PROBABILI FORMAZIONI/ Inter Pordenone: Berrettoni il veterano. Quote, ultime novità live(Coppa Italia, ottavi)

Probabili formazioni Inter Pordenone: le quote e le ultime novità live su moduli e schieramenti per questa inedita sfida negli ottavi di finale di Coppa Italia

12.12.2017 - Mauro Mantegazza
eder_inter_lapresse_2017
Eder, attaccante Inter - LaPresse

Nelle probabili formazioni di Inter Pordenone possiamo spendere qualche parola in più per Emanuele Berrettoni fra i ramarri friulani che hanno fatto limpresa a Cagliari conquistandosi così il diritto di giocare questa sera a San Siro per gli ottavi di finale di Coppa Italia. Il motivo è presto detto: Berrettoni sarà un punto di riferimento importante per i suoi compagni di squadra dallalto della sua lunga esperienza, anche in Serie A. Lattaccante romano è infatti nato nel 1981 e di conseguenza ha 36 anni: Berrettoni è cresciuto nella Lazio, con la quale ha debuttato in Serie A e pure in Champions League, dunque ha assaggiato palcoscenici molto importanti, anche se stiamo parlando dei primi anni Duemila, dunque sono ricordi ormai lontani. Berrettoni poi passò al Perugia e anche con gli umbri raccolse diverse presenze sia in Serie A (30) sia nelle Coppe europee, nove fra Intertoto e Coppa Uefa, con anche due gol allattivo e il successo appunto in Intertoto. Dal 2004 Berrettoni non ha più giocato nel massimo campionato, ma ha accumulato tantissima esperienza fra la B e la C, oggi di certo per gli altri giocatori del Pordenone sarà un punto di riferimento importante. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

CHANCE PER PADELLI

Leggiamo il nome di Daniele Padelli come portiere nerazzurro nelle probabili formazioni di Inter Pordenone: non è una sorpresa, perché è comprensibile che il titolare fisso Samir Handanovic possa godere un turno di riposo e daltronde è legittimo che almeno contro una rive di Serie C possa assaggiare il campo il suo dodicesimo, che daltronde ha vissuto tre stagioni sulle quattro al Torino da titolare e dunque non sarebbe di certo una scelta di ripiego. In totale Padelli vanta 112 presenze nel massimo campionato: 3 nel Bari, 9 nellUdinese e ben 100 tonde tonde nel Torino, senza dubbio la squadra che ha dato una svolta alla carriera dellestremo difensore lecchese classe 1985, che durante le proprie stagioni in granata è arrivato fino ad essere convocato nella Nazionale maggiore, pur senza scendere mai in campo. Passando questestate allInter Padelli naturalmente è tornato a fare in pianta stabile il secondo, come daltronde già lanno scorso al Torino, dove era arrivato Joe Hart: con la maglia dellInter non ha ancora minuti in partite ufficiali, ma oggi per Padelli dovrebbe essere la volta buona. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

FOCUS SUGLI ESTERNI

Certamente due dei giocatori più attesi nelle probabili formazioni di Inter Pordenone sono Cancelo e Dalbert. Non siamo ancora del tutto certi che entrambi possano giocare dal primo minuto, ma ciò appare probabile, dal momento che hanno bisogno di prendere confidenza con il calcio italiano visto che finora entrambi hanno giocato poco. Dalbert aveva a fatto bene appena entrato in campo contro la Roma a fine agosto, poi però ha dimostrato di avere bisogno di tempo per adattarsi al calcio italiano, soprattutto per quanto riguarda i meccanismi difensivi, dunque il brasiliano ha visto poco il campo e Spalletti gli ha preferito sia Nagatomo sia Santon. La Coppa Italia contro una formazione di Serie C potrebbe però essere loccasione ideale per rivedere Dalbert dal primo minuto. Se non ora quando? Il discorso vale pure per Cancelo, che ha giocato ancora meno anche perché ha dovuto fare i conti con un infortunio che ne ha ulteriormente rallentato lapprendistato con il calcio italiano e il gioco di Spalletti. Anche il portoghese però scalpita e dunque pure Cancelo darebbe il massimo se impegnato contro il Pordenone. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

OUT JOAO MARIO

Una tegola per l’Inter che questa sera sfida il Pordenone: Luciano Spalletti perde Joao Mario. Il portoghese si è fermato a causa di una tonsillite: questa sarebbe dovuta essere la serata del ritorno in campo in una stagione che per lui è stata avara di soddisfazioni. In estate la società gli ha dato la maglia numero 10, ma Spalletti lo ha fatto giocare titolare soltanto in quattro delle 16 partite di campionato, concedendogli per il resto spezzoni per un totale di 11 presenze. Per Joao Mario ci sono già cinque assist, segno che quando viene chiamato in causa l’ex dello Sporting Lisbona risponde presente; tuttavia questa sera il suo allenatore dovrà fare a meno di lui, e dunque in campo potrebbe esserci ancora Marcelo Brozovic con la sensazione che Borja Valero sarà comunque tenuto a riposo. Da segnalare anche che non è la prima volta che Joao Mario si ferma a causa della tonsillite: era già successo a fine ottobre in occasione del derby contro il Milan. (agg. di Claudio Franceschini)

I BALLOTTAGGI DI SPALLETTI

Nelle probabili formazioni di Inter Pordenone identifichiamo alcuni ballottaggi nerazzurri. Abbiamo detto che Cancelo e Dalbert potrebbero essere entrambi titolari, ma non è da escludere pure la presenza di Nagatomo: il giapponese comunque non toglierebbe necessariamente il posto a uno dei due, perché in questo caso Cancelo potrebbe anche essere schierato più avanti e di conseguenza perderebbe la maglia da titolare Karamoh. Parlando a questo punto degli esterni offensivi, abbiamo già accennato che al grande atleta Perisic potrebbe essere chiesto di giocare pure stasera, ma non ci stupirebbe un turno di riposo, che darebbe una grande chance a Pinamonti perché in fascia slitterebbe Eder, che darebbe posto al centro dellattacco appunto al giovane talento nerazzurro. In mediana dovrebbe invece ricomporsi la coppia Vecino-Gagliardini, che erano stati titolari assieme in tante partite fino a Cagliari. Nelle ultime due era invece sempre stato titolare Brozovic, che però proprio per questo motivo oggi potrebbe accomodarsi in panchina. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LE ULTIME NOVITA’

Questa sera Inter Pordenone aprirà il programma degli ottavi di finale della Coppa Italia: a San Siro il fischio dinizio sarà alle ore 21.00. Una sfida a suo modo storica, fra una formazione che nella sua storia non è mai scesa sotto la Serie A e una mai andata oltre la Serie C, tanto che il Pordenone ha lanciato con ironia lo slogan Mai stati in B. Solo in Coppa Italia potevano incrociarsi le strade della capolista del massimo campionato e di una realtà della terza serie: pronostico totalmente scontato o qualcosa di interessante potrà accadere? Andiamo allora a vedere come i due tecnici stanno preparando la partita, analizzando nel dettaglio le probabili formazioni di Inter-Pordenone e tutte le ultime notizie e quote su entrambe le squadre.

QUOTE E PRONOSTICO INTER PORDENONE

Chiaramente questo match di Coppa Italia tra Inter e Pordenone vede nettamente favoriti i nerazzurri di Luciano Spalletti: il segno 1 per la vittoria dellInter è proposto a 1,13 ed è dunque considerato quasi ovvio, mentre per il pareggio si sale alla quota di 8,25 alla quale è proposto il segno X. Quanto infine al segno 2 per una leggendaria vittoria del Pordenone, ecco che la quota per i coraggiosi scommettitori sarebbe di 16,00.

LE PROBABILI FORMAZIONI INTER PORDENONE

LE SCELTE DI SPALLETTI

Per questa partita di Coppa Italia Luciano Spalletti opterà per le seconde linee che finora hanno avuto poco spazio nella sua Inter, dal momento che i nerazzurri non giocano le Coppe europee e il mister in campionato si è sempre affidato ai giocatori che gli davano le maggiori garanzie. Lallenatore ha speso però parole importanti anche per chi ha giocato meno: le riserve ora devono dimostrare che Spalletti fa bene a credere pure in loro. Confermato in ogni caso il solito 4-2-3-1, tra i pali però ecco il primo nome nuovo, lex Toro Padelli. Davanti a lui ecco poi il duo di centrali Ranocchia e Miranda, con questultimo chiamato in azione dato che il giovane Vanheusden è ancora out: per le corsie è possibile che scendano in campo in contemporanea Cancelo e Dalbert, cè grande attesa per questi due nuovi acquisti estivi che finora hanno avuto poche occasioni per mettersi in mostra. In mediana invece ci dovrebbero essere i due titolari: Gagliardini che contro la Juventus era partito dalla panchina e Vecino, che aveva comunque riposato contro il Chievo (al pari dello stesso Gagliardini, che era squalificato con i gialloblù). Per lattacco, sulla trequarti ecco Joao Mario con Eder prima punta e Icardi accomodato in panchina, in alternativa Eder spostato in fascia con il giovane Pinamonti centravanti. In quel caso potrebbe riposare Perisic, che però potrebbe giocare pure questa volta; dallaltra parte è invece probabile che Karamoh faccia rifiatare Candreva.

LE MOSSE DI COLUCCI

Per la sfida a San Siro ovviamente Colucci punterà sulla sua formazione titolare, data la posta in palio e il valore dellavversario che andranno ad affrontare i ramarri per la Coppa Italia: il match a San Siro entrerà nella storia del Pordenone, non si possono fare figuracce. Il tecnico neroverde perciò punterà ancora sul 4-3-2-1 e presumibilmente sugli stessi titolari che hanno beffato il Cagliari nei sedicesimi di finale della Coppa Italia. Ecco che quindi anche a San Siro non mancherà Perilli tra i pali, con il duo Bassoli-Stefani al centro del reparto difensivo mentre Nunzella e Formiconi agiranno come terzini a completare la retroguardia a quattro dei friulani. Per la mediana del Pordenone vedremo allora ancora Burrai in cabina di regia con Misuraca e uno tra Lulli e Danza come mezzali: in attacco invece Magnaghi sarà prima punta, ai cui fianchi agiranno Berrettori e Maza (questultimo in gol contro i sardi) come trequartista dellalbero di Natale, che in questo periodo sicuramente non guasta.

PROBABILI FORMAZIONI INTER PORDENONE: IL TABELLINO

INTER (4-2-3-1): 27 Padelli; 7 Joao Cancelo, 13 Ranocchia, 25 Miranda, 29 Dalbert; 11 Vecino, 5 Gagliardini; 17 Karamoh, 77 Brozovic, 44 Perisic; 23 Eder. All. Spalletti.

PORDENONE (4-3-2-1): 1 Perilli; 23 Nunzella, 26 Bassoli, 4 Stefani, 2 Formiconi; 5 Lulli, 8 Burrai, 21 Misuraca; 10 Berrettoni, 11 Maza; 27 Magnaghi. All. Colucci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori