DIRETTA/ Verona-Milan (risultato finale 3-0) streaming video e tv: brutto tonfo dei rossoneri!

- Claudio Franceschini

Diretta Verona Milan: info streaming video e tv, probabli formazioni, quote, orario e risultato live della partita valida per la diciassettesima giornata del campionato di Serie A

Kean_Romagnoli_Milan_Verona_lapresse_2017
Video Fiorentina Verona, Kean con la maglia gialloblu (Foto LaPresse)

DIRETTA VERONA-MILAN (RISULTATO FINALE 3-0): BRUTTO TONFO DEI ROSSONERI

Il Verona torna alla vittoria battendo nettamente il Milan per 3 a 0, prima sconfitta per la gestione Gattuso con i rossoneri che escono dal Bentegodi con la coda tra le gambe. Tre punti importantissimi per gli scaligeri che si rilanciano nella corsa verso la salvezza, nelle battute conclusive del match gli ospiti cercano almeno il gol della bandiera: Bonucci col tacco chiama nuovamente al dovere Nicolas, sugli sviluppi del corner Cutrone è sfortunato e scheggia il palo esterno. Finale da incubo per il Diavolo, al 90′ viene anche espulso Suso che entra a martello su Verde, l’arbitro Orsato non vede il gesto e dunque serve il var per sanzionare il giocatore spagnolo che lascia i suoi in dieci uomini nel recupero dove i padroni di casa si limitano a far girare il pallone in attesa del triplice fischio che arriva allo cadere del 94′. (agg. di Stefano Belli) VERONA-MILAN, DIRETTA LIVE

BESSA CALA IL TRIS

A dieci minuti dal novantesimo il Verona è in vantaggio sul Milan per 3 a 0, tre punti ormai in cassaforte per la squadra di Pecchia che si sta prendendo una bella rivincita dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia proprio per mano dei rossoneri. Sotto di due gol, Gattuso prova nuovamente a scombinare le carte con l’ingresso di André Silva al posto di Kalinic, anche oggi l’attaccante croato non ha saputo trovare la via del gol. I rossoneri si riavvicinano dalle parti di Nicolas con Kessié che al 64′ non riesce ad aggiustare la mira, cinque minuti più tardi Suso trova nuovamente l’opposizione di Nicolas che ancora una volta si salva alzando il pallone sopra la traversa. Al 73′ Bonucci colpisce di testa il pallone sugli sviluppi di un corner ma a differenza di Caracciolo non inquadra lo specchio, due giri di lancette più tardi Bonaventura ci prova con una conclusione dall’elevato coefficiente di difficoltà, anche in questo caso nulla di fatto. Hellas spietato in contropiede al 77′, Romulo apre per Bessa che non sbaglia e realizza così il suo primo gol in Serie A, partita in ghiaccio. (agg. di Stefano Belli)  

RADDOPPIO DI KEAN!

Al Bentegodi è ricominciato dopo l’intervallo il lunch match della diciassettesima giornata di Serie A 2017-18 tra Verona e Milan, al decimo minuto del secondo tempo il punteggio vede la formazione di Pecchia avanti per 2 a 0. I rossoneri si ripresentano in campo con una novità: Cutrone al posto di Ricardo Rodriguez, ospiti a trazione anteriore che alla ripresa del gioco sfiorano il pari con Kalinic, decisivo l’intervento di Heurtaux che lo chiude in calcio d’angolo togliendo le castagne dal fuoco a Nicolas. Sul capovolgimento di fronte successivo Romagnoli deve spendere il giallo per fermare Kean lanciato a rete, il numero 13 del Milan era diffidato e salterà quindi la prossima gara contro l’Atalanta. Gli uomini di Gattuso si sbilanciano troppo in avanti e al 55′ vengono infilati per la seconda volta dagli scaligeri che raddoppiano su Kean, assist di Bessa. (agg. di Stefano Belli)  

INTERVALLO

Il primo tempo di Verona-Milan va in archivio sul punteggio di 1 a 0 in favore della formazione locale. Emergenza infortuni per i padroni di casa: dopo Valoti si infortuna anche Cerci, si teme uno stiramento alla coscia sinistra per il numero 9 scaligero che esce dal campo sofferente in volto, Pecchia deve gettare nella mischia Kean. Gli scaligeri insistono al 34′ con Caceres che prova a fare da sponda per Romulo ma il pallone non arriva a destinazione. Tre minuti più tardi i rossoneri vanno a un passo dal pareggio, apertura di Borini per Suso che calcia addosso a Nicolas, Heurtaux con una scivolata molto coraggiosa sventa il tap-in dello spagnolo. Poco prima dell’intervallo Kalinic si procura una punizione dal limite battuta da Suso che cerca direttamente la porta, ancora una volta Nicolas ci mette una pezza con Bessa che butta via il pallone in calcio d’angolo. Nel recupero Borini rifila una manata a Ferrari con la palla lontana, l’arbitro Orsato rivede l’episodio al VAR limitandosi ad ammonire il numero 11 del Milan, suscitando le proteste del Verona. (agg. di Stefano Belli)  

INCORNATA VINCENTE DI CARACCIOLO

Alla mezz’ora del primo tempo è cambiato il punteggio al Bentegodi tra Hellas e Milan con gli uomini di Pecchia avanti per 1 a 0. All’11’ per la prima volta dall’inizio del match si affaccia in avanti anche la formazione di casa con l’incursione di Caceres che va anche al tiro senza impensierire Donnarumma. L’agonismo sul terreno di gioco non manca, anzi: Romulo e Bonaventura lottano senza esclusione di colpi per la conquista del pallone e non se le mandano a dire, Orsato riesce comunque a chetare le acque. Al 18′ Kalinic vicinissimo al gol, il croato si coordina dal limite trovando l’opposizione di Nicolas che con la punta delle dita riesce a indirizzare il pallone in corner. I padroni di casa perdono anche Valoti al 20′ per un infortunio al ginocchio, al suo posto entra Bessa, ma quattro minuti più tardi possono gioire per il gol di Caracciolo che sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina stacca magistralmente di testa anticipando la difesa avversaria fin troppo statica. La reazione dei rossoneri non si fa attendere, Nicolas è bravissimo a respingere la botta di Kessié. (agg. di Stefano Belli)  

CALABRIA SCALDA I GUANTONI DI NICOLAS

Allo stadio Bentegodi l’arbitro Orsato ha dato il via alle ostilità tra Hellas Verona e Milan che si affrontano nel lunch match della 17^ giornata di Serie A 2017-18, quando sono trascorsi dieci minuti dal fischio d’inizio le due squadre rimangono sullo 0-0. Rossoneri che si spingono subito in avanti, Calabria dal limite cerca la conclusione già al 1′ senza angolare il pallone che diviene facile preda per Nicolas. Gli uomini di Gattuso prendono il comando delle operazioni alzando il baricentro e occupando stabilmente la metà campo scaligera, la compagine di Pecchia lascia fare cercando di sventare ogni pericolo sul nascere nei pressi della propria area di rigore, alcune imprecisioni sia da una parte che dall’altra non consentono di creare grosse palle gol in queste battute iniziali della gara. (agg. di Stefano Belli)  

FORMAZIONI UFFICIALI!

Verona Milan sta finalmente per cominciare. Esaminando alcuni numeri in vista della partita, osserviamo che i rossoneri adesso affidati a Gennaro Gattuso sono avanti all’Hellas di mister Fabio Pecchia in tutte le statistiche principali, tra le quali i tiri totali (208 a 141), i tiri in porta (117 a 73) e gli attacchi (515 a 351). Per quanto concerne i gol, siamo 23 a 14 per il Milan in quelli fatti e 21 a 32 in quelli subiti. Diavolo avanti rispetto al Verona anche nel possesso palla medio (26’23” contro 23’20”) e nella quantità di falli commessi (216 a 200). Per quanto riguarda le ammonizioni, siamo a 36 per il Verona e 25 per il Milan, mentre il bilancio per quanto riguarda i cartellini rossi è 4-3. A domicilio, i gialloblu hanno ottenuto una vittoria, un pari e ben sei sconfitte contro quattro vittorie, due pareggi e altrettante sconfitte del Milan. In trasferta, siamo invece a una vittoria, tre pareggi e quattro sconfitte per il Verona, mentre il Milan vanta tre vittorie, un pareggio e quattro sconfitte lontano dal pubblico amico. Ecco le formazioni ufficiali: Gattuso conferma il 4-3-3 con Montolivo da playmaker e il tridente Suso-Kalinic-Borini, nel Verona sono ancora Cerci e Kean a giocare davanti, panchina per Pazzini. VERONA (4-4-2): 1 Nicolas; 28 A. Ferrari, 12 Ant. Caracciolo, 75 Heurtaux, 26 M. Caceres; 2 Romulo, 5 B. Zuculini, 77 Buchel, 7 Verde; 10 Cerci, 9 Kean. Allenatore: Fabio Pecchia MILAN (4-3-3): 99 G. Donnarumma; 2 Calabria, 19 Bonucci, 13 A. Romagnoli, 68 Ri. Rodriguez; 79 Kessie, 18 Montolivo, 5 Bonaventura; 8 Suso, 7 Kalinic, 11 Borini. Allenatore: Gennaro Gattuso (Agg. di Mauro Mantegazza)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: DOVE VEDERE LA PARTITA

Verona Milan sarà trasmessa in diretta tv sulle due piattaforme a pagamento: nel caso del satellite tuttavia solo i possessori del pacchetto Calcio potranno seguire le immagini dal Bentegodi, sintonizzandosi sui canali Sky Super Calcio e Sky Calcio 1 (qui con codice d’acquisto 410541). Sul digitale terrestre invece dovete andare su Premium Sport e Premium Sport HD; ricordiamo che attivando la rispettiva applicazione – Sky Go e Premium Play – su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone, potrete assistere alla partita di Serie A anche in diretta streaming video, senza costi aggiuntivi.

I TECNICI A CONFRONTO

Il Milan di Gennaro Gattuso fa visita al Verona guidato da Fabio Pecchia battuto in Coppa Italia con un netto tre a zero. Il tecnico di Formia, cresciuto accanto a Rafa Benitez nell’esperienza di Napoli e di Madrid, schiera un 4-3-3 a trazione anteriore. Gli scaligeri provano il grande colpo in una stagione ricca di insidie ed ostacoli, l’obiettivo salvezza, vista la qualità della rosa, non è un miraggio. Sulla panchina del Milan, da poche settimane, siede Gennaro Gattuso che dopo l’esordio amaro di Benevento sembra aver trovato un minimo di strada positiva da percorrere. L’ex centrocampista giocherà a specchio nei confronti del collega. 4-3-3 che sta riportando alla ribalta Suso e Bonaventura. Sfida quindi tra due allenatori giovani che cercano una propria identità attraverso un gioco fluido e divertente. (agg. Umberto Tessier)

I PRECEDENTI

La gara Verona-Milan dal 1999 a oggi si è giocata allo Stadio Artemio Bentegodi per sei volte. Il bilancio è perfettamente in equilibrio con due vittorie a testa e anche due pareggi. L’ultimo precedente risale alla stagione 2015/16 e il risultato premiò a sorpresa gli scaligeri che conclusero la stagione all’ultimo posto con una retrocessione. La partita fu sbloccata da una rete di Jeremy Menez nel primo tempo, a diciotto minuti dalla fine pareggiò Giampaolo Pazzini su calcio di rigore e poi Luca Siligardi siglò una splendida rete al minuto novantacinque. L’ultima vittoria dei rossoneri al Bentegodi risale invece all’ottobre del 2014 quando la squadra meneghina fu protagonista di un bel 3-1. Protagonista assoluto fu Keisuke Honda autore di una doppietta, mentre in negativo segnò la partita Rafa Marques autore dell’autogol che sbloccò la partita ed espulso nei minuti finali del match. Il gol della bandiera invece lo mise a segno Nico Lopez a tre giri di orologio dalla fine. (agg. di Matteo Fantozzi)

ARBITRA ORSATO

La partita di anticipo dell’ora di pranzo di domenica, Verona Milan, sarà diretta dall’internazionale Daniele Orsato, giunto con questa alla sesta direzione stagionale. Gli assistenti di linea sono Alassio e Carbone, con Giua a fungere da quarto uomo. Alla VAR Aureliano, con assistente Ghersini. Per l’arbitro vicentino si tratta del primo incrocio sia con i veneti che con i milanesi. 21 i cartellini gialli estratti nelle gare precedenti, con 1 rigore, assegnato nella gara tra Crotone e Benevento, vinta dai calabresi per 2 – 0. Orsato in stagione ha diretto anche due gare della Champions League ed un incontro tra squadre nazionali nei playoff di qualificazione per Russia 2018. Completa l’attività stagionale la gara di Coppa Italia tra Brescia e Pescara vinta per 3 – 1 dalla formazione ospite. Orsato è uno degli arbitri più esperti della massima serie con un totale di 181 partite dirette. Orsato e il Milan si sono incrociati in 21 occasioni: il risultato uscito più volte è il pareggio (9), ma i rossoneri hanno anche vinto 8 volte contro 4 sconfitte. Molti meno i precedenti con il Verona: appena 5, gli scaligeri per di più non hanno mai vinto dovendosi accontentare di due pareggi a fronte di tre sconfitte. (agg. di Claudio Franceschini)

INFO E ORARIO

Verona Milan, che sarà diretta dall’arbitro Daniele Orsato, si gioca alle ore 12:30 di domenica 17 dicembre: è il lunch match della diciassettesima giornata della Serie A 2017-2018. Le due squadre si ritrovano a soli quattro giorni dall’ottavo di Coppa Italia, che si è giocato a San Siro ed è stato vinto 3-0 dai rossoneri; una bella affermazione per Gennaro Gattuso e i suoi, che dopo il 2-1 al Bologna hanno preso ancor più fiducia nei propri mezzi e ora potrebbero davvero dare l’assalto alle prime posizioni della classifica, anche se la distanza è ampia e rimontare non sarà affatto semplice. Il Verona, reduce dal deludente 2-2 contro la Spal, continua a viaggiare verso la salvezza: rispetto all’inizio del campionato sembra esserci qualche miglioramento, ma gli scaligeri sono ancora troppo incostanti e devono provare a centrare qualche risultato migliore soprattutto nelle sfide dirette. Al Bentegodi comunque spera di racimolare tre punti anche oggi, contando su qualche precedente favorevole e su una fase offensiva che, se al 100%, può davvero mettere in difficoltà qualunque avversario.

IL CONTESTO

Il Milan torna nella “fatal Verona”: qui ha perso due scudetti clamorosi, entrambi contro l’Hellas, il più recente dei quali risale all’epoca di Arrigo Sacchi e agli epici duelli contro il Napoli di Maradona. Oggi le cose sono cambiate e, purtroppo, uno degli aspetti diversi è che i rossoneri non lottano per il tricolore da almeno cinque anni e mezzo; anche questa sarà una stagione di transizione ma potrebbe comunque rappresentare un “anno zero”, con una ricostruzione che per il momento non è andata secondo le previsioni ma è ancora in piena evoluzione. Alla quinta partita come allenatore, Gennaro Gattuso sembra aver preso in mano il gruppo e prova ne è il fatto che ha vinto le ultime due.

Il Verona ha vinto appena due volte in tutto il campionato, ma dopo una serie di cinque sconfitte consecutive ha fatto 4 punti nelle ultime tre. Sarebbero potuti essere anche due in più, ma a Ferrara gli scaligeri si sono fatti rimontare due reti di vantaggio e hanno così scialacquato la possibilità di salire la china. Vanno comunque custoditi questi risultati: il 2-0 di Reggio Emilia e un pareggio esterno con due reti possono essere davvero importanti nel momento in cui si tireranno le somme per la salvezza, adesso una gara molto più complicata ma che, sfruttando il fattore campo, potrebbe portare piacevoli sorprese.

PROBABILI FORMAZIONI VERONA MILAN

Le formazioni che scenderanno in campo al Bentegodi potrebbero essere simili a quelle che hanno giocato mercoledì sera: Fabio Pecchia tornerà a schierare Nicolas tra i pali e Martin Caceres come terzino destro, mentre al centro della difesa si dovrebbe rivedere Antonio Caracciolo che farà coppia con Heurtaux (a sinistra invece opererà Fares). Bruno Zuculini ha pienamente recuperato: era già in panchina in Coppa Italia e oggi dovrebbe essere nuovamente al centro della mediana, in quello che sarà un probabile 4-3-3 che prevede Romulo come mezzala di destra e Bessa che, dall’altra parte, dovrebbe avere la meglio su Fossati che è uno dei tanti ex di questa partita. Nel tridente offensivo troviamo Cerci e Verde, mentre è ancora in dubbio il nome della prima punta: favorito il giovane Kean, ma alla fine Pazzini potrebbe avere la meglio in nome dell’esperienza.

Gennaro Gattuso dovrebbe disporre il Milan a specchio, avendo svoltato sul 4-3-3 dopo una prima sperimentazione con la conferma della difesa a tre: Suso e Borini sono candidati a occupare i ruoli di esterni nel tridente, con Kalinic che viaggia verso un’altra maglia da centravanti a scapito di André Silva (e Cutrone). Questo significa che Bonaventura sarà impiegato come interno, insieme a Kessie; Lucas Biglia ancora una volta è destinato alla panchina perchè il favorito è Montolivo, in difesa la coppia centrale dovrebbe essere composta da Bonucci e Alessio Romagnoli, con Abate e Ricardo Rodriguez che sono sempre favoriti per giocare come terzini. Gigio Donnarumma, reduce da un’altra settimana di critiche e voci su un eventuale addio, occuperà i pali della porta rossonera.

QUOTE E PRONOSTICO

Non c’è bisogno di una “verifica” sul fatto che il Milan sia favorito, ma in ogni caso l’agenzia di scommesse Snai ci dice che è così: siamo infatti a un valore di 1,60 sul segno 2 che identifica la vittoria dei rossoneri, che è già una bella differenza con il 5.25 che invece accompagna il segno 1. Per il pareggio è chiaramente il segno X che dovrete giocare, e in questo caso il vostro guadagno sarebbe di 4,25 volte il valore della cifra che avrete deciso di puntare scommettendo su questa partita di Serie A.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori