MOTO2, GP SPAGNA 2017/ Fp2: Morbidelli cade, Marquez è il più veloce della sessione (Jerez)

- Mauro Mantegazza

Moto2, GP Spagna 2017: Franco Morbidelli è l’uomo più atteso nelle prove libere FP1 e FP2 di Jerez: il romano leader in classifica va alla caccia del poker

franco_morbidelli_1_podio_lapresse_2017
Franco Morbidelli (LaPresse)

Si è appena conclusa la Fp2 del Gp di Spagna per la Moto2 che non ha però visto come ci aspettava ancora una prova da protagonista per Franco Morbidelli: il pilota italiano infatti è stato vittima dellasfalto di Jerez, cadendo al 27^ giro in curva 9. Nessuna conseguenza per Morbidelli e la sua moto, ma litaliano ha perso una buona occasione per chiudere la seconda sessione di prove libere per il Gp di Spagna 207 con il miglior crono, che già era riuscito a egnare nelle prime battute di questa sessione. Alla bandiera a scacchi della fp2 della Moto 2 la migliore prestazione è poi andata nuovamente ad Alex Marquez, che ha fermato il cronometro sul 1.43.121, seguito in un podio virtuale da Aegerter, che ha però registrato un ritardo rispetto allo spagnolo di +0.185. Terzo miglior tempo per Vierge che ha però registrato un gap rispetto al primatista di appena 2 centesimi di secondo, mentre hanno completato la top five della Fp2 della Moto2 a Jerez Quartararo e il nostro Morbidelli. (Michela Colombo)

Sta per avere inizio la Fp2 della Moto2, ovvero la seconda sessione di prove ibere sul circuito di Jerez e valide per la quarta prova del Mondiale 2017 ovvero il Gp di Spagna. Il protagonista più atteso di questa sessione di prove sarà ancora una volta Franco Morbidelli della EG 0,0 Marc VDS, che punterà questo weekend ad ottenere la quarta vittoria consecutiva in questa brillantissima stagione che lo vede protagonista assoluto. A suo vantaggio va notato che la pista di Jerez, dopo la pioggia del mattino si sta finalmente asciugando e quindi sarà possibile per lui come per gli altri piloti metter a segno ora dei giri cronometrati davvero interessanti.  Prima di dare il via alla pista ricordiamo brevemente come si era configurata la Fp1 di questa mattina per il Gp di Spagna 2017 della Moto 2: il giro più veloce era andato a Alex Marquez che ha fermato il cronometro sul 1’58.299, un tempo comunque molto alto dato tra le lare cose dalle pessime condizioni della pista di Jerez. Dietro allo spagnolo avevano poi completato il podio virtuale Cardus e Nagahima, mentre Morbidelli aveva realizzato appena il 12^ tempo. Vediamo quindi ora come se la caverà il pilota italiano: la Fp2 sta per cominciare! (agg Michela Colombo)

In attesa dell’imminente FP2 di Moto 2 del Gran Premio di Spagna, quarta tappa del Mondiale 2017, può essere utile dare un’occhiata alla classifica dei team. In testa troviamo EG 0,0 Marc VDS con 99 punti, seguita da CarXpert Interwetten e Red Bull KTM Ajo, rispettivamente a 56 e 52 punti. Completano la top 10 Forward Racing Team (41), IDEMITSU Honda Team Asia (32), Tech 3 Racing (25), Kiefer Racing (21), Dynavolt Intact GP (21), Speed Up Racing (19) e Pons HP40 (13). Per quanto riguarda leIn questa tappa Morbidelli proverà ad allungare la sua striscia di vittorie, anche se il pilota italiano dovrà migliorare la prestazione offerta nella FP1. A sorpresa, sotto la pioggia, il favorito è diventato Alex Marquez, fin qui letteralmente imprendibile. (agg. Giuliani Federico)

La FP1 di Moto 2 va in scena sotto una pioggia incessante, in un circuito di Jerez bagnato e antipasto di quello che sarà il Gran Premio di Spagna 2017. Pronti, via. Alex Marquez fa registrare un tempo di 2:01.363, mentre poco dopo Hernandez cade nella curva 12. Morbidelli non si lascia prendere dal panico e tiene testa allo spagnolo ottenendo un crono pari a 2:00.774. La pioggia gioca un brutto scherzo anche a Mattia Pasini, out dopo aver perso l’equilibrio. Marquez continua a spingere, fino ad arrivare a 1,818 secondi di vantaggio sul favorito Morbidelli. La curva 12, intanto, è fatale anche per Simeon. Questi i risultati finali della prima sessione di prove libere: 1) Marquez 1.58.299 2) Cardus +1.040 3) Nagashima +1.058 4) Syarhin +1.470 5) Vinales +1.721 6) Hernandez +1.721 7) Vierge +1.793 8) Oliveira +1.861 9) Navarro +1.997 10) Raffin + 2.070. E Morbidelli? Il pilota italiano deve accontentarsi del dodicesimo tempo a +2.233. (agg. Giuliani Federico)

Si avvicina il Gran Premio di Spagna, quarta tappa del Mondiale di Moto 2 che andrà in scena sul circuito di Jerez. In attesa dell’inizio della FP1, possiamo dire che il grande favorito resta Franco Morbidelli, primo nella classifica generale a quota 75 punti dopo tre primi posti su tre. Andiamo a dare un’occhiata all’intera griglia dei piloti. Al primo posto, come detto, troviamo Morbidelli. Alle sue spalle troviamo lo svizzero Thomas Luthi (56 punti) e il portoghese Miguel Oliveira (43). In quarta posizione spazio al giapponese Takaaki Nakagami (32), quindi ai due spagnoli Xavi Vierge (25) e Alex Marquez (24). Chiudono la top ten Lorenzo Baldassarri (21), Luca Marini (20), Simone Corsi (19) e Dominique Aegerter (18). A seguire ecco Francesco Bagnaia (13), Fabio Quartararo (13), Marcel Schrotter (13), Hafizh Syahrin (11)) e Sandro Cortese (8). (agg. Giuliani Federico)

stato il protagonista assoluto della prima parte della stagione in Moto2, che da oggi con le prime due sessioni di prove libere FP1 e FP2 vivrà il weekend del Gran Premio di Spagna 2017 a Jerez de la Frontera. Per il pilota nato a Roma il 4 dicembre 1994 questa stagione è stata perfetta finora: vittoria al debutto in Qatar, bis in Argentina e tris ad Austin, 75 punti nella classifica del Mondiale e fuga già lanciata, con 19 punti di vantaggio sullo svizzero Thomas Luthi che al momento sembra essere lunico centauro della Moto2 in grado di reggere il confronto con Morbidelli, grazie a due secondi e un terzo posto. Luthi però è del 1986 e non ha mai corso nella classe regina, dunque il futuro sembra essere tutto dalla parte di Morbidelli. Daltronde, era dai tempi dello sfortunato Daijiro Kato che nessuno riusciva più a vincere le prime tre gare stagionali della classe intermedia: era il 2001, era ancora la 250 e il giapponese calò il poker, che naturalmente sarà il grande obiettivo di Morbidelli domenica a Jerez, dove un anno fa il romano arrivò quarto. Molto però è cambiato rispetto al 2016, quando Morbidelli non riuscì a vincere nemmeno una gara in tutta la stagione nonostante ben otto presenze sul podio negli ultimi undici Gran Premi, da Assen in poi.

Una grande crescita dunque per il pilota della Kalex, cominciata già lanno scorso ma che nel 2017 sta vivendo il definitivo salto di qualità: non è facile avere come compagno di squadra un certo Alex Marquez, che oltre ad essere fratello minore di Marc è pure il campione del Mondo della Moto3 del 2014. Sulla carta avrebbe dovuto essere lo spagnolo la stella della squadra, ma già lanno scorso Morbidelli ha fatto nettamente meglio di lui e in questa prima parte del 2017 la differenza è ulteriormente cresciuta. Franco Morbidelli è dunque il simbolo di una nuova generazione di talenti italiani che deve colmare un vuoto che dura ormai da diversi anni. Nelle classi minori infatti lultimo Mondiale vinto da un pilota italiano risale al 2008, quando il compianto Marco Simoncelli trionfò nellallora 250. Lattesa per quello che Franco saprà fare in questa stagione è di conseguenza sempre più grande ad ogni gara che passa: il cammino è ancora molto lungo, ma sicuramente Morbidelli merita di essere seguito con la massima attenzione, riaccendendo i riflettori sulle classi minori che in questi anni – almeno in Italia – avevano perso decisamente appeal. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori