RISULTATI EUROPA LEAGUE/ Diretta gol livescore, marcatori dei sedicesimi: Dzeko e Ibrahimovic fanno tris, ottavi in archivio (16 febbraio 2017)

Risultati Europa League: diretta gol livescore e marcatori delle partite valide per l’andata dei sedicesimi di finale. Fiorentina e Roma vincono in trasferta, poker giallorosso al Madrigal

16.02.2017 - La Redazione
ibrahimovic_manchesterunited_chevrolet
Foto LaPresse

Guardando ai risultati finali della serata non ci sono dubbi sulla qualificazione della Roma agli ottavi di Europa League: Edin Dzeko demolisce il Villarreal e sale a quota 8 gol nel torneo. Dopo la magia di Emerson Palmieri la Roma dimostra a tutti perchè può vincere lEuropa League: 4-0 sul campo della semifinalista dello scorso anno, e dopo la stagione a singhiozzo al suo arrivo in giallorosso Dzeko si prende tante rivincite su chi lo aveva dato troppo presto per finito, o comunque ne aveva bocciato lacquisto. Il ritorno dellOlimpico per la Roma sarà una formalità: due vittorie esterne per le italiane, e dunque ci sono ottime possibilità di vederle entrambe agli ottavi. Chi è praticamente certo di aver passato il turno è lo Schalke 04 che vince 3-0 in casa del Paok Salonicco, grazie ai gol di Burgstaller, Max Meyer e il redivivo Huntelaar che gonfia la rete a pochi minuti dal suo ingresso in campo; anche il Manchester United è a più di metà dellopera, 3-0 al St. Etienne con doppietta di Zlatan Ibrahimovic che forse non la ricorderà per bellezza (una punizione deviata, un tocco da due passi a porta vuota e un rigore) ma intanto spinge José Mourinho al prossimo turno. Vittoria esterna preziosa per il Besiktas con Cenk Tosun che prima procura unautorete e poi segna il secondo gol, con Hutchinson che nel recupero sigilla la qualificazione dei turchi esaurendo probabilmente la grande favola dell’Hapoel Beer Sheva. LAthletic Bilbao vince, ma lApoel fa due gol in trasferta e dunque con un 1-0 a Nicosia si qualifcherebbe, si complicano la vita i baschi che sembravano in controllo della partita. Bene lAnderlecht che batte lo Zenit e fa un passo verso gli ottavi, finisce 0-0 Legia-Ajax (senza troppe emozioni) come già si era conclusa senza reti Olympiacos-Osmanlispor. Il ritorno delle partite dei sedicesimi di Europa League è in programma tra una settimana esatta (il 23 febbraio). 

Anche la Roma, come già la Fiorentina, sblocca la partita di Europa League nel primo tempo: splendida rete di Emerson Palmieri che dialoga con El Shaarawy e trova un destro meraviglioso che buca Asenjo. Gol bellissimo e fondamentale in ottica doppia sfida; vantaggio meritato per i giallorossi che di fatto non hanno mai sofferto e hanno anche sfiorato il raddoppio, con Strootman e con unaltra azione bruciante di Emerson. Vantaggio doppio per lAnderlecht: lo Zenit sta cadendo a Bruxelles sotto i colpi di uno scatenato Acheampong che segna una doppietta in mezzora. Vantaggio esterno per lo Schalke 04 sul campo del Paok; doppio botta e risposta in Athletic-Apoel e Hapoel Beer Sheva-Besiktas, mentre il Manchester United è in vantaggio sul St. Etienne grazie a un calcio di punizione di Ibrahimovic che, deviato dalla barriera, entra lentamente in porta. Staremo a vedere quello che ci riserveranno i secondi tempi delle partite di Europa League. 

Sono finite le partite delle ore 19 in Europa League: sorride, anzi ride la Fiorentina che con il gol di Federico Bernardeschi piega la resistenza di un Borussia Monchengladbach che, dobbiamo dirlo, è stato sfortunato e avrebbe meritato se non altro un pareggio. Sta di fatto che la Fiorentina avvicina la qualificazione agli ottavi: al ritorno potrà anche permettersi di pareggiare per avanzare. Chi ha chiuso i conti con la qualificazione è ormai il Lione, che subisce nel secondo tempo un rigore dallAz Alkmaar ma segna anche il terzo gol e poi il quarto in pieno recupero, e dunque nel suo stadio potrà gestire la situazione. Ok anche il Rostov, che dimostra come il girone di Champions League non fosse un caso: netto 4-0 dei russi allo Sparta Praga, penalizzato dallespulsione arrivata nel primo tempo. In chiave qualificazione sono ottime le vittorie del Copenaghen (ma Keseru tiene in corsa il Ludogorets) e dello Shakhtar Donetsk che sorprende il Celta Vigo al Balaidos. Pareggia invece lAstra Giurgiu, che per due volte riprende il Genk; per i belgi però è un ottimo risultato perchè al ritorno potranno permettersi anche uno 0-0 o un 1-1. Stecca il Tottenham: gli Spurs vengono battuti dal Gent (segna Perbet) e dunque al ritorno dovranno rincorrere per evitare una clamorosa eliminazione ai sedicesimi. Alle ore 21:05 si giocano sette partite: tra queste la Roma impegnata sul campo del Villarreal, attenzione anche al Manchester United che ospita il St. Etienne e lAjax che va a giocare in Polonia, contro il Legia Varsavia. 

Intervallo sui campi di Europa League: buone notizie per lItalia, perchè la Fiorentina dopo aver sofferto per tutto il primo tempo ha segnato il gol del vantaggio contro il Borussia Monchengladbach. Splendida rete di Federico Bernardeschi, che con un sinistro magico su calcio di punizione festeggia al meglio i suoi 23 anni e regala un vantaggio importantissimo per la Fiorentina, che come detto ha rischiato più volte di capitolare sotto i colpi di un Gladbach in palla e dunque anche sfortunato. Sono tanti i gol realizzati in trasferta in questo primo tempo: vittorie esterne, sia pure temporanee, dello Shakhtar Donetsk sul Celta Vigo (gli ucraini continuano dunque il loro percorso netto in Europa League) e del Lione che nel secondo minuto di recupero allunga sul 2-0 sul campo dellAz Alkmaar e di fatto chiude i conti con la qualificazione. Vince in trasferta anche il Copenaghen, contro il Ludogorets grazie ad unautorete nei primi minuti; lAstra Giurgiu è riuscito a riprendere il Genk, mentre il Rostov anche grazie ad un uomo in più sta demolendo lo Sparta Praga (3-0) che però segnando un gol si rimetterebbe del tutto in corsa. Cosa ci riserveranno i secondi tempi delle partite? Lo scopriremo tra poco 

La prima vittoria nei risultati di Europa League per l’andata dei sedicesimi è del Krasnodar: i russi si impongono per 1-0 sul Fenerbahçe difendendo il gol segnato da Claesson al 4′ minuto e si portano in vantaggio nel conto della qualificazione. Alle ore 19 iniziano altre partite: su tutte, attenzione ovviamente a quella della Fiorentina che è ospite dell’insidioso Borussia Monchengladbach, ma in campo ci sono anche il Tottenham, impegnato sul terreno di gioco del Gent, e il Lione che fa visita all’Az Alkmaar. Staremo a vedere come si concluderanno queste partite; ricordiamo che questa è soltanto la prima tornata, perchè alle ore 21:05 si concluderà l’andata dei sedicesimi e vedremo all’opera, oltre alla Roma, anche il Manchester United di José Mourinho che ospita il St. Etienne. 

Krasnodar-Fenerbahçe può essere considerato lanticipo nel turno di Europa League, visto che si gioca alle ore 17 italiane per il solito problema di fuso orario (saremo due ore avanti a livello locale). Favorito dobbligo è il Fenerbahçe: la squadra di Dick Advocaat ha saputo vincere il suo girone davanti al Manchester United, dal quale ha preso una ripassata a Old Trafford (1-4) ma che ha battuto al Sukru Saracoglu. Squadra formata da giocatori datati che possono ancora dare tanto come Robin Van Persie e Martin Skrtel, da talenti mai davvero esplosi (Jeremain Lens, Gregory Van der Wiel e Emmanuel Emenike) e qualche giovane, per esempio Salih Uçan tornato qui dopo la parentesi poco felice nella Roma. I turchi possono arrivare in fondo, ma devono stare attenti al Krasnodar: nella prima fase i russi hanno superato, sia pure soltanto in virtù della sfida diretta favorevole, arrivando davanti al Salisburgo (solidissima realtà negli ultimi anni di Europa League) e al Nizza che per tutta la durata della fase a gironi (e anche ben oltre) è rimasto in testa alla Ligue 1. Si prospetta dunque una sfida interessante, con la sensazione che il passaggio del turno potrebbe non risolversi questa sera e che nella gara di ritorno le sorti della qualificazione agli ottavi di finale saranno ancora del tutto in bilico. Non resta che stare a vedere quello che ci dirà il campo 

Come ben sappiamo, lEuropa League è una competizione che lascia ampio spazio alle outsider: squadre minori che sanno approfittare del fatto che le big siano impegnate per le posizioni in campionato, o che pongano minore interesse nella competizione europea. Così, anche in questa stagione alcune squadre potrebbero rappresentare delle sorprese: lo Sparta Praga per esempio ha giocato un ottimo girone ed è abituato a unEuropa League che è competizione lunga e dispendiosa. Allo stesso modo può essere un fattore il Rostov, soprattutto in un momento dellanno nel quale le trasferte in Russia possono essere insidiose dal punto di vista climatico. Altre squadre che possono fare ampia strada? Lo Schalke 04, sicuramente: una formazione che pochi anni fa era in Champions League, che ha cambiato tanto e fatica in Bundesliga ma ha la rosa giusta per provare ad andare almeno in semifinale. E poi, occhio al Lione che ha messo in difficoltà la Juventus nel girone del piano di sopra e già nel 2014 si era spinta fino ai quarti di finale. Le altre (Celta Vigo, Rostov e Ludogorets) sono alla finestra: sanno di poter cogliere risultati importanti in questa Europa League. 

Si avvicina landata dei sedicesimi di Europa League: sono rimaste soltanto due italiane nel tabellone ad eliminazione diretta. Fiorentina e Roma proseguono la loro marcia e, entrambe prime nel girone, giocheranno questa sera in trasferta. Per i viola si tratta della quarta partecipazione consecutiva ai sedicesimi di Europa League: un grande traguardo, ma adesso bisogna provare ad arrivare fino in fondo, innanzitutto confermando la semifinale del 2015 e poi provando a vincere un titolo che rimane alla portata. La Roma, ancora scottata dalleliminazione dal playoff di Champions League, ha comunque superato in maniera brillante la prima fase e adesso punta in alto: ha la rosa giusta per farlo ed è quindi opportuno provare a rimettere un titolo in bacheca (lultimo rimane la Coppa Italia del 2008) che segnerebbe anche una sorta di punto intermedio nel processo di crescita della società. Al primo turno sono invece stati eliminati Sassuolo e Inter: i neroverdi partiti alla grande (3-0 allAthletic Bilbao) hanno progressivamente perso terreno frenati anche dagli infortuni, i nerazzurri invece hanno perso le prime due partite (ancora con Frank De Boer) e non sono più riusciti a riprendere la seconda posizione, chiudendo il girone con una sola vittoria a fronte di cinque ko. 

Quali sono le squadre favorite nei sedicesimi di Europa League, e più in generale per la vittoria del torneo? Tralasciando le italiane sulle quali torneremo, possiamo individuarne immediatamente due: la prima è ovviamente il Manchester United. Partiti non benissimo (qui come in campionato), i Red Devils si sono via via ripresi e, pur dovendosi accontentare del secondo posto nel girone, sono riusciti a centrare un filotto di risultati utili. Il primo obiettivo resta tornare in Champions League, ma intanto vincere lEuropa League potrebbe aiutare: quando si ha in panchina José Mourinho e in campo giocatori come Ibrahimovic, Rooney, Pogba, Mata e tutti gli altri è quasi un obbligo arrivare fino in fondo. Poi cè il Tottenham, già presente negli anni scorsi: gli Spurs arrivano dal terzo posto nel girone di Champions e si pongono, forse gli unici tra le retrocesse, come una formazione in grado di vincere il titolo in virtù di un grande attaccante come Harry Kane e un talento quale Dele Alli. Attenzione però alle altre: dallo Shakhtar Donetsk allo Zenit (che hanno già vinto lEuropa League, quando si chiamava Coppa Uefa) passando per il Villarreal (semifinalista lo scorso anno), anche queste formazioni possono ambire ad arrivare fino in fondo.

In Europa League 2016-2017 è finalmente arrivato il momento di tornare a giocare: in questa competizione siamo arrivati ai sedicesimi di finale, il che significa che rispetto alla Champions League bisogna recuperare un turno. Dunque le gare di ritorno saranno già tra una settimana, e poi via di volata con gli ottavi per portarsi in pari.

Andiamo però a vedere il programma, tutto nella giornata di giovedì 16 febbraio. Si parte alle ore 17 con Krasnodar-Fenerbahçe; alle ore 19 avremo Az Alkmaar-Lione, Borussia Monchengladbach-Fiorentina, Rostov-Sparta Praga, Gent-Tottenham, Olympiacos-Osmanlispor, Celta Vigo-Shakhtar Donetsk, Ludogorets-Copenaghen e Astra-Genk. Alle ore 21:05 si giocheranno invece Paok-Schalke 04, Hapoel Beer Sheva-Besiktas, Villarreal-Roma, Manchester United-St. Etienne, Anderlecht-Zenit, Legia Varsavia-Ajax e Athletic Bilbao-Apoel.

Innanzitutto bisogna parlare delle uniche due squadre italiane rimaste in gara: la Fiorentina ha forse pescato meglio, ma la trasferta in terra tedesca è sempre complicata e il Borussia Monchengladbach sembra aver invertito la tendenza negativa di inizio stagione, rilanciandosi in campionato con qualche vittoria di prestigio. Sulla carta è più difficile limpegno della Roma: al Madrigal è difficile passare, questanno poi il Villarreal ha dimostrato tutto il suo valore rivaleggiando per i primi tre posti nella Liga, e in Europa League arriva dalla semifinale della scorsa stagione con cui si è guadagnato anche in esperienza.

Come sappiamo ai sedicesimi arrivano anche le otto squadre che sono retrocesse dalla Champions: una di queste è proprio il Monchengladbach, tra le altre la più complicata è forse il Tottenham che è abituato a una competizione del genere mentre le altre sono tutte abbordabili o quasi. La grande favorita per il titolo, anche se ora è certamente prematuro, potrebbe essere individuata nel Manchester United; tuttavia nelle ultime stagioni si è notato come non sempre la squadra che parte con i favori del pronostico porta a casa la coppa, perchè per vincere lEuropa League servono altre qualità oltre al valore della rosa e al blasone internazionale.

Ad ogni buon conto ci aspettano sedici partite davvero interessanti; questo è soltanto il primo round, ma alcuni dei risultati che matureranno oggi potranno già darci unindicazione delle squadre che arriveranno agli ottavi, con la speranza ovviamente che anche Fiorentina e Roma facciano parte di questo gruppo.

 

Giovedì 16 febbraio

RISULTATO FINALE Krasnodar-Fenerbahçe 1-0  – 4′ Claesson

RISULTATO FINALE Az Alkmaar-Lione 1-4 – 26′ Tousart (L), 47′ pt Lacazette (L), 57′ Lacazette (L), 68′ rig. Hahanbakhsh (A), 95′ Ferri (L)

RISULTATO FINALE Borussia Monchengladbach-Fiorentina 0-1 – 44′ Bernardeschi

RISULTATO FINALE Rostov-Sparta Praga 4-0 – 15′ Mevlja, 38′ Poloz, 40′ Noboa, 68′ Azmoun

RISULTATO FINALE Gent-Tottenham 1-0 – 59′ Perbet

RISULTATO FINALE Olympiacos-Osmanlispor 0-0

RISULTATO FINALE Celta Vigo-Shakhtar Donetsk 0-1 – 27′ Blanco Leschuk

RISULTATO FINALE Ludogorets-Copenaghen 1-2 – 2′ aut. Anicet Abel (C), 53′ Toutouh (C), 81′ Keseru (L)

RISULTATO FINALE Astra-Genk 2-2 – 25′ Castagne (G), 43′ Budescu (A), 83′ Trossard (G), 90′ Seto (A)

RISULTATO FINALE Paok-Schalke 04 0-2 – 27′ Burgstaller, 82′ M. Meyer, 90′ Huntelaar

RISULTATO FINALE Hapoel Beer Sheva-Besiktas 1-3 – 42′ aut. William Soares (B), 44′ Barda (H), 60′ Cenk Tosun (B), 94′ Hutchinson (B)

RISULTATO FINALE Villarreal-Roma 0-4 – 32′ Emerson P., 65′ Dzeko, 79′ Dzeko, 86′ Dzeko

RISULTATO FINALE Manchester United-St. Etienne 3-0 – 15′ Ibrahimovic, 75′ Ibrahimovic, 88′ rig. Ibrahimovic

RISULTATO FINALE Anderlecht-Zenit 2-0 – 5′ Acheampong, 31′ Acheampong

RISULTATO FINALE Legia Varsavia-Ajax 0-0

RISULTATO FINALE Athletic Bilbao-Apoel 3-2 – 36′ Efrem (A), 38′ aut. Merkis (AB), 62′ Aduriz (AB), 72′ Inaki Williams (AB), 89′ Gianniotas (AB)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori