Probabili formazioni / Italia-Germania Under 21: i nomi a sorpresa. Quote e ultime novità live (Europei 2017)

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Italia-Germania Under 21: le quote e le ultime novità live sugli schieramenti delle due squadre che a Cracovia si sfidano per il girone C degli Europei 2017

Petagna_Italia_sconforto_lapresse_2017
Andrea Petagna, Under-21 - LaPresse

Andiamo a scoprire anche due potenziali jolly nelle formazioni di Italia-Germania Under 21. Per Gigi Di Biagio si tratta sicuramente di Federico Chiesa: di fatto un titolare aggiunto, un giocatore che nel 4-3-3 impostato dal nostro Commissario Tecnico gioca come esterno nel tridente. Con la Fiorentina, il figlio darte si è imposto prima nella Primavera e poi nella squadra di Paulo Sousa: il tecnico portoghese questanno lo ha reso uno stabile giocatore della prima squadra e Chiesa ha risposto alla grande, trovando anche il primo gol in Serie A e imponendosi allattenzione generale come ottimo laterale di centrocampo, in realtà capace di giocare anche da seconda punta o trequartista. Per la Germania Under 21 invece citiamo Nadiem Amiri, in gol contro la Danimarca per arrotondare il punteggio: si tratta di un trequartista puro del 96, che alloccorrenza può arretrare o allargare la sua posizione. Nelle nazionali giovanili ha giocato un totale di 34 partite segnando 6 gol; gioca nel sorprendente Hoffenheim, che ha raggiunto il quarto posto in Bundesliga e la qualificazione al playoff di Champions League, e da questa squadra non si è mai mosso a partire dal 2012, quando è arrivato per unirsi allUnder 21 – era stato pescato dal Manheim. (agg. di Claudio Franceschini)

Due giocatori dellItalia Under 21 che sono impegnati contro la Germania agli Europei 2017 sono inevitabilmente al centro delle cronache: in patria si parla tantissimo di Gianluigi Donnarumma e Federico Bernardeschi in ottica calciomercato. Del primo abbiamo ampiamente riferito nei giorni scorsi: il suo rifiuto a rinnovare con il Milan potrebbe essere presto ritrattato, ci sono stati segnali di schiarita e le due parti potrebbero arrivare ad un accordo che sarebbe incredibile e sorprendente per come erano andate le cose la scorsa settimana. Bernardeschi invece sembra in partenza dalla Fiorentina, dove è cresciuto: giusto ieri la stampa ha riportato una notizia secondo cui il talentuoso trequartista avrebbe scelto la Juventus, che lo sta corteggiando da tempo e sembra aver vinto la concorrenza dellInter (anche se per i bianconeri non sarà facile trattare con la società viola). Il fatto che Donnarumma abbia incassato tre gol contro la Repubblica Ceca e Bernardeschi non abbia ancora segnato molto probabilmente centra poco con queste voci di mercato; tuttavia, adesso i due giocatori dovranno concentrarsi esclusivamente su Cracovia e sulla partita contro la Germania, perchè il loro apporto (anche in termini di esperienza) sarà fondamentale per condurre la nostra Under 21 alla semifinale degli Europei. (agg. di Claudio Franceschini)

Il possibile duello in Italia-Germania Under 21 è quello che si gioca a centrocampo: da una parte Roberto Gagliardini, dallaltra Mahmoud Dahoud. Due anni di differenza: Gagliardini, prodotto del floridissimo vivaio dellAtalanta, si è formato nel prestito in Serie B (con il Vicenza), tornato alla base è diventato subito il motore della sorprendente Dea di Gian Piero Gasperini e ha attirato su di sè le attenzioni dellInter, che a gennaio lo ha acquistato per 28 milioni di euro mettendolo subito al centro del progetto. Un giocatore che forse dà il meglio di sè al fianco di un mediano, e fatica maggiormente da vertice basso di un rombo; qualità e personalità tuttavia non gli mancano e anche dai suoi piedi dunque passano tanti destini della nostra Under 21. Oggi Gagliardini si troverà di fronte Dahoud, un classe 96 che però ha avuto una crescita esponenziale giocando nel Borussia Monchengladbach protagonista in Champions League ed Europa League. E nato in Siria – al confine con la Turchia – ma ha scelto la Germania come passaporto calcistico; in Under 21 ha messo insieme 6 presenze e potrebbe anche essere protagonista ai prossimi Europei di Russia con la prima squadra; intanto dal prossimo anno giocherà con il Borussia Dortmund, che ha bruciato la concorrenza (tra cui Milan e Juventus) e si è aggiudicato le sue prestazioni. (agg. di Claudio Franceschini)

Se i due attaccanti titolari di Italia e Germania Under 21 hanno profili molto simili, così non si può dire dei portieri: intanto Gianluigi Donnarumma e Julian Pollersbeck hanno cinque anni di differenza, e Gigio potrebbe giocare addirittura nellUnder 19. In più, lestremo difensore del Milan è già una star, tanto da essere finito nel mirino del Real Madrid ed essersi visto proporre un contratto da 5 milioni di euro a stagione (al di là che lo firmi o meno: le vicende sul rinnovo sono ben note). Pollersbeck è quasi uno sconosciuto, che si sta affacciando adesso al grande calcio: cresciuto nel Wacker Burghausen, ha giocato in questa squadra (nelle serie minori) per poi arrivare al Kaiserslautern dove per tre stagioni è rimasto a fare esperienza nella seconda squadra. Questanno Norbert Meier gli ha dato fiducia in Zweite Bundesliga (la Serie B tedesca) tanto che Pollersbeck, dopo aver passato in panchina le prime tre partite di campionato, è sempre stato impiegato. Il Kaiserslautern però ha chiuso al tredicesimo posto; tuttaltro rendimento rispetto alla sesta posizione con cui il Milan ha terminato la stagione arrivando alla qualificazione in Europa League. (agg. di Claudio Franceschini)

Per Italia-Germania Under 21 abbiamo scelto due protagonisti, che sono i due attaccanti: giocatori se vogliamo simili (e anche coetanei: entrambi sono infatti nati nel 1995), perchè sia Andrea Petagna che Davie Selke sono prime punte che non segnano tantissimo ma sono molto utili alle loro formazioni. In due non hanno messo insieme che 9 gol nei campionati giocati fino a maggio; 5 per Petagna e 4 per Selke. Entrambi hanno fatto parte di squadre sorprendenti: lAtalanta ha centrato il miglior risultato della sua storia in Serie A prendendosi quarto posto ed Europa League, il Leipzig addirittura è arrivato secondo e dunque lanno prossimo giocherà per la prima volta nella fase a gironi di Champions League. In questi Europei Under 21 Petagna e Selke – che è già stato acquistato dallHertha Berlino – hanno segnato un gol; Selke ha anche sbagliato un calcio di rigore nel finale della partita contro la Repubblica Ceca, e la nostra grande speranza è che quella rete che la Germania non ha segnato allesordio possa essere decisiva, in uneventuale classifica avulsa, per consegnarci le chiavi della semifinale. (agg. di Claudio Franceschini)

Chiude la prima fase degli Europei Under 21 2017, e la speranza è che apra le porte della semifinale agli Azzurrini: si gioca sabato 24 giugno alle ore 20:45, e a Cracovia la nazionale di Gigi Di Biagio ha assoluto bisogno di una vittoria per sperare di passare il turno, sia come prima del girone o come migliore delle tre seconde. Per la Germania il discorso è diverso: essendo a punteggio pieno, la nazionale tedesca può permettersi di pareggiare per ottenere la vittoria del girone e andare così a giocare la sua semifinale. Per lItalia non sarà dunque un compito semplice, ma staremo a vedere; intanto possiamo analizzare quelle che potrebbero essere le decisioni dei Commissari Tecnici per questa partita di Cracovia, leggendo nel dettaglio quelle che sono le probabili formazioni di Italia-Germania Under 21.

stata quotata dallagenzia Snai: le scommesse per la partita degli Europei Under 21 2017 (girone C) ci dicono che il segno 1 per la vittoria dellItalia ha una quota di 2,85; il segno X per il pareggio vale 3,40 mentre il segno 2 per la vittoria della Germania vale 2,35 volte la somma che deciderete di mettere sul piatto.

Per la partita decisiva contro la Germania, Gigi Di Biagio dovrebbe confermare la formazione che si era vista allesordio, e che aveva battuto 2-0 la Danimarca: il turnover di mercoledì non ha pagato dividendi e allora si torna a quello che era considerato lundici base alla vigilia degli Europei. Davanti a Gigio Donnarumma potrebbe tornare anche Caldara, fermato da un affaticamento muscolare: resta lunico dubbio per il nostro Commissario Tecnico, che in alternativa farà giocare Alex Ferrari al fianco del confermatissimo Rugani. Sulle corsie giocano naturalmente Andrea Conti e Barreca; a centrocampo tornano titolari Lorenzo Pellegrini e Gagliardini, i due motori della nostra squadra anche se il centrocampista dellInter si sta adattando ad un ruolo che non è propriamente il suo. Capitan Benassi sarà laltra mezzala, mentre nel tridente offensivo ci sarà spazio per i tre giocatori di riferimento che hanno giocato anche contro la Repubblica Ceca, vale a dire Petagna come prima punta con il supporto di Domenico Berardi e Bernardeschi. Dalla panchina il primo cambio potrebbe essere quello di Federico Chiesa.

Squadra che vince non si cambia, recita il detto: anche Stefan Kuntz lo dovrebbe ragionevolmente seguire, anche se ha tre calciatori diffidati e due di questi sono difensori. Volendo però pensare agli stessi undici delle prime due partite, la Germania si presenterebbe in campo con Pollersbeck in porta, coperto dai due centrali che sono Stark (uno dei diffidati) e Kempf mentre le corsie laterali sarebbero presidiate da Toljan e Gerhardt. A centrocampo è difficile che si possa uscire dalla coppia Arnold-Dahoud; Gideon Jung rimane la sua prima alternativa, ma è diffidato e dunque non potrebbe essere messo in campo a cuor leggero perchè il rischio sarebbe quello di perderlo per leventuale semifinale. Anche lattacco non cambia: lo guida Max Meyer, che è il giocatore di maggiore esperienza tra quelli che compongono la rosa tedesca, ai suoi lati ci sono Weiser e Gnabry che è salito agli onori delle cronache per il suo trasferimento al Bayern Monaco, dove dal prossimo agosto sgomiterà per trovare spazio. La prima punta è Davie Selke: secondo in Bundesliga con il Leipzig, ha aperto il suo Europeo Under 21 sbagliando un rigore ma si è rifatto contro la Danimarca aprendo i conti per la sua nazionale.

1 G. Donnarumma; 12 A. Conti, 4 Rugani, 13 Caldara, 3 Barreca; 6 Lo. Pellegrini, 18 Gagliardini, 15 Benassi; 7 D. Berardi, 11 Petagna, 10 Bernardeschi

A disposizione: 17 Cragno, 19 Scuffet, 2 Calabria, 14 Biraschi, 22 A. Ferrari, 23 Pezzella, 20 F. Chiesa, 5 Cataldi, 21 Locatelli, 8 A. Grassi, 9 Cerri, 16 Garritano

Allenatore: Luigi Di Biagio

12 Pollersbeck; 2 Toljan, 5 Stark, 15 Kempf, 3 Gerhardt; 10 Arnold, 8 Dahoud; 17 Weiser, 7 M. Meyer, 11 Gnabry; 9 Selke

A disposizione: 1 Schwabe, 23 Vlachodimos, 14 Klunter, 4 Anton, 16 Kehrer, 6 G. Jung, 21 Kohr, 20 Oztunali, 18 Amiri, 19 Haberer, 22 Philipp, 13 Platte

Allenatore: Stefan Kuntz

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori