Tensioni Juventus Porto/ Champions League, petardi fuori dalla sede del club bianconero

- La Redazione

Tensioni Juventus Porto, Champions League: petardi fuori dalla sede della squadra bianconera Campione d’Italia. L’allarme però pare essere subito rientrato senza nessun problema.

allegri_allenamento
(LaPresse)

Ci sono state delle tensioni nel pomeriggio di fronte alla sede della Juventus nel pomeriggio della gara contro il Porto di Nuno Espirito Santo per gli ottavi di finale di Champions League. Nonostante questo però la situazione è tranquilla e non ci dovrebbero essere problemi per la gara in vista. Infatti non c’è allarmismo e i tifosi portoghesi si sono sempre considerati molto sportivi e non in grado di creare disagi. Quindi non dovrebbero esserci dei problemi anche se la polizia e i rinforzi sono stati disposti per evitare che ci sia ressa anche in prossimità proprio dello Juventus Stadium. I bianconeri intanto sono pronti per scendere in campo con una qualificazione che è già stata ipotecata nella gara d’andata quando i bianconeri hanno vinto 2-0 allo stadio do Dragao. 

Le ore che precedono la gara di Champions League Juventus-Porto hanno vissuto anche attimi di tensione. Come riporta La Gazzetta dello Sport infatti pare che un gruppo di tifosi della squadra portoghese abbia fatto esplodere dei petardi nei pressi della sede della squadra Campione d’Italia. Una scossa che sicuramente ha messo paura, ma non ha per fortuna portato a nessuna conseguenza. Le forze dell’ordine hanno riportato subito la calma con un centinaio di tifosi del Porto che erano radunati di fronte alla sede della Vecchia Signora. Un’allarme che per fortuna non ha portato né vittime né feriti e nemmeno dei problemi generali. Sicuramente però c’è stata paura anche perchè di questi tempi una situazione così prima di una partita importante può portare la paura a diventare dilagante. Per fortuna è rientrato tutto e non ci sono stati altri problemi ravvisati nella città di Torino. Staremo a vedere cosa accadrà nelle prossime ore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori