DIRETTA/ Verona-Benevento (risultato finale 2-2) info streaming video e tv: Romulo! Pareggio scaligero su rigore (Serie B 2017, oggi)

- La Redazione

Diretta Verona-Benevento: info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario, risultato live. La partita di Serie B è in programma venerdì 3 febbraio 2017

Pazzini_Verona_esultanza
Pazzini quest'anno è già andato a segno 17 volte (Lapresse)

Pecchia dopo aver perso Pazzini per espulsione inserisce un altro attaccante. Si tratta di Juanito Gomez, subentrato al posto di Fossati. L’argentino viene subito cercato in area ma il filtrante è impreciso e termina tra le braccia di Cragno. Il Verona alza il proprio baricentro spingendo il Benevento nella propria area. La squadra ospite si difende con tutti gli effettivi in campo coprendo tutti dietro la palla. Pecchia inserisce anche un altro attaccante: dentro Cappelluzzo al posto di Eros Pisano. Tra le fila giallorosse entra invece Matera. Gli cede il posto Ciciretti. All’89esimo ingenuità clamorosa di Venuti. Il terzino del Beneventi falcia in area Souprayen causando rigore e prendendosi una sacrosanta ammonizione. Dal dischetto Romulo spiazza Cragno siglando il gol del pari. Il Benevento sostituisce proprio Venuti, inserendo Gyamfi. Nei minuti di recupero il Verona ci prova ma non riesce a rendersi pericoloso. Termina 2-2.

Luppi riceve in area da Pisano e di tacco cerca Souprayen in inserimento alle sue spalle. Ciciretti in versione tornante recupera un pallone importantissimo. Poco dopo il Verona va vicino al gol con Bessa. Il brasiliano trova lo spazio per concludere in area ma il suo tentativo termina fuori di poco. Pecchia effettua il primo cambio: entra Siligardi, esce Luppi. Al 72esimo Karamoko Cissè, in procinto di essere sostituito da Melara, viene ammonito per reciproche scorrettezze assieme a Pisano. L’assistente indica il comportamento aggressivo di Cissè nei suoi confronti e Abisso lo espelle. Baroni infuriato protesta e viene espulso pure lui. Melara alla fine riesce a entrare ma sostituisce Falco. Benevento in inferiorità numerica a un quarto d’ora dalla fine del match. Dopo 5 minuti subito ristabilita la parità numerica. Abisso esibisce il cartellino rosso diretto a Pazzini, reo di aver colpito Cragno in uscita bassa in maniera violenta. Decisione molto dubbia.

Nessuna sostituzione, nè da una parte nè dall’altra, al ritorno dagli spogliatoi. In campo per il secondo tempo gli stessi 22 di inizio gara. Ritmo piuttosto basso in questa fase del match. Falco trova uno spiraglio per servire Ceravolo ma la punta ex Reggina e AlbinoLeffe conclude senza crederci più di tanto appena arrivato sul limite dell’area. Nicolas blocca senza particolari problemi. Il Verona invece si appoggia per lo più su Bessa. Il centrocampista si allarga sulla destra e sulla sinistra senza dare punti di riferimento. I suoi movimenti provocano in 3 minuti 2 corner e 1 cross in area. Stesso lavoro dall’altra parte per Falco. Il 20 in divisa bianca cerca meno il filtrante rispetto all’avversario cercando di far circolare palla, maggiormente in orizzontale. Da sottolineare anche l’ottima prestazione di Chibsah: davvero tanti i palloni recuperati in mezzo al campo dall’ex Juventus.

Errore clamoroso della difesa del Verona in occasione del gol di Lucioni. I gialloblù stavano difendendo a zona su calcio piazzato e i due centrali, Bianchetti e Caracciolo, si sono persi l’avversario più pericoloso sulle palle aeree, Lucioni. Dopo il gol subito i gialloblù fanno circolare palla. Pazzini è il più dinamico là davanti. Pisano lo trova con un cross basso ma il tiro che segue è leggermente impreciso. Qualche istante dopo è Pazzini a sfornare un assist. Destinatario Bessa ma anche questa volta la conclusione termina sui tabelloni pubblicitari. Souprayen e Romulo ci provano da posizione angolata ma nemmeno loro riescono a impensierire Cragno. I giallorossi si chiudono bene provando a non abbassarsi eccessivamente, come richiesto continuamente da Baroni. Nei minuti finali il Verona molla la presa attendendo l’intervallo per riorganizzare le idee. Fine primo tempo al Bentegodi.

Dopo lo svantaggio la squadra di Pecchia non riesce a reagire. I gialloblù manovrano a lungo cercando un’idea ma il lungo possesso palla non garantisce occasioni da gol. Il Benevento d’altro canto non si scompone rimanendo stretto e compatto, specie quando è in fase di possesso. Il Verona perde molti palloni nella trequarti avversaria ma insiste e al 20esimo trova il pareggio. Zuculini spinge sulla trequarti consegnando palla a Bessa. Tocco per Souprayen sulla sinistra, cross basso e teso per Luppi che in spaccata anticipa tutti e supera Cragno. Il Verona rialza la testa e poco dopo sfiora il gol del sorpasso. Pazzini libera Bessa in area. L’ex Como ci prova con un pallonetto che supera Cragno ma non trova lo specchio. Al 25esimo rete annullata al Benevento. Ciciretti trova Ceravolo che in area, spalle alla porta, scarica per Cissè. Bomba, palo e gol ma l’arbitro ferma tutto per un fuorigioco dubbio di Ceravolo. Poco importa perchè dopo 2 minuti il Benevento passa nuovamente in vantaggio. Cross in area di Falco da calcio piazzato, la difesa del Verona dorme e Lucioni in spaccata riporta in vantaggio i giallorossi.

Pecchia schiera i gialloblù con il 4-2-3-1. Tra i pali Nicolas, linea difensiva composta da Pisano, Caracciolo, Bianchetti e Souprayen mentre in mediana ci sono Fossati e Bruno Zuculini. La zona offensiva vede impegnati Romulo, Bessa e Luppi in supporto di Pazzini, unica punta. Baroni risponde con un modulo speculare. Cragno è protetto da Venuti, Camporese, Lucioni e Pezzi. In mediana ci sono Chibsah e Nicolas Viola mentre in avanti il trio Ciciretti-Falco-Cissè è pronto a rifornire Ceravolo. Dirige lincontro il signor Rosario Abisso, arbitro iscritto alla sezione AIA di Palermo. Assistenti di linea Bottegoni e Baccini, quarto uomo Mainardi. Ciciretti trova una punizione dalla destra dopo pochi secondi. Falco crossa verso il secondo palo, Nicolas c’è e blocca la sfera. Sul ribaltamento di fronte Romulo trova l’occasione giusta per sbloccare il risultato ma si fa sorprendere in fuorigioco. Qualche minuto dopo ci prova Pazzini girando verso la porta un cross errato dalla sinistra. La palla non esce di molto. Arriva intanto il primo cartellino giallo del match. Se lo prende Fossati per fallo su Ciciretti. Al decimo ospiti in vantaggio con Karamoko Cissè. Il guineano si allarga sulla destra supera Bianchetti e Souprayen e punisce sul primo palo Nicolas. Che inizio.

Verona-Benevento sta per cominciare: impensabile ad inizio stagione, ma lanticipo della 24^ giornata di Serie B sarà un vero e proprio big-match fra la capolista e la quarta in classifica. Piatto dunque ricchissimo allo stadio Marcantonio Bentegodi, dove sono già state comunicate le formazioni ufficiali delle due squadre. Fabio Pecchia si affida ad un modulo 4-3-3 con il tridente dattacco composto da Luppi, Pazzini punta centrale e Bessa per il suo Verona; Marco Baroni, artefice del Benevento rivelazione, si affida invece al 4-2-3-1 nel quale ad agire in appoggio al centravanti Ceravolo ci saranno Cictiretti, Falco e Cissè. Le premesse per una partita divertente e di ottimo livello ci sono tutte, dunque adesso non ci resta altro da fare che cedere la parola al campo: il fischio dinizio di Verona-Benevento è ormai imminente! HELLAS VERONA (4-3-3): Nicolas; Pisano, Caracciolo, Bianchetti, Souprayen; Romulo, Fossati, Zuculini B.; Luppi, Pazzini, Bessa. A disposizione: Coppola, Boldor, Troianiello, Zuculini F., Zaccagni, Gomez, Cappelluzzo, Siligardi, Ferrari. Allenatore: Fabio Pecchia. BENEVENTO (4-2-3-1): Cragno; Venuti, Camporese, Lucioni, Pezzi; Chibsah, Viola; Ciciretti, Falco, Cissè; Ceravolo. A disposizione: Gori, Lopez, Melara, Pajac, Padella, Bagadur, Gyamfi, Donnarumma, Matera. Allenatore: Marco Baroni.

Il big match di giornata in serie B andrà in scena al Bentegodi di Verona, dove i padroni di casa ospitano il Benevento nellanticipo del venerdì sera. La formazione scaligera vuole vincere contro una diretta concorrente per il primo posto. Sanniti che già all’andata, nell’unico precedente tra le due squadre, hanno fatto male ai veronesi. Il risultato fu di 2-0 grazie alle reti di Falco e Ciciretti, punteggio allora a sensazione in favore di una squadra che mai aveva militato in Serie B contro il Verona, appena retrocesso dalla Serie A e con un passato glorioso, compreso uno scudetto. Così si spiega lassenza di precedenti: il Verona praticamente sempre nella sua storia è stato in categorie superiori rispetto al Benevento. Dunque questa sera è attesa la rivincita da parte del Verona, che comunque avrà di fronte un Benevento agguerrito sportivamente parlando e pronto a vendere cara la pelle per conquistare punti per continuare a sognare in grande come i sanniti sono autorizzati a fare dopo lottima stagione fin qui disputata. 

Fida interessante per la parte alta della classifica si gioca al Bentegodi in Verona-Benevento. Tra i padroni di casa il protagonista assoluto è sempre e solo Giampaolo Pazzini, attaccante di un’altra categoria che la zampata ce la mette sempre. Il giocatore in questione può fare gol in ogni momento, grazie a una fisicità importante e alla possibilità di buttarla sempre dentro in qualsiasi momento della partita anche grazie a due attaccanti esterni che lo sostengono sempre. Dall’altra parte invece attenzione al nuovo arrivo Nicolas Viola. Proprio nell’ultimo giorno di calciomercato il club campano è andato a prendere questo regista di centrocampo dal Novara e staremo a vedere se potrà debuttare già oggi. E’ un centrocampista dotato di un ottimo spunto in mezzo al campo, grazie a una tecnica che lo eleva a giocatore dal più alto tasso tecnico della categoria. Nato come un trequartista a Reggio Calabria fu arretrato in cabina di regia e l’accostamento con Andrea Pirlo fu immediato nonostante poi il calciatore non sarebbe riuscito mai a raggiungere i livelli del calciatore ex Juventus e Milan.

Verona-Benevento, una delle partite più interessanti nella giornata di Serie B, sarà anche una bella sfida tra due bomber datati ma ancora in grado di fare la differenza. Giampaolo Pazzini è un lusso per la Serie B: lattaccante del Verona guida indisturbato la classifica dei marcatori con 17 gol, uno che ha giocato tantissime partite in Serie A ed è stato protagonista anche in Champions League può fare la differenza al piano di sotto. Rapidissimo adattamento alla categoria, le sue 17 reti sono arrivate in sole 19 partite; sono invece 21 quelle giocate da Fabio Ceravolo, che non è mai stato un cannoniere nel vero senso del termine ma con la maglia del Benevento si è ritagliato un bel ruolo in questo senso. La sua doppietta al Carpi lo ha fatto salire a quota 8; sono soltanto tre nelle ultime nove partite giocate, ma come abbiamo imparato in questo campionato il Benevento è una squadra che sa andare in gol con tanti giocatori e dunque le otto marcature di Ceravolo sono potenzialmente importanti come quelle di un bomber costantemente in doppia cifra. 

Allo Stadio Bentegodi si gioca la sfida Verona-Benevento tra le squadre di Fabio Pecchia e Marco Baroni. tra i calciatori che hanno la migliore media di rendimento c’è il portiere dei giallorossi Alessio Cragno autentica rivelazione di questa stagione e primo nella classifica IVG riportata dal sito ufficiale della Lega di Serie B. Attenzione anche al grande rendimento di Samuel Souprayen che in difesa per queste caratteristiche è secondo solo ad Alessandro Tuia ed è un terzino sinistro dalle spiccate doti offensive ma bravo anche nella fase difensiva. In mezzo al campo spicca invece Marco Ezio Fossati che è terzo dietro Manuel Iori e Michele Troiano. Fossati è un calciatore tecnico e dotato di grande fisico, oltre a una capacità importante nel gestire le risorse della squadra. Davanti invece nonostante Giampaolo Pazzini sia in cima alla lista dei marcatori dietro davanti a lui nella classifica troviamo Filippo Falco che però potrebbe rimanere fuori in questa partita.

La partita di Serie B tra Verona e Benevento, che apre la 24^giornata di Serie B, sarà diretta dallarbitro Rosario Abisso della sezione di Palermo. Ad assisterlo i guardalinee Bottcgoni e Baccini e il quarto uomo Mainardi. Nato il 22 novembre 1985, larbitro Abisso è sceso in campo già 14 volte in questa stagione: l11 settembre scorso ha diretto un match di Serie A, quello tra Bologna e Cagliari terminato 2-1 con anche un cartellino rosso, allindirizzo del portiere ospite Marco Storari. In Serie B invece, il fischietto siciliano ha cominciato arbitrando proprio il Benevento, nel match casalingo contro la SPAL della prima giornata: risultato finale 2-0 per i campani, che beneficiarono di un calcio di rigore in occasione del primo gol. Nel prosieguo Abisso ha incontrato ancora una volta il Benevento, il 13 novembre e sempre allo stadio Ciro Svigorito: avversario il Cittadella ed altra vittoria giallorossa, stavolta per 1-0. Non si registrano invece precedenti con lHellas Verona.

Dall’arbitro Rosario Abisso della sezione di Palermo inaugurerà il programma della 24^ giornata del campionato 2016-2017 di Serie B, il calcio d’inizio è fissato per le ore 20.30 di venerdì 3 febbraio 2017, teatro della sfida tra le due formazioni sarà lo Stadio Marcantonio Bentegodi del capoluogo scaligero e si tratterà di un antipasto davvero succoso, nonché del match più importante di questo turno che vede la capolista sfidare una delle rivelazioni di questo torneo cadetto. Il Verona di Pecchia sembra aver ritrovato fiducia nei propri mezzi grazie all’ultima vittoria ottenuta nella gara contro la Salernitana, che gli ha consentito di mantenere la vetta della classifica e di consolidare il proprio primato approfittando del rallentamento della SPAL, costretta al pari dal Vicenza e scavalcata dal Frosinone. 

La squadra scaligera quest’anno non può assolutamente fare a meno dei gol e delle giocate di Giampaolo Pazzini, autore di diciassette gol in stagione e capocannoniere incontrastato della Serie B, quando lui è a pieno regime tutta la squadra in generale gioca meglio e si esprime al massimo delle proprie potenzialità. Adesso il Verona dovrà ritrovare quella continuità di risultati che gli consentirebbe di costruirsi un buon margine di sicurezza sulle altre pretendenti alla promozione, se l’anno scorso Cagliari e Crotone erano riuscite a staccarsi dal gruppo e a guardare tutte le altre squadre dall’alto in basso, in questa stagione c’è molto più equilibrio.

Le tre retrocesse (Verona, Frosinone e Carpi) non stanno ammazzando il campionato come si pensava alla vigilia, e tre neopromosse su quattro non hanno minimamente accusato il salto di categoria e anzi si stanno proponendo come tra le candidate più credibili a giocarsi quantomeno i playoff, salvo repentini crolli nel girone di ritorno.

Dall’altra parte abbiamo un Benevento che vuole continuare a stupire e a lasciare tutti a bocca aperta: con il 3 a 0 rifilato al Carpi, il tecnico Marco Baroni ha voluto ribadire una volta per tutte che la sua squadra non è affatto un fuoco di paglia e che con la rosa che si ritrova a disposizione vuole andare fino in fondo sperando di compiere un miracolo sportivo che fino a qualche anno fa sembrava pura utopia. Del resto la formazione campana sembra ben attrezzata, tra tutti gli elementi spiccano sicuramente il bomber Ceravolo e soprattutto Amato Ciciretti che sta dimostrando di avere la stoffa per diventare un grande calciatore e già dall’anno prossimo non ci sarebbe nulla di strano a vederlo giocare in Serie A. Sarà dunque una partita assolutamente da non perdere che vedrà di fronte due squadre tra le migliori della Serie B.

Per quanto riguarda le probabili formazioni, quasi sicuramente Pecchia confermerà il 4-3-3 che si sta rivelando il modulo migliore per questo Verona: tra i pali confermatissima la presenza di Nicolas, davanti a lui la linea difensiva composta da Caracciolo, Pisano, Souprayen e Boldor; a centrocampo Fossati e Romulo non dovrebbero avere problemi a rimediare una maglia da titolare, mentre ci sarà il ballottaggio tra i due fratelli Zuculini, Bruno e Franco; in avanti, Pazzini sarà supportato da Siligardi e Bessa. Il Benevento dovrebbe scendere in campo con un 4-2-3-1: a difendere la porta ci sarà come al solito Cragno, in difesa spazio a Pezzi, Lucioni, Camporese e Venuti; Chibash e Pinto comporranno la linea mediana schierandosi dietro ai trequartisti Ciciretti, Falco e Gyamfi, con Ceravolo unica (e indiscussa) punta.

Le agenzie di scommesse on-line danno il Verona per favorito: su Bet365 l’1 dei padroni di casa viene dato a 1,73; PaddyPower offre invece una quota di 3,60 per l’X; Unibet ha fissato a 5,20 la posta in palio per il 2 degli ospiti. I bookmaker non intendono sbilanciarsi sul numero di gol: Unibet paga 1,98 la giocata Over, Bet365 propone una quota di 1,85 per l’Under.

Verona-Benevento sarà trasmessa in diretta tv su Sky Sport, che detiene in esclusiva i diritti del campionato di Serie B fino al 2018. Appuntamento sui canali 201, 206 e 251 in alta definizione per il kick-off in programma alle ore 20.30, con la possibilità di assistere all’anticipo anche sui dispositivi mobili in diretta streaming video grazie a Sky Go, con l’omonima app installabile su smartphone e tablet, oppure tramite browser raggiungibile all’indirizzo skygo.sky.it. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori