DIRETTA/ Giro d’Italia 2017: Tom Dumoulin vince la corsa rosa! Van Emden sul podio (21^ tappa Monza-Milano)

Diretta Giro d’Italia 2017 streaming video e tv 21^ tappa cronometro Monza-Milano: percorso e orari dell’ultima frazione del Giro 100 (oggi 28 maggio)

28.05.2017 - Mauro Mantegazza
Dumoulin_Giro_cronometro_lapresse_2017
Diretta 1^ tappa Giro d'Italia 2018 (LaPresse)

E’ Tom Dumoulin a vincere il Giro d’Italia 2017: l’olandese della Sunweb è riuscito a strappare il successo e la maglia rosa a Nairo Quintana nella 21^ e ultima tappa dell‘edizione numero 100 della corsa rosa dopo una prova cronometrica davvero eccezionale. La vittoria della crono tappa da Monza a Milano è però andata a un altro olandese ovvero a Jos Van Endem, alfiere della Lotto Jumbo che è riuscito a fermare il cronometro sul 33’08” seguito nel podio da Tom Dumuolin e dal nostro Manuel Quinzato della Bmc, che ha registrato un ritardo di 27 secondi.  Un successo davvero meritato per l’alfiere della Sunweb primo olandese nella storia del Giro d’Italia a vincere la corsa rosa: non ce l’ha fatta quindi il nostro Squalo di Messina Vincenzo Nibali che è arrivato terzo nella classifica finale a circa una quarantina di secondi dal vincitore della Coppa infinita registrando invece un riardo da Quintana secondo di appena 9 secondi. Ottima la prestazione di Quintana maglia rosa fino alla traguardo di Piazza Duomo della 21^ tappa: il colombiano della Movistar ha cercato fino all’ultimo di difendere la giacchetta da leader della graduatoria generale ma purtroppo in una tappa cronometrica come quella di oggi il talento di Dumoulin ha avuto la meglio. (agg Michela Colombo)

E’ appena partita dalla pedalina dal posta sul circuito di Monza anche Vincenzo Nibali, tra i protagonisti più attesi di questa 21^ e ultima tappa del giro d’Italia 2017: cromai manca alla partenza solo il leader della classifica generale e maglia rosa Nairo Quintana e poi non resterà che attender l’arrivo al traguardo nella calda cornice della Piazza Duomo degli ultimi big per capire chi vincerà questa edizione del corsa rosa. La tappa cronometrica ora vede in testa sempre l’olandese Van Endem della Lotto Jumbo seguito nella graduatoria dal nostro Manuel Quinzato della Bmc Racing. Nel primo intermedio però si è già messo in mostra Bob Jubgels, terzo dietro all’olandese e a Pederson, mentre tra poco sono attesi i primi uomini in classifica al primo rilevamento. La velocità dei ciclisti in questo momento è davvero incredibile nonostante il gran caldo e le tre settimane di corsa che i grandi protagonisti hanno nelle gambe. Ci avvinciamo al gran finale: chi vincerà? (agg Michela Colombo)  

Prosegue la 21^ e ultima tappa del Giro d’Italia 2017. Rosa ha chiuso la sua prova con un tempo di 34’58” mentre poco dopo è partito Mikel Landa (Sky). Lo spagnolo ha vinto una tappa e conquistato una vittoria nella classifica degli scalatori. Van Garderen ha fatto registrare intanto il quinto tempo provvisorio al primo intermedio. Amador chiude momentaneamente tredicesimo, con 26′ di ritardo al primo intermedio. Attesa, inoltre, per i tempi che faranno registrare Cataldo, Hirt, Polanc e Formolo. Clement ottiene il quindicesimo posto al primo intermedio. Questa la situazione provvisoria della classifica: 1) Jos Van Emden (LottoNL – Jumbo) 33’08”, 2) Manuel Quinziato (BMC) 33’35”, 3) Vasilj Kiriyenka (Team Sky) 33’39”, 4) Joey Rosskopf (BMC) 33’43”, 5) Jan Barta (BORA – Hansgrohe) 33’47”. (agg. Giuliani Federico)

Nella 21^ e ultima tappa del Giro d’Italia 2017 la situazione al momento è la seguente. Jos van Emden del Team Lotto è al comando con un tempo di 33’08”, davanti a Manuel Quinziato (BMC Racing Team) e Vasil Kiryienka, staccati rispettivamente di 27 e 31 secondi. Paolo Tiralongo ha chiuso con un crono di 38’19” mentre Ludvigsson è caduto nelle prime fasi della cronometro. Preidler ha fatto registrare un tempo di 33’59” e ha conquistato la quinta posizione, alle spalle di Rosskopf (33’43”) quarto. Luis Leon Sanchez si deve accontentare del quattordicesimo tempo a 1’17” da van Emden e di un ritardo di 50′ nel secondo intermedio. Rosa ha invece chiuso la sua prova in 34’58”. (agg. Giuliani Federico) 

L’ultima tappa del Giro d’Italia, la 21^, prosegue senza intoppi di alcun tipo. Kiriyenka ha completato la sua prova ottenendo un crono di 33’39” e chiude momentaneamente terzo. Boaro fa registrare un tempo alto al primo intermedio, probabilmente vanificando la sua prestazione: vedremo se il veneto riuscirà a migliorarsi. Intanto van Emden chiude in 34’25”. Quest’ultimo è stato premiato grazie alla sua regolarità. Quinzato e Kiriyenka sono invece partiti a rilento per poi sfogarsi nella seconda parte di gara. Chad Haga chiude in decima posizione. Adesso c’è attesa per la partenza di Luis Leon Sanchez. (agg. Giuliani Federico) 

Prosegue la 21^ tappa del Giro d’Italia, con i ciclisti concentrati nella prova a cronometro. Dopo Manuel Quinzato, che ha ottenuto un crono di 33’35”, è la volta di Vasilj Kiriyenka del Team Sky. Intanto ecco i risultati per quel che riguarda Jan Barta e Jos Van Emden, che hanno chiuso rispettivamente con un crono di 33’47” e e 33’08”. Da segnalare poi la caduta di Michael Hepburn, che è stato costretto a acambiare la bicicletta. Kiriyenka ha pagato 15 secondi al primo intermedio ma migliora nel secondo intermedio, a 26′ da van Emden. (agg. Giuliani Federico) 

E’ arrivato il primo corridore al traguardo di Pazza Duomo della 21^ tappa del Giro d’Italia 2017: per ora la testa della classifica della prova cronometrica che chiude l’edizione numero 100 della corsa rosa è il polacco Marcin Bialoblocki della CCC Sprandi, partito per secondo dietro a Giuseppe Fonzi, ormai sempre più maglia nera del giro. Dietro al polacco però stando alle classifiche dei due rilevamenti crono posti lungo i 29.3 km del percorso da Monza e Milano sta facendo molto bene anche l’alfiere della trek Segafredo Mads Pedersen, che è già diventato leader nei due intermedi.  Va però ricordato che nella prima frazione alle spalle del danese sono molto i cilcisti che stanno andando davvero forti come il nostro Manuel Quinzato e il ceco Jan Barta, che già si erano messi in luce in questa edizione del Giro d’Italia. Ricordiamo infine che è già patito dalla pedalina posta a Monza anche il leader della classifica a punti Fernando Gaviria, che punta oggi a arrivare la traguardo finale con indosso la maglia ciclamino. (agg Michela colombo)  

Giuseppe Fonzi è partito dalla pedalina posta al centro del circuito dell’autodromo di Monza e dietro di lui sono già partiti i primi corridori dell’ordine di partenza per la cronometro della 21^ tappa del Giro d’Italia 2017. Come previsto infatti i ciclisti in questa prima parte della prova sono scaglionati da appena 60 secondi  e la tappa di oggi si annuncia davvero entusiasmante benché non ci saranno scontri diretti data la natura della prova. I ciclisti del Giro d‘Italia 2017 dopo un primo giro del circuito adibito per la Formula 1, usciranno dal parco di Monza per dirigersi poi verso la piazza Duomo. Il percorso apre scritto proprio per gli specialisti della crono ma dopo tre settimane di corsa sulle gambe i distacchi di annunciano minimi, intanto i primi verdetti sono stati già stilati come quello che coinvolge proprio il nostro Giuseppe Fonzi della Selle Italia: sarà sua la maglia nera, ovvero la giacchetta riservata all’ultimo in classifica, visto che il suo distacco con chi lo precede è di circa una ventina di minuti. Intanto i primi hanno già raggiunto il primo rilevamento cronometrico, con Bialoblocki ora in testa seguito da Bennet e Fonzi, raccolti entro i 60 secondi di distacco. (agg Michela Colombo)

Sta per avere inizio la 21^ e ultima tappa del Giro d’Italia 2017: un’edizione del centenario davvero entusiasmante che rimarrà nella storia e che sta per chiudersi con l’ultima prova a cronometro individuale da Monza al Milano. Come al solito in questo tipo di prove la partenza di tutti corridori sarà scaglionata a ogni 60 secondi e il primo a partire sarà quindi l’ultimo della classica generale, ovvero il nostro Giuseppe Fonzi, maglia nera del Giro d‘Italia 2017 a 5 ore e 45 minuti di gap dalla maglia rosa Nairo Quintana. Da regola non ci sono abbuoni per questa ultima tappa , e gli ultimi 15 corridori saranno scalati ogni tre minuti. Difficile dire chi potrebbe essere il favorito oggi: se il percorso favorisce Dumoulin, specialista della crono va anche detto che dopo tre settimane  di corsa anche con alture davvero importanti, l’olandese potrebbe risultare meno invincibile specialmente per chi vorrà la vittoria finale. Il finale sarà davvero da urlo specialmente perché negli ultimi metri si capirà chi avrà vinto l’edizione del centenario della corsa rosa visto che in classifica i primi 6 uomini sono contenuti in meno di  1’ minuto e 30” di distacco. Ma è già ora di dare il via al primo corridore: in strada!.  (agg Michela Colombo)

Nella 21^ tappa del giro d’Italia la cronometro conclusiva di questa emozionante edizione del centenario, gli occhi di tutti sono puntati ancora una volta su Vincenzo Nibali. Lo squalo di Messina ha infatti un gap dalla maglia rosa Nairo quinta ad appena 39” secondi: troppo pochi perché il ciclista della Bahrain non sogni la vittoria del Giro, nonostante il percorso di oggi non gli sia troppo favorevole per caratteristiche tecniche. A sostenere Nibali è giunto in italia persino il principe Nasser Bin Hamad Al Khalifa che ha voluto fortemente la creazione di questa squadra di cui lo squalo è fulcro. Lo stesso Nibali ha dichiarato alla viglia di questa tappa cronometrata: “ La crono è difficile. Farò una bella ricognizione, spero in un giornata  fatta bene  e poi tireremo le somme. Dumoulin? A crono è stato fortissimo, accumulando un buon margine e poi si è difeso ottimamente. Ma tutti abbiamo fatto la nostra parte”. (agg Michela Colombo) 

Il Giro d’Italia 2017 giunge oggi alla sua gloriosa conclusione con la crono tappa che porterà i corridori protagonisti di questa edizione del centenario da Monza a Milano, nella calda cornice della piazza duomo. La competizione oggi appare davvero calda e decisiva per scegliere chi sarà il vincitore del Giro d’Italia, visto che, dando un occhio alla classifica generale,  troviamo ben 6 ciclisti entro 1’30” dal leader ovvero la maglia rosa Nairo Quintana, che registra un vantaggio sul nostro Nibali di appena 39 secondi. Proprio lo scalatore colombiano della Movistar alla viglia di questa prova, che si annuncia difficoltosa per lui, ha dichiarato: “Non è sufficiente ma potrebbe anche bastare. La crono finale sarà molto diversa rispetto all’altra. Questa ha il classico percorso per specialisti e io spero di difendermi bene. A volto mi riescono crono molto buone. Quello che è certo è che darò il massimo. Con i livelli fisici molto simili, come s’è visto in montagna penso che  le differenze non saranno tante. Confido che la fatica accumulata in queste venti tappe giochi a mio favore. Non ho paura, so soprattutto di potere vincere”. (agg Michela Colombo) 

Il Giro d’Italia 2017 è arrivato alla sua ultima giornata, ma la ventunesima tappa sarà tutt’altro che una passerella: infatti in programma c’è la cronometro Monza-Milano di 29,3 km, che potrebbe ancora dire molto sulla classifica finale. Niente brindisi in gara, niente festa in attesa dell’epilogo in volata: si fa sul serio fino all’ultimo giorno per onorare nel migliore dei modi questa centesima edizione del Giro d’Italia, che si chiuderà dunque con una prova contro il tempo. Dall’Autodromo Nazionale dei Monza fino in Piazza Duomo, nel cuore di Milano che del Giro è la casa, la città dove è nato e dove è terminata la maggior parte delle edizioni, sarà una sfida con il cronometro, sia pure tenendo conto che all’ultimo giorno di gara contano forse di più le forze residue più che le caratteristiche da cronoman, che comunque verranno esaltate da un tracciato completamente pianeggiante e velocissimo. Andiamo dunque a vedere quali sono le caratteristiche salienti del percorso della ventunesima tappa cronometro Monza-Milano

La partenza avrà luogo come detto dal leggendario Autodromo Nazionale di Monza, a partire dalle ore 13.10 quando prenderà il via il primo concorrente. Bisognerà percorrere un intero giro della pista, attraverso curve mitiche come le due di Lesmo, la variante Ascari e la Parabolica, prima di uscire dal circuito attraverso la pit-lane per entrare nel Parco di Monza e poi attraversare il capoluogo brianzolo, dove in prossimità della Villa Reale sarà collocato il primo rilevamento cronometrico intermedio al km 8,8. Si potranno dunque sviluppare alte velocità, sfruttando i numerosi viali che verranno attraversati, ampi e con lunghi rettilinei. Si passerà dalla provincia di Monza e Brianza a quella di Milano a Sesto San Giovanni, dove al km 17,4 sarà collocato il secondo e ultimo intermedio, prima di entrare nel capoluogo lombardo, sede doverosa di arrivo per l’ultima tappa del Giro 100, ricordando che tutto ebbe inizio proprio a Milano alle ore 2.53 di notte del 13 maggio 1909.

Si entrerà a Milano in zona Bicocca, poi si pedalerà sempre alla massima velocità verso il centro storico attraverso rettilinei piuttosto lunghi come quello di via Melchiorre Gioia, i Bastioni di Porta Venezia e poi Corso Venezia. L’ultimo chilometro, in pieno centro, sarà inevitabilmente un po’ più tortuoso, con numerose curve ad angolo retto e alcuni tratti lastricati. Si arriverà infine in Piazza Duomo arrivando da Piazza San Babila, fiancheggiando la cattedrale milanese dal suo lato sinistro (guardando dalla Piazza la facciata del Duomo). Un finale in grande stile per un Giro d’Italia memorabile, che non poteva concludersi altrove se non nel luogo simbolo di Milano, per essere anche da questo punto di vista – quello su cui i francesi sono davvero un esempio – all’altezza del Tour de France e del suo tradizionale arrivo sugli Champs Elysées. Da segnalare che l’arrivo dell’ultimo corridore – colui che indossa la maglia rosa – è previsto intorno alle ore 17.10, quando calerà definitivamente il sipario su questo Giro d’Italia.

Per seguire il Giro d’Italia 2017 in diretta tv, è disponibile una amplissima copertura live sulla Rai: i canali di riferimento sono Rai Due e Rai Sport + HD. I collegamenti oggi avranno inizio già alle ore 12.15 sul canale tematico, ma naturalmente sarà al pomeriggio il cuore della giornata, con la lunga cronaca che passerà a partire dalle ore 13.45 su Rai Due, incentrata sulla telecronaca di Francesco Pancani e Silvio Martinello, ma non solo. In chiusura il Processo alla Tappa di Alessandra De Stefano, che si prolungherà per coprire tutte le premiazioni, mentre per le rubriche e la replica serale si tornerà su Rai Sport + HD. Il Giro d’Italia sarà però visibile anche su Eurosport, canale disponibile sia per gli abbonati Sky sia per quelli di Mediaset Premium: appuntamento oggi a partire dalle ore 14.15. Per chi invece non potesse mettersi davanti al televisore, ecco pure la possibilità garantita dalla diretta streaming video, gratuita per tutti sul sito raiplay.it, per gli abbonati tramite Eurosport Player, Sky Go e Premium Play. Infine ricordiamo i riferimenti ufficiali della Corsa Rosa: il sito www.giroditalia.it, la pagina Facebook Giro d’Italia e il profilo Twitter @giroditalia. E adesso, che lo spettacolo cominci: la parola va alla strada!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori