Video/ Inter Milan (3-2): highlights e gol. Vecino: Icardi vive per il gol! (Serie A 8^ giornata)

- Fabio Belli

Video Inter Milan (risultato finale 3-2): highlights e i gol della partita giocata a San Siro e valida nella ottava giornata del campionato di Serie A 2017-2018.

Icardi_Donnarumma_Inter_Milan_lapresse_2017
Video Inter Milan (LaPresse)

Tra i giocatori che ieri in campo per la sfida tra Inter  e Milan si sono messi più in luce, per carattere e prestazione tecnica messa in campo, spicca senza dubbio il volto del nerazzurro Matias Vicino. Lex viola nel post match valido per l8^ turno di Serie A poi si è fermato a rispondere alle domande dei giornalistici quali ha dichiarato: comè vincere il primo derby? è bellissimo! è stata una partita emozionate com tanti gol: siamo felicissimi della vittoria e felici di aver dato questa grande gioia ai nostri tifosi. Non poteva chiaramente mancare un riferimento al capitano, Mauro Icardi che con una tripletta ha firmato il trionfo dellInter nel Derby della Madonnina: Icardi? è il suo lavoro: vive per il gol e per noi è un giocatore davvero importante anche quando non segna. Lavora tanto per la squadra ed è sempre decisivo quando entra in area come è successo oggi. (agg Michela  Colombo)

 

BONAVENTURA: SONO FIDUCIOSO

Tra i grandi protagonisti in campo nel derby tra Inter  e Milan, andato in scena in unintensissima ottava giornata di campionato vi è senza dubbio il rossonero Giacomo Bonaventura, autore di una prestazione davvero di peso. Il centrocampista classe 1989, al termine del match ha commentato così quanto successo in campo: abbiamo fatto un buon secondo tempo: nel nostro miglior momento, ovvero nel 2-2, ci stavamo credendo e stavamo creando gioco, alzando anche il baricentro. Forse ci siamo sbilanciati troppo: ci dispiace di aver perso, per noi e tifosi, perché fa sempre male perdere un derby. Stasera però ho visto anche tante cose belle dalla squadra: abbiamo cambiato 11 giocatori, modulo e preparazione questa estate, qualche passo falso ci può stare a inizio stagione. Si pensava che si potesse fare miracoli ma non è facile e ci vuole tempo: la squadra sta andando meglio e sono fiducioso per il futuro”. (agg Michela Colombo)

 

SPALLETTI: ICARDI E’ STATO GRANDIOSO

Chiaramente di tuttaltro tono sono state le parole di Luciano Spalletti al termine dellincontro Inter-Milan: il tecnico al suo primo derby sulla panchina della formazione nerazzurro ha fatto chiaramente un plauso ai suoi parlando ai microfoni del canale YouTube della società. Analizzando la sfida contro i rossoneri Spalletti ha poi aggiunto: il primo derby? Chiaramente è una cosa che non si scorda mai: faccio i complimenti alle società e alla città per cosa hanno fatto diventare questa partita. La partita? nel secondo tempo il Milan ci ha creato problemi a livello di velocità di gioco, ci hanno preso la metà campo e noi abbiamo dovuto sistemare qualcosa. Abbiamo fatto fatica a ripartire ma quando siamo riusciti gli abbiamo fatto male. Icardi? Mauro ha qualità incredibili, è capitano dellInter non è un giocatore qualunque, ha le spalle larghe e ci sta a prendersi le responsabilità e le vuole: stasera è stato grandioso, è di un equilibrio e di una semplicità particolare. (agg Michela Colombo)

 

MONTELLA: STRADA TRACCIATA

Cè chiaramente amarezza in casa Milan dopo aver perso per 3-2 contro lInter nel Derby della Madonnina, andato in scena ieri sera a San Siro per la ottava giornata di serie A. Non ha potuto quindi nascondere la tristezza anche il tecnico Vincenzo Montella, che in conferenza stampa ha dichiarato: cè amarezza ovviamente, inutile andare a cercare aggettivi molto diversi: cè amarezza perché la squadra non meritava di perdere, perchè abbiamo fatto un grandissimo secondo tempo, per la classifica e per la sconfitta ovviamente. E stata una sconfitta immeritata, ma il calcio è così e io penso che continuando a giocare così non se ne possono perdere tante altre partite in un anno. Vedo la strada tracciata e la squadra deve andare a casa con amarezza ma anche con la consapevolezza di aver fatto bene, specialmente nel secondo tempo. Abbiamo la forza, la qualità e la squadra per risalire: mi aspettavo delle difficoltà certo ma non di classifica, perchè questa squadra merita di più. Faticheremo di più e faremo di più. (agg Michela Colombo)

 

LE STATISTICHE DEL MATCH

Il derby è stato nerazzurro, ma le statistiche di Inter-Milan 3-2 indicano come la partita sia stata più equilibrata di quanto non si possa immaginare. Il possesso palla innanzitutto è stato di marca rossonera, 60% contro il 40% interista. Così come le parate di Handanovic (5, delle quali 3 decisive) sono state maggiori di quelle di Donnarumma (3, nessuna decisiva). I tiri totali in porta dellInter sono stati 14 (9 nello specchio della porta), 16 quelli milanisti (8 nello specchio). E stato colpito un legno a testa, la traversa di Candreva nel primo tempo e il palo di Andre Silva in apertura di ripresa. Le occasioni da gol complessive sono state 11 di marca interista e 12 per parte milanista, segnale chiaro di come la partita sia stata ricca di emozioni e di capovolgimenti di fronte. Anche i calci dangolo sono stati abbondantemente a favore del Milan, 7 contro i 2 calciati dalla squadra di Luciano Spalletti. La squadra di Montella è stata invece più fallosa, 16 gli interventi sanzionati contro i 12 degli avversari. 6 i calciatori dellInter ammoniti, solo 2 i milanisti. Il Milan però ha sofferto una maggiore approssimazione nella gestione del pallone: ben 47 le palle perse dai rossoneri contro le 30 dellInter, i nerazzurri hanno recuperato 25 palloni (da uno di essi è nato di fatto il gol del 2-1), solo 15 quelli recuperati dal Milan. LInter rispetto agli avversari si è affidata maggiormente ai lanci lunghi (22 a 17), il Milan ha cercato maggiormente il cross (11 a 7). Nel complesso lInter è stata più efficace, ma il Milan ha spinto complessivamente di più: Suso e compagni hanno prevalso infatti sia negli attacchi centrali (13 a 10), sia negli attacchi da destra (16 a 12) e anche negli attacci dal versante sinistro del campo (11 a 9).

LE DICHIARAZIONI

Le voci del dopogara a San Siro dopo la vittoria per 3-2 dell’Inter nel derby contro il Milan. Luciano Spalletti è ovviamente soddisfatto nel suo commento a Sky Sport: Non analizzo l’episodio che ci ha dato la vittoria, stimo Vincenzo Montella e non voglio andargli contro. Icardi è stato grandioso, me lo dovrei portare a casa, una volta mi ero portato in ritiro Nainggolan che dormiva con me a Trigoria mentre cercavo casa. Icardi ha finalizzato tutto quello che gli è stato messo dentro, ha assunto sempre quella posizione che gli viene richiesta per accorciare la squadra, fare 20 metri all’indietro non gli impedisce di essere letale sotto porta. E’ un giocatore forte dal punto di vista della personalità, assorbe tutto quello che gli si carica sulle spalle. Non credo di stare tirare fuori valori extra dalla squadra, vedo dei calciatori interessanti, professionisti seri che conoscono i loro compiti in campo. L’anno scorso l’Inter è arrivata a tanti punti dalle prime, ora abbiamo un po’ di fieno in cascina ma le valutazioni sulla classifica si faranno più avanti. Sempre a Sky Sport, Vincenzo Montella ha di che recriminare dopo la sconfitta: Non mi piace perdere così, sicuramente D’Ambrosio è stato molto abile. E’ tutto abbastanza chiaro, D’Ambrosio è stato furbo, si è fatto scivolare con la mano appoggiata, l’arbitro non si è fatto aiutare. E’ l’entità del fallo, cade prima che lo tocchi. Il rigore va bene, se me lo danno me lo prendo e gioisco, non si può dire però che al 90′ questo sia un rigore netto. Perdere così, dopo una grande rimonta e un secondo tempo in cui abbiamo creato sette-otto occasioni dispiace. Il tipo di prestazione che abbiamo fatto, il tipo di classifica che abbiamo e il momento che stiamo attraversando avrebbero meritato ben altro risultato. Nel primo tempo eravamo un po’ bloccati, ma nonostante la sconfitta sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi. Abbiamo giocato contro una grande squadra, ho visto anche il primo tempo equilibrato, eravamo un po’ più timorosi, ma nel secondo tempo siamo usciti fuori e secondo me la nostra ripresa è stata nettamente migliore rispetto al primo tempo dell’Inter. La classifica per ora non ci piace ma c’è poco da commentare, non la guardo perché secondo me ci sono ampi margini di recupero.

IL VIDEO DI INTER-MILAN, GOL E HIGHLIGHTS



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori