PROBABILI FORMAZIONI/ Juventus-Inter, attesa per il nerazzurro Sainsbury. Quote, le ultime novità live (23^ giornata Serie A oggi 5 febbraio 2017)

- La Redazione

Probabili formazioni Juventus-Inter: le quote e le ultime novità live sulla partita che si gioca allo Stadium ed è valida per la ventitreesima giornata del campionato di Serie A 2016-2017

AlexSandro_Miranda
Foto LaPresse

Un solo volto nuovo in Juventus-Inter, ed è anche il più atteso: Trent Sainsbury è un difensore australiano di 25 anni che i nerazzurri hanno acquistato in sinergia con il Jjangsu, altro club controllato dal colosso cinese Suning. Il suo arrivo copre la partenza in prestito di Ranocchia; grande attesa perchè, nonostante sia titolare della nazionale australiana con cui ha vinto la Coppa dAsia due anni fa, Sainsbury è un giocatore che non era troppo conosciuto in Serie A e il suo arrivo è passato leggermente sotto traccia. Naturalmente non può sperare di essere subito titolare, ma qualche soddisfazione se la potrebbe anche ritagliare; per quanto riguarda gli altri nuovi sono solo in due, ed è giusto così perchè nè Juventus nè Inter avevano bisogno di fare grandi operazioni in sede di calciomercato. Peraltro si tratta di volti già visti: Tomas Rincon ha già avuto modo di giocare nel centrocampo della Juventus, rimane una seconda scelta ma in primavera tornerà utilissimo per far rifiatare i titolari. Destino diverso per Roberto Gagliardini: qualcuno dice che lInter labbia pagato troppo, ma le prime prove dellex Atalanta sono state ottime e per Stefano Pioli è già un titolare inamovibile. Con lui lInter ha trovato un giocatore di qualità da schierare in mediana; Gagliardini questa sera avrà unaltra prova del fuoco in casa della capolista. .

Nelle probabili formazioni di Juventus-Inter scegliamo due giocatori fondamentali per il centrocampo, Miralem Pjanic e Roberto Gagliardini. Innanzitutto vanno fatti grandi complimenti al nerazzurro, perché solo pochi mesi fa era una giovane riserva dellAtalanta mentre Pjanic era il nuovo acquisto a sensazione della Juventus, strappato dai campioni dItalia ai grandi rivali della Roma. La crescita esponenziale di Gagliardini ha però portato il bergamasco ad essere acquistato dallInter a gennaio, diventando immediatamente un punto fermo anche per i nerazzurri di Milano. Ecco perché il confronto con un campione come Pjanic, pur nella diversità delle caratteristiche tecniche e anche in termini di esperienza (che potrebbe essere fondamentale in una sfida delicata come un derby dItalia allo Stadium): sarà un vero e proprio esame di laurea per Gagliardini di fronte a professor Pjanic, che però dal canto suo sarà anchegli chiamato a dare il massimo perché questInter in crescita può dare qualche preoccupazione anche alla Juventus

Allo Stadium in occasione di Juventus ed Inter ci sarà un vero e proprio duello a centrocampo tra Miralem Pjanic e Marcelo Brozovic. Due centrocampisti importanti per i bianconeri ed i nerazzurri, da una parte Massimiliano Allegri non può fare a meno del suo mediano che a suon di punizioni fa gioire sempre i tifosi, Brozovic invece dopo un periodo non particolarmente esaltante sembra quasi rinato da quando in panchina c’è Stefano Pioli. Otto gol in stagione per l’ex centrocampista della Roma ora in forza alla Juventus di cui cinque in campionato, uno in Champions League e due in Coppa Italia (l’ultimo su punizione contro il Milan), il bosniaco è l’arma in più nel centrocampo bianconero. Brozovic ha segnato meno gol del suo avversario in stagione, attualmente a quota cinque reti di cui tre in campionato, una in Europa League e una in Coppa Italia (l’ultimo proprio nella partita contro la Lazio che non è servito per evitare l’eliminazione dalla competizione). 

Nelle probabili formazioni di Juventus-Inter tengono banco i ballottaggi che ancora lasciano dubbi in vista del derby dItalia. Nella difesa bianconera Lichtsteiner è favorito su Barzagli, ma il tema più interessante è a centrocampo, dove potrebbe rientrare Marchisio. la domanda però a questo punto è spontanea: chi gli lascerebbe posto? Il principale indiziato in tal senso è senza dubbio Khedira. Più dubbi però avvolgono ancora la formazione dellInter: innanzitutto cè Ansaldi che non convince del tutto e potrebbe essere scalzato da Nagatomo come terzino sinistro; attenzione poi a Medel, che è lalternativa a Murillo al fianco di Miranda in difesa ma anche una possibile soluzione per la mediana se Stefano Pioli dovesse scegliere un atteggiamento più prudente, sacrificando Brozovic per il cileno. Infine cè il ballottaggio più tradizionale della stagione nerazzurra: Joao Mario o Banega? Viste le ultime prestazioni, dovrebbe comunque essere nettamente favorito il portoghese. 

Per il big match della 23^ giornata di Serie A tra Juventus e Inter sia Allegri che Pioli per quanto riguarda a centrocampo dovrebbero affidarsi al 4-2-3-1: sia tra bianconeri che tra i nerazzurri lo schema sta portando risultati eccellenti, specialmente per quanto riguarda il centrocampo avanzato. Allegri in questa occasione dovrebbe ancora far conto sulla grande qualità che il suo reparto avanzato gli offre con Khedira e Pjanic di fronte alla difesa della Juventus (come già visto contro il Sassuolo domenica scorsa oltre a Dybala dietro alla punta, con Cuadrado e Mandzukic liberi sulle fasce: schieramento in cui cè poco da dire tanto risultata fatale per gli avversari. Per la sua inter Pioli invece opterà per la coppia Gagliardini-Brozovic 8esperimento dello stesso tecnico nerazzurro che punta sul rilancio di entrambi i giocatori come cardini della formazione), con Joao Mario dietro la punta dattacco.

, il derby dItalia: alle ore 20:45 di domenica 5 febbraio secondo atto stagionale della sfida infinita, e i campioni dItalia nella ventitreesima giornata del campionato di Serie A 2016-2017 proveranno a vendicare la sconfitta subita allandata, quando unInter che sembrava in crisi sorprese in rimonta i bianconeri. Fu 2-1; oggi lInter ha ritardo in classifica ma ha vinto le ultime sette partite del campionato, e dunque si è rilanciata alla grande. Rappresenta un ostacolo durissimo per la Juventus, che se non altro la scorsa settimana si è presa un altro margine utile sulle inseguitrici e non ha quindi tantissima pressione addosso. Resta comunque una partita che Massimiliano Allegri vuole vincere per dare unulteriore spallata alla stagione; aspettando che le due squadre scendano in campo allo Stadium per il grande spettacolo del derby dItalia, noi possiamo andare ad analizzare in maniera più approfondita le probabili formazioni di Juventus-Inter.

Per Juventus-Inter, partita valida per la 23esima giornata del campionato di Serie A 2016-2017, le quote Snai ci danno le seguenti informazioni: il segno 1 (vittoria Juventus) vale 1,60; il segno X (pareggio) vale 3,75 mentre il segno 2 (vittoria Inter) porta in dote 6,50 volte la somma che avrete deciso di mettere sul piatto.

Sarà ancora 4-2-3-1 per Massimiliano Allegri? Possibile, anche se in questo modo uno tra Khedira, Marchisio e Pjanic sarà costretto a rimanere ai box. al momento il principale indiziato rimane il Principino, perchè è in sua assenza che la Juventus ha cambiato modulo aprendo ad una squadra iper offensiva; Khedira e Pjanic lasciavano qualche dubbio circa convivenza e interdizione a centrocampo, ma finchè giocatori come Cuadrado e Mandzukic mettono intensità in ripiegamento la soluzione può funzionare. Chiaramente lo schema con Dybala sulla trequarti, in mezzo ai due già citati, e Higuain davanti a tutti va ancora testato contro una squadra in grande forma come lInter, che ha giocatori per fare male; intanto però si dovrebbe proseguire su questa linea, senza dimenticarsi che Lichtsteiner e soprattutto Alex Sandro sono terzini che spingono molto. Insomma: può funzionare ancora ma servirà spirito di sacrificio. In difesa intanto dovrebbe essere confermata la coppia con Bonucci e Chiellini; la prima alternativa resta Rugani, davanti a Barzagli e Benatia che è tornato dalla Coppa dAfrica ed è quindi a disposizione del suo allenatore.

Anche Stefano Pioli ha trovato la formula giusta per la sua Inter: Gagliardini ha avuto impatto immediato in mezzo al campo e a oggi è diventato uno degli insostituibili, tanto che al suo fianco cè un ballottaggio continuo tra Brozovic (oggi favorito) e Kondogbia senza dimenticarsi di un certo Gary Medel, che però ha fatto qualche passo indietro ed entra in competizione con Miranda e Murillo. Colombiano e brasiliano dovrebbero spuntarla anche oggi, naturalmente con DAmbrosio e Ansaldi che stanno vivendo un ottimo momento e che dunque saranno confermati come terzini sulla linea difensiva. Detto del centrocampo, in attacco i dubbi non sussistono se non quello che riguarda come sempre la staffetta tra Joao Mario e Banega: portoghese un passo avanti, la terza soluzione è mandare Brozovic a fare il trequartista e dunque spingere Kondogbia al fianco di Gagliardini. Candreva e Perisic non hanno rivali per quanto riguarda le corsie esterne, davanti a tutti quel Mauro Icardi che, oltre a giocarsi il titolo di capocannoniere con Higuain, è anche uno che fin da quando indossava la maglia della Sampdoria ha regolarmente punito la Juventus.

 

 1 Buffon; 26 Lichtsteiner, 19 Bonucci, 3 Chiellini, 12 Alex Sandro; 6 Khedira, 5 Pjanic; 7 Cuadrado, 21 Dybala, 17 Mandzukic; 9 Higuain

A disposizione: 25 Neto, 32 Audero, 23 Dani Alves, 24 Rugani, 15 Barzagli, 4 Benatia, 14 Mattiello, 22 Asamoah, 27 Sturaro, 8 Marchisio, 28 Rincon, 20 Pjaca

Allenatore: Massimiliano Allegri

Squalificati:

Indisponibili: Lemina

 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 24 Murillo, 25 Miranda, 15 Ansaldi; 77 Brozovic, 5 Gagliardini; 87 Candreva, 6 Joao Mario, 44 Perisic; 9 Icardi

A disposizione: 30 Carrizo, 55 Nagatomo, 2 Andreolli, 21 Santon, 7 Kondogbia, 17 Medel, 11 Biabiany, 19 Banega, 23 Eder, 96 Gabriel Barbosa, 8 Palacio

Allenatore: Stefano Pioli

Squalificati: –

Indisponibili:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori