Diretta/ Bologna-Juventus (risultato finale 1-2) info streaming video e tv: Kean regala la vittoria ai suoi!

- Mauro Mantegazza

Diretta Bologna-Juventus: info streaming video e tv, risultato live e cronaca. La partita di Serie A è in programma sabato 27 maggio 2017 alle ore 18.00

Sturaro_Krejci_Juventus_Bologna_lapresse_2017
Stefano Sturaro, Juventus (Foto: LaPresse)

Tempo scaduto al Dall’Ara, vittoria in extremis della Juventus che sul filo di lana batte il Bologna per 2 a 1 e si avvicina alla finale di Champions League nel migliore dei modi. All’82’ Pjanic prova a spaventare Da Costa su calcio di punizione, il tiro del bosniaco viene respinto con i pugni dall’estremo difensore avversario; sempre su calcio piazzato, all’89’, Viviani per poco non centra il bersaglio grosso col pallone che sfiora il palo alla destra di Audero. Nei quattro minuti di recupero concessi da Mariani nessuno si aspetta che succeda chissà cosa, e invece c’è da registrare il primo gol nella storia della Serie A realizzato da un giocatore nato nel 2000: si tratta di Kean, che Allegri ha gettato nella mischia nelle battute conclusive del match, con un’incornata il numero 34 mette il pallone nell’angolino alle spalle di Da Costa, doccia gelata per i rossoblù che speravano di salutare questo campionato con una vittoria e invece vengono beffardamente sconfitti proprio all’ultima azione. (agg. di Stefano Belli) 

Quando siamo giunti al trentacinquesimo minuto del secondo tempo è cambiato nuovamente il punteggio di Bologna-Juventus con le due squadre sull’1-1. I campioni d’Italia non ci stanno a perdere – anche se si tratterebbe di una sconfitta assolutamente indolore – e Allegri si affida all’artigliera pesante con Pjanic e Mandzukic che prendono il posto di Marchisio e Khedira. Con gli ospiti lanciati in avanti aumentano gli spazi in contropiede per i padroni di casa ma Krejci non riesce a sfruttarli nel migliore dei modi regalando palla agli avversari. Al 61′ Higuain si lancia verso la porta di Da Costa, l’estremo difensore felsineo esce intervenendo fuori area senza usare le mani fermando l’attaccante argentino e strappando gli applausi del Dall’Ara, il numero 1 di Donadoni si ripeterà al 69′ con una gran parata sul sinistro a giro piuttosto insidioso di Dybala che comunque rinvia l’appuntamento con il gol solamente di 60 secondi, sulla respinta iniziale di Da Costa sulla prima conclusione di Higuain arriva il tap-in vincente del numero 21 bianconero che pareggia i conti e costringe il Bologna a ricominciare da capo. Al 72′ Juventus ancora pericolosa con Cuadrado che crossa per Mandzukic, anticipato dalla copertura di Krafth che per contrastare il croato si fa male e deve lasciare il campo, sostituito da Petkovic. (agg. di Stefano Belli) 

Allo stadio Dall’Ara è ricominciato dopo l’intervallo il match valido per l’ultima giornata di Serie A 2016-2017 tra Bologna e Juventus, quando sono trascorsi dieci minuti dalla ripresa del gioco il punteggio è cambiato, ora la formazione di Donadoni conduce per 1 a 0. Al 47′ i bianconeri vanno nuovamente vicini al gol con Khedira che si inserisce in area con i tempi giusti ma colpisce male il pallone in scivolata, il tedesco era convinto di essere in fuorigioco e dunque non ci ha creduto più di tanto; dall’altra parte del campo i padroni di casa non sembrano creare grossi pericoli dalle parti di Audero che nella gara di esordio finora non è mai stato messo veramente a dura prova, almeno fino al 52′ quando Taider da fuori area non si inventa un gol da manuale con un destro a giro davvero imprendibile che si infila proprio nell’angolino, portando così in vantaggio il Bologna. Reazione immediata degli ospiti con il sinistro di Dybala che si spegne di poco a lato. (agg. di Stefano Belli) 

L’arbitro Mariani ha mandato tutti negli spogliatoi per l’intervallo, il primo tempo di Bologna-Juventus è terminato sul punteggio di 0-0. I padroni di casa provano a battere un colpo, al 31′ Pulgar con un cross serve Krejci che da buona posizione colpisce male la sfera, dall’altra parte Krafth mette in difficoltà Da Costa con un retropassaggio fin troppo rischioso, il portiere del Bologna spazza via la sfera ricevendo anche un colpo da Sturato che cercava il pallone. Nei primi quarantacinque minuti anche i bianconeri hanno creato ben poco in fase offensiva, ovviamente la squadra di Allegri non sta giocando la partita della vita (che invece disputerà tra una settimana, a Cardiff, nella finale di Champions League contro il Real Madrid) ma va comunque vicina al gol con Higuain che allo scoccare del 45′ libera il destro col pallone che esce di poco a lato. (agg. di Stefano Belli) 

Alla mezz’ora del primo tempo Bologna e Juventus rimangono sul punteggio di 0-0, ritmi bassi al Dall’Ara con il caldo che si sta facendo decisamente sentire. All’11’ i bianconeri conquistano il primo calcio d’angolo del match, Dybala dalla bandierina pesca Sturaro che colpisce il pallone di testa, conclusione innocua facilmente bloccata da Costa. Sul capovolgimento di fronte successivo Destro prende per la prima volta la mira, conclusione che non inquadra la porta difesa da Audero. Al 13′ Higuain prova a servire Dybala che viene anticipato da Torosidis, il greco si rifugia in corner. Dall’altra parte del campo Dybala serve Sturaro che gonfia la rete ma a gioco fermo visto che è arrivata la segnalazione di fuorigioco (netto) da parte dell’assistente di Mariani. Al 20′ Higuain in girata non riesce ad angolare la sfera con Da Costa che in tuffo blocca facilmente il pallone, nei minuti successivi la Juventus torna ad affacciarsi in avanti con Gastaldello che intralcia la triangolazione tra Dybala e Higuain mentre Krafth si immola per chiudere lo specchio della porta a Cuadrado. (agg. di Stefano Belli) 

Allo stadio Dall’Ara Bologna e Juventus sono scese in campo per disputare i loro ultimi 90 minuti del campionato di Serie A 2016-2017, al decimo minuto del primo tempo il punteggio è fermo sullo 0-0. Tipico clima da ultimo giorno di scuola, i padroni di casa pensano unicamente a far bella figura di fronte al loro pubblico, gli ospiti con la testa sono già a Cardiff e Allegri ha concesso un turno di riposo a gente come Buffon (facendo debuttare tra i pali il giovanissimo Audero), Chiellini, Bonucci, Pjanic, Dani Alves e Mandzukic. Subito momenti di paura per Marchisio che in un contrasto si fa male al ginocchio destro, per fortuna il numero 8 bianconero, seppur dolorante, si rialza da solo e dà la sensazione di poter rimanere in campo. Nonostante l’ampio turn-over la Juve prova a portarsi in zona d’attacco con Mbaye bravo a chiudere Dybala in fallo laterale, Bologna che non riesce a distendersi e ad affacciarsi nella metà campo avversaria a causa del pressing piuttosto alto degli uomini di Allegri. (agg. di Stefano Belli) 

Pochi minuti al fischio d’inizio di Bologna Juventus, anticipo della 38^ giornata di Serie A che per i bianconeri già campioni d’Italia è una sorta di passerella, ma con la testa già rivolta alla finale di Champions League: andiamo dunque a leggere le formazioni ufficiali, che sono già state comunicate allo stadio Renato Dall’Ara. Roberto Donadoni schiera il modulo 4-3-3 con tutti i giocatori migliori, perché naturalmente il Bologna andrà alla ricerca di una vittoria di prestigio. Qualche novità però a dire il vero c’è, ad esempio Okwonkwo nel tridente d’attacco con Destro e Krejci. La Juventus replica con un 4-2-3-1 in cui la più grande novità è Audero in porta; in difesa gioca Barzagli, non Bonucci e Chiellini; in mediana minuti importanti per il rientrante Khedira, poco turnover in attacco, dove troviamo Cuadrado, Dybala e Sturaro alle spalle della prima punta Higuain. Adesso però parola al campo, perché Bologna Juventus sta per cominciare! BOLOGNA (4-3-3): Da Costa; Krafth, Torosidis, Gastaldello, Mbaye; Pulgar, Viviani, Taider; Okwonkwo, Destro, Krejci. Allenatore: Roberto Donadoni. JUVENTUS (4-2-3-1): Audero; Lichtsteiner, Barzagli, Benatia, Asamoah; Khedira, Marchisio; Cuadrado, Dybala, Sturaro; Higuain. Allenatore: Massimiliano Allegri. (Agg. di Mauro Mantegazza) 

Apre la giornata di Serie A al Renato Dall’Ara. Nel nuovo millennio si sono giocate ben ventinove partite di cui a Bologna ben quattordici. In tutte queste gare però la squadra di casa non ha mai vinto mentre i successi dei bianconeri sono ben nove mentre i pareggi sono le restanti cinque partite. L’ultima volta al Dall’Ara si è giocato il 19 febbraio del 2016 e la gara è terminata col risultato di zero a zero, unico pareggio di una striscia lunghissima dei bianconeri che vinse il quinto Scudetto di fila dopo un inizio disastroso che culminò nella sconfitta al Mapei Stadium contro il Sassuolo. Il successo più rotondo risale al maggio del 2001 quando la Juventus allora di Carlo Ancelotti vinse al Dall’Ara col risultato di 1-4. (agg. di Matteo Fantozzi)

La Juventus sarà ospitata dal Bologna in una partita di Serie A che ormai ha importanza solamente per le statistiche. I bianconeri, già vincitori dello scudetto, cercano l’undicesima vittoria fuori casa. Se non dovessero subire gol si laureerebbero miglior difesa esterna del campionato con sole diciassette reti incassate, mentre il titolo di miglior difesa assoluta (26 gol presi) è già al sicuro, visti i 10 gol di margine sulla Roma. Il Bologna in casa ha vinto otto partite e rimediato altrettante sconfitte, ma vorrà chiudere davanti ai propri tifosi facendo il botto contro i campioni d’Italia. I felsinei allo stadio Renato Dall’Ara hanno realizzato ventitré reti e ne hanno subite altrettante. In totale la squadra di mister Donadoni ha subito 56 reti e ne ha segnate 39, ma nonostante questa brutta differenza reti ha raggiunto una tranquilla salvezza. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

La sfida fra Bologna e Juventus sarà diretta dal direttore di gara Maurizio Mariani della sezione di Aprilia, designato nella 40^ giornata di Serie A al Dall’Ara assieme al primo assistente Marzaloni, il secondo assistente De Pinto, il quarto uomo Preti e i due arbitri di porta Valeri e Sacchi. Mariani nella sua seconda stagione in A ha fatto registrare il proprio record di sedici presenze, esclusa quella di questa sera e finora il fischietto laziale ha utilizzato 63 cartellini gialli, e due cartellini rossi, assegnando nove calci di rigore, tutti per le squadre di casa. Durante l’annata 2016-2017 del campionato Mariani ha avuto modo di dirigere entrambe le formazioni una volta, a cui va aggiunta chiaramente la direzione della gara di andata, occorsa  nella 19^ giornata. Oltre a questo precedente  il fischietto laziale ha incontrato i felsinei contro l’Atalanta nella 14^giornata e i bianconeri contro il Cagliari nel quinto turno di Serie A. (agg Michela Colombo)

Dall’arbitro Mariani oggi pomeriggio sabato 27 maggio 2017 alle ore 18.00, sarà una delle sfide che apriranno in anticipo l’ultima giornata del campionato di Serie A. Un match ormai senza obiettivi di classifica, con i bianconeri che si presenteranno allo stadio Dall’Ara già da campioni d’Italia. Lo Scudetto è stato conquistato la scorsa settimana, con la rotonda vittoria sul Crotone: due titoli in cinque giorni per la squadra allenata da Massimiliano Allegri dopo la Coppa Italia conquistata mercoledì 17 allo stadio Olimpico di Roma contro la Lazio. Soprattutto, la Juventus è stata la prima squadra nella storia del calcio italiano ad assicurarsi la vittoria dello Scudetto per la sesta volta consecutiva.

Tenute definitivamente a distanza Roma e Napoli, i bianconeri affronteranno presumibilmente la sfida in terra felsinea con un ampio turnover e soprattutto con la testa già all’ultimo appuntamento stagionale da affrontare la settimana successiva. La sfida a Cardiff contro il Real Madrid, per conquistare la Champions League ventuno anni dopo l’ultima volta e soprattutto per mettere in cassaforte lo straordinario triplete con la vittoria dei principali trofei, Coppa Italia, Scudetto e Champions, nella stessa stagione. Un’impresa riuscita soltanto all’Inter nel 2010 nel calcio italiano. Per il Bologna di Donadoni i pensieri sono già concentrati sulla prossima stagione, con i rossoblu che hanno cercato nelle ultime settimane di migliorare un rendimento che è stato decisamente scialbo, anche se la salvezza non è mai stata in discussione. Ma la brillantezza di un anno fa è svanita, se non per qualche isolato sussulto.

Quattro sconfitte e un pareggio a Palermo nelle ultime cinque partite esterne per il Bologna, che ha invece raccolto più punti in casa vincendo negli ultimi due confronti allo stadio Dall’Ara, disputati contro l’Udinese, battuta quattro a zero, ed il Pescara piegato con il punteggio di tre a uno. La scorsa settimana è stato il Milan a rifilare ai felsinei un netto tre a zero, con la squadra di Donadoni che a quota quarantuno punti molto probabilmente chiuderà la sua stagione al quindicesimo posto, a meno di chiudere la stagione con un acuto contro i Campioni d’Italia.

La Juventus dopo un momento poco brillante in campionato, con due pareggi contro l’Atalanta e nel derby contro il Torino e la pesante sconfitta in casa della Roma, ha come detto vissuto una settimana da sogno vincendo la sua terza Coppa Italia consecutiva in finale contro la Lazio e soprattutto il suo sesto Scudetto consecutivo, matematicamente acquisito grazie al tre a zero sul Crotone, impresa ineguagliata nella storia del calcio italiano. I bianconeri potranno ora affrontare la trasferta emiliana senza stress e per prepararsi al meglio per il massimo appuntamento della stagione, la finale di Champions League del prossimo 3 giugno a Cardiff, contro il Real Madrid allenato da Zinedine Zidane.

L’anno scorso, in un girone di ritorno strepitoso, la Juventus si è praticamente fermata solo a Bologna, pareggiando zero a zero il 19 febbraio del 2016. Al 6 dicembre del 2013 risale invece l’ultima vittoria ottenuta dai bianconeri sul campo degli emiliani, un successo col punteggio di due a zero grazie alle reti di Vidal e Chiellini. Il Bologna non batte in Serie A la Juventus in casa da oltre diciotto anni, dal tre a zero del 29 novembre del 1998 con gol di Paramatti, Signori e Fontolan. Nel match d’andata di quest’anno i bianconeri hanno battuto i rossoblu allo Juventus Stadium, tre a zero con le marcature di Higuain (doppietta) e Dybala, alla fine di un girone d’andata che vide la Juventus conquistare di nuovo il titolo d’inverno dopo un anno di pausa (nella scorsa stagione era stato il Napoli a chiudere al primo posto al giro di boa).

Quote sul match che vedono comunque la Juventus favorita per la vittoria nell’ultimo match di campionato, nonostante la carenza di obiettivi di classifica. Bwin offre al raddoppio la vittoria esterna bianconera, mentre William Hill propone a 3.75 la quota relativa del pareggio, mentre Betclic quota 3.60 l’eventuale vittoria in casa dei felsinei. Bologna-Juventus, sabato 27 maggio 2017 alle ore 18.00, sarà trasmessa in diretta tv sul canale Premium Sport HD per gli abbonati Mediaset Premium e sui canali 201 (Sky Sport 1 HD) e 251 (Sky Calcio 1 HD) del satellite per gli abbonati Sky. Diretta streaming video sui siti play.mediasetpremium.it e skygo.sky.it.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori