CLASSIFICA MARCATORI SERIE A / Capocannoniere: Dzeko, doppietta in 20 minuti a San Siro (35^giornata)

- Matteo Fantozzi

Classifica marcatori Serie A, chi vincerà il titolo di capocannoniere? La 35^giornata di campionato si è aperta con gli anticipi di sabato 6 maggio 2017 e il gol di Gonzalo Higuain.

Higuain_Albiol_Juventus_Napoli_lapresse_2017
Probabili formazioni Juventus Napoli (Foto LaPresse)

Edin Dzeko risponde agli avversari nella classifica marcatori: il bosniaco esplode nel primo tempo di Milan-Roma e allunga sulla concorrenza, avvicinando il titolo di capocannoniere della Serie A. Il primo gol con il destro a secco a giro, il secondo di testa su calcio dangolo: doppietta nel grande teatro di San Siro e 27 gol raggiunti in campionato (37 in stagione). Sono 2 in più di Belotti, tre del tris Higuain-Icardi-Mertens: prosegue la stagione fantastica di Dzeko che ha timbrato il cartellino contro tutte le big, segnando doppiette a Napoli e appunto Milan. Gli manca la Juventus: potrà rifarsi la prossima domenica quando la Roma tornerà a giocare contro i bianconeri nel tentativo di avvicinarli in classifica. Intanto dopo la sostituzione con polemica di Pescara e gli errori nel derby Dzeko torna a essere decisivo per le sorti dei giallorossi: adesso la quota 30 gol, toccata lo scorso anno da Gonzalo Higuain, non è così lontana e inoltre la partita contro il Milan non è ancora finita (agg. di Claudio Franceschini)

Diventa sempre più interessante la corsa nella classifica marcatori di Serie A: Ciro Immobile risponde con una doppietta ai sigilli di Dries Mertens e Gonzalo Higuain e sale a quota 22 reti, eguagliando il record personale che aveva centrato tre anni fa con la maglia del Torino e avvicinando la vetta, dove Andrea Belotti è rimasto fermo e Edin Dzeko proverà stasera a scavare un po di margine. Ancora bloccato Mauro Icardi, che resta dunque terzo in compagnia dei citati Higuain e Mertens (24 reti); alle spalle dei magnifici sei sale ancora Keita Balde Diao che si porta a 14 gol affiancando Nikola Kalinic (che sbaglia un rigore) e Alejandro Gomez. Si porta invece a 11 Federico Bernardeschi proprio in extremis; nuovo giocatore in doppia cifra, il ventiseiesimo di questo campionato, si tratta di Fabio Quagliarella che con la doppietta alla Lazio, per quanto inutile per la Sampdoria che viene demolita allOlimpico, raggiunge i 10 gol affiancando così il compagno di squadra Luis Muriel, Radja Nainggolan (che può incrementare questa sera), Ilija Nestorovski e Ivan Perisic. (agg. di Claudio Franceschini)

E’ un grande momento di forma per Keita Baldè Diao, l’attaccante della Lazio infatti è reduce da un derby giocato da assoluto protagonista e se non potrà vincere la classifica dei capocannonieri perché troppo attardato dalla testa sicuramente avrà la possibilità di incrementare le sue marcature. Il senegalese classe 1995 è a tredici reti e ha già superato il suo record di cinque che risale a tre stagioni fa. Può ancora incrementarlo anche per cercare di svoltare la sua carriera. Sono infatti accese le sirene che lo vorrebbero lasciare la Lazio in estate. Su di lui ha messo gli occhi la Juventus di Massimiliano Allegri che lo considera un potenziale crack nel 4-2-3-1 ormai varato ufficalmente dal tecnico livornese. (agg. di Matteo Fantozzi)

Il Papu Gomez sarà tra poco in campo nella gara delle 12.30 Udinese-Atalanta. L’attaccante della Dea vuole incrementare quello che è il suo record personale per trascinare i suoi verso la qualificazione alla prossima Europa League. Il calciatore argentino infatti al momento è a quattordici reti siglate fino a questo momento, mai aveva fatto così bene sotto porta in carriera, tanto che il suo record era di otto reti condiviso tra due stagioni con Arsenal Sarandi e Catania. Adesso è arrivato addirittura a quattordici e vuole incrementarlo, cercando di ottenere un risultato importante che lo possa portare nella storia dell’Atalanta anche per quella qualificazione all’Europa che sarebbe davvero un traguardo importante. L’appiuntamento è alle ore 12.30 alla Dacia Arena di Udine per una sfida che si presuppone possa essere davvero imprevedibile. (agg. di Matteo Fantozzi)

Mai come quest’anno c’era stata tanta bagarre in cima alla lista dei capocannonieri con ben cinque giocatori raccolti tra due reti in testa alla classifica. Oggi tocca a Edin Dzeko e Mauro Icardi rispondere alla rete di Gonzalo Higuain e alla doppietta di Dres Mertens. L’unico che potrebbe rimanere fermo invece è Andrea Belotti a secco ieri nel derby della Mole. Si torna in campo alle 15.00 per discutere della classifica dei capocannonieri con Mauro Icardi che sarà titolare in Genoa-Inter, pronto a risollevare le sorti della squadra nerazzurra che è entrata in un tunnel che sembra senza uscita. C’è poi Edin Dzeko che con la Roma stasera sarà a Milano per affrontare il Milan e provare a ritrovare il secondo posto in classifica dopo che ieri il Napoli ha messo la quinta ed effettuato il momentaneo sorpasso. Sarà comunque una domenica piena di gol e di situazioni da tenere sotto controllo.

Non è servito partire dalla panchina per fermarsi nella caccia del titolo di capocannoniere a Gonzalo Higuain. Il Pipita ha segnato il gol dell’1-1 al minuto 92 di uno Juventus-Torino veramente emozionante e si è portato a un solo gol dalla coppia di testa formata da Edin Dzeko e Andrea Belotti. Con pochi minuti a disposizione l’attaccante bianconero ha battuto il Gallo che in campo per tutto il match non è riuscito a segnare. La rete dei granata infatti l’ha siglata Adem Ljajic con un calcio di punizione veramente molto bello. L’attaccante granata è salito così a nove reti stagionali impreziosendo una stagione fatta sì di alti e bassi, ma anche di giocate importanti e di gol molto belli. Intanto ieri in Napoli-Cagliari ha segnato una doppietta anche Dres Mertens che così ha agganciato a ventiquattro gol proprio Gonzalo Higuain. Rimangono ormai solamente tre giornate di campionato e la lotta per la vittoria della classifica dei capocannonieri si fa agguerrita con tanti giocatori in pochissime reti che sono pronti a fare la differenza e a vincere un premio comunque molto ambito.

27 GOL: Edin Dzeko (1 rigore, Roma)

25 GOL: Andrea Belotti (2, Torino)

24 GOL: Gonzalo Higuain (Juventus), Mauro Icardi (3, Inter), Dries Mertens (2, Napoli)

22 GOL: Ciro Immobile (5, Lazio)

16 GOL: Marco Borriello (1, Cagliari)

15 GOL: Lorenzo Insigne (2, Napoli)

14 GOL: Alejandro Gomez (2, Atalanta), Nikola Kalinic (1, Fiorentina), Keita Balde Diao (1, Lazio)

13 GOL: Carlos Bacca (4, Milan), Mohamed Salah (Roma)

12 GOL: Diego Falcinelli (2, Crotone)

11 GOL: Giovanni Simeone (1, Genoa), José Callejon (Napoli), Marek Hamsik (Napoli), Patrik Schick (Sampdoria), Iago Falqué (1, Torino), Cyril Thereau (1, Udinese), Federico Bernardeschi (3, Fiorentina)

10 GOL: Ivan Perisic (Inter), Ilija Nestorovski (1, Palermo), Radja Nainggolan (Roma), Luis Muriel (3, Sampdoria), Fabio Quagliarella (2, Sampdoria)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori