INVASIONE DI CAMPO CON SCHIAFFO/ Video, un ventenne irrompe in campo e colpisce Alesaami del Palermo

Video, Schiaffo a un calciatore, durante il match Bari-Palermo un uomo è entrato in campo e ha colpito con un piccolo schiaffo il calciatore Alesaami alle spalle. 

13.12.2017 - Francesco Agostini
Schiaffo_a_un_calciatore_web_2017
Schiaffo a un calciatore, caos a Bari (web)

Le invasioni di campo sono diventate un vero e proprio must del mondo del calcio. Negli anni ne abbiamo viste di cotte e di crude: uomini e donne nudi, manifestanti di ogni genere, corridori velocissimi. Uno, addirittura era diventato famoso e l’avevano soprannominato ‘Cavallo Pazzo’. A Bari lastoria si è ripetuta duante il match Bari-Palermo. Un giovane ventenne di Carbonara è entrato in campo correndo, partendo dalla curva nord, e si è diretto di gran lena verso un calciatore del Palermo, Alesaami. Il norvegese, ignaro di tutto, si è visto rifilare dal giovane uno schiaffo (più un buffetto, a dir la verità), per poi fuggire velocissimo dai poliziotti che lo stavano rincorrendo alacremente. Il primo è stato facilmente eluso, mentre il secondo è riuscito poi a bloccarlo e a portarlo immediatamente in questura come da rituale. In campo c’è stato un attimo di sbigottimento, come sempre accade in questi casi, ma la cosa è finita lì e non ha avuto strascichi. Almeno per Alesaami.

IL FERMO

Una volta portato in questura si è scoperto che il ventenne di Carbonara aveva alcuni piccoli precedenti penali, ma che non faceva assolutamente parte delle frange più violente dei tifosi del Bari presenti in curva nord. La società calcistica si è costituita parte civile nel procedimento che è già partito a suo carico, dato che stamattina si è dovuto recare in aula. L’udenza per questo suo gesto è stata rinviata a primavera e il giovane si dovrà ripresentare l’11 maggio 2018. Il ragazzo, comunque, non è stato sottoposto ad alcuna restrizione, né, ovviamente, quella del carcere né quella degli arresti domiciliari, ma è stato rimesso immediatamente in libertà. Allo stesso modo anche il calciatore Alesaami non ha alcuna intenzione di sporgere denuncia per aggressione e quindi, in sostanza, la vicenda dell’invasione di campo avrà pochi strasichi e grosso modo si concluderà qui. Una ragazzata, insomma, come spesso se ne vedono dentro e fuori i campi di calcio. Anzi, in fin dei conti qui nessuno si è fatto male, a differenza di tante altre occasioni più violente e decisamente più percolose di questa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori