Diretta / America’s Cup 2017 info streaming video e tv: la firma di Oracle! Risultato live delle regate (oggi)

- Mauro Mantegazza

Diretta Americas Cup 2017 info streaming video e tv, orario e risultato live delle regate tra Oracle e New Zealand: le due sfide odierne (oggi sabato 24 giugno)

oracle_americascup_vela_lapresse_2017
Diretta Americas Cup 2017, Il catamarano di Oracle (LaPresse)

Il Defender americano si becca una doppia penalità nella regata numero 5 dell’America’s Cup 2017. I Kiwi avanzano 4-0, gli americani provano a scuotersi ma non tengono il passo. Per loro c’è solo la sesta regata, che permette almeno di accorciare le distanze. Finale che vede Oracle gestire un vantaggio di circa duecento metri, poi TNZ torna sotto. Burling accelera, le distanze sono ampie. Burling vuole tenere l’avversario ma fa male i conti. Oracle così mette la firma sull’ultimo incrocio, Burling non è perfetto e concede cento metri a Oracle, che ringrazia e va a siglare il 4-1. (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

Sta per cominciare una nuova giornata dellAmericas Cup 2017 di vela, ledizione numero 35 della storica Coppa America che aveva preso il via nello scorso weekend e oggi riparte dopo cinque giorni di pausa. Tornano dunque in scena gli sfidanti di Emirates Team New Zealand e i detentori del titolo, gli statunitensi di Oracle Team USA nellinedita sede dellarcipelago delle Bermuda, possedimento britannico nel cuore dellOceano Atlantico. La sfida sarà ancora più gustosa perché si tratterà anche della rivincita del clamoroso epilogo del 2013, quando Oracle vinse ribaltando uno svantaggio di 1-8 per trionfare 9-8. Anche ora New Zealand è partita meglio e conduce 3-0, ma attenzione perché stavolta per trionfare bastano sette punti, dunque Oracle non può attendere troppo per far partire la sua rimonta. Parola dunque al mare: lAmericas Cup 2017 sta per ricominciare! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

Sono Oracle e New Zealand a contendersi lAmericas Cup 2017, la nuova edizione del più prestigioso e antico trofeo di vela al mondo. Potrebbe essere dunque loccasione per la rivincita del clamoroso epilogo del 2013, quando Oracle vinse per 9-8 risalendo da 1-8, la rimonta probabilmente più clamorosa nella storia non solo della vela, ma di qualsiasi sport. Ricordiamo che New Zealand si portò sul 6-0 a San Francisco, casa del defender Oracle. La vittoria nella settima regata degli americani sembrò il classico punto della bandiera, anche perché a seguire New Zealand ne vinse altre due, portandosi sul punteggio di 8-1. Per conquistare la Coppa America serviva arrivare a nove, ma Oracle a quel punto cominciò a vincere regata su regata, ritrovando entusiasmo e convinzione mentre dallaltra parte ogni sconfitta gettava New Zealand sempre più nel dubbio fino ad arrivare al 25 settembre, giorno della diciassettesima e decisiva regata, che diede ad Oracle il punto del clamoroso 9-8 e la vittoria finale. Finora il canovaccio è lo stesso, con New Zealand avanti 3-0: quel ricordo è la speranza degli americani e lincubo dei kiwi (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

Ledizione 2017 della Americas Cup ha destato certo una certa perplessità al pubblico magari meno avvezzo a questo tipo di competizioni: biciclette e catamarani volanti hanno infatti sorpreso non pochi. Francesco de Angelis, ex skipper di Luna Rossa ha così descritto questa affascinante sfida tra New Zealand e Oracle sulle colonne de La Stampa, raccontando anche le particolarità di questo trofeo: catamarani volanti? Mi interessano molto sotto il profilo tecnologico. Però, dai, non sono più barche, sono aerei. A me, per altro, gli aerei piacciono, ma è un altro sport. Ma li avete visti i ciclisti kiwi? Cè Simon van Velthooven, la medaglia di bronzo olimpica di ciclismo su pista (keirin), sempre a capo chino, che pedala con la fronte sullo scafo. Non so, mi ricorda tanto il bob a 4. Non manca poi un ricordo forse malinconico alla sua Luna Rossa, protagonista assoluta della Americas Cup di qualche tempo fa che pare ora lontanissimo: Massimo rispetto. Ma, appunto, è unaltra cosa. unAmericas Cup esclusivamente televisiva. Senza tv non capisci la regata, non apprezzi le manovre. Per assurdo, queste barche potrebbero essere telecomandate da un gommone, con uno schermo davanti, come la Playstation. (agg Michela Colombo)

Ci avviciniamo alle fondamentali regate 5 e 6 dellAmericas Cup 2017 tra New Zealand e Oracle e il clima è diventato rovente e non solo nellAtlantico dove a ore sono attese le imbarcazioni. Proprio nei giorni scorsi infatti le diverse bandiere della Nuova Zelanda fissate dai sostenitori dei Kiwi sullunica strada che porta a Dockyard non sono state affatto gradito e nel corso di una notte sono state fatte tutte sparire. Da chi? I fan del team New Zealand il sospetto ce lhanno ma per ora non lo dicono: la via che collega il Somerset allAmericas Cup Village sulla Bermuda ora risulta effettivamente spoglia, offrendo uno spettacolo che la dice lunga su clima e di come questa competizione viene vissuta specialmente ora dove i Kiwi potrebbero già tenare il colpaccio in questo weekend dentro la defender Oracle. Attenzione però la sparizione delle bandiere non è causale, come ha affermato anche Simon Hull sullisola con alcuni tifosi della New Zealand, che intervistato al NZ Herald ha mostrato le corde tagliate che sorreggevano le bandiere anche entro i confini provati delle abitazioni colpite. (agg Michela Colombo)

Ritorna protagonista oggi lAmericas Cup 2017, edizione numero 35 della storica Coppa America di vela, uno degli eventi sportivi con maggiore fascino e tradizione in assoluto. Dopo cinque giorni di pausa, tornano dunque in acqua Oracle Team USA ed Emirates Team New Zealand: si riparte con la quinta e la sesta regata in programma nellarcipelago delle Bermuda, sede inedita per la Coppa America che pure stavolta si sta rivelando un mix di storia ed innovazione, di grande tecnologia e anche qualche follia legata ai giganteschi catamarani che sono stati scelti come imbarcazioni per questa edizione (pure con qualche rischio legato alla sicurezza), tuttavia il fascino resta superiore alle polemiche e ancora una volta la Coppa America riuscirà nellimpresa di attirare lattenzione anche di chi normalmente non segue la vela.

Attraverso le classiche regate degli sfidanti culminate con la Louis Vuitton Cup, è emerso appunto Emirates Team New Zealand come sfidante dei detentori del titolo, gli statunitensi di Oracle Team USA. Si ripropone dunque la sfida Oracle-New Zealand, la stessa dellultima edizione della Coppa America quattro anni fa, vinta per 9-8 dagli americani con una clamorosa rimonta.

Finora si sta ripetendo lo stesso canovaccio, con New Zealand che è partita molto meglio di Oracle e ha vinto le prime quattro regate, anche se è in vantaggio solo per 3-0 perché Oracle ha partecipato alle regate di qualificazioni (le Americas Cup Qualifiers) e le ha vinte, di conseguenza ha ricevuto un bonus che però da regolamento si è concretizzato sotto forma di penalizzazione per gli avversari, dunque New Zealand è partita da -1 e dovrà vincere otto regate per arrivare a quota 7 e conquistare la Coppa. Questanno infatti servono 7 punti e non più 9 per trionfare: questo per Oracle significa che sono più stretti i margini per cercare una rimonta e già da oggi non si può più sbagliare per non concedere un margine di vantaggio troppo ampio ai rivali.

Per tutti gli appassionati di vela, lappuntamento in diretta tv con lAmericas Cup 2017 è su Mediaset Premium, che ha acquistato i diritti dellintera manifestazione, fin dalle regate preliminari e Louis Vuitton Cup: lappuntamento per tutti gli abbonati alla televisione digitale terrestre oggi, sabato 24 giugno, sarà a partire dalle ore 18.30 italiane per seguire la quinta e la sesta regata che sono in programma per la giornata odierna, sempre che le condizioni del vento garantiscano la loro regolare disputa. Ricordiamo infine che gli abbonati Premium che non potessero mettersi questa sera davanti a un televisore potranno seguire il programma delle regate odierne anche in diretta streaming video tramite lapplicazione Premium Play.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori