IBRAHIMOVIC ALLA ROMA/ Sliding doors con Mido: l’egiziano racconta, “alla Juve dovevo andarci io….”

- La Redazione

Ibrahimovic alla Roma: secondo il racconto di Mido, ex compagno di squadra dello svedese all’Ajax, Zlatan fu ad un passo dai giallorossi prima di approdare alla Juventus. Le sue parole.

ibrahimovic_manchesterunited_chevrolet
Foto LaPresse

Le sliding doors nel calcio lasciano spesso rimpianti enormi, e da oggi i tifosi della Roma fantasticheranno su quel che sarebbe potuto essere se nella Capitale al posto dell’egiziano Mido, nell’estate del 2004, fosse approdato un certo Zlatan Ibrahimovic. A raccontare l’aneddoto a DMC Tv, come riportato da forzaroma.info, è stato proprio l’ex compagno di squadra dello svedese ai tempi dell’Ajax, oggi allenatore del Wadi Degla in Egitto. Colui che si rivelò un flop in giallorosso, racconta che alla Juventus doveva finirci lui:”Nellestate del 2004, io e Zlatan Ibrahimovic stavamo andando in Serie A. Avevamo entrambi lo stesso agente, Mino Raiola, io avevo un accordo per trasferirmi alla Juventus e Ibra stava andando alla Roma. Quando sono arrivato allaeroporto Raiola mi chiamò e mi disse che dovevo cancellare il mio viaggio a Torino dal momento che la Juventus aveva chiuso un nuovo accordo con Ibra e io sarei invece andato alla Roma“. Un racconto sensazionale, soprattutto alla luce delle diverse carriere dei due giocatori, con Ibra diventato negli anni una stella internazionale e Mido derubricato a giocatore dal talento a intermittenza. Cosa sarebbe stato della Roma se Ibrahimovic fosse arrivato in gialloroso? Probabilmente Totti sarebbe oggi il capitano di una squadra con molti più scudetti. Di certo c’è che Mido ha trovato il modo di spiegare le ragioni del successo del suo gemello calcistico, e soprattutto per giustificare il proprio fallimento:”Fabio Capello ha sempre supportato Ibra nella sua prima stagione e ha continuato a sostenerlo fino a quando ha giocato in Serie A, a differenza di quanto è successo a Roma con me“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori