Video/ Atalanta Lazio (3-3): highlights e gol della partita (Serie A 17^ giornata)

- Fabio Belli

Video Atalanta Lazio (risultato finale 3-3): gli highlights e i gol della partita della 17^ giornata della Serie A. Luis Alberto trova il pari al 79′.

petagna_gasperini_atalanta_lapresse_2017
Pagelle Atalanta Torino (LaPresse)

Pareggio spettacolare allo stadio Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo tra Atalanta e Lazio. Un 3-3 che dimostra lo spessore di due squadre capaci di giocare un calcio offensivo strepitoso, ma che non hanno una difesa altrettanto efficace a sostenerle. La prima mezz’ora è praticamente tutta atalantina, anche se all’8′ la prima occasione era stata per la testa di Bastos su calcio d’angolo. Al 19′ Petagna piazza sulla testa di Caldara il gol del vantaggio nerazzurro, con Marusic che si perde il difensore avversario. 3′ dopo, invenzione geniale del “Papu” Gomez, che appoggia in avanti per Ilicic che al volo in spaccata non lascia scampo a Strakosha. La Lazio è al tappeto e subito dopo Cristante ha la palla match, ma la risposta dell’estremo difensore albanese è strepitosa. E provvidenziale i biancocelesti, che trovano inaspettatamente il pari. Milinkovic-Savic con una percussione personale trova il 2-1 mandando il pallone a baciare il palo alla destra di Berisha, quindi su assist di Luis Alberto beffa ancora il portiere avversario sul primo palo. La Lazio prova a iniziare la ripresa con piglio diverso, ma si ritrova sotto dopo 5′, quando Bastos frana rovinosamente su Gomez, sempre innescato da Petagna. Rigore netto che Ilicic trasforma per la doppietta personale. Doppietta che troverebbe anche Caldara al 25′, ma la sua marcatura viene annullata per fuorigioco. La Lazio evita subito dopo il 4-2 ancora con un intervento da campione di Strakosha, che salva tutto su Gomez. L’argentino aveva soffiato il pallone ad un Wallace disastroso, che pure era entrato per rilevare Bastos. Problemi in difesa per Inzaghi ma giocate da lustrarsi gli occhi in attacco: al 34′ Luis Alberto innesca Felipe Anderson (entrato nell’ultimo quarto d’ora con Lukaku), che tocca per Caicedo che di prima serve l’assist allo spagnolo, che dunque inizia e chiude l’azione, battendo Berisha con un pallone ben piazzato. E’ l’ultima grande emozione di una partita da batticuore, Inzaghi si fa espellere per proteste (voleva il rosso per un duro intervento di Hateboer su Radu), ma il 3-3 finale rispecchia pienamente quanto visto in campo.

LE STATISTICHE

Possesso palla in perfetta parità, 50% a testa tra Atalanta e Lazio, con le due squadre che hanno giocato una partita di grande intensità e cattiveria agonistica, come dimostrato anche dal buon numero di conclusioni a rete, 9 per l’Atalanta e 8 per la Lazio. 3 gol a testa con l’Atalanta che ha centrato 6 volte lo specchio della porta, la Lazio 5. 3 parate per Strakosha, 1 per Berisha, particolarmente decisive le 2 del laziale su Caldara e Gomez, ma anche quella del nerazzurro su Leiva. Entrambe le squadre hanno cercato 3 volte a testa la conclusione da fuori area, alla fine le occasioni da gol per gli orobici sono state 7 contro le 6 dei biancocelesti. 2 assist a testa, la Lazio non si è mai fatta pescare in fuorigioco, l’Atalanta 2 volte, 1 delle quali sul gol di Caldara del 4-2, annullato. Lazio in vantaggio 7-5 nella conta dei calci d’angolo complessivi, capitolini ben più fallosi con 12 interventi fischiati contro i 5 dei bergamaschi. Le ammonizioni sono state però 2 per parte, così come è pari tra le due squadre il contro delle palle perse, 44 a testa. 30 le palle recuperate per la squadra di Gasperini, 31 per quella di Simone Inzaghi. Anche il numero degli attacchi sferrati alla porta avversaria è molto equilibrato, zona per zona, con l’Atalanta sempre in lieve vantaggio. 10-9 per gli orobici gli attacchi centrali, 7-5 gli attacchi da destra e 9-6 gli attacchi da sinistra.

LE DICHIARAZIONI

Simone Inzaghi commenta a Sky Sport il pirotecnico 3-3 di Bergamo partendo dall’episodio della sua espulsione: Mi dispiace per lespulsione, sono stato 65 minuti senza dire una parola, si vede che non vedeva lora di mandarmi via. Mi sarebbe piaciuto restare fino alla fine al fianco dei ragazzi, è stato un allontanamento evitabile. Abbiamo giocato la terza partita in sei giorni, sapevamo che sarebbe stata una trasferta con tante insidie contro unAtalanta che aveva avuto una settimana meno impegnativa della nostra. Siamo stati bravi a non disunirci e a rimontare in una partita così difficile, dopo un uno-due micidiale contro una squadra forte, organizzata e fisica. Le parate di Strakosha ci hanno tenuto a galla, non sarà facile per nessuno fare risultato a Bergamo. E normale che dal punto di vista difensivo dovremo lavorare, finalmente avremo una settimana piena per lavorare e vedremo di analizzare gli ultimi gol subiti, cercando di recuperare giocatori importanti per crescere. Bastos ha giocato tante buone gare, stasera aveva un brutto cliente come Gomez, lha sofferto ma anche con Wallace la situazione non è cambiata. Dobbiamo migliorare senza dimenticare che anche Gasperini ha detto che questa è stata la migliore Atalanta della stagione. Queste invece le parole di Gian Piero Gasperini, sempre ai microfoni di Sky Sport: Cè qualche rimpianto, abbiamo mancato una vittoria che ci avrebbe proiettati molto in alto in classifica. Dopo stasera sento però di avere una squadra più forte, è mancato il killer instinct quando avremmo potuto chiudere la partita. In certe situazioni potevamo ricorrere a qualche contrasto in più, loro hanno riaperto la partita in un momento per noi straordinario, in cui stavamo stradominando. La ritengo comunque la nostra miglior gara di questanno, visto anche il valore dellavversario. La Lazio può mettere in difficoltà qualunque tipo di difesa, il terzo gol ne è stato un esempio: hanno sia velocità negli scambi sia fisicità nel gioco aereo. Abbiamo trovato le giuste contromisure, almeno in parte, purtroppo ci è mancato il gol per chiudere la partita e la Lazio ha dimostrato di poter segnare in qualsiasi momento.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori