DIRETTA/ Italia Serbia (risultato finale 7-13) debacle azzurra, ma Aicardi super! (World League pallanuoto)

- Michela Colombo

Diretta Italia Serbia: info streaming video e tv, risultato live dell’incontro di pallanuoto maschile valido nella Superfinals della World League 2017 in Russia. 

gruppo pallanuoto Italia
Diretta Italia Francia pallanuoto (Foto LaPresse)

Italia Serbia si è appena chiusa con il risultato di 13-7 per la campionessa in carica della World League: come detto il match per gli azzurri si annunciava in salita e così è stato anche se la formazione di Sandro Campagna è riuscita a mettere in vasca davvero unottima prestazione contro una squadra tecnicamente e fisicamente più forte. Dal 5-3 fissato per i serbi a metà tempo, il terzo parziale ha visto la partenza sprint della formazione slava, che ha allungato il proprio vantaggio con Prlainovic e Mitrovic in gol nei primi due minuti di gioco. Al rilancio serbo ha però nuovamente risposto un super Matteo Aicardi di nuovo in gol  sfruttando abilmente la momentanea superiorità numerica degli azzurri. Al guizzo di Aicardi ha però presto risposto Filipovic, rete poi pareggiata da Pietro Figlioli pochi secondo dopo: il terzo quarto si chiude sul 4-3 per la Serbia ancora avanti con Pijetlovic a  cui solo Aicardi ha saputo nuovamente rispondere per le rime. Se finora lItalia di Campagna ha saputo in qualche modo tamponare la situazione nellultimo parziale in vasca di vede sono la Serbia: Filipovic, Subotic, e Aleksic chiudono di fatto il match mentre gli azzurri rimane solo lonore dellultima rete di Alessandro Nora. 

Siamo a metà esatta della partita di pallanuoto maschile tra Italia e Serbia, campioni olimpici e della World League in carica  e il tabellone per ora arride proprio alla formazione solava avanti per 5-3, ma con gli azzurri che non sino sondati per vinti nemmeno un secondo finora nonostante i diversi momenti passati in inferiorità numerica. Il primo quarto è stato comitato dalla Serbia che si è portata avanti sul 2-1 grazie ai gol di Pjetlovic  segnati in superiorità a cui solo Bodegas ha saputo rispondere. Nel secondo quarto invece sono stati gli azzurri a partire con il piede giusto con Matteo Aicardi che ha segnato la seconda rete per lItali in superiorità numerica. La reazione della Serbia però non si è fatta attendere e con Filipovic e Subotic, oltre a Cuk si è portata di nuovo avanti, ma Aicardi ha trascinato ancora una volta gli azzurri chiudendo il parziale per 5-3. 

Prima di dare la parola alla vasca per il fischio dinizio di Italia-Serbia, match nella seconda giornata della World League andiamo a curiosare nelle basche delle due nazionali, tra le più medagliate di sempre sia nella competizione in corso in Russia che negli altri appuntamenti del pallanuoto maschile. Come già detto la Serbia scenderà in vasca oggi da campionessa in carica sia della World League che della Coppa del mondo, delle Olimpiadi degli europei e dei mondiali e in ciascuna di queste competizioni ha raggiunto traguardi incredibili. Parlando solo della World League ricordiamo che la Serbia ha finora raccolto 7 ori in appena otto partecipazioni totali (fa nazionale a se dolo dal 2007), con la sola assenza nelledizione 2012 di Almaty a cui però la nazionale non aveva partecipato (loro andò alla Croazia, Italia bronzo). Completamente differente il palmares dellItalia in questo tipo di competizione: nessun oro, ma un bronzo e due argenti vinti nel 2003 dietro a Ungheria e a Firenze nel 2011 perso nella storia finale contro la Serbia già citata. 

Non sono certo pochi i testa a testa già intercorsi tra Italia e Serbia, sia nella World League di pallanuoto maschile che in altre competizioni mondiali e continentali. Nel voler fare un bilancio breve basterebbe ricordare che dal 2009 a oggi le due formazioni oggi in vasca si sono affrontare ben 10 volte  tra amichevoli e vari torni e Giochi Olimpici per un totale di 3 vittorie azzurre e 6 successi della formazione slava, a  cui arride anche lultimo precedente. Il testa a testa a cui facciamo riferimento è il già citato contro in semifinale con il Settebello di Campagna alle ultime Olimpiadi di Rio de Janeiro e che costrinse gli azzurri a giocarsi la finalina per il bronzo. Nello scontro diretto lultimo successo dellItalia è comunque molto recente: gli azzurri infatti trovarono la vittoria in amichevole nel luglio 2016 con il risultato di 10-9. Un esito senza dubbio risicato ma che potrebbe portare bene oggi in vasca alla formazione di Campagna.

Quando si parla di Italia-Serbia nella World League di pallanuoto maschile il primo pensiero va senza dubbio alla mitica finale persa proprio dagli azzurri già guidati da Sandro Campagna contro la nazionale slava alla World League del 2011 di fronte al caldissimo pubblico di Firenze. Allora nel torno di qualificazione alla manifestazione la Serbia aveva raggiunto la Superfinals da prima del propri girone, mentre gli azzurri erano riusciti ad avere accesso sia in qualità di paese ospitante che come migliore seconda del tabellone continentale. Un successo complicato per la formazione di Campagna e è comunque approdata alla finale di Firenze con tanto entusiasmo: gli azzurri arrivarono a battere lAustralia ai quarti per 7-6 e la Croazia in semifinale per 11-13. Nel contempo invece la Serbia non ebbe problemi a superare il Canada battuto ai quarti per 19-7 mentre affrontò gli Stati Uniti in semifinale ottenendo la vittoria per 8-5. La finalissima tra Italia e Serbia fu tra le più accese di sempre: il Settebello fu poi costretto ad arrendersi per 8-7 agli slavi al loro 4^ titolo nella storia e al secondo consecutivo nella World League.

il match di pallanuoto in programma oggi mercoledì 21 giugno alle ore 16.20 e valido come seconda gara della fase a giorni della Superfinals della World League 2017 della pallanuoto maschile in programma in questi giorni in Russia. Dopo aver affrontato gli americani in un match davvero impegnativo, il Settebello chiamato di nuovo in vasca per affrontare in avversario che sulla carta pare ancor più temibile, ovvero la fortissima Serbia guidata dal tecnico Dejan Savic che può tornare in vasca vantando di essere la campionessa olimpica in carica, la campionessa del mondo ed europeo in carica e medaglia oro alla Coppa del Mondo e della world League nelle ultime edizioni. 

Dato il carico di titolo che la formazione serba ha vinto nella scorsa stagione appare evidente che la sfida di annuncia a dir poco complicata per lItalia di Sandro Campagna, pronta comunque a sfidare Golia da novello Davide. Il Settebello portato in Russia per la World League infatti ha già messo in mostra il proprio valore contro gli Usa: gran parte del gruppo presente qui infatti ha vinto la medaglia di bronzo alle Olimpiadi e gli innesti sono di enorme valore tecnico. Manco a dirlo però è proprio la Serbia la favorita alla successo finale se non altro per lassenza conclamata di Ungheria e Montenegro che potrebbe facilitare il cammino alla compagine di Dejan Savic. Lultimo ricordo della Serbia per gli azzurri è la sconfitta subita nelle semifinali dei Giochi Olimpici di Rio 2017 per la pallanuoto maschile e che ha costretto il settebello a giocare con il Montenegro la finalina per il bronzo, poi trionfalmente conquistato. Di certo lItalia oggi vorrà riscattare lultima sconfitta anche se il pronostico non arride agli azzurri che puntano comunque a dare spettacolo in questa World League 2017. 

Ricordiamo infine che la partita tra Italia e Serbia della Superfinals 2017 della World League di pallanuoto maschile in Russia non sarà visibile in diretta tv e di conseguenza non sono state fornite indicazioni riguardanti una diretta streaming video dellevento. Consigliamo pertanto di collegarsi sia al portale ufficiale dellevento Fina (www.fina.org/event/men-super-final-2017) oltre che la portale della federazione italiana (www.federnuoto.it) per rimare aggiornati sulle ultime novità il tabellino e il risultato live del match. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori