JUVENTUS REAL MADRID / Finale Champions League, Marchisio: ora crediamo nella vittoria

- Michela Colombo

Juventus Real Madrid: sale la tensione in vista della Finale di Champions League in programma tra tre giorni a Cardiff il prossimo 3 giugno 2017 alle ore 20.45. 

millenniumstadium_cardiff_lapresse_2014
Ultime notizie di oggi, ultim'ora: 4 giugno 2017

A pochi giorni dalla Finale della Champions League 2017 tra Juventus e Real Madrid il clima non è solo rovente negli spogliatoi dei Blancos ma anche in casa bianconera dove è stato Claudio Marchisio a suonare la carica dei suoi in unintervista esclusiva rilasciata a Premium Sport. Protagonista del grande successo della Juventus degli ultimi anni e finalista nella Champions League di due anni fa contro il Barcellona, il Principino ha dichiarato: La finale del 2015 ha dato la consapevolezza a questa società e a questa squadra che ogni anno può giocarsela con le migliori squadre dEuropa, per cercare di vincere questo trofeo. Ci crediamo molto perché in questi due anni cè stato un grande cambiamento di testa nei confronti dellEuropa”. Facendo un confronto con la finalissima con i blaugrana Marchisio ha poi precisato: Ora abbiamo una fiducia che prima mancava in tutto lambiente. Da quella finale e anche dallanno scorso in cui siamo usciti contro una grande squadra come il Bayern ci è rimasta la consapevolezza e lo si è visto nella scorsa stagione nella gara di ritorno a Monaco e lo si è visto nel cammino in Champions di questanno. Poi le finali spesso vengono decise da episodi ma il crederci a volte può portare la fortuna e gli episodi favorevoli dalla tua parte. 

Se ieri in conferenza stampa a presentazione della Finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid, il tecnico dei Blancos Zidane aveva predicato una certa prudenza riguardo al pronostico della partita un programma tra pochi giorni a Cardiff, rilevando il valore della formazione di Allegri. Il leader della formazione spagnola e detentore della Pallone doro Cristiano Ronaldo è apparso invece forse più spregiudicato e molto sicuro di sé riguardo alla vittoria della Coppa delle Grandi orecchie, di cui proprio il Real Madrid è campione in carica. Durante il media day infatti CR7 ha dichiarato: Come si vince la finale? Facendo gol e non soffrendo. La squadra è in un momento molto buono e dobbiamo approfittarne. Vincere il campionato ci ha resi molto calmi. Ora vogliamo fare la storia vincendo due Champions di fila. Cristiano Ronaldo è poi tra i protagonisti più attesi di questa finale tra Juventus  e Real Madrid: il bomber portoghese, a 32 anni compiuti, è nel pieno di una stagione di grazia come raccontano trofei e riconoscimenti personali, con il club e persino nazionali: “Mi sento bene, meglio a livello fisico rispetto alle ultime stagioni, anche perché ho giocato di meno anche se sono comunque quello che ha giocato di più. Questo è dovuto a una grande e intelligente gestione di Zizou, forse alcuni volevano giocare di più ma è l’allenatore che prende le decisioni”.

Andrea Agnelli ha fissato il premio per leventuale vittoria della finale della Champions League 2017: il  prossimo tre giugno infatti vi sarà Juventus-Real Madrid e la dirigenza bianconera ha valutato di spendere circa 9.1 milione di euro in premi in caso di una coppa dalle grandi orecchie da mettere in bacheca. Vediamo quindi i numeri precisi di questo bonus davvero ricco: in caso di vittoria della Finale della Champions League ogni giocatore riceverà 350 mila euro, ovvero 50 mila euro in più rispetto a quanto proposto dalla dirigenza bianconera due anni fa nella finale di Berlino giocata contro il Barcellona. In caso di sconfitta comunque ogni componente della rosa bianconera incasserà 270 mila  euro solo per essere arrivato in finale: i bonus saranno finanziati da Uefa e Sponsor e sono soldi che giungeranno nelle casse della Juventus prima essere girati ai vari elementi della formazione di Allegri. I conti a questo punto sono facili: 350 mila euro per 26 giocatori fanno un totale di 9.10 milioni di euro. Davvero una motivazione in più che Buffon e compagni, attesi in campo solo tra tre giorni contro il Real Madrid di Zidane. 

Mancano meno tre giorni alla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid in Italia come a Cardiff e a Madrid il clima si sta facendo davvero rovente. Sono infatti ben 18.000 i tifosi bianconeri che già nei prossimi giorni partiranno da tutta Italia ed Europa per raggiungere il capoluogo gallese per incitare i ragazzi di Allegri nel raggiungere quel trofeo che manca a nella bacheca a Torino dal 1996. come era infatti facile da prevedere i 18.00 biglietti supplementari messi in vendita per i tifosi della Vecchia Signora una volta definita la finalissima, sono spariti in un attimo come si legge anche in un comunicato ufficiale sul sito della Juventus. Sono infatti 38 i pullman di tifosi in direzione di Cardiff e 27 i voli charter organizzati appositamente per la finale di Champions League contro il Real Madrid: ci si aspetta quindi una pacifica invasione bianconera il prossimo 3 giugno.

E mentre il popolo bianconero, o almeno i pochi fortunati che sono riusciti a trovare un biglietto per Juventus-Real Madrid del prossimo 3 giugno si stanno organizzando per raggiungere il capoluogo del Galles, in casa non mancano anche i gli sfottò degli avversari nostrani della Vecchia Signora, più o meno famosi. Tra questi spicca senza dubbio lattacco del giocatore della Roma Radja Nainggolan, che in una Instagram stories pubblicata sul suo account ufficiale ha preso in giro i tifosi Juventini affermando: il triplete della Juventus? sabato la farà a voi Cristiano Ronaldo. Certo il numero 4 giallorosso non è nuovo a questo genere di affermazioni contro la Juventus: non pochi infatti ricorderanno le dichiarazioni fatte ad alcuni tifosi della Roma che gli erano venuti incontro alluscita di Trigoria. In quelloccasione Nainggolan, forse non sapendo di essere stato filmato, aveva dichiarato di aver odiato fin da piccolo il club bianconero, accusandolo inoltre di vincere sempre per qualche aiutino da fuori, ribadendo di aver scelto la Roma proprio perché volevo vincere qualcosa contro la Juventus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori