Andrea Pirlo si ritira / Il Maestro dice addio al calcio: “Troppi problemi fisici, torno in Italia”

- Silvana Palazzo

Andrea Pirlo si ritira: il Maestro dice addio al calcio. “Troppi problemi fisici, torno in Italia”, annuncia l’ex centrocampista di Juventus, Milan e Inter. Cosa gli riserverà il futuro?

andrea_pirlo_instagram
Andrea Pirlo si ritira (Foto: da Instagram)

Dopo Francesco Totti, è il turno di Andrea Pirlo: anche il centrocampista dice addio al calcio giocato. Dopo una lunga carriera ricca di successi è arrivato il momento di dire basta. A dicembre scadrà il contratto a New York, ma non ci sarà alcun rinnovo. Troppi problemi fisici per l’ex regista di Inter, Milan, Juventus e Nazionale. «Ti rendi conto da solo che è arrivato il momento. Ogni giorno problemi, non riesci più ad allenarti come vorresti perché hai sempre qualche acciacco. Alla mia età ci sta di dire basta, ha annunciato Pirlo nell’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. Diventato nuovamente papà (di Leonardo e Tommaso), il centrocampista non ha ancora pensato al futuro: l’unica cosa certa è che rientrerà in Italia a dicembre. Qualcuno sostiene che potrebbe raggiungere Antonio Conte al Chelsea per fargli da vice allenatore, intraprendendo quel percorso cominciato da molti suoi ex compagni di squadra. «Ho delle idee, ma mi concedo tempo per decidere. Se penso ad allenare? Non è detto che siccome sei stato un buon giocatore puoi farlo. Devi essere predisposto e avere la prova del campo. Deve scattarti la scintilla. A me non è ancora scattata.

“ALLENARE? PER ORA NON HO QUESTA INTENZIONE…”

Chissà se Andrea Pirlo deciderà di fare l’allenatore, la prospettiva per il momento resta lontana: «Per ora non ho quell’intenzione. Dopo 25 anni di calcio starò a casa con la famiglia. Per tenermi in forma giocherò a golf e a tennis, ha dichiarato il regista nell’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. C’è chi preferisce partire dal basso, come Alessandro Nesta, e chi invece ha cominciato subito da una big, come Filippo Inzaghi. Ma per Andrea Pirlo non c’è una strada giusta da seguire: «Dipende dalle opportunità che ti offrono. Se ti chiama subito una prima squadra, è dura rifiutare. Preferisce non commentare le voci su una chiamata di Antonio Conte, ma evidenziare le doti dell’allenatore del Chelsea: «Impressionante la sua cura dei particolari. Riesce a darti comunque spiegazioni convincenti. Una sua lezione di 20 al video vale tre giorni di allenamento: capisci subito al volo che cosa devi fare. Negli anni poi è migliorato, con questa voglia di vincere e fare tutto al massimo. Uno dei più bravi in assoluto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori