DIRETTA / Atalanta-Cagliari (risultato finale 2-0) info streaming video tv: Cala il sipario! Atalanta a quota 42 punti (oggi Serie A 2017)

- La Redazione

Diretta Atalanta-Cagliari info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario e risultato live delal partita di Serie A per la 23^ giornata (oggi 5 febbraio 2017)

KessieAtalanta2016
Diretta Atalanta Pescara, LaPresse

Dopo 5 mesi di stop per infortunio si rivede in campo Ionita. L’ex Verona prende il posto di Ceppitelli. Il Cagliari non riesce a tirare mai in porta nemmeno in questi ultimi minuti di gara. Cristante si inserisce bene in area sfruttando il movimento a proporsi di Petagna. Il tiro del centrocampista viene però respinto da Rafel. Sulla ribattuta ci prova Kurtic ma Miangue salva in scivolata. Tra le fila nerazzurre ammoniti Kurtic e Spinazzola. Nei minuti finali Gasperini fa esordire Mounier. Al suo posto esce Alejandro “Papu” Gomez raccogliendo il giusto tributo dell’intero stadio. Nei minuti finali il Cagliari rinuncia al possesso lasciando l’iniziativa ai padroni di casa. Petagna se ne va con potenza in area. Supera due avversari e conclude ma Rafael si allunga e gli nega la gioia del gol. Finisce 2-0 all’Atleti Azzurri d’Italia. Ennesima vittoria per la squadra di Gasperini, sesta in classifica e in piena lotta per un posto in Europa League.

Anche per l’Atalanta arriva il primo cartellino giallo di giornata, se lo guadagna Andrea Masiello, comunque non diffidato. Gasperini forse per dare un segnale alla squadra, a suo dire troppo rilassata nella fase iniziale del secondo tempo, toglie proprio Masiello. Al suo posto Zukanovic. Barella intanto viene ammonito per impedire un contropiede nato dall’ennesimo errore di Isla. Anche Rastelli effettua una sostituzione: esce Dessena, entra Miangue. Esordio con la maglia del Cagliari per il difensore belga, scuola Inter. L’Atalanta propone un possesso palla non troppo preciso. L’intenzione è quella di attirare il Cagliari sulla destra così da liberare el Papu con cambi repentini di fascia. Raramente il piano viene eseguito alla perfezione. La partita viaggia su ritmi bassi. Gli orobici provano a pungere in contropiede ma Kessie e Petagna non si intendono. Altri cambi intanto. Per il Cagliari esce Capuano ed entra Serra, per i nerazzurri dentro Cristante, fuori Kessie.

Squadre di nuovo in campo all’Atleti Azzurri d’Italia. Nessuna sostituzione effettuata dagli allenatori, in campo tornano gli stessi 22 di inizio gara. Conti cerca subito uno spiraglio movimentando Petagna sulla fascia. Cross in area ma Rafael in due tempi riesce a bloccare. Il Cagliari prova a colpire ma rischia di subire in contropiede. Gomez cerca Spinazzola sulla sinistra. L’esterno cerca il cross ma non riesce a effettuarlo prima che la palla superi la linea di fondo. I sardi fanno girare palla cercando spazi in avanti. Al 52esimo i nerazzurri si fanno sorprendere scoperti: Di Gennaro verticalizza per Borriello che si allarga a sinistra e crossa verso il secondo palo. L’azione prosegue e il Cagliari guadagna un corner. Sul cross dalla bandierina nulla di fatto. Gomez invece scalda il pubblico: serie di dribbling nei pressi della lunetta fermata da un fallo di Ceppitelli. Gavillucci estrae il primo cartellino giallo del match per l’ex Bari. Ceppitelli era diffidato e salterà la sfida con la Juve.

Alla mezzora si rivede in avanti il Cagliari. Borriello ci prova di testa su cross dalla sinistra ma il suo tentativo è troppo debole per impensierire Berisha. Per quanto riguarda le azioni offensive dei padroni di casa il regista avanzato non può che essere lui, il Papu Gomez. L’argentino offre l’ennesimo cioccolatino a Petagna che si presenta in area troppo spostato in avanti. Complice anche la pressione di Ceppitelli, la punta ex Milan non riesce a girare in porta. Anche il Cagliari cerca la punta. Tachtsidis la trova con uno scavetto ma Borriello non riesce a concludere al volo. Al 39esimo ancora un’occasione per Petagna. Questa volta l’azione nasce da calcio piazzato, sempre ovviamente dai piedi di Gomez. Cross teso sul limite dove Masiello in tuffo trova Petagna sul secondo palo che ci prova di prima ma non inquadra lo specchio. Fine primo tempo, troppa Atalanta per questo Cagliari.

La pressione degli orobici impedisce al Cagliari di ragionare. La squadra di Rastelli riesce a distendersi mostrando però una certa lentezza palla al piede non riuscendo così a creare i presupposti per il pareggio. Al 16esimo è l’Atalanta a trovare il gol. Petagna trova Gomez sul limite. L’argentino ha tutto il tempo per stoppare, mirare il secondo palo e colpire con un destro a giro preciso. Nono gol in campionato per l’ex Catania. Gli ospiti provano subito a reagire ma rischiano di subire il terzo in contropiede. Kessie apre per Gomez che crossa in area trovando Petagna. Il controllo del centravanti è impreciso e la difesa del Cagliari può liberare l’area. L’Atalanta gioca con assoluta autorità gestendo bene il match mentre la squadra di Rastelli si chiude in difesa. Conti si inserisce frequentemente sulla destra proponendo diversi cross in area. Atalanta in completo controllo della gara.

Gasperini schiera i suoi con il 3-4-1-2. Tra i pali Berisha, trio difensivo composto da Toloi, Caldara e Masiello. Sulla fascia destra Andrea Conti, su quella sinistra Spinazzola. In mezzo al campo Kessie e Freuler mentre Kurtic si dispone tra le linee pronto a inserirsi negli spazi creati da Petagna e Alejandro Gomez. Il Cagliari replica con il 4-3-2-1. Rafael in porta, linea difensiva formata da destra verso sinistra da Pisacane, Ceppitelli, Bruno Alves e Capuano. In mezzo al campo Isla e Tachtsidis affiancano Di Gennaro. In attacco Barella e Dessena in appoggio a Borriello. Dirige lincontro il signor Gavillucci, arbitro iscritto alla sezione AIA di Latina. L’Atalanta passa in vantaggio al primo affondo dopo appena 4 minuti. Gomez recupera palla a centrocampo e serve Spinazzola. L’azione si sviluppa dalla parte opposta, Kurtic serve Conti che crossa basso trovando proprio il Papu che dalla sinistra non sbaglia. Il Cagliari prova a reagire: Tachtisidis verticalizza per Capuano ma il terzino si fa sorprendere in fuorigioco.

Siamo pronti a vivere unappassionante Atalanta-Cagliari: leggiamo quali sono le formazioni ufficiali allAtleti Azzurri dItalia. Atalanta con il solito schema 3-4-1-2 nel quale Gian Piero Gasperini non modifica lattacco, a centrocampo torna titolare Kessie che farà coppia con lo svizzero Freuler, ancora preferito a Grassi. Rafa Toloi vince il ballottaggio con Zukanovic per la difesa; nel Cagliari in emergenza Marco Capuano va a sinistra, modulo con il centrocampo a cinque nel quale Dessena fa di fatto il finto esterno a sinistra, Borriello unica punta perchè oggi bisogna innanzitutto badare a non subire. Calcio dinizio alle ore 15. E. Berisha; A. Masiello, Caldara, Toloi; A. Conti, Freuler, Kessiè, Spinazzola; Kurtic; A. Gomez, Petagna. Allenatore: Gian Piero Gasperini  Rafael A.; Pisacane, Ceppitelli, Bruno Alves, M. Capuano; Isla, D. Di Gennaro, Tachtsidis, Barella, Dessena; Borriello. Allenatore: Massimo Rastelli

Per capire quando potremo vedere gol in Atalanta-Cagliari, partita valida per la 23^ giornata di Serie A, andiamo a vedere in quali momenti delle partite di questo campionato Atalanta e Cagliari segnano e subiscono più gol. Per i nerazzurri il punto forte è il finale, con sette gol segnati fra il 60 e il 75 e altrettanti dal 75 in poi, dunque ben 14 (il 40% del totale) negli ultimi 30 minuti di gioco più recupero. Il momento più critico per la squadra di Gian Piero Gasperini è invece il finale del primo tempo: dal 30 in poi lAtalanta ha subito 6 gol, cioè il 24% delle reti al passivo degli orobici. Anche il Cagliari va forte nei finali di partita, anzi in proporzione pure meglio: otto gol segnati fra il 60 e il 75 e altrettanti dal 75 in poi, dunque ben 16 (il 50% del totale dei sardi) negli ultimi 30 minuti di gioco più recupero. Il problema è che i rossoblù dal 75 in poi ne hanno pure subiti dieci, tanti quanti nei primi 15 minuti della ripresa, dunque nel secondo tempo tanti gol fatti ma anche moltissimi sul groppone per il Cagliari. 

Atalanta si avvicina, dunque nellattesa di questo match andiamo a vedere alcune statistiche relative al cammino di queste due squadre nellattuale campionato di Serie A. In attacco fanno meglio ma di poco i nerazzurri, con 32 gol segnati dai sardi a fronte dei 34 dei bergamaschi, che però sono nettamente migliori in difesa, 25 gol al passivo per lAtalanta contro i 46 del Cagliari. Differenza netta per il numero dei tiri, con lAtalanta che fa molto meglio del Cagliari (241-179), mentre se ci si limita a considerare le conclusioni nello specchio delle porte avversarie, i nerazzurri sono avanti 137-110. Per numero di assist la differenza si riduce: per lAtalanta sono 56, per il Cagliari 51. La squadra di Gian Piero Gasperini è nettamente avanti se si considerano i cross, 146 per lAtalanta contro gli 87 del Cagliari, che non brilla in questo dato. Entrambe le squadre non corrono molto: per il Cagliari 106,504 km percorsi di media in ogni partita, mentre il dato medio dellAtalanta si attesta a 105,766 km, sedicesima mentre il Cagliari è tredicesimo. 

Atalanta-Cagliari è sfida tra due squadre che, partite per salvarsi, hanno già chiuso i conti con il loro obiettivo e ora aspirano a fare anche qualcosa in più. Questo soprattutto grazie ai loro cannonieri: nellAtalanta comanda una coppia, quella formata da Alejandro Gomez e Franck Kessié. Sei gol per entrambi, e per Gian Piero Gasperini è fondamentale aver recuperato il centrocampista ivoriano, tornato dalla Coppa dAfrica. Parlando di gol tuttavia è importante anche il contributo di Andrea Petagna: fermo a lungo a quota 3, lattaccante cresciuto nel Milan ha segnato due gol nellultimo periodo permettendo per esempio alla sua Atalanta di pareggiare contro il Torino. Anche Borriello ha un passato nel Milan, e la squadra rossonera resta quella in cui ha fatto meglio (Genoa permettendo); il bomber partenopeo per una volta non si è trasferito a gennaio (non accadeva da quattro anni), lo scorso anno lo aveva fatto andando a vestire proprio la maglia dellAtalanta, senza però riuscire a incidere come avrebbe voluto. Al Cagliari, per spiccare davvero il volo in classifica, manca il contributo di Marco Sau: appena due gol da settembre a oggi e solo quattro quelli segnati in campionato. 

Atalanta-Cagliari sarà diretta dal signor Claudio Gavillucci della circoscrizione di Latina, che sarà coadiuvato dagli assistenti Meli e Di Ioro, a cui si aggiunge l’addizionale De Pinto. I due assistenti di porta sono invece Mariani e Rapuano. Gavillucci, classe 1979, ha iniziato la sua carriera arbitrale nel 1994 e ha debuttato in Serie A nella stagione 2012/2013. Da allora ha collezionato 27 presenze in massima serie, di cui 9 nel campionato in corso. Qui ha estratto ben 38 cartellini gialli e assegnato 5 calci di rigore. Il fischietto di Latina ha diretto il Cagliari lo scorso 26 settembre: in quell’occasione i sardi vinsero 2-1 contro la Sampdoria. Piccola curiosità: Gavillucci esordì in Serie A arbitrando l’Atlanta: era il 27 aprile 2013 e nella 34^ giornata i bergamaschi pareggiarono 1-1 contro il Bologna. 

L’Atalanta ospita il Cagliari allAtleti Azzurri dItalia e vuole vincere così da mantenere una buona posizione per sognare un posto nell’Europa League. Un’occasione irripetibile e perciò bisogna subito battere il Cagliari che è ormai salvo, aiutandosi anche con uno storico che, riguardante i testa a testa, ci dice che gli isolani hanno sempre avuto vita difficile qui e non vincono da una vita in questo stadio. Nellultimo precedente, due stagioni fa, lAtalanta vinse 2-1 per effetto dei gol di Giuseppe Biava e Mauricio Pinilla (per il Cagliari segnò Dessena), lultimo pareggio è un 1-1 del gennaio 2013 mentre gli isolani hanno festeggiato lultima vittoria a Bergamo addirittura nellottobre del 1991, quando fu un gol di José Herrera a regalare i due punti alla squadra di Carlo Mazzone. Nomi storici in campo quel giorno: da Glenn Stromberg a Claudio Caniggia passando per Pierpaolo Bisoli ed Enzo Francescoli. Tradizione favorevole dunque per la Dea contro il Cagliari; Gian Piero Gasperini vuole mantenerla perché battere la formazione sarda significherebbe fare un altro bel passo avanti verso la conquista di una posizione europea.

Dall’arbitro Gavillucci, si gioca alle ore 15.00 di domenica 5 febbraio allo stadio Atleti Azzurri d’Italia per la 23^ giornata del campionato di Serie A, la prima del mese di febbraio 2017. Da un lato c’è la squadra di Gasperini che nonostante una leggera flessione è sempre ampiamente in corsa per un posto in Europa e che continua a far giocare giovani che sono di sicura prospettiva per il futuro del calcio italiano. Dall’altro c’è il Cagliari di Rastelli, che finora è stato protagonista di un campionato altalenante, ma comunque soddisfacente, visto che la salvezza sembra essere una cosa ormai già acquisita. Rastelli ora chiede ai suoi una inversione di tendenza per quanto riguarda il rendimento lontano dal Sant’Elia, ma contro una Atalanta in caccia di punti per l’Europa non sarà impresa per nulla semplice.

Gasperini può tirare un sospiro di sollievo, visto che il calciomercato è terminato e il solo Gagliardini è partito, lasciando l’Atalanta direzione Inter. Kessie, Petagna e Gomez sono rimasti a Bergamo e il tecnico ex Genoa potrà quindi contare su di loro per la corsa all’Europa. I bergamaschi sono reduci dall’ottimo pareggio ottenuto sul campo del Torino, diretta concorrente per la corsa all’Europa e che aveva bisogno di vincere per riavvicinarsi all’obiettivo.

I bergamaschi hanno giocato una grande partita, riuscendo a raddrizzare il match dopo essere passati in svantaggio. Questo risultato, unito alla vittoria casalinga contro la Sampdoria, ottenuta per 1 a 0 grazie ad un goal di un Gomez sempre più protagonista, ha fatto ripartire l’Atalanta, che con la sconfitta subita fuori casa contro la Lazio aveva ed ha dovuto dire addio al sogno proibito chiamato Champions League. Ora i bergamaschi ricevono il Cagliari e Gasperini vuole un solo risultato, ovvero una vittoria che vorrebbe dire fare un altro fondamentale passo verso una incredibile qualificazione europea.

Anche il Cagliari sta attraversando un buon momento, come testimonia il pareggio strappato al Bologna nell’ultima di campionato: i ragazzi di Rastelli hanno giocato un’ottima partita ed effettivamente la sconfitta sarebbe stata immeritata.

Per fortuna ci ha pensato Borriello in pieno recupero a recuperare il goal di Destro e a dare al Cagliari un buon punto dopo la sconfitta di misura subita all’Olimpico di Roma, al cospetto della squadra di Spalletti, successiva alla grande partita disputata tra le mura amiche contro il Genoa e terminata con un secco e roboante 4 a 1 con, ancora una volta, grande protagonista Marco Borriello. Ora arriva questo difficile match contro l’Atalanta, in cui Rastelli potrà contare su Ibarbo, tornato a sorpresa a vestire la maglia del Cagliari dopo aver girovagato per l’Europa.

Per quanto riguarda i precedenti, fermandosi a quello più recente nel tempo, va detto che all’andata i rossoblu fecero valere il fattore campo, imponendosi con un secco 3 a 0 che non ammise repliche. Ora però le cose sono cambiate e l’Atalanta vuole vendicare quella sconfitta non tanto per le statistiche, quanto per il fatto che i tre punti sono assolutamente prioritari per poter continuare la corsa verso l’Europa League, che è ormai diventato l’obiettivo dichiarato di società, allenatore e squadra. 

Per quanto riguarda i pronostici relativi al match tra i bergamaschi e i sardi, va detto che i primi partono nettamente favoriti, causa l’ottimo gioco espresso e le difficoltà del Cagliari in trasferta. Una vittoria della banda di Gasperini viene infatti quotata dalla Snai ad un bassissimo 1,47, mentre un colpaccio esterno del Cagliari viene pagato decisamente meglio, attestandosi a 7 volte la posta. Anche il pareggio, se si guardano le quote per la vittoria bergamasca, risulta poco probabile: chi dovesse decidere di puntarvi vincerebbe 4,25 volte la cifra giocata.

Atalanta-Cagliari, domenica 5 febbraio 2017 alle ore 15.00, sarà una sfida trasmessa in diretta tv in esclusiva per gli abbonati Sky sul canale 252 (Sky Calcio 2 HD) del satellite. Il sito skygo.sky.it si occuperà invece della diretta streaming video via internet per gli abbonati alla piattaforma satellitare. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori