Infortunio Dzeko / AS Roma news, le mosse di Spalletti verso la Juventus: Totti ancora fuori?

- Matteo Fantozzi

Infortunio Dzeko, lesione al polpaccio per l’attaccante bosniaco che sarà costretto a saltare la sfida dello stadio Olimpico contro la Juventus, che potrebbe riaprire la corsa allo scudetto

dzeko_bellusci_seriea_lapresse_2016
Quasi out dai Mondiali la Bosnia di Dzeko (foto LaPresse)

Salterà Roma-Juventus per infortunio. Il calciatore bosniaco infatti rimarrà fuori almeno per dieci giorni. Tra le ipotesi c’è anche quella del tridente leggero nonostante le condizioni non proprio ottimali di Diego Perotti e Radja Nainggolan. La decisione però potrebbe comunque non ricadere su Francesco Totti che potrebbe essere ancora una volta escluso per l’ira dei tifosi nei confronti del separato in casa. Tra i calciatori presenti tra le riserve ci sono anche calciatori come Stephan El Shaarawy che potrebbe giocare anche da falso nove. Attenzione anche alle soluzioni estreme come quelle di possibili cambi ruoli o anche dell’idea di spostare nuovamente dietro le punte Gerson che nella sua avventura romana ha giocato sempre in mezzo al campo. (agg. di Matteo Fantozzi)

L’infortunio di Edin Dzeko, che metterà fuori causa l’attaccante della Roma per il big-match di domenica sera contro la Juventus, costringerà i giallorossi ad una sorta di ritorno al passato, cioè a quanto spesso succedeva nel corso della scorsa stagione. Infatti, se oggi Dzeko è intoccabile e solo questo infortunio al polpaccio gli impedirà di completare l’intero campionato senza saltare nemmeno una partita, nel 2015-2016 le cose andavano in modo molto diverso. Il bosniaco spesso finiva in panchina a causa di un rendimento non esaltante, quindi Spalletti sovente ricorreva ad un attacco senza un vero centravanti, un po’ come Sarri quest’anno: Dzeko in panchina e reparto offensivo formato da Salah, Perotti ed El Shaarawy, con l’argentino ex Genoa solitamente nei panni del ‘falso 9’. Dovrebbe essere così anche domenica sera, in una partita da vincere sia per tenere viva una minima speranza scudetto, sia e soprattutto per la rincorsa al secondo posto. (agg. di Mauro Mantegazza)

Nessuna speranza per Edin Dzeko: i tempi di recupero dall’infortunio al polpaccio sono stimati in una decina di giorni per l’attaccante della Roma, che dovrà dunque saltare la partita di domenica sera contro la Juventus. Una brutta botta per i giallorossi, visto che si tratta della partita che potrebbe dare lo scudetto ai grandi rivali bianconeri e soprattutto uno snodo fondamentale per quello che ormai è l’obiettivo della Roma, cioè il secondo posto. L’importanza di Dzeko è mostrata da un dato semplice ma chiarissimo: sarà la trentaseiesima giornata di Serie A, finora il bosniaco ha raccolto 35 presenze su altrettante partite. Potrebbe essere un problema anche a livello personale per l’attaccante della Roma, il cui primato nella classifica marcatori potrebbe essere in bilico, soprattutto se dovesse saltare anche altre partite, ma naturalmente per ora la preoccupazione è tutta legata al fatto che la Roma dovrà giocare contro la Juventus proprio senza il capocannoniere del campionato. (agg. di Mauro Mantegazza)

Lesione al polpaccio per Edin Dzeko: linfortunio subito dallattaccante della Roma è più serio del previsto e le ultime notizie da Trigoria, riportate dalla redazione di Sky Sport, parlano di uno stop di almeno 10 giorni. Il che significa che Dzeko non giocherà contro la Juventus: salterà la sfida che potrebbe riaprire – almeno virtualmente – la corsa allo scudetto e potrebbe essere a rischio anche per la partita seguente, che i giallorossi disputeranno sul campo del Chievo. Una tegola pesante per Luciano Spalletti in vista della volata conclusiva per il secondo posto: senza Dzeko viene infatti a mancare il principale cannoniere della squadra, autore di 27 gol in campionato – dove è capocannoniere – e 37 in stagione. Dzeko dunque non affronterà la grande sfida con Gonzalo Higuain; soprattutto la Roma arriva decimata alla partita più importante della stagione, perchè come sappiamo il ricorso sulla squalifica di Kevin Strootman è stato respinto e dunque lolandese sarà out anche per domenica sera, mentre Radja Nainggolan a causa di un edema al polpaccio è in forte dubbio. Che possa giocare Francesco Totti contro la Juventus? Difficile: più probabile la soluzione con Diego Perotti da prima punta, ma a questo punto nel secondo tempo il capitano potrebbe avere ampio spazio. (agg. di Claudio Franceschini)

L‘infortunio di Edin Dzeko apre scenari interessanti in vista di Roma-Juventus che si giocherà domenica sera. Il calciatore bosniaco infatti non ha un vero e proprio alterego nella rosa giallorossa, con Luciano Spalletti che ha lui come unico vero attaccante di peso. Il dubbio rimane, ma le scelte devono essere fatte e quindi torna il nome di Francesco Totti in cima alle possibilità per domenica. Il capitano giallorosso si ritirerà alla fine di questa stagione e avrebbe così l’occasione di giocare il suo ultimo incontro di livello contro la squadra avversaria di mille battaglie. Difficile capire quali saranno le scelte di Luciano Spalletti, ma di certo sarebbe molto interessante vedere il calciatore numero dieci in campo in una gara così importante anche perché a pensarci bene è l’unico che potrebbe giocare al centro dell’attacco con fisicità e tecnica. E che questa scelta possa sancire la pace tra i tifosi della Roma e Luciano Spalletti? Sicuramente per ora a gioire sono solo quei gufi “malefici” dei napoletani. Ma ride bene chi ride per ultimo… (agg. di Matteo Fantozzi)

C’è ottimismo a Trigoria per quanto riguarda l’infortunio di Edin Dzeko che è uscito ieri nel finale di Milan-Juventus per un risentimento al polpaccio. Già ieri sera si era pensato potesse trattarsi di un problema non insormontabile, probabilmente solo un crampo come avevad etto lo stesso bosniaco. Edin Dzeko quindi dovrebbe essere al suo posto nella gara di domenica Roma-Juventus diventata fondamentale per mantenere il secondo posto che regala l’accesso diretto alla fase a gironi di Champions League. Nonostante questo c’è bisogno di tempo per valutare un problema del genere e probabilmente dopo la fase di scarico di oggi domani saranno effettuati degli esami strumentali che potranno chiarire se c’è una lesione o meno. La sensazione, va ripetuto, è che il calciatore possa essere in campo subito già da domenica prossima. (agg. di Matteo Fantozzi)

L’infortunio di Edin Dzeko ha gettato nel panico i molti tifosi della Roma che stasera saranno stati comunque contenti del 4-1 rifilato allo Stadio San Siro di Milano al Milan di Vincenzo Montella. La domanda che si saranno fatti in molti sarà la stessa e cioè se Edin Dzeko sarà in campo contro la Juventus domenica prossima. Una gara che lascia aperta l’ultima flebile speranza di vincere lo Scudetto con i giallorossi che in tre partite dovrebbero recuperare sette punti alla Juventus. Certo però queste partite saranno importanti non solo per questo, ma anche per mantenere il secondo posto che vale l’accesso diretto alla prossima Champions League. Ultime giornate valide anche per un obiettivo personale con Edin Dzeko che cerca di vincere il titolo di capocannoniere della Serie A.

stato costretto a uscire dal campo di gioco nella gara MilanRoma a quattro minuti dalla fine. Si è capito subito che si potesse trattare di un problema fisico per il calciatore e non di un semplice cambio tecnico. Il calciatore alla fine della partita a Mediaset Premium, sottolineando anche: “Ho sentito qualcosa, spero di farcela per la Juventus. Vedremo domani. E’ una partita importante quella di domenica e speriamo di vincere tutte e tre quelle che restano. Sono felice. So di aver lavorato duramente per tutta la stagione ed è importante avere la fiducia. In generale però guardo la squadra e non solo me“. Domani il calciatore della Roma dovrebbe essere sottoposto ad esami strumentali che ci diranno di più sulla sua condizione. In questo momento cruciale della stagione è comunque normale accusare anche dolori fisici che possono sembrare anche più gravi di quello che poi in realtà sono. Staremo a vedere quello che accadrà e quali saranno i responsi che arriveranno dall’infermieria. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori