Classifica Marcatori Serie A/ Capocannoniere: Nestorovski sale in doppia cifra, Dzeko e Higuain sono però lontani (26^ giornata)

Classifica marcatori Serie A, capocannoniere: Higuain non riesce a staccare Dzeko in vetta alla graduatoria, torna in campo anche Icardi (oggi 26^ giornata)

25.02.2017 - La Redazione
HiguainSantElia
Diretta Juventus Napoli streaming, Gonzalo Higuain, il grande ex (Foto LaPresse)

La classifica dei marcatori di Serie A si arricchisce di un altro calciatore che sale in doppia cifra. Stiamo parlando del macedone Nestorovski che è andato in gol su calcio di rigore in Palermo-Sampdoria match del lunch time che non è comunque ancora finito. Il ragazzo ex Inter Zapresic ha sbloccato la partita dal dischetto con freddezza e grande intelligenza salendo in doppia cifra e agguantando la squadra del dieci formata da Marek Hamsik, Giovanni Simeone, Iago Falque, Marco Borriello e Federico Bernardeschi. Di questi altri solo Hamsik ha giocato ieri e mentre Iago Falque e Federico Bernardeschi si affronteranno domani sera oggi Marco Borriello scende in campo allo Scida di Crotone con il suo Cagliari e Giovanni Simeone sarà titolare nella prima di Andrea Mandorlini da tecnico del Genoa contro il Bologna. Staremo a vedere se ci saranno delle ulteriori novità prima del big match di stasera Inter-Roma dove si affronteranno Mauro Icardi ed Edin Dzeko.

Tra poco più di un’ora si scenderà in campo per la sfida Palermo-Sampdoria che offrirà un interessante sfida anche in merito alla classifica dei marcatori della Serie A. Scenderanno infatti in campo da una parte il macedone Nestorovski e dall’altra il colombiano Luis Muriel. Entrambi in questa stagione hanno segnato nove gol e ovviamente sono ben lontani dalla testa dove ci sono Gonzalo Higuain ed Edin Dzeko a diciannove. Nonostante questo sarà interessante vedere chi potrà vincere questo duello con soprattutto Nestorovski che ha stupito tutti quelli che non lo conoscevano. Il macedonoe infatti con l’Inter Zapresic è stato per tre anni di fila il capocannoniere della categoria dove ha giocato. Nella seconda Liga ha concluso le stagioni 2013/14 e 2014/15 rispettivamente con venti e ventiquattro reti. Il vero salto di qualità è arrivato l’anno scorso quando con una squadra neopromossa nella massima categoria ha comunque vinto la classifica dei capocannonieri. Dall’altra parte c’è Luis Muriel che è molto vicino al suo record personale di reti in un campionato di Serie A che risale alla stagione 2012/13 quando a Udine ne fece undici.

Nella classifica dei marcatori di Serie A può fare un bel balzo in avanti Marco Borriello che fino a quesot momento ha segnato dieci reti. L’attaccante campano potrebbe sfruttare il fattore Crotone, squadra che fino a questo momento di certo non ha dimostrato una difesa imperforabile. Servirà quindi una prestazione ad alto livello per un attaccante dotato di grande spessore fisico e anche di intensità sotto porta. Il bomber del Cagliari inoltre spera di ottenere un risultato importante e magari battere il suo record in Serie A. Questo risale alla stagione 2007/08 quando siglò con la maglia del Genoa diciannove reti meritandosi il ritorno al Milan dove dopo un anno difficile riuscì a seegnare quattordici reti. Dopo quel momento i suoi migliori risultati sono arrivati con gli undici gol con la Roma del 2010/11 e i dodici ancora al Genoa nel 2012/13. Dopo alcune stagioni di anonimato in cui si pensava che il calciatore fosse arrivato alla fine della sua carriera quest’anno Borriello è tornato a segnare con regolarità e quest’anno può togliersi davvero molte soddisfazioni anche se il titolo di capocannoniere è lontano nove reti e vede tantissimi avversari sulla sua strada.

Nella classifica dei marcatori della Serie A ci sono anche i cosiddetti outsider. Tra questi non può mancare l’attaccante della Lazio Ciro Immobile che con i suoi tredici gol è a sei dalla testa condivisa al momento da Gonzalo Higuain della Juventus (che ieri è andato in bianco) ed Edin Dzeko della Roma. Nonostante questo non si può dire che il calciatore biancoceleste non stia disputando una grande stagione e nella gara di oggi Lazio-Udinese potrebbe aumentare le sue segnature in stagione anche perchè ieri non hanno segnato né Dres Mertens, a sedici, né proprio il Pipita. Nella banda degli outsider ci sono anche due sorprese. Il primo è un bomber consolidato nella nostra Serie A e cioè quel Marco Borriello che oggi in Crotone-Cagliari è considerato uno dei papabili a fare gol. L’altro invece è una sorpresa e cioè Giovanni Simeone del Genoa. Proprio dal figlio del Cholo inizierà il nuovo assetto della squadra di Andrea Mandorlini subentrato in settimana a Ivan Juric. Staremo a vedere chi riuscirà a segnare senza scordarsi di Carlos Bacca attardato a otto reti e oggi in campo in Sassuolo-Milan dopo il no all’offerta faraonica dei cinesi.

Riparte oggi il duello per il titolo di capocannoniere della Serie A, la cui classifica marcatori vede appaiati al primo posto Gonzalo Higuain ed Edin Dzeko. Questa sera dunque il Pipita potrebbe tentare lallungo sul bosniaco in un turno che sulla carta è favorevole ad Higuain e più in generale alla Juventus piuttosto che a Dzeko e alla Roma. I campioni dItalia infatti giocano in casa contro lEmpoli e, pur ricordando che i toscani hanno la difesa migliore fra le pericolanti, appare evidente che non è un impegno molto difficile sulla carta per gli uomini di Massimiliano Allegri. La Roma invece è attesa domani sera dalla partita di cartello dellintera giornata, la trasferta a San Siro contro lInter pur priva di Miranda in difesa (il brasiliano non aveva saltato nemmeno un minuto in tutto il campionato), ma che recupera Mauro Icardi in attacco. Il capitano nerazzurro ha un po perso il passo a causa delle due giornate di squalifica ed è fermo a quota 15 gol, ma naturalmente non ci sarebbe per lui modo migliore di rimettersi in azione che risultare decisivo nella grande sfida, a livello di squadra e anche personale per il duello appunto con Dzeko.

Il primo fra i grandi bomber del campionato a scendere in campo sarà però Dries Mertens, che alle ore 18.00 di oggi è atteso da uno stuzzicante Napoli-Atalanta, imprevedibile (ad inizio campionato) scontro per le posizioni di classifica che più contano. Per il belga, diventato falso 9 in corso dopera per necessità, sono già 16 i gol segnati in questa Serie A 2016-2017: rispetto agli altri nomi sin qui citati Martens non ha il pedigree del bomber di razza, ma sarebbe un errore sottovalutarlo. Se Mertens scenderà in campo fra pochissimo, bisognerà invece aspettare il posticipo di lunedì sera Fiorentina-Torino per vedere allopera Andrea Belotti, la punta granata che con 17 gol segnati finora è il primo inseguitore della coppia Higuain-Dzeko, rinverdendo gli antichi fasti dei centravanti granata che hanno fatto la storia del calcio italiano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori