Pronostico Roma Lione/ La previsione di Ezio Sella: pressing a tutto campo e verticalità (esclusiva)

- int. Ezio Sella

Pronostico Roma Lione: in esclusiva per ilsussidiario.net la previsione di Ezio Sella, ex allenatore delle giovanili giallorosse. Si gioca il ritorno degli ottavi di Europa League

emersonpalmieri_fekir
(LAPRESSE)

Nella serata di giovedì 16 marzo 2017 si gioca Roma Lione, ritorno degli ottavi di finale di Europa League: calcio d’inizio alle ore 21:05. Si parte dal punteggio 4–2 a favore della formazione francese: alla Roma potrebbe bastare il 2–0, anche il 3-1 per qualificarsi ai quarti. Nel week-end, la squadra di Spalletti ha interrotto il momento no con le tre sconfitte consecutive vincendo a Palermo 3-0. D’altra parte il Lione ha ribadito il suo ottimo momento di forma superando agevolmente il Tolosa (4-0). Bisognerà quindi che la Roma disputi un grande incontro. Per un pronostico su Roma-Lione di Europa League ilsussidiario.net ha intervistato in esclusiva Ezio Sella, ex allenatore delle giovanili giallorosse oltre che vice della prima squadra.

Roma-Lione: che partita sarà? La Roma per passare il turno dovrà essere molto aggressiva, applicare il pressing a tutto campo contro una squadra il Lione che punterà molto sul contropiede in quest’incontro.

Come dovrà giocare la formazione di Spalletti per passare il turno? Con tanta applicazione, tanta concentrazione, puntando sulla verticalizzazione, sfruttando la profondità negli spazi del Lione, in modo che il pallone arrivi puntuale alle punte giallorosse. C’è da dire che la difesa del Lione non è para così impenetrabile.

Sarà importante il ritorno di Rudiger nella difesa della Roma? Sarà molto importante il suo ritorno perchè garantisce fisicità, velocità, è di grande importanza anche nelle palle inattive.

Roma ad una sola punta centrale? Ci sarà anche Salah a supporto di Dzeko, mentre credo che il pacchetto offensivo verrà completato da Nainggolan che ormai interpreta molto bene quella posizione più avanzata.

Per l’esito della qualificazione sarà importante che la Roma s’impadronisca da subito del possesso palla? Sì però ci vorrà una gestione della palla velocizzata, cercando di far viaggiare la sfera il più possibile per linee verticali, per trovare profondità ed aprire crepe nel muro difensivo avversario.

Potrà essere decisivo anche il fattore Olimpico? Spero che l’Olimpico sia pieno, non come spesso è successo ultimamente. Sono noti i problemi che non portano i tifosi allo stadio. Credo però che stavolta i tifosi andranno allo stadio e daranno la giusta carica alla Roma.

Che cosa si aspetta dal Lione all’Olimpico? Il Lione non è una squadra che gioca in difesa, è molto tecnica. Verrà quindi a Roma per fare la sua partita, pur non rinunciando al contropiede.

In che modo fermare l’attacco francese in un grande momento di forma? Bisognerà bloccare i rifornimenti all’attacco del Lione, in modo che le punte della squadra francese non siano così eccezionali come le due ultime partite. Con la Roma e col Tolosa la formazione transalpina ha segnato otto reti, anche se è vero che contro i giallorossi di Spalletti la partita ha avuto un andamento veramente particolare.

Il suo pronostico per Roma Lione? Mi auguro che la Roma possa vincere e passare il turno. Dovrà in ogni caso disputare una partita perfetta.

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori