DIRETTA/ Empoli Pescara (risultato finale 1-1) info streaming video e tv: punto utile per i toscani!

- La Redazione

Diretta Empoli Pescara: info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario e risultato live della partita valida per la trentunesima giornata del campionato di Serie A

el_kaddouri_empoli_marocco_lapresse_2017
Video Empoli Renate (LaPresse)

Si è conclusa sul risultato di uno a uno la sfida del Castellani tra Empoli e Pescara. Le due squadre si dividono la posta in palio al termine di novanta minuti piuttosto combattuti ed equilibrati. I padroni di casa passano in vantaggio al nono del primo tempo con una giocata di El Kaddouri. Al trentunesimo il Pescara risponde con il solito Caprari, poi nella ripresa la squadra di Martuscello prova a prendere il sopravvento, ma la squadra di Zeman tiene duro. Al triplice fischio l’Empoli può comunque leggere con ottimismo questo punto conquistato oggi pomeriggio, dato che serve per mantenere a distanza di nove punti gli abruzzesi, la cui situazione si fa sempre più complicata. Per i ragazzi di Zeman la retrocessione in Serie B è ad un passo. 

E’ ricominciato da oltre un quarto d’ora il secondo tempo del Castellani tra Empoli e Pescara, col risultato sempre fermo sull’uno a uno. Il primo squillo della ripresa arriva dopo appena due giri di lancetta: El Kaddouri va via sulla corsia laterale destra, mette dentro per Thiam che viene anticipato di un soffio da Fiorillo. Al cinquantunesimo grande opportunità per Thiam, il quale si presenta in ottima posizione e manca l’impatto col pallone al momento del tiro. I padroni di casa si rendono pericolosi al cinquantacinquesimo minuto su calcio di punizione, questa volta con una soluzione di Pasquale che viene deviata da Campagnaro. Poco dopo risponde il Pescara con una botta potente di Brugman respinta col corpo da Barba. 

Si è concluso da pochi minuti il primo tempo del Castellani tra Empoli e Pescara, con il risultato fermo sull’uno a uno. I padroni di casa sono passati in vantaggio al nono minuto con El Kaddouri, dopo che il legno aveva salvato la squadra di Zeman. L’Empoli sil galvanizza, ma non ne approfitta. Così esplode la reazione degli uomini allenati dal boemo, che ci provano in due occasioni con Benali. Caprari si fa vedere sul fronte offensivo con un tentativo di potenza, poi ancora Benali testa i riflessi di Skorupski con una conclusione da fuori. Il Pescara attacca, l’Empoli si difende. Al trentunesimo arriva il pareggio del Pescara, con Bahebeck che va via sul filo del fuorigioco, serve un bel pallone in orizzontale per Caprari che inchioda Skorupski in dribbling ed infila in rete. Al quarantaduesimo chance per Campagnaro di testa, il portiere dell’Empoli risponde presente. Poi chance per i toscani nel finale, con una deviazione di Thaim che per poco non finisce in rete. 

Quando siamo giunti oltre la prima mezzora di Empoli Pescara, il risultato è sempre fermo sull’uno a zero in favore della formazione biancazzurra, passata in vantaggio al nono minuto grazie ad una marcatura messa a segno da El Kaddouri. Dopo la rete i toscani hanno continuato a macinare gioco, ma la reazione degli abruzzesi non si è fatta attendere. Al quarto d’ora Benali va via sulla corsia laterale destra, crossa per Caprari che colpisce di potenza ma non trova lo specchio della porta. Al ventesimo ancora Benali protagonista, questa volta con una iniziativa personale che lo porta al tiro su cui Skorupski risponde presente. Poco più tardi altra opportunità per i delfini, con un contropiede orchestrato da Bahebeck il qule scambia con Coulibaluy ma non riesce a concretizzare. Meno di un quarto d’ora all’intervallo, la squadra di Zeman prova a scuotersi dopo l’uno a zero dei padroni di casa. 

Si gioca da circa dieci minuti di gioco al Castellani, dove l’Empoli conduce per uno a zero sul Pescara. Gli azzurri di Martuscello vogliono tenere a distanza i delfini, gli uomini di Zeman con una vittoria potrebbero rimettersi in corsa per la salvezza. Nelle prime battute i padroni di casa si fanno preferire dal punto di vista del possesso palla, al terzo minuto Buchel commette un fallo su Caprari. Il Pescara conquista un calcio di punizione interessante, poi si rende pericoloso con una conclusione di potenza calciata da Campagnaro che manca la porta per pochi centimentri. Al quinto minuto prova a rispondere l’Empoli con un guizzo di Croce sulla corsia sinistra, ma Zampano fa buona guardia e sventa il potenziale pericolo. Poco dopo fiocca il primo cartellino giallo dell’incontro, con Campagnaro che commette fallo su Krunic al limite dell’area. Sul piazzato l’Empoli timbra il legno, poi passa in vantaggio con El Kaddouri che insacca con una bella giocata. 

Empoli Pescara sta per cominciare allo stadio Carlo Castellani, dove sono già state comunicate le formazioni ufficiali delle due squadre che daranno vita al primo anticipo della trentunesima giornata di Serie A. Una partita delicatissima per le speranze salvezza di entrambe le squadre, andiamo allora a vedere quali sono state le scelte dei due allenatori, Giovanni Martusciello e Zdenek Zeman. LEmpoli punterà sul modulo 4-3-1-2 con El Kaddouri trequartista alle spalle di Marilungo e Thiam, confermati titolari come già sabato scorso allOlimpico contro la Roma. Il Pescara risponderà con un 4-3-3, anche se dobbiamo ancora verificare come si collocheranno esattamente in campo i tre uomini dattacco Benali, Bahebeck e Caprari, che potrebbero anche non schierarsi esattamente sulla stessa linea. Adesso però è giunto il momento di far parlare il campo: Empoli-Pescara sta per avere inizio! EMPOLI (4-3-1-2): Skorupski; Laurini, Veseli, Barba, Pasqual; Krunic, Buchel, Croce; El Kaddouri; Marilungo, Thiam. Allenatore: Giovanni Martusciello. PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Biraghi, Bovo, Campagnaro, Zampano; Memushaj, Coulibaly, Muntari; Benali, Bahebeck, Caprari. Allenatore: Zdenek Zeman. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

Quello di oggi sarà il diciottesimo confronto tra Empoli e Pescara e quarto in massima serie. Andando ad approfondire lo storico recente tra le due formazioni attese in campo al Castellani notiamo che nei tre testa a testa occorsi nella massima serie si registra una bella vittoria da parte dei toscani nel match di andata della stagione in corso mentre nella Serie A 1987-1988 arrivò un pareggio per 0 a 0 in terra abruzzese e poi un’affermazione dei toscani per 3 a 2 in casa con Gasperini, oggi tecnico dei bergamaschi, a segno per il Pescara nel girone di ritorno. Come detto lultimo precedente tra le due formazioni risale alla sfida di andata della stagione di serie A in corso, dove allAdriatico il risultato aveva arriso in gran misura agli azzurri alla vittoria per 4-0 grazie alle reti di Maccarone (in doppietta) Pucciarelli e Saponara. (agg Michela Colombo)

Al Castellani nella 31^ giornata di serie A l’Empoli giocherà contro il Pescara: ad affrontarsi quindi saranno il peggior attacco del campionato, quello toscano con diciassette gol fatti, e la peggior difesa del campionato, quella degli abruzzesi con 67 reti subite, di cui 36 sono state incassate nelle sfide giocate in trasferta. Solo due vittorie all’attivo per il Delfino, mentre l’Empoli nonostante un attacco poco prolifico è riuscito ad ottenere cinque successi che lo stanno tenendo a galla. La squadra di Martusciello in casa ha realizzato undici reti, subendone 23 in quindici partite disputate. Dando un occhio alle altre statistiche i risultati positivi per entrambe le compagini sono davvero poche, visto che si contendono gli ultimi posti in diverse classifiche: non trascurabile in questo senso il numero di parate che vede il Pescara in settima posizione con 114 effettuate e la seconda posizione dellEmpoli in campionato, con 133 parate. (agg Michela Colombo)

La delicata sfida salvezza del sabato fra Empoli e Pescara sarà diretta dall’arbitro Paolo Tagliavento, appartenente alla sezione Aia di Terni. Il direttore di gara sarà accompagnato allo stadio Carlo Castellani dai guardalinee Cariolato e Tegoni, dal quarto uomo La Rocca e dai due arbitri addizionali Valeri e Saia: questa la squadra arbitrale per limportante partita della 31^ giornata di Serie A. Per Tagliavento le partite arbitrate in questo campionato finora ammontano a tredici, con ben 63 cartellini gialli estratti che portano la media a circa cinque ammonizioni per ogni partita diretta. I cartellini rossi estratti invece ammontano a due, entrambe per doppia ammonizione (nessun rosso diretto); i calci di rigore assegnati sono infine sette. Da notare che Tagliavento era larbitro di Sassuolo Pescara che fu vinta 0-3 a tavolino dagli abruzzesi; ricordi meno dolci per lEmpoli, che con larbitro ternano perse per 4-1 un altro scontro diretto, a Crotone. (aggiornamento di Mauro Mantegazza)

, che sarà diretta dall’arbitro Tagliavento, apre la trentunesima giornata nel campionato di Serie A 2016-2017: si gioca allo stadio Castellani sabato 8 aprile, calcio d’inizio alle ore 15. La posta in palio è pesantissima per entrambe: i toscani devono difendere i soli 5 punti di margine rimasti sulla zona retrocessione, mentre i ragazzi di Zeman sono arrivati a quella che è davvero l’ultima spiaggia per poter sperare nella salvezza, obiettivo che rimarrebbe comunque difficilmente raggiungibile anche in caso di un colpo esterno al Castellani.

Già da questa panoramica sul match si capisce come i punti pesino davvero il doppio in questa sfida che, a nove giornate dal termine del campionato, può segnare i destini delle due squadre in un senso o nell’altro. L’Empoli di Martusciello è la squadra che insieme al Genoa sta facendo peggio, statistiche alla mano, in questo girone di ritorno.

E non potrebbe essere altrimenti viste le sette sconfitte di fila con cui i toscani devono fare i conti e che fino a questo momento non hanno significato ripiombare del tutto nella zona retrocessione soltanto per il ritmo lento e discontinuo delle ultime tre. Il Crotone però si sta pericolosamente avvicinando e ora il margine sul terzultimo posto, occupato al momento proprio dai calabresi, risulta essere di soli cinque punti. Il match con il Pescara, ultimo con 13 punti e -9 proprio dai toscani, assume quindi grande valenza.

L’ultimo punto i toscani lo hanno conquistato il 5 febbraio in casa contro il Torino. Da quel momento soltanto sconfitte e troppi goal subiti. Guardando agli ultimi tre match sono arrivate 4 reti nel match contro il Chievo, con i veneti capaci di annichilire la squadra toscana con un 4 a 0 che non ha ammesso repliche, mentre nel match interno contro il Napoli le reti subite sono state 3 in poco meno di 40 minuti di gioco. Contro i partenopei è arrivata una bella reazione nella ripresa, con due reti che hanno ridato speranze di rimonta, le quali non si sono però concretizzate.

Nell’ultimo turno c’è stato il proibitivo confronto dell’Olimpico contro la Roma, dove i giallorossi pur giocando con il freno a mano tirato a causa della imminente semifinale di ritorno di Coppa Italia contro la Lazio, hanno vinto 2 a 0 con doppietta del solito straripante Dzeko. Ora arriva questo match contro il Pescara, che invece è reduce, guardando all’ultimo turno di campionato, dall’ottimo punto ottenuto in casa contro il Milan. Anche se aiutato dalla colossale papera di Donnarumma, si è visto un Pescara volenteroso, che contro l’Empoli potrebbe anche riuscire nel colpaccio esterno. 

Tuttavia, numeri alla mano, i tifosi abruzzesi non devono volare troppo alto, visto che nei precedenti turni di campionato la squadra ha mostrato problemi difensivi che rendono decisamente complicata la corsa verso una salvezza che nonostante la presenza di Zeman in panchina sembra decisamente difficile. Contro l’Atalanta è arrivato un 3 a 0 esterno che poteva essere anche risultato più largo, mentre nell’ultimo match casalingo prima di quello giocato contro il Milan di Montella erano arrivate altre tre reti, stavolta per mano dell’Udinese di Del Neri. Zeman tuttavia ha abituato tutti ad exploit improvvisi, quindi mai dire mai.

Guardando ai precedenti e soffermandosi sul match di andata, l’Empoli può sperare, perchè all’Adriatico finì con un sonoro 4 a 0 con reti di Pucciarelli, Saponara e Maccarone. Ora il fantasista non c’è più, ma Martusciello spera che Pucciarelli e Maccarone possano ripetere il match di andata. Le formazioni sono ancora in via di definizione per entrambe, ma per quanto riguarda il Pescara si può azzardare l’ipotesi che Zeman decida ancora una volta di rivoltare la formazione come un calzino dando in ogni caso fiducia ai suoi giovani, mentre l’Empoli non cambierà rispetto a quanto visto ultimamente affidandosi ai soliti noti, anche se Krunic non è al meglio e potrebbe essere sostituito da uno tra Zajc e José Mauri (in questo caso ci sarà una sorta di doppio playmaker in campo).

Per quanto riguarda i pronostici, va detto che i bookmakers sembrano dare ancora fiducia all’Empoli nonostante le sette sconfitte consecutive. Una vittoria contro il Pescara viene infatti quotata dalla Snai a 1,82 volte la cifra giocata, mentre un successo esterno degli abruzzesi frutterebbe agli scommettitori 4 volte la cifra giocata. Più o meno simile la quota per il pareggio, che la Snai ha fissato a 3,85 volte l’eventuale scommessa effettuata.

Empoli Pescara sarà un’esclusiva per gli abbonati al pacchetto Calcio di Sky: la diretta tv è in programma sul canale 251, con la possibiiltà di attivare – in assenza di un televisore – l’applicazione Sky Go per la diretta streaming video che si può seguire su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori