Diretta / Perugia Pisa (risultato finale 2-2) info streaming video e tv: Lisuzzo! Gattuso azzecca tutto!

- Stefano Belli

Diretta Perugia Pisa: info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario, risultato live. La partita di Serie B è in programma martedì 4 aprile 2017

Perugia curva
Video Perugia Pisa - LaPresse, repertorio

Al 74esimo sostituzione per il Perugia. Fuori Guberti e dentro Terrani. Gattuso, un minuto più tardi, decide di esaurire i cambi. Esce Birindelli, sostituito da un attaccante, Edgar Cani. Il Pisa fatica parecchio a impostare azioni degne di nota non riuscendo a trovare varchi giusti per colpire. Rosati nel frattempo indispettisce i tifosi avversari con continue perdite di tempo. All’80esimo ci prova il Perugia con Di Carmine. Mancino da fuori area. Il suo tiro viene deviato e termina in angolo. Poco dopo cartellino giallo per Milanovic, primo ammonito per il Pisa dopo l’intervento irregolare ai danni di Samuel Di Carmine. Il Pisa rischia il tracollo. Pallone prolungato in area da Mustacchio e spaccata di Monaco che però trova il provvidenziale salvataggio di Milanovic. All’88esimo arriva il pareggio degli ospiti. Stacco perfetto di Lisuzzo sulla punizione di Mannini. Il difensore del Pisa anticipa Brighi e insacca. Bucchi inserisce Nicastro per Brighi per l’assalto finale ma il Pisa resiste. Finsice 2-2.

 

Primo cambio per il Pisa, fuori il francese Landre e dentro Lisuzzo. Ci prova subito il Perugia. Traversone insidioso di Diego Peralta da calcio di punizione, non ci arriva Milanovic e la sfera si perde sul fondo. Piove sul bagnato in casa Pisa. Masucci si infortuna e Gattuso è costretto a cambiare modulo. Si passa al 4-4-2. Entra in campo l’esperto Mannini. Gli ospiti propongono un possesso palla timido. Il Perugia non si scompone. Al 56esimo minuto arriva il primo cambio per il Perugia. Dentro Jacopo Dezi al posto di Gnahorè. Angiulli nel frattempo prova a mettere dentro il traversone, Brighi mura il cross. Il Pisa resta in possesso palla provando a costruire qualcosa ma la manovra sembra di facile lettura per la difesa perugina.
   

Il Pisa non molla e prova a ristabilire il pareggio. Zammarini mette al centro un traversone a tagliare per Manaj, uscita perfetta di Rosati che blocca la sfera. Il Perugia ci prova invece dalla fascia sinistra. Ancora un traversone effettuato da Di Chiara, ma il biancorossa pecca ancora di precisione. Sfera consegnata ad Ujkani, l’azione sfuma. Al 38esimo cartellino giallo per Brighi, sanzionato dopo una scivolata in ritardo su Rej Manaj. Anche Samuel Di Carmine finisce sul taccuino dell’arbitro. L’attaccante del Perugia in area di rigore si porta in avanti la sfera con il braccio e si becca l’ammonizione.
   

Dopo aver siglato il gol del raddoppio Gnahorè si fa ammonire per un fallo a centrocampo. Il Pisa prova a uscire da una situazione di estrema difficoltà mettendo in campo grinta e intensità. Ne esce una partita molto fallosa. Al 14esimo il francese Landre pasticcia e regala la sfera a Di Carmine. Quest’ultimo da fuori area calcia ma trova la parata di Ujkani. All’improvviso gol del Pisa. Azione confusa al limite dell’area del Perugia, sul pallone vagante arriva Di Tacchio che calcia al volo con il mancino e batte Rosati. I nerazzurri trovano il gol al primo tentativo. Gli umbri tirano il freno a mano preferndo fraseggi corti senza fretta di colpire. Ancora un rischio per la difesa del Pisa alla mezzora. Su calcio d’angolo avversario arriva dalle retrovie il solito Mustacchio che però stavolta trova il corpo di Milanovic. Il Perugia resta in possesso cercando di far circolare con pazienza il pallone. 
   

Perugia in campo con il 4-3-3. In porta Rosati, linea difensiva composta da Monaco, Volta, Belmonte e Di Chiara. A centrocampo Acampora, Gnahore e Brighi mentre in attacco troviamo Mustacchio, Di Carmine e Guberti. Il Pisa risponde con il 4-3-3. In porta Ujkani, zona difensiva pattugliata da Birindelli, Milanovic, Landre e Longhi. In mediana troviamo Zammarini, Di Tacchio e Angiulli, in attacco invece Peralta, Manaj e Masucci. Parte forte il Perugia e dopo appena 5 minuti arriva il gol. Calcio d’angolo battuto da Guberti per il colpo di testa di Volta, la sfera rimpalla su Milanovic ed il più lesto di tutti nei pressi dell’area piccola è Mustacchio che non ci pensa due volte e manda alle spalle di Ujkani. Il Pisa subisce il contraccolpo per il gol subito e gli umbri ne approfittano. Una palla pazza in area nerazzurra non viene spazzata da Manaj. Tocco per Gnahorè che dal limite calcia basso e teso insaccando sul primo palo.

Prende il via Perugia-Pisa: una partita molto interessante tra due squadre che sono separate da tanti punti in classifica, e che dunque giocano e lottano per obiettivi diversi. Il Perugia è ormai quasi certo di un posto nei playoff anche se non può concedersi troppe pause nel rendimento, e vuole provare a verificare quante siano le possibilità di arrivare anche a contendere una delle prime due posizioni per la promozione diretta; difficile, ma vincere stasera potrebbe aiutare. Non va sprecata allora la possibilità contro il Pisa dellex Gennaro Gattuso: i nerazzurri in virtù della penalizzazione arrivata pochi giorni fa sono ultimi in classifica e salvarsi diventa quasi unutopia, pur se ci sono le possibilità di farlo. A cominciare da oggi però: bisogna fare punti al Curi. Ora diamo la parola al campo e mettiamoci comodi, Perugia-Pisa sta finalmente per cominciare. (agg. di Claudio Franceschini) 

La sfida fra Perugia e Pisa sarà diretta dall’arbitro Gianluca Manganiello della sezione di Pinerolo: con lui al Curi guideranno il gioco i due guardalinee Pietro Dei Giudici della sezione di Latina ed Enrico Caliari della sezione di Legnago, mentre il ruolo di quarto uomo verrà occupato dal signor Daniele Paterna della sezione di Teramo. Per il direttore di gara Manganiello sono quindici le partite stagionali in Serie B, alle quali si aggiungono due presenze in massima seri, in occasione di Pescara-Chievo e Genoa-Udinese. Fino a oggi, nel campionato cadetto, il fischietto piemontese ha redarguito in 69 occasioni con il cartellino giallo, mantenendo una media superiore alle quattro ammonizioni per partita. I cartellini rossi estratti sono invece tre, tutti per le squadre che giocavano in casa. Capitolo calci di rigore: Manganiello ne ha assegnato solo uno ad una squadra in trasferta. Secondo il palmares stagionale il fischietto piemontese ha già incontrato i grifoni in due occasioni, contro Verona e Avellino (nella 17^ e 29^ giornata): due suoi precedenti testa a testa col Pisa, diretto contro  Verona e Spezia.(agg Michela Colombo) 

In attesa del fischio dinizio del match tra Perugia e Pisa, in programma nella 34^ giornata di campionato andiamo a mettere a  confronto qualche statistica relativa alle prestazioni registrate dalle due squadre, protagoniste della serie B. I grifoni, che hanno espresso il miglior gioco della cadetteria, hanno la seconda miglior difesa con soli 30 gol subiti, meno di uno per partita: bene i numeri relativi allattacco con 44 gol realizzati. Sulla classifica del Pisa pesano quattro punti di penalizzazione, ma soprattutto la scarsa vena realizzativa con appena 19 gol segnati. Il Perugia inoltre ha messo nelle sue statistiche una buona media di possesso palla, fissa sul 51% contro il48% del Pisa, oltre che un numero di palle giocate superiore: 561 contro 506 dei toscani. Sempre a favore dei grifoni anche i numeri relativi allattacco in porta (45.2% contro il 43.8% avversario) e lindice di pericolosità, dato a 46.5% contro il 31.65 dei Pisa. (agg Michela Colombo) 

A Perugia arriva il Pisa di Gennaro Gattuso (un ex di questa sfida), che dopo la sconfitta interna contro la Salernitana è scivolato all’ultimo posto della classifica a causa dei 4 punti di penalizzazione. Nella gara di andata gli umbri si imposero per 1-0 all’Anconetani grazie al gol di Francesco Nicastro; i toscani però sembrerebbero favoriti guardando al testa a testa degli ultimi precedenti. In 4 match, giocati fra il 2013 ed il 2014 in Lega Pro, il Pisa ha vinto 3 gare e ne ha pareggiata una contro il Perugia. Per trovare lultima vittoria degli umbri in casa nerazzurra dobbiamo tornare alla stagione 2012-2013, in Lega Pro: sfida di alta classifica tra il Pisa di Alessandro Pane e il Perugia di Andrea Camplone, a risolvere la partita era stato il dodicesimo gol in campionato di Daniel Ciofani; le due squadre poi si erano incrociate anche ai playoff – semifinale – e i nerazzurri si erano presi la rivicinta, vincendo 2-1 allArena Garibaldi con la doppietta di Leonardo Gatto e tenendo il 2-2 al Curi (ancora Ciofani e Julien Rantier per il Perugia, Luca Rizzo e Francesco Favasuli per i toscani). Pisa in finale, ma a centrare la promozione in Serie B sarebbe stato il Latina. (agg. di Claudio Franceschini) 

Dal signor Manganiello di Pinerolo, martedì 4 aprile 2017 alle ore 20.30, sarà una sfida particolarmente delicata nel programma della tredicesima giornata di ritorno del campionato di Serie B, che si svolgerà in turno infrasettimanale. I Grifoni sono lanciati dalla vittoria ottenuta all’ultimo respiro nel match casalingo di sabato scorso contro il Vicenza, col gol di Mustacchio che ha regalato tre punti d’oro alla squadra allenata da Bucchi a soli due minuti dal novantesimo. Umbri quarti in classifica a braccetto col Benevento, soprattutto ora a quattro punti di distanza dalle squadre che si stanno contendendo gli ultimi posti nei play off. 

Le seconde della classe, Spal ed Hellas Verona, sono ancora distanti sette punti e la corsa per la promozione diretta sembra ancora troppo velleitaria per le speranze dei biancorossi, ma resta il fatto che il Perugia sembra aver trovato nelle ultime settimane, con tre pareggi e tre vittorie nelle ultime sei partite disputate di campionato, il ritmo giusto per presentarsi in pole position al cruciale appuntamento dei play off. Diventa sportivamente sempre più drammatica invece la situazione del Pisa, che dopo l’ultimo ko interno contro la Salernitana si è ritrovato da solo all’ultimo posto in classifica. La graduatoria nelle posizioni di coda del campionato cadetto è cortissima, tanto che i nerazzurri sono a soli tre punti dalla salvezza diretta e a un solo punto dal gruppo che occupa uno dei due posti disponibili per i play out. In un anno segnato dalla profonda crisi societaria, i toscani devono però ora trovare le forze per risollevarsi dalle sabbie mobili e non ricominciare dalla Lega Pro dopo tanta fatica fatta per risalire in B un anno fa.

Allo stadio Renato Curi saranno queste le probabili formazioni che scenderanno in campo. Padroni di casa del Perugia schierati con Rosati a difesa della porta, mentre Belmone e Volta saranno i due centrali di difesa, Di Chiara l’esterno difensivo di destra e Del Prete l’esterno difensivo di sinistra. A centrocampo spazio a Matteo Ricci, ad Acampora e a Brighi, mentre Guberti, Nicastro e Di Carmine giocheranno nel tridente offensivo. Risponderà il Pisa con il kosovaro Ujkani tra i pali, Mannini schierato in posizione di terzino destro e Longhi in posizione di terzino sinistro, mentre al centro della retroguardia saranno posizionati Lisuzzo e Del Fabro. Angiulli, Lazzari e Verna giocheranno nel terzetto di centrocampo alle spalle di Tabanelli, impiegato come trequartista alle spalle dell’albanese Manaj e di Masucci. 

4-3-3 per Bucchi, 4-3-1-2 per Gattuso: scelte tattiche in parte anche obbligate per i due allenatori che si trovano a fronteggiare qualche assenza. Il Perugia nelle ultime partite al di là degli interpreti messi in campo ha dimostrato di credere fortemente nei propri mezzi e di saper far valere una superiorità tecnica rispetto alle altre pretendenti ai play off che potrebbero rendere i Grifoni i favoriti nella griglia per il salto in Serie A tramite gli spareggi, naturalmente subito dopo la squadra che dovrà rinunciare alla promozione diretta tra Frosinone, Spal ed Hellas Verona, attualmente in fuga. Ben altri sono i problemi di Gattuso che, alle prese con i problemi relativia a una rosa corta da tutta la stagione, sta vedendo la sua squadra faticare notevolmente nelle ultime settimane, con i toscani che nelle ultime undici partite di campionato hanno vinto solamente in occasione della trasferta di Ascoli del 25 febbraio scorso e che hanno ottenuto solo due punti negli ultimi quattro match.

I bookmaker riconoscono l’ottimo momento di forma del Perugia, la cui vittoria viene quotata 1.73 da William Hill, mentre Paddy Power offre a 3.20 la quota relativa al pareggio e Bet365 a 6.50 la quota per il successo esterno dei toscani allo stadio Curi. La diretta tv di Perugia Pisa, martedì 4 aprile 2017 alle ore 20.30, sarà esclusiva come tutte le partite del campionato di Serie B per gli abbonati Sky, che potranno collegarsi sul canale del bouquet satellitare numero 253 (Sky Calcio 3 HD). Diretta streaming video dell’evento sul sito skygo.sky.it. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori