GIUSEPPE CRUCIANI VS NAPOLETANI/ Il vittimismo è il vero morbo meridionale

- La Redazione

Giuseppe Cruciani attacca i tifosi napoletani che, con il loro “vittimismo meridionale”, si lamentano da giorni della sconfitta in Coppa Italia subita contro la Juventus a causa di 2 rigori

juventus_napoli_higuain
Juventus - Napoli (Foto LaPresse)

La semifinale di Coppa Italia vinta dalla Juventus per 3 a 1 sul Napoli è stata oggetto nelle ultime ore di grandi polemiche per i due rigori assegnati ai bianconeri che hanno permesso alla squadra di Allegri di vincere la semifinale di andata. A buttare benzina sul fuoco ci si mette ora anche Giuseppe Cruciani. Sulle pagine di Libero Quotidiano, il conduttore de La Zanzara ha attaccato duramente i tifosi del Napoli, accusandoli di frignare in pieno stile meridionale: E dunque è ripartito un grande classico, il piagnisteo napoletano. Battuti sul campo eppure vinti dal grande complotto, dal puparo delle giacchette nere, dal potere juventino che non è mai finito e perpetua la profonda ingiustizia di un Sud costretto da sempre a inchinarsi di fronte ai predoni sabaudi. Cruciani ha ricordato la minaccia del presidente De Laurentis di schierare i ragazzini nella gara di ritorno e il commento indignato del sindaco di Napoli, De Magistris: un torto continuo, senza fine, ripetuti errori arbitrali e opinionisti che hanno visto un’altra partita, una vergogna nella vergogna. Tifoso della Lazio, Cruciani si scaglia così contro il morbo meridionale che fa ammalare il calcio: Il vittimismo, vero morbo meridionale, si trasferisce al calcio con una virulenza moltiplicata dalla passione e dal business che genera la passione per la squadra. Radio, tv e saltimbanchi vari di cosa vivrebbero senza il Grande Nemico, senza la retorica del furto subito, esattamente come la storia ridicola dei terroni vittime storiche della feroce Padania? Persino il compassato quotidiano locale, Il Mattino, di solito baluardo di ogni moderatismo politico, quando si tratta di calcio e di Napoli, perde ogni freno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori