DIRETTA/ Empoli-Torino (risultato finale 1-1) info streaming video e tv: Un pareggio poco spettacolare al Castellani (oggi Serie A 2017)

- La Redazione

Diretta Empoli-Torino info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario e risultato live delal partita di Serie A per la 23^ giornata (oggi 5 febbraio 2017)

empoli_castellani_bandiere
LaPresse

Si è concluso da pochi minuti l’incontro tra Empoli e Torino sul punteggio di 1 a 1, un pareggio tutto sommato meritato per le due formazioni che, dopo un primo tempo piuttosto piacevole hanno dato vita ad una ripresa tutt’altro che spettacolare, condizionata dalla proibitive condizioni del terreno reso quasi impraticabile dalla copiosa caduta sul Castellani. Dopo il vantaggio firmato dal solito Belotti, il pareggio è stato provocato proprio dall’acqua scesa ad Empoli che ha bloccato il retropassaggio di Ajeti che ha spalancato la porta a Pucciarelli che non si è fatto pregare ed ha segnato a porta vuota dopo aver saltato Hart. La squadra di Mihajlovic ha però avuto la grandissima opportunità di conquistare i tre punti in avvio di ripresa quando un rigore conquistato da Ljajic è stato sprecato da Iago Falque che, dopo aver litigato con Belotti, si è fatto parare il suo tentativo dallo strepitoso Skorupski. Dopo questa occasionissima poche emozioni, la solita girandola di cambi, tanti falli e tanti cartellini fino al liberatorio triplice fischio finale che ha così regalato un punto che per i padroni di casa può essere positivo, mentre gli ospiti hanno da recriminare per due punti persi per l’ennesima volta in trasferta.

Siamo ormai giunti all’80’ della sfida tra Empoli e Torino ed il punteggio ora è di   Al 61′ ottima giocata di El Kaddouri che, dopo essersi liberato sulla sinistra, ha messo al centro un perfetto retropassaggio per Mchedlidze che ha potuto calciare tutto solo da ottima posizione mettendo però incredibilmente fuori dallo specchio della porta granata. Doppia sostituzione del Torino che ha fatto uscire al 69′ Baselli e al 74′ Iago Falque inserendo rispettivamente Obi e Iturbe. Al 79′ cambio anche per i padroni di casa che hanno mandato in campo Zajc al posto dell’esausto El Kaddouri. Ora la partita è certamente condizionata dalle proibitive condizioni del terreno di gioco reso quasi impraticabile dalla battente pioggia caduta al Castellani.

E’ ricominciato da circa dieci minuti il secondo tempo della sfida tra Empoli e Torino col risultato fermo sull’1 a 1 per le reti segnate nel corso dei primi quarantacinque minuti da Belotti e Pucciarelli. La ripresa si è aperta senza sostituzioni e quindi gli allenatori hanno dato fiducia ai ventidue protagonisti che hanno dato vita alla prima frazione di gioco. Al 54′ rigore per il Torino concesso dall’arbitro Di Bello per un intervento falloso di Bellusci che ha steso l’attaccante dopo che era riuscito a saltare due avversari. Dopo un litigio con Belotti, Iago Falque ha calciato facendosi parare il rigore dal portiere polacco che si è tuffato alla grande respingendo il tiro..

Si è concluso da pochissimi minuti il primo tempo della sfida tra Empoli e Torino sul punteggio di 1 a 1, a pareggiare è stato Pucciarelli che ha sfruttato un incredibile retropassaggio di Ajeti che si è fermato a causa di una pozzanghera consentendo al veloce attaccante toscando di avventarsi sul pallone, di saltare Hart e mettere dentro a porta vuota. Incredibile errore del difensore albanese che gioca oggi per la prima volta dal primo minuto. Gli ospiti sono stati raggiunti proprio pochi minuti dopo che avevano sfiorato il pareggio con Ljajic che, aprofittando di un errato retropassaggio avversario, ha potuto calciare tutto solo dal limite dell’area mettendo malamente fuori. Vedremo nella ripresa se la squadra di Mihajlovic riuscirà a reagire

Siamo giunti al 30′ della sfida tra Empoli e Torino valida per la 23^ giornata di Serie A e il risultato è ancora ora di 0 a 1. Al 18′ stupenda azione dell’Empoli avviata da Croce che premia la sovrapposizione di Pasqual sulla corsia di sinistra, il cui del terzino trova Mchedlidze in area di rigore che ha calciato con una spettacolare sforbiciata volante che è finita fuori di poco. Reazione del Torino al 20′ con Ljajic che ha servito in profondità De Silvestri, il cui cross di prima intezione ha pescato appostato sul secondo palo tutto solo Baselli che ha cercato il gol con un colpo di testa che debole è stato bloccato da Skorupski. Al 24′ ancora Empoli vicinissimo al pareggio con Krunic che servito in profondità da Croce, abile nel rubare palla a Belotti, ha calciato da ottima posizione facendosi respingere il tentativo dal reattivo Hart che è uscito prontamente nell’occasione. La partita ora è ricca di emozioni e capovolgimenti di fronte.

Allo Stadio Castellani di Empoli, i padroni di casa stanno affrontando il Torino nella sfida valida per la 23^ giornata di Serie A e, quando la partita è iniziata da circa dieci minuti il risultato è di 0 a 1, è stato il gallo Belotti a sbloccare il risultato all’11 quando sulla punizione di Ljajic è stato bravissimo a segnare con una potente conclusione volante che si è infilata sotto la traversa. I padroni di casa, dopo il fondamentale successo contro il Palermo, possono giocare sapendo di avere un buon margine sulla zona retrocessione, mentre gli ospiti dovranno cercare di invertire il trend negativo in trasferta che sta impedendo ai granata di raggiungere la qualificazione per la zona Europa League. Avvio di gara abbastanza sotto-ritmo con i padroni di casa che sono scesi in campo col piglio giusto nel tentativo di conquistare la piena posta in palio. Dopo 9 minuti Martusciello è stato costretto già ad effettuare un cambio visti i problemi fisici di Costa, il cui posto è stato preso da Cosic.c 

Si gioca alle ore 15.00 la gara Empoli-Torino allo Stadio Castellani. Ci sono diverse sorprese nelle formazioni ufficiali che hanno deciso di schierare Martusciello e Mihajlovic. Tra i padroni di casa debutta proprio contro la sua squadra Omar El Kaddouri che viene posizionato come trequartista dietro a Mchedlidze e Pucciarelli. Dall’altra parte invece il tecnico serbo se la deve vedere con diverse defezioni in difesa. Sarà quindi costretto a reinventare la difesa, schierando al centro la coppia improvvisata Moretti-Ajeti. Il secondo è al debutto dal primo minuto in campionato dopo che è arrivato in estate dal Frosinone. Confermatissimo invece il resto della squadra con il centrocampo che vede Baselli e Benassi ai lati di Valdifiori e davanti Iago Falque e Adem Ljajic in sostegno del Gallo Belotti. Ecco le formazioni ufficiali: Skorupski; Laurini, Bellusci, A. Costa, Pasqual; Krunic, Diousse, D. Croce; El Kaddouri; Mchedlidze, Pucciarelli. Allenatore: Giovanni Martusciello Hart; De Silvestri, E. Moretti, Ajeti, Barreca; Benassi, Valdifiori, Baselli; Iago Falque, Belotti, Ljajic. Allenatore: Sinisa Mihajlovic

Quando potremo vedere gol in Empoli-Torino, partita valida per la 23^ giornata di Serie A? Per capirlo, andiamo a vedere in quali momenti delle partite di questo campionato Empoli e Torino segnano e subiscono più gol. I toscani segnano pochissimo, mai più di tre gol in ogni segmento da 15 in minuti in cui possiamo dividere le partite: soglia che lEmpoli tocca dal 30 al 45 e poi di nuovo dal 75 al 90, mostrando almeno una certa confidenza con i finali. Al passivo invece il momento peggiore per lEmpoli arriva dal 60 al 75, quarto dora nel quale i toscani hanno subito ben otto gol, pari al 27% del totale dei gol che hanno incassato. Il Torino tocca invece due volte quota 10: in positivo dal 46 al 60, quando è in doppia cifra per i gol segnati ed è il 26% della produzione offensiva dei granata; in negativo invece nel finale, perché dal 75 al triplice fischio sono in doppia cifra i gol subiti, toccando il 31% del totale delle reti al passivo del Torino. 

Andiamo a vedere alcune statistiche relative al cammino di Empoli e Torino nellattuale campionato di Serie A in attesa del match di questo pomeriggio. Emerge lenorme differenza per il numero di gol allattivo: lEmpoli infatti è ultimo con 13 reti segnate, il Torino invece ne ha 39 e il solo Andrea Belotti è a quota 14 (più di tutto lEmpoli), ma fa peggio in difesa con 32 gol al passivo mentre gli avversari di oggi si fermano a 30. Le statistiche offensive sono però evidentemente squilibrate. Per quanto riguarda il numero di tiri, per lEmpoli sono 145, dei quali 74 nello specchio della porta avversaria; con il Torino si sale molto, a 246 complessivi e 118 in porta. I granata di Sinica Mihajlovic sono davanti ai toscani di Giovanni Martusciello anche nel numero degli assist (62-38) e pure per il numero di cross: 120-77. Da sottolineare il fatto che i piemontesi corrono anche di più, pur se con una differenza in questo caso minima: 106,139 km è infatti il dato medio a partita per i giocatori del Torino, mentre lEmpoli non va oltre i 105,960 km. Numeri che certificano la differenza in classifica, anche se ultimamente nemmeno il Torino sta brillando. 

Empoli-Torino, una sfida interessante tra due bomber che pur con cifre diverse stanno facendo le fortune della loro squadra. Levan Mchedlidze non si ferma più: lattaccante georgiano dellEmpoli ha segnato 5 gol nelle ultime sei partite, cifra che rappresenta il suo intero bottino stagionale e ha portato in dote 6 punti alla formazione toscana. Mchedlidze non ha mai segnato così tanto; anzi, le 5 reti infilate rappresentano la stessa cifra di gol che aveva nelle precedenti gare giocate in Serie A (49) e sono anche record per campionato singolo (aveva 4 gol nel 2014-2015). Dallaltra parte cè ovviamente Andrea Belotti, che ha numeri pazzeschi: i suoi gol sono 14, è quarto nella classifica marcatori della Serie A ma è anche il primo degli italiani. Segna una rete ogni 117 minuti; sulle 19 partite giocate ne ha 10 in cui è riuscito a segnare almeno un gol. Dopo essere rimasto a secco contro lAtalanta adesso punta a riprendere la marcia, aiutando così lAtalanta ad avvicinare le posizioni europee. 

Empoli-Torino sarà diretta dal signor Marco Di Bello della sezione di Brindisi, che per l’occasione sarà coadiuvato dagli assistenti Tasso e Liberti. Il quarto uomo risponde al nome di Dobosz, mentre i due addizionali sono Calvarese e Chiffi. Di Bello in questa stagione ha diretto 9 gare di Serie A, estraendo la bellezza di 46 cartellini gialli, con una media di più di 5 a partita, e concesso 5 calci di rigore. Sono 11 i precedenti del fischietto pugliese con l’Empoli: il club toscano ha ottenuto 4 vittorie, 3 pareggi e altrettanti ko. Soltanto 4, invece, i precedenti di Di Bello con il Torino: per i granata uno score di 3 successi e una sola sconfitta. 

una sfida piuttosto interessante; l’Empoli vuole rialzarsi dopo il brutto k.o. rimediato contro il Crotone nell’ultimo turno. La squadra toscana non può sbagliare nulla e perciò deve battere il Torino, avversario assai complicato in questo momento. Gli ultimi cinque incontri parlano di un Empoli sempre a punti al Castellani contro i granata: due vittorie e tre pareggi negli ultimi cinque precedenti, contando anche il campionato di Serie B. Non solo: il Torino non è mai riuscito a vincere in questo stadio e dunque i toscani hanno il dovere di sfruttare questa tradizione favorevole. Lultima volta in cui le due squadre si sono incrociate, nel maggio 2016 per lultima giornata di campionato, lEmpoli ha vinto 2-1: gol di Massimo Maccarone e Piotr Zielinski con il Torino che accorciò le distanze nel secondo tempo grazie alla rete di Joel Obi, ma era una partita che non contava alcunchè, a livello di classifica, per nessuna delle due formazioni in campo. Quella di oggi è decisamente più importante; staremo quindi a vedere come andranno le cose al Castellani dove lEmpoli ha bisogno di riscatto immediato. 

Dall’arbitro Di Bello, si gioca alle ore 15.00 di domenica 5 febbraio allo stadio Carlo Castellani per la 23^ giornata del campionato di Serie A, la prima del mese di febbraio 2017. Dopo lo schiaffone preso dal Crotone nellultimo turno, lEmpoli di mister Martusciello nella quarta giornata di ritorno torna a giocare in casa ma contro unaltra formazione molto arrabbiata, il Torino di Sinisa Mihajlovic. LEmpoli dopo la sconfitta di Crotone mantiene ancora 8 punti di vantaggio sugli stessi calabresi, che devono anche recuperare un incontro, difficile, contro la Juventus di Allegri, ma più che la sconfitta a Martusciello non è piaciuto latteggiamento, per dipiù dopo una serie di risultati positivi, non solo dal punto di vista dei punti conquistati ma anche per la voglia messa in campo dai suoi ragazzi.

Stessa problematica che riguarda il Torino, con Mihajlovic che non perde occasione per ricordare alla squadra che il campionato è ancora lungo e che, se si vuole provare a lottare per le posizioni della zona Uefa, è necessario darsi una mossa positiva, e non subire come nella scorsa partita con lAtalanta, il pareggio dopo aver conquistato il vantaggio. Il Torino, con i suoi 31 punti si trova in nona posizione alla vigilia di questa gara, mentre lEmpoli ne ha 10 di meno ed è al 17esimo posto, e con il 4-1 a Crotone è passato in svantaggio nei confronti degli stessi calabresi per quanto riguarda la differenza reti.

Nella gara di andata, disputata allOlimpico di Torino, le due formazioni chiusero in parità, con il punteggio di 0-0 e tanti rimpianti per Mihajlovic per le occasioni da rete sprecate. Il Torino oltretutto ha anche una tradizione negativa al Castellani, stadio nel quale non è mai riuscito a vincere nei precedenti 13 tentativi, sette dei quali in serie A e 6 in serie B. Per i granata in terra toscana sono arrivati solo 7 pareggi, a fronte di 6 sconfitte con lEmpoli che ha messo a segno in totale 14 reti contro le sole 4 del Torino.

La gara dellEmpoli a Crotone è stata di buon livello per il primo tempo, che si è chiuso con il punteggio in parità con Mchelidze che ha risposto alla rete del vantaggio calabrese segnata da Stojan. Per lattaccante di Martusciello è la conferma dellottimo momento di forma attraversato, visto che quello segnato allo Scida è il quinto goal nelle ultime 5 gare giocate.

La partita è invece nettamente cambiata nella seconda parte con unEmpoli che è sembrato molto più distratto in difesa, e che è stato trafitto per 3 volte dallex attaccante del sassuolo, Falcinelli. La rete del nuovo vantaggio del Crotone è arrivata dopo 11 minuti nella ripresa, con un colpo di testa, poi lEmpoli ha cercato in qualche modo di reagire, ma è stato il Crotone a colpire ancora una volta nel finale di gara, prima con un rigore concesso per atterramento di Stojan e trasformato da Falcinelli e subito dopo con un tiro di destro dello stesso attaccante. NellEmpoli è sembrata assente soprattutto la difesa, che è forse il reparto più forte della squadra, avendo subito solo 25 reti in precedenza, e che nelle ultime 6 gare era stata battuta solo 2 volte.

Nella gara contro lAtalanta si è visto un ottimo Torino per i primi 20 minuti di gioco, compreso il goal segnato da Iago Falque al 16esimo con un bel colpo di testa. In seguito è stata la formazione di Gasperini a prendere in mano le redini del gioco, ed a portarsi in parità nel corso della ripresa con una rete segnata da Petagna. Alla fine i granata possono anche considerarsi fortunati, in quanto le migliori occasioni sono capitate allAtalanta, che le ha però sprecate. La gara contro una diretta concorrente ha detto dunque che per la squadra di Mihajlovic le speranze di poter agguantare un posto con vista Europa si stanno affievolendo.

Il Torino poteva giovarsi del rientro di Belotti dopo la squalifica, mentre Zappacosta era assente per infortunio, con De Silvestri che aveva preso il suo posto, e Obi in quello di Baselli. La gara si sblocca con Iago Falque che arriva al suo nono goal stagionale grazie ad un bel colpo di testa su un traversone di Barreca.

La rete anziché spronare il Torino sembra calmarlo ed allora viene fuori con il suo fraseggio la formazione di Gasperini, che però non riesce a pareggiare, con il tempo che si chiude con il vantaggio dei granata. Nella ripresa nellAtalanta in campo Kessie, che prende il posto di Grassi. Al 13esimo salva Moretti, poi tira Gomez con Hart che salva, ma la rete del pareggio atalantino è vicina ed arriva al 22esimo con Petagna che buca il portiere inglese del Torino con un bel rasoterra di destro. Dopo il pareggio ancora ospiti protagonisti, ma risultato che non cambia.

Al Castellani schema 4-3-1-2 per mister Martusciello che ritrova Pasqual in difesa e potrebbe recuperare anche Laurini. Di nuovo a disposizione del tecnico empolese anche Tello, ma allinizio dovrebbe sedere in panchina, con la conferma di Pucciarelli nel ruolo di trequartista che fu di Saponara, che è stato ceduto alla Fiorentina. Per quanto riguarda il Torino, Mihajlovic schiera il 4-3-3 con due dubbi che riguardano gli acciaccati Obi e Rossettini. Se i due non dovessero essere disponibili, allora spazio sia per Castan che per Baselli.

Empoli-Torino, domenica 5 febbraio 2017 alle ore 15.00, sarà una sfida trasmessa in diretta tv in esclusiva per gli abbonati Sky sul canale 253 (Sky Calcio 3 HD) del satellite. Il sito skygo.sky.it si occuperà invece della diretta streaming video via internet per gli abbonati alla piattaforma satellitare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori