Infortunio Mandzukic/ Juventus, problemi al polpaccio: Olympiacos (e Champions League) a rischio

- Silvana Palazzo

Infortunio Mandzukic: ultime notizie Juventus. Problemi al polpaccio sinistro per l’attaccante: Olympiacos (e Champions League) a rischio per il calciatore croato

Mandzukic_Juventus_lapresse_2017
Infortunio Mario Mandzukic, LaPresse

L’infortunio di Mario Mandzukic preoccupa la Juventus. Dopo la grande vittoria contro il Napoli, mister Massimiliano Allegri deve fare i conti con le ultime notizie che arrivano dall’infermeria bianconera. L’attaccante croato resta in dubbio per la trasferta di Atene contro l’Olympiakos, match fondamentale per il passaggio del turno in Champions League, cioè per la qualificazione agli ottavi di finale della massima competizione europea. La situazione di Mandzukic, alle prese con alcuni problemi al polpaccio sinistro, verrà monitorata quotidianamente dallo staff medico della Juventus. Il tecnico bianconero sperava di capire se la punta croata sarebbe stata recuperare per la sfida di martedì in Grecia, ma dalla nuova visita non sono emerse novità decisive. Di conseguenza, Mandzukic e Allegri incrociano le dita: la presenza di Super Mario sarebbe molto importante, anche perché la posta in palio è molto importante.

INFORTUNIO MANDZUKIC: JUVENTUS E ALLEGRI IN ANSIA

I problemi per Mario Mandzukic sono cominciati giovedì pomeriggio. L’attaccante della Juventus si è infatti bloccato nella rifinitura pre Napoli per un fastidio al polpaccio sinistro. L’allenatore Massimiliano Allegri è stato dunque costretto a escluderlo dalla lista dei convocati per il delicato scontro diretto, vinto ieri grazie alla rete di Gonzalo Higuain. La speranza è di riuscire a recuperarlo in tempo per la sfida di Champions League contro l’Olympiakos, ma non ci sono riscontri da questo punto di vista. Il calciatore croato resta in forte dubbio. Nessuno da Vinovo si sbilancia, di situo lo spirito da guerriero di Mandzukic, sempre pronto ad aiutare il gruppo, tiene accese anche le speranze dei tifosi, di cui è diventato un idolo proprio per la sua caparbietà. Sarebbe sufficiente anche solo portarlo in panchina per avere una carta importante da giocarsi a partita in corso in caso di necessità.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori