DIRETTA/ Benfica-Borussia Dortmund (risultato finale 1-0) info streaming video e tv: finita! L’ha decisa Mitroglu (oggi Champions League 2017)

- La Redazione

Diretta Benfica-Borussia Dortmund: info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario e risultato live della partita valida per l’andata degli ottavi di Champions League

Benfica_bandierone
Video Benfica Dinamo Zagabria - Foto LaPresse

Il Borussia spinge continuamente cercando con insistenza il gol del pareggio. Dembelè si muove bene tra le linee effettuando un cross morbido per l’inserimento di Piszczek. Colpo di testa impreciso, la palla esce di molto a lato. Il Borussia tiene bene il campo proponendo, come nel primo tempo, lunghe fasi di possesso. Come già avvenuto in precedenza la squadra di Tuchel non riesce a trovare con buona frequenza la conclusione. Il Benfica prova a ripartire, il Borussia rischia di farsi sorprendere scoperto e Schmelzer commette fallo a centrocampo. Cartellino giallo per lui. Al 75esimo sostituzione per Rui Vitoria: esce Mitroglu, entra Raul Jimenez. Tuchel replica effettuando due sostituzioni in contemporanea: escono Guerreiro e Marco Reus, entrano in campo Pulisic e Gonzalo Castro. Subito un cartellino giallo per Christian Pulisic intervenuto in ritardo a centrocampo. Lo statunitense prova a farsi perdonare con un tiro dalla distanza ben calibrato. La parabola sembra destinata a entrare ma Ederson con un altro splendido intervento sventa ancora il pericolo. Sugli sviluppi di un corner ancora Pulisic ma il suo tiro questa volta termina alto sopra la traversa. Cartellino giallo per Bartra dopo un fallo su Jimenez. Nei 4 minuti di recupero monologo del Borussia. Dalla bandierina cross in area piccola, Schmelzer ostacola l’uscita di Ederson e Rizzoli fischia fallo per il Benfica. Niente da fare per il Dortmund. Al Signal Iduna Park si riparterà dall’1-0 di questa sera.

Dopo il gol dello svantaggio il Borussia Dortmund reagisce bene riuscendo a guadagnare metri dopo un primo momento di confusione. Le azioni dei gialloneri si rivelano molto pericolose. Aubameyang riceve in area tutto solo mentre la difesa del Benfica mostra come non fare la tattica del fuorigioco ma il gabonese sbaglia tutto. Tiro alle stelle ed ennesima chance fallita per l’attaccante ex Milan. Il Borussia insiste, il Benfica non riesce a uscire. Pszczek ci prova dai 27 metri ma Ederson si allunga deviando provvidenzialmente in angolo. L’assedio prosegue e anche Reus ci prova ma il suo tiro viene respinto ancora dal portiere brasiliano. Al 57esimo gli ospiti hanno la giusta occasione per pareggiare. Fejsa interviene con un braccio in area. Nessun dubbio per Rizzoli e nessuna protesta. Rigore netto. Dal dischetto si presenta Aubameyang ma l’attaccante calcia malissimo. Tiro debole e centrale, Ederson respinge. La partita di Aubameyang finisce qui. Tuchel lo sostituisce inserendo Schurrle. Pessima prestazione per l’attaccante del Gabon. Al 63esimo cartellino giallo per Fejsa. Poco dopo sostituzione per il Benfica: fuori Rafa, dentro Cervi. Il Borussia Dortmund insiste cercando il gol del pari.
Rui Vitoria si conferma insoddisfatto per la prestazione dei suoi ed effettua un cambio. Rimane negli spogliatoi Carrillo, entra al suo posto il debuttante Felipe Augusto. Le parole del tecnico portoghese sono evidentemente valse qualcosa per i giocatori: a inizio secondo tempo è tutto un altro Benfica. I lusitani aggrediscono alto conservando con forza il pallone. Azioni ben manovrate, Borussia sorpreso e prime occasioni create di padroni di casa. Al 49esimo arriva il gol del vantaggio. Cross dalla bandierina, Luisao anticipa tutti e angola di testa. Sulla traiettoria interviene Mitroglu che aggancia e calcia da pochissimi metri sfruttando l’ultimo uomo del Borussia impalato sul secondo palo. Benfica in vantaggio e la legge del calcio colpisce ancora. Il Borussia accusa il contraccolpo psicologico per il gol subito rischiando molto pochi istanti dopo. Mitroglu non riesce a concludere dall’area e l’azione questa volta sfuma. Dopo qualche minuto di confusione il Borussia sembra essersi ripreso e ora sta provando a manovrare cercando gli spazi giusto per sviluppare le proprie idee. Gara apertissima. 

Nella parte finale del primo tempo le due squadre mostrano ambedue segnali di stanchezza. Il Borussia vede dunque rallentare il suo giro palla spesso interrotto da errori grossolani mentre il Benfica non mostra la brillantezza dei primi minuti nelle ripartenze. Reus, finora in difficoltà, si accende a tratti. Nel finale di tempo il tedesco riesce a giocare più palloni rispetto all’inizio ma i suoi lanci spesso non trovano l’assistenza dei compagni. Il Borussia ci prova da calcio d’angolo al 43esimo ma il brasiliano Ederson esce bloccando con sicurezza la sfera. Successivamente il Benfica prova a offendere. Rafa Silva si allarga chiamando al dialogo Pizzi. La pressione del Borussia è efficace e i lusitani sono costretti a retrocedere rimpostando l’azione dalle retrovie. Nei tre minuti di recupero le due squadre tirano i remi in barca non facendosi male ma rinviando ogni tentativo al secondo tempo. Primo tempo dalle due facce: inizialmente ritmo molto alto con occasioni da una parte e dall’altra, dopo di che monologo Borussia, almeno in termini di possesso palla. I gialloneri ci hanno provato con insistenza ma non sono riusciti a sfruttare i diversi errori (in maggioranza individuali) commessi dagli avversari.

Dopo un inizio propositivo da parte di entrambe le squadre il ritmo cala e le difese di tutte e due le squadre si esaltano. Alla mezzora altra ingenuità in mezzo al campo di Pizzi. Verticalizzazione immediata per Aubameyang ma Ederson esce rapidamente spazzando senza problemi lungo l’area. Il Borussia controlla il possesso cercando varchi sulle fasce. Guerreiro carica il tiro da fuori area ma scivola regalando palla a Fejsa. Le aquile provano a ripartire velocemente ma la difesa del Borussia interviene prontamente stroncando sul nascere l’iniziativa avversaria. Bartra spesso avanza palla al piede provando ad aiutare la manovra. Il Benfica non ci casca rimanendo vigile. Guerreiro e Weigl palleggiano nel cerchio di centrocampo provando ad allargare il gioco appena la pressione avversaria avanza. Durm e Dembelè non riescono però a velocizzare il gioco dando agli avversari tutto il tempo per recuperare. Il trend della partita risulta piuttosto chiaro: Borussia in possesso, non troppo rapido, Benfica vigile in difesa. Al 37esimo Guerreiro penetra in area dalla sinistra, Fejsa lo tiene accompagnandolo sul fondo ma non interviene sul pallone. Guerreiro sì e offre un pallone bollente in area piccola. Aubameyang non ci arriva per un centimetro graziando il Benfica. Un’altra ingenuità individuale stava per causare non pochi danni in casa Benfica.  

Occasione a dir poco clamorosa per gli ospiti al decimo minuto. Pizzi perde un pallone rovente sulla trequarti. Dembelè pesca subito Aubameyang in area ma il gabonese sbaglia tutto sparando alto da posizione favorevole. Dopo il gol fallito il Borussia non demorde prendendo campo agli avversari. Durm crossa in area per Aubameyang ma Ederson esce e di testa sventa il pericolo. I gialloneri hanno alzato vistosamente il loro baricentro riuscendo a schiacciare il Benfica nella propria metà campo. Il giropalla del Dortmund è pregevole. Tocchi bassi e precisi. Spesso e volentieri le mezz’ali cercano uno sbocco sulla fascia trovando anche le due punte pronte a ricevere. La difesa del Benfica regge mantenendo alta la guardia e così il Borussia deve ricominciare dalla retrovie. Le lunghe azioni del Borussia spesso vengono interrotti da lob o lanci verso l’area ma la difesa biancorossa spazza senza fronzoli. La squadra di Tuchel fatica a trovare Reus, puntualmente raddoppiato e così si va verso Durm. Lancio morbido per il terzino che non riesce a controllare e l’azione sfuma. Ritmo molto alto in questa prima fase. Per il momento un’occasione per parte ma il Borussia sta decisamente giocando meglio. Al 22esimo Reus trova Guerreiro sulla sinistra. Cross basso per Dembelè che calcia a botta sicura ma Lindelof in spaccata devia in angolo. 

Benfica in campo con il modulo 4-4-2. Il portiere dei lusitani è Ederson, i 4 di difesa sono invece Semedo, Luisão, Lindelof ed Eliseu. Sulla fascia destra spazio a Eduardo Salvio, su quella sinistra a Carrillo mentre in mezzo ecco Pizzi e Fejsa. In attacco troviamo Rafa Silva e Mitroglou. Il Borussia Dortmund risponde con un abbottonato 5-3-2. Bürki in porta, difesa con Piszczek, Sokratis, Bartra, Schmelzer e Durm. In mediana Dembélé, Weigl e Guerreiro. In attacco Reus e Aubameyang. Arbitra il nostro connazionale Nicola Rizzoli, con assistenti Di Fiore e Di Liberatore. Banti e Irrati, addizionali di porta. Il Borussia prova fin dalle prime battute a macinare gioco ma è il Benfica a trovare per primo il fondo. Salvio penetra in area dalla destra e serve un pallone prezioso in mezzo, direzione Pizzi. La difesa giallonera spazza lungo. Al terzo minuto chance per i lusitani dalla bandierina. Cross di Pizzi, la difesa avversaria prova a liberare ma Rafa Silva calcia. Un avversario ribatte e aziona il contropiede del Borussia. Discesa splendida conclusa da Dembelè, per sua sfortuna addosso a un compagno. 

Sta per cominciare e noi non vediamo lora di assistere alla partita di Champions League, perchè al Da Luz sono di fronte due squadre considerate outsider ma che sono qui con merito, e che praticano un calcio piacevole e fondato sulla qualità dei glro palla. E passato tempo da quando il Benfica ha giocato la finale di Europa League (era il 2014, la seconda consecutiva), lanno prima il Dortmund era arrivato allultimo atto in Champions League; da allora entrambe le società hanno aperto un processo di ricostruzione che sta iniziando a dare i suoi frutti, pertanto questa sera vedremo in campo anche tanti giovani. A proposito: scopriamo subito quali sono le formazioni ufficiali al Da Luz, il calcio dinizio è alle ore 20:45. 1 Ederson; 50 Nélson Semedo, 4 Luisao, 14 Lindelof, 19 Eliseu; 18 Salvio, 21 Pizzi, 5 Fejsa, 15 André Carrillo; 27 Rafa Silva, 11 Mitroglou. A disposizione: 12 Julio César, 34 André Almeida, 33 Jardel, 6 Filipe Augusto, 7 Samaris, 22 Cervi, 9 Raul Jimenez. Allenatore: Rui Vitoria 38 Burki; 25 Papastathopoulos, 5 Bartra, 29 Schmelzer; 26 Piszczek, 7 O. Dembélé, 33 Weigl, 13 Raphael Guerreiro, 37 Durm; 11 Reus, 17 Aubameyang. A disposizione: 1 Weidenfeller, 30 Passlack, 28 Ginter, 27 Gonzalo Castro, Allenatore: Thomas Tuchel 

Il match tra Benfica e Borussia Dortmund in campo questa sera per il match di andata degli ottavi di Champions League ci riguarda piuttosto da vicino. La partita infatti sarà diretta dallarbitro italiano Nicola Rizzoli, che in questa occasione sarà assistito da Elenito Di Liberatore e Riccardo Di Fiore, mentre il quarto uomo selezionato per questo incontro sarà Mauro Tonolino. Il direttore di gara selezionato dallUefa, della circoscrizione di Mirandola è arbitro professionista dal lontano 1998 riuscendo ad entrare nella categoria interazione approvata dalla fifa già dal 2007. Un palmares davvero eccellente per il direttore di gara atteso a ore al El Madrigal.  Rizzoli, dopo Gonella e Collina è stato il terzo arbitro italiano a dirigere urina finale di mondiali di calcio nel luglio 2014 tra Argentina e Germania, mentre è stato il sesto direttore di gara italico a dirigere una finale di Champions: a questo si aggiunge che è stato larbitro della finale della prima edizione del Europa League nella sua dizione più recente. 

Lottavo do finale della Champions League tra Benfica e Borussia Dortmund atteso questa sera al El Madrigal ci permetterà anche id mettere a confronto i rispettivi principali marcatori, certamente tra i migliori bomber del continente europeo. Ra i padroni di casa il titolo di capocannoniere va senza dubbio a il greco tedesco Kostanstinos Mitroglu, che in 17 presenze totali nel campionato portoghese ha messo a segno ben 10 reti: sono invece cinque le sue presenza in Champions League dove però on è ancora riuscito a bucare la rete avversaria, mettendo a bilancio solo un assist vincente ai suoi compagni. Al contrari il palmares del bomber del Borussia Dortmund appare lievemente più nutrito. Parliamo infatti di Pierre Emerick Aubemayang: per la punta centrale francese in 18 presenze in Bundesliga sono a bilancio 17 gol e 1 assist, mentre in Champions League su 5 presenze totali sono ben 4 i gol segnati, rispettivamente contro Legia Varsavia, Real Madrid e Sporting Lisbona (con doppietta contro i Galacticos di Zidane). 

Grande attesa per la sfida di questa sera tra Benfica e Borussia Dortmund, sfida d’andata degli ottavi di finale della Champions League 2016/2017. All’epoca del sorteggio che aveva sancito la sfida contro i lusitani aveva parlato l’allenatore della formazione tedesca Thomas Tuchel, il quale, come riportato da tuttomercatoweb.com, aveva dichiarato: “Abbiamo già affrontato Porto e Sporting Lisbona, adesso è il turno del Benfica, l’altra grande del calcio portoghese. Siamo emozionati, non vediamo l’ora di affrontare i campioni in carica del Portogallo”. Anche Rui Vitoria, allenatore del Benfica, aveva commentato così il responso del sorteggio e riferendosi al Borussia Dortmund aveva detto: ” un avversario difficile, ma allo stesso tempo attraente”. Quale allenatore riuscirà a preparare al meglio il match dell’Estadio da Luz? 

Tra i protagonisti annunciati della sfida tra Benfica e Borussia Dortmund, match valido per gli ottavi di finale della Champions League 2016/2017 vi è sicuramente Eduardo Salvio, giocatore argentino dei lusitani capace di andare a segno per 3 volte nella fase a gironi. Il centrocampista 26enne, però, sarà in dubbio fino all’ultimo a causa di alcuni problemi che lo hanno costretto negli ultimi giorni a svolgere lavoro differenziato. La sua presenza potrebbe rivelarsi per la squadra di Rui Vitoria: basti pensare che con 154 passaggi riusciti su 190, Salvio ha un’accuratezza dell’81%. Per quanto riguarda il Borussia Dortmund l’uomo più atteso non può non essere Pierre-Emerick Aubameyang. Il giocatore del Gabon, reduce dalla delusione in Coppa d’Africa, spera di riprendere a segnare in Champions League, dove nella fase a gironi ha già realizzato 4 gol in 5 partite. Una curiosità, l’ex Milan sul terreno di gioco ha toccato la velocità di 31 km/h: i difensori lusitani faranno meglio a cercare l’anticipo… 

Benfica-Borussia Dortmund è la sfida d’andata degli ottavi di finale della Champions League 2016/2017 che si disputerà oggi, martedì 14 febbraio all’Estádio da Luz di Lisbona. Ma qual è la compagine favorita rispetto ai precedenti? L’unico scontro tra Benfica e Dortmund risale alla Coppa dei Campioni 1963/1964. In quell’occasione la formazione portoghese si impose in casa con il risultato di 2 a 1 grazie alle reti di Antonio Simoes ed Eusebio, ma al ritorno in terra tedesco subì un pesante 5 a 0 determinato dalla tripletta di Brungs e dai gol di Koniezka e Wosab. La tradizione del Benfica con le squadre tedesche, da quando è nata la nuova formula della Uefa Champions League non è molto positiva: nella fase a gironi si sono alternati risultati più o meno positivi con Kaisersalutern, Schalke 04 e Bayer Leverkusen. A pesare di più è però la sconfitta dello scorso anno ai quarti di finale con il Bayern Monaco. Discorso diverso per il Borussia Dortmund, che la scorsa stagione nel proprio girone ha battuto per ben due volte lo Sporting Lisbona. 

diretta dal nostro Nicola Rizzoli, si gioca all’Estadio Da Luz con calcio d’inizio alle ore 20:45 di martedì 14 febbraio; finalmente torna lo spettacolo della Champions League 2016-2017, questa partita è valida per l’andata degli ottavi di finale. Il Benfica dovrà cercare senza dubbio di far valere il fattore campo e di ottenere una vittoria al Da Luz di Lisbona, mentre il Dortmund ha come obiettivo minimo quello del pareggio con goal.

I portoghesi guidano al momento il proprio campionato con 51 punti e sono in un ottimo momento di forma, considerando che hanno vinto tre delle ultime quattro partite e la difesa è tornata decisamente ermetica, almeno in patria: un solo goal subito nell’arco dei 270 minuti a fronte di 10 fatti. 

In Champions League la vita è stata abbastanza complicata e la qualificazione è stata decisamente difficile dopo la partenza falsa con un solo punto in due partite, frutto del pareggio beffa in casa contro il Besiktas e la sconfitta al San Paolo di Napoli, uno dei punti più bassi della recente storia lusitana in Champions League. Poi il Benfica ha saputo risalire la china ed è riuscito, vincendo i confronti contro la Dinamo Kiev e pareggiando 3 a 3 in Turchia, ad ottenere la qualificazione, seppure solo da seconda vista la sconfitta casalinga contro il Napoli.

Tuttavia considerando lo “scherzetto” fatto dal Real Madrid è decisamente stato meglio così, perchè i detentori della Champios League sono toccati in dote ai ragazzi di Maurizio Sarri, che hanno quindi un compito decisamente più improbo di quello del Benfica. Il Borussia Dortmund sta vivendo una annata al di sotto delle aspettative e l’ultima di campionato ha esemplificato tutto questo: la sconfitta esterna contro il Darmstadt, che si è imposto 2 a 1, ha fatto riprecitare i gialloneri nel vortice delle critiche: la squadra è ormai da tempo fuori dalla lotta per il titolo, che per l’ennesima volta ha preso la strada di Monaco di Baviera, ma i 35 punti in classifica rendono difficile anche l’accesso in Champions.

Qui quest’anno le cose sono andate decisamente bene, come testimonia il primo posto nel girone davanti alla corazzata del Real Madrid, che ha impattato per due volte con gli uomini di Tuchel, non riuscendo a vincere al Bernabeu dopo essere stata avanti 2 a 0 e pagando così a caro prezzo il 3 a 3 esterno contro il Legia Varsavia, che si è rivelato decisivo per le sorti della testa del girone.

Per quanto riguarda le formazioni che scenderanno in campo, il Benfica dovrebbe schierarsi con un 4-1-3-2 che fa capire l’intenzione della compagine lusitana di giocarsi la partita a viso aperto. In porta ci sarà Ederson, mentre la linea difensiva sarà compost da Eliseu e Semedo come terzini e da Lindelof e Luisao, entrambi seguiti da alcune big europee, come centrali. Come schermo davanti alla difesa agirà Fejsa, mentre la mediana vedrà sostanza a fantasia incarnate da Carrillo, Zivkovic e Pizzi. In attacco confermati Jonas e bomber Mitroglu, uno dei più attesi.

Nel Borussia Dortmund, che si schiererà con il solito 3-4-3, torneranno alcuni titolari e la formazione sarà tendenzialmente quella tipo: grande attesa vi è per il trio d’attacco, che sarà composto da Aubameyang al centro, con l’ex Rennes Dembelè e Reus sulle corsie esterne.

Che il match sia equilibrato lo si capisce anche dalle quote dell’agenzia di scommesse Snai, che vedono comunque favorito il Borussia Dormtund: una vittoria del Benfica in questo primo atto dell’ottavo di finale è data infatti a 3.10 volte la cifra giocata, contro la quota per una vittoria del Dortmund, che si ferma a 2.35 volte la posta. Un pareggio viene invece pagato 3.40 volte la cifra giocata.

Benfica-Borussia Dortmund sarà trasmessa in diretta tv dai canali della pay tv del digitale terrestre, come tutte le partite di Champions League di questa stagione: appuntamento dunque sui canali Premium Sport 2 e Premium Sport 2 HD, con possibilità di seguire la partita del Da Luz anche in diretta streaming video, attivando senza costi aggiuntivi l’applicazione Premium Play. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori