IL FIGLIO DI PELE’/ Il primogenito di O’Rei condannato a 12 anni e 10 mesi per traffico di droga

- La Redazione

Figlio Pelè, l’erede dell’ex calciatore brasiliano finisce in carcere con una pena di 12 anni e 10 mesi per traffico di droga, decisione della Corte di giustizia di San Paolo in Brasile.

edson_pele
Pelè, Foto La Presse

Arriva una notizia piuttosto imbarazzante per una delle leggende del calcio Pelè. Infatti suo figlio Edson Cholbi Nascimento, noto come Edinho, è finito in carcere con una condanna a dodici anni e dieci mesi per traffico di droga. La decisione è arrivata dalla Corte di giustizia dello stato di San Paolo in brasile. La condanna è stata ridotta rispetto ai trentatré anni che erano stati inizialmente previsti. In attesa della decisione della corte Edinho, figlio maggiore di Pelè, era libero. La vicenda in questione risale ad oltre dieci anni fa, era stato infatti accusato di traffico di droga addirittura nel 2015. Era stato arrestato insieme ad altre diciassette persone e tra i capi d’accusa c’era anche riciclaggio di denaro. La notizia sicuramente devasta Pelè anche perchè Edinho è il figlio maggiore dei sette che ha avuto nella sua vita e per questo avrebbe sempre e comunque dovuto portare l’esempio.

Edinho, primo figlio di Pelè, è stato arrestato con una condanna di traffico di droga e riciclaggio di denaro a dodici anni e dieci mesi di carcere. Edson Cholbi Nascimento è stato calciatore e anche allenatore. Nato a Santos il 27 agosto 1970 il ragazzo ha conosciuto il padre solo quando aveva diciotto anni. La sua carriera ad alti livelli inizia nel Santos nella stagione 1990/91, dopo non aver praticamente mai giocato viene girato prima al Portoguesa Santista e poi al Sao Caetano per tornare al Santos nel 1994 dove rimane per quattro anni giocando da secondo portiere. Chiude la carriera da giocatore nel 1998 al Ponte Preta. La vita da allenatore invece inizia nel 2015 quando guida il Mogi Mirim per poi andare all’Agua Santo l’anno dopo. Nel 2007 invece è stato l’allenatore dei portieri del Santos.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori