CLASSIFICA RIGORI SERIE A/ Inter la più penalizzata, al Napoli più rigori a favore della Juventus!

- La Redazione

Classifica rigori Serie A: l’indagine di Premium Sport fa luce sull’assegnazione dei penalty nelle ultime 5 stagioni. Lo score peggiore è quello dell’Inter, la Juventus è in saldo positivo.

icardi_rigore_fuori
Icardi dal dischetto (Foto: Lapresse)

Nella settimana delle polemiche seguite al penalty assegnato alla Juventus nel finale del match contro il Milan, ci prova la redazione di Premium Sport, con la classifica dei rigori delle sette big di Serie A degli ultimi 5 anni a chiarire quali sono le squadre che hanno beneficiato maggiormente delle decisioni degli arbitri e il ritratto che ne viene fuori è quanto meno sorprendente. Partiamo da un dato: a partire dalla stagione 2011/2012 tra rigori a favore e contro non è la Juventus la squadra ad avere il saldo migliore. In vetta troviamo infatti il Napoli, con 48 rigori assegnati e 16 subiti, per una differenza di +32. La Vecchia Signora non va oltre i 40 rigori a favore e se n’é vista assegnare contro 21: per un +19 che letto alla luce di questi dati sembra ridimensionare le polemiche delle ultime settimane. La squadra che nel complesso si procura più calci di rigore è la Fiorentina (54!), ma va detto che la Viola tante volte ha protestato per le decisioni arbitrali (29). Anche il Milan si è presentato tante volte sul dischetto, per l’esattezza 53 volte negli ultimi 5 anni, ma per ben 34 volte ha sperato nel miracolo del proprio portiere. Nella Capitale i numeri sono assimilabili: la Roma ha ottenuto 40 rigori a favore e 33 contro (differenza +7), mentre la Lazio se n’è vista assegnare 48 a favore e 38 contro (+10). La squadra nel complesso più penalizzata? Sicuramente l’Inter! I nerazzurri si sono procurati 31 rigori, ma ne hanno subiti addirittura 39, con un passivo di 8 tiri dal dischetto che costituisce un unicum tra le big. Questa classifica, che ovviamente non entra nel merito delle decisioni dei fischietti, riuscirà a placare le polemiche o le infiammerà ulteriormente?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori