Michele Scarponi/ Chi è, lincidente mortale e la carriera: una partenza commossa (Giro d’Italia 2017)

Michele Scarponi: chi è, l’incidente e la carriera. Il ricordo del ciclista dell’Astana morto in un incidente stradale prima del Giro d’Italia 2017, che parte oggi con la 1^ tappa.  

05.05.2017 - Michela Colombo
michele_scarponi_2_seduto_lapresse
Ricordo per Michele Scarponi - La Presse

E a Michele Scarponi il protagonista a cui va il pensiero oggi, primo giorno della 100^ edizione del Giro dItalia, che porterà i ciclisti della corsa rosa da Alghero a Olbia: il grande assente, la cui presenza però si fa pesantissima anche questi giorni, alla vigilia del via del Giro, con il ricordo dei corridori, della direzione della corsa e tutti gli appassionati. A pochi giorni dalla sua tragica scomparsa in seguito a un incidente stradale occorso mentre si allenava sulle strade della sua Filottrano, ripercorriamo brevemente la vita di Scarponi per scoprire chi era e i momenti salienti della sua carriera. Michele Scarponi è nato a Jesi il 25 settembre 1979: appassionato fin da bambino (decisiva la bici regalata dai genitori alla prima comunione, suo primo grande amore) diventa ciclista professionista nel 2002 con la Acqua e Sapone Cantina Tollo (squadra di Mario Cipollini) con la quale raccoglie le prime soddisfazioni in carriera. Dal 2009 fa parte della nazionale italiana, anno in cui coglie le prime vittorie in carriera nel Giro dItalia (sesta e diciottesima tappa), ma non sono le uniche. Nella carriera di Michele Scarponi si ricordano tante vittorie, come la Tirreno Adriatica nel 2009 oltre che il Giro vinto nel 2011 ma in seguito alla squalifica di Contador: da gregario di Nibali allAstana contribuì al successo del ciclista sardo al Tour de France 2014 e al Giro dItalia del 2016. 

Nel primo giorno del giro dItalia 2017 il ricordo di Michele Scarponi è più vivo che mai: laquila di Filottrano, (così soprannominato per le sue doti di scalatore) era infatti attesa al via della prima tappa da capitano dellAstana (dopo il ritiro di Fabio Aru) con il suo solito sorriso. Purtroppo Scarponi non cè più ma il Giro dItalia 2017 lo vuole ricordare: lo ha fatto dedicandogli la tappa del Mortirolo, una delle salite più famose del nostro paese, dove i più ricorderanno la famosa impresa di Pantani. Anche il pubblico non ha dimenticato il ciclista anconetano morto lo scorso 22 aprile: tantissimi gli striscioni già in mostra sulle strade della corsa rosa alla sua memoria e spettacolare il lunghissimo applauso dedicatogli alla passerella del ciclisti ieri all’inaugurazione. Oggi prima della partenza della prima tappa del Giro dItalia 2017 ad Alghero tutti i partecipanti osserveranno un minuto di silenzio in suo ricordo e lAstana ha già annunciato che i bus porteranno il nome e limmagine di Michele Scarponi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori