Video/ Alessandria Casertana (3-1): highlights e gol della partita (Lega Pro 2017, ritorno ottavi playoff)

Video Alessandria Casertana (risultato finale 3-1): gli highlights e i gol della partita che si è giocata al Moccagatta ed è stata valida per il ritorno degli ottavi playoff di Lega Pro

25.05.2017 - Claudio Franceschini
Alessandria_esultanza_LegaPro_lapresse_2017
Video Alessandria Carrarese (LaPresse)

LAlessandria batte per 3-1 la Casertana e vola ai quarti di finale dei playoff di Lega Pro. Domani i grigi conosceranno il nome della sfidante, dopo il sorteggio. Gli ospiti erano passati in vantaggio al 27esimo con Ciotola. Un paio di minuti dopo subito Gozzi ristabilisce la parità. Prima dellintervallo Cazzola porta in vantaggio i piemontesi mentre Bocalon nel secondo tempo chiude definitivamente i conti. Bepi Pillon schiera i grigi con il 4-4-2. Tra i pali Vannucchi, in difesa Celjak, Gozzi, Piccolo e Manfrin. Ala destra Marras, centrocampisti centrali Cazzola e Branca, Iocolano a sinistra. In attacco Gonzalez e Bocalon. La Casertana di Raffaele Esposito risponde con il 4-3-3. Ginestra in porta, De Marco, D’Alterio, Rainone    e Ramos in difesa. A centrocampo Carriero, Giorno e Magnino. In attacco Orlando, Corado e Ciotola. Arbitra Francesco Fourneau della sezione AiA di Roma 1. Prima del calcio d’inizio è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare l’ex arbitro, nonché designatore arbitrale di Lega Pro e Serie B, Stefano Farina, prematuramente scomparso nella giornata di ieri. Si riparte dall’1-1 dell’andata. Subito un “giallo” in area di rigore dell’Alessandria. La Casertana protesta per un presunto tocco di mano di Manfrin in area. L’arbitro fa cenno di proseguire. Poco dopo ancora i campani in avanti. Orlando per Corado che calcia prontamente. Respinge con il corpo Vannucchi. Occasione Alessandria al 14esimo. Marras atterrato dalla difesa ospite. Punizione per i piemontesi. Gonzalez ci prova dai 25 metri ma calcia malissimo. Poco dopo Carriero affonda il tackle da dietro su Nicco e rimedia il primo gialllo della gara. La partita si fa maschia. Cazzola entra duro su Giorno a centrocampo. Giallo anche per il centrocampista dell’Alessandria. I piemontesi nel frattempo sfiorano il gol del vantaggio. Gonzalez approfitta di un errore di D’Alterio presentandosi a tu per tu con Ginestra. L’ex attaccante del Novara manda però la sfera altissima. Al 27esimo si sblocca il risultato. Ciotola conclude in maniera precisa trovando lo spazio per battere Vanucchi. Dura poco però la gioia degli ospiti, l’Alessandria pareggia subito. Gozzi fa svanire immediatamente le preoccupazioni dei tifosi. Con il passare dei minuti l’Alessandria si sarebbe dovuta sbilanciare rischiando qualcosa e invece trovando subito il pari può gestire meglio il gioco. Alla mezzora punizione dal limite per la Casertana scaturita da un fallo di Piccolo, ammonito nell’occasione. Per quanto riguarda le reti. Il vantaggio della Casertana è arrivato da una deviazione vincente di Ciotola su un tiro sporco di Corado. Il pareggio dell’Alessandria grazie a Gozzi che ha risolto una mischia generata da un corner battuto da Gonzalez. Terzo ammonito nelle fila della Casertana. Si tratta di De Marco, autore di un fallo ai danni di Nicco. I piemontesi vanno vicino al gol al 41esimo. Rapida triangolazione al limite e palla per Cazzola, anticipato in extremis prima del tiro. La partita nel finale diventa maschia. Tanti falli, gioco molto spezzettato. Prima dell’intervallo l’Alessandria trova il gol del 2-1. Gonzalez crossa in area, Cazzola svetta in area e incorna in maniera perfetta. Ginestra fuori causa, il pallone si infila in rete.

La ripresa comincia con gli stessi ventidue in campo. Arriva intanto il dato sugli spettatori paganti al Moccagatta: 3.005. Più di cento dei quali sono tifosi campani stipati nel settore ospiti. La Casertana ci prova per prima. Ramos salta Marras e crossa da sinistra. Tutti, Vannucchi compreso, lisciano e la palla passa pericolosamente in area. Per fortuna dei piemontesi nessuno dei rossoblù è pronto alla deviazione. Osa qualcosa la Casertana che mada sul terreno di gioco Taurino al posto di Carriero. Al 55esimo i padroni di casa sfiorano il gol del 3-1: Pregevole azione tra Nicco, Bocalon e Gonzalez. Tira l’argentino ma la palla colpisce la parte alta del legno. La Casertana abbassa il ritmo e l’Alessandria prova ad approfittarne: Marras in profondità trova Bocalon mandandolo all’uno contro uno. Ginestra risolve in uscita bassa mantenendo ancora vive le residue speranze degli ospiti. Al 62esimo l’Alessandria trova il gol del 3-1. Marras trova lo spazio sulla destra per il cross. La palla è destinata a Bocalon che con un colpo di testa indirizza bene. Ginestra può solo toccare. Primo cambio per l’Alessandria. Sosa subentra a Piccolo. Un difensore per un altro. La Casertana ormai non ne ha più. La sua stagione finisce oggi. L’Alessandria invece sulle ali di un ritrovato entusiasmo dopo una primavera molto difficile cerca addirittura il poker. Gonzalez per Bocalon. Ginestra esce e sbroglia una situazione complicata. Altro giallo invece per i falchetti. Stavolta tocca a Ramos, sanzionato per proteste. Sostituzione operata da Esposito: esce Orlando, entra Colli. Altra chance per i grigi. Gonzalez libera Branca il quale piomba in area ma, da pochi passi, spara alto. Al 74esimo si rivede la Casertana. Ci prova il neo-entrato Taurino, ma non crea grossi problemi a Vannucchi. Sostituzione nell’Alessandria. Gonzalez lascia il posto a Fischnaller e la fascia da capitano a Sosa. Poco dopo ecco una classica staffetta in attacco, vista in molte occasioni dai tifosi grigi: Evacuo subentra a Bocalon. Il ritmo del match si abbassa notevolmente. Ultimo cambio anche per la Casertana: esce Corado ed entra De Filippo. La Casertana nel finale propone lunghe fasi di possesso palla. Giorno e Magnino però, una volta arrivati nella trequarti avversaria, non riescono a trovare sbocchi per la manovra. Ne escono così diversi lancia per Ciotola e Taurino ma la difesa grigia resta molto attenta. Nessuna particolare occasione nei minuti finali. L’Alessandria controlla con carattere il vantaggio mentre la curva nord intona finalmente cori di sostegno per i giocatori. Ritrovata dunque l’unione tra città e squadra. (Francesco Davide Zaza)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori