Valero; 87 Candreva, 77 Brozovic, 44 Perisic; 9 Icardi

A disposizione: 27 Padelli, 46 Berni, 21 Santon, 13 Ranocchia, 55 Nagatomo, 5 Gagliardini, 10 Joao Mario, 17 Karamoh, 23 Eder, 99 Pinamonti

Allenatore: Luciano Spalletti

Squalificati:

Indisponibili: Joao Cancelo, Vanheusden

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori