VIDEO/ Cagliari Milan (2-1): highlights e gol. Rastelli: vittoria prestigiosa (Serie A 2017)

- Stefano Belli

Video Cagliari Milan (2-1): gli highlights e i gol partita che si è giocata domenica 28 maggio allo stadio Sant’Elia, valida per la trentottesima giornata del campionato di Serie A

JoaoPedro_Cagliari_lapresse_2017
Video Cagliari Bologna - La Presse

Il successo occorso per 2-1al Cagliari contro il Milan nellultima giornata di campionato ha certamente reso molto soddisfatto il tecnico della formazione sarda Massimo Rastelli. Proprio il tecnico rossoblù al termine del match coi rossoneri ha dichiarato ai microfoni di Sky Sport: una vittoria prestigiosa e affatto semplice perché eravamo ai minimi termini: è vero che non abbiamo più da dire nulla a questo campionato ma volevamo comunque chiudere in bellezza. Oggi era lultima gara ufficiale del Cagliari al SantElia: tra poco come sappiamo limpianto sarà smantellato e quindi volevamo onorare questo stadio con una prestazione importante. E arrivata la vittoria contro una grande  squadra: chiudere il campionato a 47 punti in questo modo credo sia stata la ciliegina sulla torta di un campionato molto molto positivo. (agg Michela Colombo)

Tra i grandi protagonisti della partita che si è svolta ieri al SantElia tra Cagliari e Milan, vinta proprio dai rossoblù per 2-1 va senza dubbio annoverato anche il giovanissimo portiere della formazione sarda, proveniente dalla primavera ed ex rossonero, Luca Crosta. Proprio il numero 1, autore di una brillante prestazione (eccezionale la sua parata al rigore di Bacca) ha dichiarato ai microfoni di Sky Sport al termine della partita:  io sono cresciuto al Milan, ho fatto lì otto anni da portiere in rossonero, non lavevo mai fatto. Già tre anni fa era arrivato Donnarumma: era gigante alla sua età, un ragazzo umile e per bene ho grande stima per lui e mi si è un attimo sbarrata la strada ma non lho vista come una disfatta anzi. E stata una motivazione più grande per poter dare di più: lho fatto e ora sono qui con la mia tenacia e sono contento. (agg Michela Colombo)

-Il Milan di Montella chiude la stagione 2016-2017 della serie A con un sconfitta subita per 2-1 contro il Cagliari, ma in casa rossonera il tema caldo rimane il mercato, e specialmente la questione del rinnovo del portiere Gigio Donnarumma. Lo stesso tecnico rossonero nella conferenza stampa post partita contro i sardi ha affermato a proposito: lui ha dimostrato in tutto questanno di non essere turbato da tutte queste situazioni collaterali e quindi e non so cosa succederà. Io ora vado in vacanza e il mio auspicio come allenatore è che si possa rivolvere la questione. Poi ci sta la controparte: ognuno fa il suo gioco e le sue valutazioni e mi auguro che si possa risolvere quanto prima. So che la società sta facendo cose incredibili per risolvere la situazione, ma non dipende da me: sono uno spettatore come voi in questo caso particolare. (agg Michela Colombo)

Era dal 18 ottobre 1998 che il Cagliari non batteva il Milan, quando la formazione all’epoca allenata da Ventura si impose per 1 a 0 con il gol di De Patre, da allora i sardi non erano più riusciti a battere i rossoneri, almeno fino a oggi con l’impresa degli uomini di Rastelli che hanno infranto il tabù strappando i tre punti con i gol di Joao Pedro e Pisacane, inutile il momentaneo pari di Lapadula su calcio di rigore. La squadra di Montella chiude dunque il suo campionato al sesto posto con 63 punti, tornando in Europa dopo tre stagioni di assenza, seppur partendo dai preliminari di Europa League che costringeranno i rossoneri ad anticipare l’inizio della nuova annata dovendo scendere in campo già a fine luglio. Campionato positivo anche per il Cagliari che si è salvato con diverse giornate di anticipo e soprattutto si è sempre tenuto alla larga dalla zona retrocessione con una serie di ottime partite in casa, mentre in trasferta la compagine di Rastelli ha subito troppi gol, frutto di un atteggiamento spregiudicato che comunque ha fruttato 14 vittorie, un bottino niente male per una neopromossa, soprattutto se consideriamo il bilancio del Pescara (retrocesso con cinque giornate d’anticipo) e del Crotone (ancora in corsa per la salvezza ma ci vorrebbe un miracolo agli uomini di Nicola per evitare il ritorno in Serie B). La gara di oggi non aveva nulla da dire in chiave classifica, tuttavia le due squadre nonostante il gran caldo non hanno rinunciato a giocare, con i padroni di casa che sono andati al tiro per 17 volte con 13 conclusioni nello specchio, creando complessivamente 18 occasioni da gol; dal canto suo il Milan vanta un 57% di possesso palla con 8 tiri in porta, 11 palle gol e 6 calci d’angolo battuti. Sugli scudi entrambi i – giovanissimi – portieri con il debuttante Crosta che ha già dimostrato di che pasta è fatto con 7 parate (di cui 2 decisive, con il rigore di Bacca neutralizzato), bene anche Donnarumma con 8 interventi.

Il tecnico del Milan, Vincenzo Montella, è intervenuto durante la trasmissione Sky Calcio Show: “Anche se non ha valore questa sconfitta mi brucia particolarmente perché potevamo assolutamente evitare di perdere all’ultimo secondo, tuttavia questo KO non inficia sul giudizio della stagione che rimane positiva, abbiamo plasmato un gruppo e contribuito alla crescita notevole di diversi elementi che hanno ancora parecchi margini di miglioramento. Il bilancio non è da buttare via: siamo rientrati in Europa, abbiamo alzato una Coppa davanti a una squadra di invincibili, credo che nel complesso abbiamo compiuto un lavoro eccellente. Per la prossima stagione rimango a completa disposizione della società, c’è stima reciproca e io ho una gran voglia di proseguire la collaborazione”. Le parole di Massimo Rastelli, allenatore del Cagliari, in conferenza stampa: “Paradossalmente salvarsi con diverse giornate d’anticipo ha avuto un effetto boomerang, in molti si dimenticano troppo presto quando fai bene. Onestamente non mi capacito del fatto che non sia stato confermato alla guida tecnica della squadra, ho lavorato come un mulo portando anche i risultati, non capisco cosa dovrei fare di più. Se la mia unica colpa è quella di non piacere a tutti, non so cosa farci. Erano quasi 20 anni che il Cagliari non batteva il Milan, e io ci sono riuscito con una formazione di giovani che in futuro faranno parlare di sé, ne sono sicuro”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori