Diretta/ Italia-Germania Under 21 (risultato finale 1-0) info streaming video RaiPlay: siamo in semifinale!

- Carlo Necchi

Diretta Italia-Germania Under 21: streaming video raiplay.it, probabili formazioni, quote, orario, risultato live. La partita degli Europei 2017 si gioca sabato 24 giugno a Cracovia

Italia_Under21_Europei_lapresse_2017
Europei Under 21 2017: diretta Italia-Germania (LAPRESSE)

Fine dei giochi allo stadio di Cracovia, impresa dell’Italia under-21 che batte la Germania per 1 a 0 e grazie a questo risultato, ma soprattutto in virtù del 4 a 2 con il quale la Danimarca ha battuto la Repubblica Ceca, gli azzurrini chiudono in vetta al girone C e si qualificano per la semifinale dove affronteranno la temibile Spagna. Nelle battute conclusive del match entrambe le squadre sono parecchie stanche, paradossalmente i tedeschi nonostante il KO non hanno alcun interesse a forzare perché in questa maniera, con il secondo posto, eviterebbero le Furie Rosse e dunque non si riversano disperatamente in avanti, in questa maniera per i ragazzi di Di Biagio diventa relativamente più semplice difendere il vantaggio fino al triplice fischio dell’arbitro Vincic che arriva puntuale al termine dei tre minuti di recupero concessi; esultano tutti, anche i ragazzi di Kuntz che passano come migliori secondi. Missione compiuta per l’Italia alla quale si aprono le porte della semifinale che affronteremo senza Berardi e Conti squalificati. (agg. di Stefano Belli) 

Quando mancano dieci minuti al novantesimo resiste il vantaggio dell’Italia sulla Germania con gli azzurrini sempre avanti per 1 a 0. I tedeschi non possono dormire sonni tranquilli e devono evitare il KO se vogliono chiudere al primo posto nel girone C dell’europeo under-21 a prescindere dell’esito di Repubblica Ceca-Danimarca, al 58′ Weiser trova un varco per concludere dal limite col pallone che esce di poco a lato. D’altro canto però nemmeno gli azzurrini possono accontentarsi dell’1 a 0 e dunque devono attaccare, al 61′ Pellegrini col destro mette a dura prova i riflessi di Pollersbeck che con una gran parata salva i suoi dallo 0-2, grande occasione per l’Italia che si sta decisamente riscattando dopo la prova negativa di mercoledì scorso ma la vittoria potrebbe comunque non bastare se i cechi dovessero battere i danesi. Nel frattempo il ct tedesco Kuntz corre ai ripari sostituendo lo stanco Meyer con il fresco Philipp, successivamente Jung rileva Dahoud che oggi non raggiunge sicuramente la sufficienza, infine viene gettato nella mischia Amiri a cui Weiser ha ceduto il posto. Di Biagio, invece, ha preferito tenersi i tre cambi tutti per il finale, con la Germania che al 75′ si rende nuovamente pericolosa su calcio piazzato con il colpo di testa di Stark che viene però valutato in offside dall’assistente di Vincic. Al 79′ cross di Bernardeschi per Conti che a un metro dalla porta si divora il gol del raddoppio, il guardalinee “salva” dal linciaggio mediatico il difensore dell’Atalanta segnalando il fuorigioco. (agg. di Stefano Belli) 

Allo stadio di Cracovia è ricominciato dopo l’intervallo il match valido per la 3^ giornata del gruppo C dell’europeo under-21 tra Italia e Germania, al decimo minuto del secondo tempo il punteggio vede la formazione di Di Biagio sempre avanti per 1 a 0. Squadre che si stanno annullando a vicenda in questo inizio di ripresa, entrambe le formazioni faticano ad allungarsi in mezzo al campo, avvicinandosi alle rispettive aree di rigore solamente grazie a dei calci piazzati che vengono però sfruttate male da azzurrini e tedeschi. Nel frattempo la Repubblica Ceca sta pareggiando 2 a 2 contro la Danimarca, con questo risultato l’Italia si qualificherebbe come prima del girone. (agg. di Stefano Belli) 

Intervallo allo stadio di Cracovia dove si è appena concluso il primo tempo di Italia-Germania, le due squadre tornano negli spogliatoi per il quarto d’ora di pausa sul punteggio di 1 a 0 in favore della formazione allenata da Luigi Di Biagio. Si scaldano gli animi in campo con Berardi che andando a recuperare il pallone che Bernardeschi aveva appena depositato in rete viene un giocatore tedesco, Arnold non la prende bene e si accende quasi una rissa tra i due che viene subito sedata dall’arbitro Vincic, entrambi vengono ammoniti il che vuol dire che il centravanti del Sassuolo, essendo diffidato, salterà l’eventuale semifinale. In ogni caso gli azzurrini adesso giocano con ancora più coraggio e spavalderia, anche grazie alla Danimarca che sta battendo la Repubblica Ceca per 2 a 1, il che ci consentirebbe di terminare al primo posto nel girone C. Germania che si rende sempre pericolosa su palla inattiva, al 40′ Kempf tenta il tiro ma viene murato dall’ottima chiusura di Caldara. Nel recupero viene ammonito Conti, anche lui era diffidato e non ci sarà nell’eventuale semifinale. (agg. di Stefano Belli) 

Quando è trascorso il primo punteggio di gara il punteggio di Italia-Germania vede la formazione di Di Biagio avanti per 1 a 0. Anche in questa fase del match gli azzurrini si propongono in avanti (non hanno scelta, devono per forza vincere con almeno due gol di scarto e segnare tre reti), al 13′ Benassi colpisce il pallone di testa ma Pollersbeck non si fa scavalcare dall’incornata del centrocampista edl Torino. Passano altri tre minuti e Stark da fuori area libera la conclusione col pallone che termina sul fondo a debita distanza dalla porta difesa da Donnarumma. Al 20′ i ragazzi di Di Biagio manovrano un’altra azione d’attacco finalizzata da Pellegrini che va al tiro, Pollersbeck respinge senza però liberare l’area di rigore con Bernardeschi che non fa in tempo ad arrivare sul pallone per il tap-in. Ancora qualche distrazione di troppo in fase difensiva con Conti che perde palla e favorisce il contropiede della Germania che viene comunque smorzato dallo stesso Conti che si fa perdonare per l’errore di prima. Al 25′ Caldara con una grande azione personale sta per entrare in area quando viene steso da Kempf che è costretto a spendere il giallo per fermarlo, punizione dal limite battuta da Bernardeschi che sfiora il palo alla destra di Pollersbeck. Proprio allo scoccare della mezz’ora Stark sbaglia l’apertura per Dahoud che pressato da Pellegrini perde palla, Bernardeschi ne approfitta e la deposita in rete per il vantaggio dell’Italia. (agg. di Stefano Belli) 

Allo stadio di Cracovia è cominciato il match valevole per la 3^ giornata del gruppo C dell’europeo under-21 tra Italia e Germania, sono infatti trascorsi dieci minuti dal fischio d’inizio e il punteggio è fermo sullo 0-0. Gli azzurrini hanno l’obbligo di vincere con almeno due reti di scarto e segnano almeno tre gol, ragion per cui provano subito a fare la partita senza comunque creare palle gol e mettere in apprensione il portiere avversario Pollersbeck. Dall’altra parte del campo al 6′ i tedeschi battono un calcio piazzato con Kempf che anticipa tutti e colpisce il pallone depositandolo in rete alle spalle di Donnarumma che si è fatto sorprendere, ma il guardalinee non convalida la rete per il fuorigioco di Stark che aveva partecipato all’azione: sospiro di sollievo per l’Italia che si salva dallo 0-1 dopo la mezza dormita in barriera. (agg. di Stefano Belli) 

Pochi minuti al fischio d’inizio di Italia-Germania Under 21 a Cracovia, partita fondamentale per le ambizioni degli azzurrini di andare avanti negli Europei di categoria. Serve solo vincere: andiamo allora a vedere quali sono state le scelte dei due allenatori, in base alla lettura delle formazioni ufficiali che sono già state comunicate. Sorpresa nell’Italia, che il c.t. Di Biagio schiera senza una prima punta di ruolo. In panchina dunque Petagna e coppia d’attacco con Bernardeschi e Berardi, che saranno certamente appoggiati da Chiesa, in campo dal primo minuto. In difesa invece è recuperato Caldara, che affianca Rugani nella coppia centrale davanti a Donnarumma. La parola dunque passa al campo, perché Italia-Germania Under 21 sta ormai per cominciare! ITALIA (4-4-2): Donnarumma; Conti, Caldara, Rugani, Barreca; Benassi, Pellegrini, Gagliardini, Chiesa; Bernardeschi, Berardi. Allenatore: Luigi Di Biagio. A disposizione: Cragno, Scuffet, Calabria, Cataldi, Grassi, Cerri, Petagna, Biraschi, Garritano, Locatelli, Ferrari, Pezzella. GERMANIA (4-2-3-1): Pollersbeck; Toljan, Stark, Kempf, Gerhardt; Dahoud, Arnold; Weiser, Meyer, Gnabry; Selke. Allenatore: Stefan Kuntz. A disposizione: Schwabe, Vlachodimos, Anton, Jung, Platte, Klunter, Kehrer, Amiri, Haberer, Oztunali, Kohr, Philipp. (agg. di Mauro Mantegazza) 

Nella partita tra Italia e Germania Under 21, Marco Benassi dovrebbe tornare a far parte dell’undici titolare; il capitano della selezione azzurra è rimasto in panchina contro la Repubblica Ceca, ma probabilmente il ct Di Biagio lo chiamerà nuovamente in causa per sfruttarne le doti tecniche e carismatiche. Tra i convocati per questi Europei, Benassi risulta il giocatore dell’Italia con più presenze in Under 21: sono 24 condite da 6 reti, a seguire sul podio dei ‘senatori’ azzurrini troviamo Domenico Berardi (20 presenze e 3 reti) e Danilo Cataldi (19 partite, 2 gol). Per la Germania Under 21 invece il ragazzo con più gettoni all’attivo è Max Meyer, centrocampista classe 1995 in forza allo Schalke 04; per lui 19 presenze e 6 gol. Secondo il capitano Maximilian Arnold (18 partite, 5 reti), di un anno più grande e sotto contratto con il Wolfsburg fino al 2020. Il top scorer della spedizione tedesca è l’attaccante Davie Selke, sceso in campo 11 volte con l’Under 21 ed autore di 7 gol, l’ultimo dei quali proprio in questi Europei. (aggiornamento di Carlo Necchi)

Sono 7 i precedenti totali tra Italia e Germania a livello Under 21. Il bilancio registra un successo degli azzurrini, tre pareggi e tre vittorie per i tedeschi. La prima sfida diretta risale al 4 febbraio 1986: nell’amichevole disputata allo stadio Arechi di Salerno il risultato finale fu 1-1, con entrambe le reti nei minuti finali; l’italo-tedesco Maurizio Gaudino (il cui figlio Gianluca è appena stato acquistato dal Chievo) sbloccò la situazione all’83’, per il vantaggio della Germania, ma Stefano Carobbi pareggiò i conti proprio al 90’. Quell’Italia Under 21, allenata da Azeglio Vicino, schierava giocatori come Walter Zenga, Riccardo Ferri, Roberto Donadoni, Giuseppe Giannini e Roberto Mancini, mentre nella Germania scesero in campo tra gli altri Jurgen Koehler, Thomas Berthold e Stefan Reuter. L’unico successo degli azzurrini è l’1-0 del 6 febbraio 2013 firmato da Fabio Borini, mentre il precedenti agli Europei Under 21 è la semifinale dell’edizione 2009, vinta di misura (0-1, gol di Andreas Beck) dalla Germania che poi andò a vincere il trofeo dominando la finale contro l’Inghilterra (4-0). (aggiornamento di Carlo Necchi)

La partita degli Europei Under 21 tra Italia e Germania sarà diretta dall’arbitro sloveno Slavko Vincic, nato il 25 novembre 1979 ed internazionale dal 2010. A completare la squadra disciplinare saranno i guardalinee Tomasz Klancnik ed Andreaz Kovacic, gli assistenti di porta Roberto Ponis e Rade Obradovic e il quarto uomo russo Igor Demeshko. Nella stagione 2016-2017, Vincic ha arbitrato in totale 35 partite, 19 delle quali nel massimo campionato sloveno. Il 24 marzo scorso, il fischietto sloveno ha diretto la partita tra Italia ed Albania (nazionali maggiori) valida per le qualificazioni Mondiali: risultato finale 2-0 con reti di De Rossi su rigore ed Immobile. Nel curriculum di Slavo Vincic anche due finali della Coppa di Slovenia: quella del 2015 (vittoria dell’FC Koper) e l’ultima conquistata dal Domzale. A livello giovanile, l’Italia ha incrociato l’arbitro sloveno agli Europei Under 17 2013: l’8 maggio gli azzurrini sconfissero l’Ucraina per 2-1. (aggiornamento di Carlo Necchi)

Sarà diretta dall’arbitro sloveno Slavko Vincic. Si gioca sabato 24 giugno 2017 allo Stadion Cracovii, per la terza ed ultima giornata del girone C degli Europei Under 21: calcio d’inizio alle ore 20:45. In contemporanea, al Tychy Stadium, scendono in campo le altre due squadre del gruppo ovvero Repubblica Ceca e Danimarca. 

Questa la classifica dopo i primi due turni: Germania 6 punti e differenza reti +5, Repubblica Ceca 3 (0), Italia 3 (0), Danimarca 0 (-5). In palio un posto per le semifinali di martedì prossimo, cui accederanno le prime dei tre gironi e la miglior seconda. Gli azzurrini allenati da Luigi Di Biagio devono battere la Germania e sperare che la Repubblica Ceca non vinca contro la Danimarca, già eliminata: in questo caso l’Italia si qualificherà come prima del suo raggruppamento. Con un pareggio o una sconfitta invece Marco Benassi e compagni sarebbe certi dell’eliminazione (clicca qui per i risultati utili).

La Germania del ct Stefan Kuntz ha invece due risultati su tre a disposizione: anche con un punto i tedeschi conserverebbero il primato nel girone C garantendosi il passaggio del turno, mentre in caso di ko anche i nostri avversari dovranno ricorrere alla tabella dei calcoli (soprattutto se la Repubblica Ceca dovesse vincere, generando una classifica con 3 squadre a 6 punti). Per il match di Cracovia, le agenzie di scommesse non si sbilanciano più di tanto: snai.it ad esempio propone il segno 1 per la vittoria dell’Italia a quota 2,85, il segno X per il pareggio a 3,40 e il segno 2 per il successo della Germania a 2,35, quindi leggermente favorito.

Le opzioni Under e Over si equivalgono a quota 1,85, mentre per Gol e NoGol le quote corrispondenti sono 1,73 e 2,00. L’Italia Under 21 aveva cominciato gli Europei con il piede giusto, battendo la Danimarca per 2-0 (in gol Pellegrini e Petagna), ma nella seconda partita ha perso 3-1 contro la Repubblica Ceca (di Berardi la rete azzurra) rimettendo in discussione la qualificazione. Due su due invece per la baby-Germania che ha sconfitto prima i cechi, 2-0 con Meyer e Gnabry a segno, e poi la Danimarca per 3-0 (gol di Selke, Kempf e Amiri).

Quanto alla formazione titolare il ct azzurro Di Biagio deve fare i conti con il dubbio Caldara: il difensore atalantino ha saltato la Rep.Ceca per un affaticamento muscolare, non dovesse farcela sarà riproposto il veronese Alex Ferrari accanto a Rugani, con i terzini Conti e Barreca a completare la linea arretrata assieme al portiere Donnarumma. A centrocampo dovrebbero rivedersi dal primo Gagliardini e Benassi, che mercoledì sono partita dalla panchina, inamovibile invece Pellegrini. Per il tridente d’attacco favoriti i titolari teorici quindi Berardi, Petagna e Bernardeschi, anche se Federico Chiesa rimane più di una semplice alternativa.

La Germania risponderà con un 4-2-3-1: davanti al portiere Pollerseck i difensori centrali Stark e Kempf, terzini invece Toljan a destra e Gerhardt a sinistra. In mezzo al campo Dahoud e il capitano Maxi Arnold, mentre Meyer agirà tra le linee in posizione di trequartista; esterni alti Weiser e Gnabry, centravanti Selke. La partita degli Europei Under 21 tra Italia e Germania sarà trasmessa in diretta tv su Rai 1, quindi in chiaro per tutti: collegamento con lo Stadion Cracovii dalle ore 20:30 e telecronaca dalle 20:45. Diretta anche in streaming video sul sito internet ufficiale www.raiplay.it, alla sezione ‘Dirette’. Aggiornamenti testuali su www.uefa.com.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori