Pagelle/ Juventus-Sporting Lisbona (2-1): i voti della partita. Disastro in difesa (Champions League girone D)

- Stefano Belli

Pagelle Juventus Sporting Lisbona: i voti della partita, i giudizi a tutti i protagonisti scesi in campo nella partita valida per la terza giornata del girone D di Champions League

Higuain_Cuadrado_Dybala_Juventus_gialla_lapresse_2017
Pagelle Juventus Sporting Lisbona, Champions League (Foto LaPresse)

La Juventus ottiene tre punti nella sfida di Champions League contro lo Sporting Lisbona, ma sono tanti i problemi emersi durante il match di ieri sera dellAllianz Stadium, a cominciare dalla tenuta difensiva. Ancora una volta il reparto più arretrato dei bianconeri non è riuscito ad essere solido e a tenuta stagna, e il solo Giorgio Chiellini ha avuto un rendimento degno della maglia che indossa. Il centrale della nazionale italiana è stato a mani basse il migliore in campo, granitico e roccioso come del resto ci ha abituati. Molto male invece gli altri tre componenti della difesa, a cominciare da Mehdi Benatia, che Allegri lo lascia in campo solo per metà partita, sia per le condizioni fisiche pietose, ma anche per la sua prestazione negativa. Insufficiente anche Sturaro, che adattato a terzino destro non sembra proprio incidere (Dani Alves era unaltra cosa). Infine, male anche Alex Sandro, che non ha ancora messo la marcia giusta in questa stagione e che ieri ha anche provocato un autogol.

PAGELLE JUVENTUS-SPORTING, I VOTI

Grande vittoria di carattere per la Juventus che dopo il KO interno in campionato contro la Lazio aveva bisogno dei tre punti in Champions League per risollevarsi, e sono arrivati battendo in rimonta lo Sporting Lisbona per 2 a 1. A inizio gara i bianconeri si complicano la vita da soli con l’autogol di Alex Sandro che ribadisce il pallone in rete dopo la respinta non impeccabile di Buffon sul tiro di Gelson Martins. Lo 0-1 sveglia dal torpore gli uomini di Allegri che vanno vicini al pari con Mandzukic e Dybala, tuttavia a pareggiare i conti ci pensa Pjanic con una punizione semplicemente magistrale. La Vecchia Signora chiude il primo tempo in avanti con Cuadrado che manca il pallone a pochi passi da Rui Patricio mentre Higuain viene chiuso in corner da Mathieu. Secondo tempo combattutissimo con gli ospiti che difendono col coltello tra i denti il prezioso pari esterno, i padroni di casa attaccano a testa bassa ma non trovano l’ultimo passaggio, solamente a sei minuti dal novantesimo Mandzukic su assist di Douglas Costa (appena entrato al posto di Sturaro) realizza il gol decisivo regalando il successo alla Juventus che in questa maniera si porta da sola al secondo posto nella classifica del gruppo D con 6 punti, dietro al Barcellona capolista. Tra due settimane in Portogallo sarà fondamentale non perdere per mantenere la posizione sullo Sporting CP.

VOTO PARTITA 6,5 – Match per larghi tratti caratterizzato da una fase di stallo in cui le due squadre si sono annullate a vicenda, col risultato che è comunque risultato in bilico fino all’ultimo.
VOTO JUVENTUS 6,5 – Dopo l’inizio difficile gli uomini di Allegri reagiscono nel migliore dei modi e conquistano con rabbia e cattiveria un successo fondamentale per il passaggio agli ottavi.
VOTO SPORTING LISBONA 6 – La compagine di Jorge Jesus esce dall’Allianz Stadium a testa alta, in Portogallo sarà dura per la Juventus uscire indenne dall’Alvalade.
VOTO ARBITRO OLIVER 6,5 – Il direttore di gara grazia Bruno Fernandes che a rigor di regolamento doveva prendere il secondo giallo per il fallo tattico su Cuadrado, a parte questo episodio le sue decisioni sono ineccepibili.

I VOTI DEI BIANCONERI

BUFFON 6 – Non respinge assolutamente nel migliore dei modi il tiro di Gelson Martins spedendo il pallone addosso a Alex Sandro che lo ributta nella porta sbagliata, successivamente pone rimedio a un retropassaggio da dimenticare di Sturaro.
STURARO 5,5 – Fa sudare freddo Allegri, il resto della squadra e i tifosi con un retropassaggio sciagurato che per poco non mette in crisi Buffon, nel primo tempo pasticcia con Cuadrado regalando il pallone a Bruno Fernandes che darà il via all’azione del momentaneo 1 a 0 lusitano. (DOUGLAS COSTA 7 – Al primo pallone toccato serve l’assist per Mandzukic, non poteva effettuare un cambio più azzeccato Allegri)
BENATIA 6 – Poco prima dell’intervallo si fa male alla caviglia sinistra in seguito a un contrasto, prova a tener duro ma è costretto ad alzare bandiera bianca prima della ripresa. (BARZAGLI 6 – Nella ripresa fa buona guardia nell’area di rigore bianconera intercettando cross, lanci lunghi, passaggi di prima e non mollando mai le marcature)
CHIELLINI 6 – Va a dare fastidio a Dost impedendogli di inquadrare la porta di testa, ci prova su alcio piazzato senza fortuna.
ALEX SANDRO 5,5 – Il numero 12 bianconero si trova al posto sbagliato nel momento sbagliato, dopo che Buffon neutralizza la conclusione di Gelson Martins il pallone carambola su di lui e finisce nella porta sbagliata. Successivamente farà di tutto per farsi perdonare.
PJANIC 7 – Recupero importantissimo per Allegri, il bosniaco si procura la punizione che poi calcerà alla perfezione pareggiando i conti, ponendo le basi per la rimonta che si concretizzerà nel finale.
KHEDIRA 6 – Allegri ritiene che il tedesco non abbia ancora i novanta minuti nelle gambe, il giocatore non è dello stesso avviso e quando viene richiamato in panchina non la prende benissimo, in effetti non stava sfigurando in mezzo al campo. (MATUIDI SV)
CUADRADO 6 – Pasticcia un po’ in fase difensiva (vedi autogol di Alex Sandro), prima dell’intervallo non riesce ad agganciare il traversone di Khedira a pochi passi da Rui Patricio sbagliando sempre qualche tocco in fase di manovra. Nel finale preziosissimo il suo disturbo su Doumbia.
DYBALA 6,5 – La Joya prova a illuminare la serata con le sue invenzione, cercando la porta in prima persona oppure servendo Mandzukic. Prestazione incoraggiante dopo i due rigori consecutivi sbagliati.
MANDZUKIC 7,5 – Costringe Battaglia a commettere subito fallo per fermarlo, viene spesso servito da Dybala che cerca in tutte le maniere di farlo segnare, e nel momento più difficile a pochi minuti dal novantesimo risolve una serata complicatissima.
HIGUAIN 6,5 – Stasera all’argentino è mancato il gol (anche per merito di Rui Patricio) ma non la prestazione, si sacrifica anche in fase di copertura rimediando punizioni fondamentali come l’ossigeno a centrocampo nelle battute iniziali.
ALL. ALLEGRI 6,5 – Dà fiducia a Pjanic al rientro dopo l’infortunio e il bosniaco pareggia i conti con una punizione capolavoro, nel finale pesca il jolly di Douglas Costa che dopo il primo gol in Serie A serve l’assist vincente per il 2 a 1 di Mandzukic.

I VOTI DEI LEONI VERDI

RUI PATRICIO 6,5 – Non può far altro che inchinarsi di fronte alla perla di Pjanic su calcio piazzato, dice di no a Higuain ma non riesce a neutralizzare l’incornata di Mandzukic nel finale.
PICCINI 6,5 – quasi sempre un passo avanti rispetto agli avversari, a un certo punto abbiamo perso il conto delle volte che ha messo il pallone in calcio d’angolo.
COATES 6 – Partita tra alti e bassi in cui alterna chiusure provvidenziali salva-gol a svarioni madornali regalando diversi palloni agli avversari.
MATHIEU 6,5 – Fondamentale nel metterci una pezza agli errori dei compagni di reparto, decisivo il suo intervento sul tiro di Mandzukic e nell’anticipare Cuadrado che cercava la porta.
COENTRAO 6 – Presta sempre la massima attenzione nella trequarti dello Sporting CP, nel finale si fa male a un polso e deve lasciare il campo. (JONATHAN SILVA SV)
WILLIAM CARVALHO 6 – Si occupa del lavoro sporco ed è quasi sempre coinvolto nei contrasti più ruvidi, è lui a murare Cuadrado al 50′.
BATTAGLIA 5,5 – Ha parecchi problemi a contenere Mandzukic, interviene quasi sempre in ritardo e provoca la punizione che Pjanic trasformerà in oro siglando il momentaneo 1-1. Un po’ meglio nella ripresa quando libera più volte la propria area di rigore. (DOUMBIA 5,5 – Grande rimpianto per lui a fine gara quando non riesce a intercettare il cross di Bruno Fernandes complice il disturbo di Cuadrado)
GELSON MARTINS 6,5 – Propizierà l’autogol di Alex Sandro con il tiro che, respinto da Buffon, farà carambolare il pallone addosso al numero 12 bianconero. Un’autentica spina nel fianco per la Vecchia Signora, costringe Sturaro a spendere il giallo per fermarlo, anche se non è esente da errori durante la fase offensiva. (PALHINHA SV)
BRUNO FERNANDES 6,5 – Partecipa all’azione dalla quale nascerà l’autorete di Alex Sandro, con le sue continue incursioni sulle corsie esterne mette sempre sul chi va là la retroguardia bianconera.
ACUNA 6 – Qualche imprecisione nei cross e nei passaggi, poteva decisamente innescare in maniera migliore i suoi compagni e si fa chiudere in fallo laterale con troppa facilità,
DOST 5,5 – In teoria è il terminale offensivo di riferimento per i lusitani, invece non riesce mai a rendersi realmente pericoloso nei pressi di Buffon.
ALL. JESUS 6 – Il tecnico dello Sporting ha cercato in tutte le maniere di difendere il risultato e solamente nel finale ha rispolverato l’artigliera pesante, una mossa che si è comunque rivelata tardiva e inutile.

I VOTI DEL PRIMO TEMPO

All’Allianz Stadium è in corso la sfida valida per la fase a gironi di Champions League 2017-18 tra Juventus e Sporting Lisbona, mentre le squadre sono negli spogliatoi per l’intervallo ne approfittiamo per dare qualche voto relativo alla prima frazione di gioco che si è conclusa sul punteggio di 1-1. Dopo un inizio piuttosto equilibrato in cui le due squadre si sono studiate a vicenda, al 12′ sono i lusitani a rompere gli indugi e a sbloccare la contesa: guizzo di Bruno Fernandes (6,5) che serve Gelson Martins (6,5), Buffon (6) interviene ma fa carambolare il pallone addosso ad Alex Sandro (5,5) che si trova al posto sbagliato nel momento sbagliato, la sfera termina così nella porta sbagliata e gli ospiti passano a sorpresa in vantaggio. Arriva la reazione della Vecchia Signora con Mandzukic (6) e Dybala (6) che non hanno fortuna, a mettere le cose a posto ci pensa Pjanic (7) che con una punizione perfetta pareggia i conti, niente da fare per la barriera dello Sporting CP e per Rui Patricio (6). Prima dell’intervallo ci prova Higuain (6) ma Matheiu (7) lo chiude in corner con una gran diagonale, in precedenza Cuadrado (6) non è riuscito a raccogliere il cross di Khedira (6).

VOTO JUVENTUS 6 – I bianconeri subiscono gol al primo affondo serio degli avversari ma trovano il modo di rimettersi in carreggiata.
MIGLIORE JUVENTUS: PJANIC 7 – Il bosniaco torna in campo e fa la differenza annullando lo svantaggio.
PEGGIORE JUVENTUS: ALEX SANDRO 5,5 – Sfortunato protagonista dell’autogol che ha consentito ai lusitani di portarsi momentaneamente in vantaggio.

VOTO SPORTING LISBONA 6,5 – Finora gli uomini di Jorge Jesus stanno tenendo egregiamente testa ai campioni d’Italia rimanendo in vantaggio per quasi 20 minuti.
MIGLIORE SPORTING LISBONA: MATHEIU 7 – Provvidenziale nel chiudere in calcio d’angolo prima Mandzukic e poi Higuain, senza di lui avrebbero con ogni probabilità inquadrato il bersaglio grosso.
PEGGIORE SPORTING LISBONA: BATTAGLIA 5 – Interviene sempre in ritardo e provoca la punizione dalla quale nascerà il gol magistrale di Pjanic. (Stefano Belli)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori