Moviola Serie A/ Pieri: Rigore di Bacca? Basta stare attenti. Inter-Roma? Ecco cosa penso (esclusiva)

- int. Tiziano Pieri

Moviola Serie A, 26^ giornata: intervista esclusiva a Tiziano Pieri sugli episodi salienti del turno nel massimo campionato, in particolare su quanto accaduto al Mapei Stadium e al Meazza.

nestorovski_palermo_arbitro
Foto LaPresse

Giornata ricca di polemiche la 26esima di Serie A. Si parte sabato alle 18 da Napoli dove la squadra di Sarri ospita la più bell’Atalanta degli ultimi 30 anni. La squadra di Gasperini non smette di stupire violando il San Paolo grazie alla doppietta di Caldara. Alle 20:45 è il turno della Juventus, impegnata in casa contro l’Empoli. Anche in questo caso il risultato è 2-0 ma per la squadra di casa. Decidono l’autogol di Skorupski e la rete di Alex Sandro. Alle 12:30 il Palermo non riesce ad approfittare della sconfitta dei rivali nella corsa alla salvezza pareggiando 1-1 in casa contro la Sampdoria. Più tardi falliranno l’appuntamento con i punti anche Pescara e Crotone. Nel pomeriggio vittorie preziose per Milan e Lazio, impegnate nella corsa all’Europa League. I rossoneri vincono al Mapei Stadium grazie a un contestatissimo rigore assegnata a Bacca. Anche per la Lazio penalty con polemiche annesse, che conquista e realizza Ciro Immobile. Al Ferraris Mandorlini esordisce con un pareggio sulla panchina del Genoa. In serata si accendono i riflettori al Meazza per una classica del campionato italiano: Inter-Roma. Trionfo dei giallorossi. La squadra di Spalletti va sullo 0-2 grazie a una doppietta di Nainggolan, subisce il ritorno dell’Inter che accorcia con Icardi, ma trova il gol che chiude la gara su rigore grazie a Dzeko. Dal dischetto Perotti sigla la rete del definitivo 1-3. Fiorentina-Torino, gara in programma alle 20:45 chiude il programma del match e che termina 2-2. Tante polemiche durante quest’ultimo turno di campionato, non solo a Reggio Emilia e Roma. Per analizzare le prestazioni degli arbitri ilsussidiario.net ha intervistato Tiziano Pieri, ex arbitro di Serie A.
Buonasera, partirei con Sassuolo – Milan, arbitro Calvarese. Come giudica la sua prestazione?  Io dico sempre che gli episodi non possono determinare la prestazione ma quando commetti così tanti errori durante una partita è impossibile prendere la sufficienza.  
Andiamo con ordine: Berardi ammonito per una simulazione alquanto dubbia, che ne pensa?  In quel caso il contatto c’è. Vangioni entra in ritardo. Berardi accentua la caduta ed è vero che questo potrebbe aver tratto in inganno l’arbitro ma resta un errore piuttosto grave.
Poco dopo arriva il rigore per il Sassuolo. Contatto Duncan – Kucka, decisione corretta?  Sì, Duncan è stato molto bravo a prendere il tempo dopo una serie di trattenute con l’avversario. La trattenuto dello slovacco è quella decisiva per cui giusto fischiare la massima punizione. Il rigore è stato poi fallito ma sarebbe stato dovuto ripetere perché in area c’erano troppi uomini. Stessa cosa che capita poco dopo quando il rigore viene assegnato al Milan. Anche in quel caso il rigore era da ripetere.
Se ne parla molto di questo tipo di irregolarità, gli arbitri dovrebbero fare più attenzione in casi del genere…  Basterebbe fare prevenzione. Basterebbe spiegare ai giocatori che chiaramente la regola sarà applicata. Così facendo i giocatori capiscono. Direi che è arrivato il momento di prestare più attenzione. Serve maggior prevenzione, maggior attivismo da parte degli arbitri. Basta poco.
Il rigore per il Milan? C’era? Secondo me sì. Però andava ripetuto per l’ingresso dei giocatori in area. In più c’è stato un doppio tocco di Bacca al momento dell’esecuzione. Il regolamento parla chiaro: gol annullato e punizione per il Sassuolo. Su questo episodio, forse vado controcorrente, ma assolverei Calvarese. L’occhio umano difficilmente lo può notare.
Non se ne accorse neanche Collina, in un Roma-Napoli del 1993… Esatto. Abbiamo avuto bisogno di 4 replay pure noi da casa per accorgerci che erano due i tocchi. Ci sono state vibranti proteste dei giocatori del Sassuolo, vero, ma un arbitro non può cambiare decisione su qualcosa che non ha visto.
Ultimo giallo a Reggio Emilia: il contatto tra Paletta e Politano in area rossonera. Che ne pensa? Forse l’errore più grande di Calvarese in questa partita. Era rigore.
Altra partita ricca di polemiche, Inter-Roma con arbitro Tagliavento. Subito proteste per l’ammonizione a Perisic per comportamento antisportivo, decisione ineccepibile? Il regolamento parla chiaro: portarsi il pallone sulla testa per effettuare un retropassaggio verso il portiere rientra nel comportamento anti-sportivo. Attenzione, in molti hanno incolpato Handanovic che avrebbe dovuto “salvare” il compagno ma sarebbe stato inutile. Anche il tentato comportamento antisportivo viene sanzionato con l’ammonizione e la punizione.
Proteste Inter per un contatto Strootman-Eder in area giallorossa. Tagliavento ha preso la decisione corretta? No. Era rigore. L’arbitro è forse stato ingannato dal tentato colpo di tacco di Eder. Resta comunque un errore grave.
Sullo 0-2 della Roma, la discesa vincente di Nainggolan è viziata da un fallo su Gagliardini? Il fallo c’è. In questo caso è stato un errore grave. In quei casi una spinta, seppur leggera, risulta decisiva mandando l’avversario fuori tempo. Per cui direi che il fallo in questione andava fischiato.
Rigore per la Roma invece abbastanza netto… Sì sì. Medel entra fuori tempo, rigore solare.
Positiva invece la direzione di Pairetto in Lazio-Udinese. Sì, sono d’accordo. Penso che Pairetto e Maresca siano tra i giovani arbitri migliori in Serie A. Negli ultimi anni l’AIA non ha avuto molto fortuna con i giovani. Ora il tempo dirà se questi due potranno avere una brillante carriera davanti. Tecnicamente sono molto preparati.
Rigore contestatissimo in Lazio-Udinese ma alla fine i replay hanno mostrato che il tocco di mano c’è stato. Era rigore? L’addizionale Saia è stato molto bravo. Immobile ha stoppato palla ma Adnan con la mano gli ha fatto perdere il contatto con il pallone impedendogli il tiro. Decisione comunque difficilissima da prendere.
Positiva pure le prestazioni di Rocchi e Orsato in Genoa-Bologna e Crotone-Cagliari. Rocchi ormai non ne sbaglia una. Quest’anno gli stanno affidando pochi big match ma resta una garanzia. Ha nel mirino i Mondiali del 2018 e se continua così ci arriva di sicuro. Anche Orsato molto bravo. In questo tipo di partite gli arbitri di livello hanno tutto da perdere ma loro con una passione superiore alla media non sbagliano un colpo. (Francesco Davide Zaza)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori