ROLAND GARROS 2017/ Diretta Halep Pliskova (6-4 3-6 6-3): la rumena è in finale, sfiderà la Ostapenko

- Claudio Franceschini

Diretta Roland Garros 2017: info streaming video e tv, le due semifinali del torneo femminile si risolvono in favore di Jelena Ostapenko e Simona Halep che si affronteranno per il titolo

Pliskova_Miami_lapresse_2017
Diretta Cincinnati: Karolina Pliskova (LaPresse)

la seconda finalista del Roland Garros 2017: la rumena batte Karolina Pliskova per e sabato giocherà contro Jelena Ostapenko che si era qualificata in precedenza. Sotto 1-3 nel terzo set, Karolina Pliskova si costruisce due palle break consecutive per riaprire tutto: le spreca e con quattro punti consecutivi la Halep vola sul 4-1 cementando la sua posizione e le sue certezze, mentre la ceca perde il grande attimo che potrebbe girare la semifinale e la sua storia personale, in termini di ascesa in vetta al ranking Wta. La Halep, scampato il pericolo, aggredisce subito e avrebbe anche la palla per salire 5-1 e servizio e chiuderla lì; con un moto di orgoglio la Pliskova si salva e si prende un game, sembra il canto del cigno della numero 2 del tabellone e invece – come spesso succede nel tennis femminile – la semifinale subisce un altro giro di vento perchè la ceca ottiene il break che aveva mancato in precedenza. Non lo sfrutta però, perchè adesso la Halep è davvero in partita e ancora una volta strappa il servizio: sul 5-3 e quasi allo scoccare delle due ore ha il turno in battuta per arrivare alla seconda finale del Roland Garros, dopo quella del 2014. Conquista due match point e chiude con il primo: tra lei e il primo titolo Slam adesso c’è solo la lettone Ostapenko con la sfrontatezza dei suoi 20 anni. (agg. di Claudio Franceschini)

E Karolina Pliskova vanno al terzo set: bisognerà aspettare per conoscere la seconda finalista del Roland Garros 2017, quella che sfiderà Jelena Ostapenko per il titolo. Sembrava tutto semplice per la Halep, che si era presentata al match come chiara favorita vista la sua tendenza a giocare sulla terra rossa; vinto il primo set, tuttavia, la rumena si è seduta e ha permesso il recupero alla Pliskova, che in questo Roland Garros è spesso e volentieri partita male per poi carburare a match in corso. Così ha fatto anche in questa semifinale, dominando di fatto il secondo set: la ceca ha preso subito un break di vantaggio e in questo modo è arrivata fino in fondo, con la rumena che ha provato a rimanere incollata nel punteggio ma non è riuscita a operare la rimonta. Adesso si decide tutto nel terzo set, e i dettagli possono fare la differenza: partire bene potrebbe essere decisivo, staremo a vedere quale sarà lavversaria della Ostapenko nella finale di sabato. (agg. di Claudio Franceschini)

la prima finalista al Roland Garros 2017: è un risultato clamoroso per la giovane lettone che, proprio nel giorno del suo ventesimo compleanno, festeggia la prima finale Slam in una carriera ancora giovanissima. La vittoria contro Timea Bacsinszky arriva con il risultato di : bravissima la lettone a conquistare il terzo set nonostante lo scivolone nel secondo, bravissima a riprendersi dopo aver perso il break nel secondo game del parziale decisivo, quando la Bacsinszky era riuscita a rimettere insieme i cocci e sembrava aver ripreso quota. Adesso inizia la seconda semifinale tra Simona Halep e Karolina Pliskova: attenzione, abbiamo detto che una delle due sarebbe stata comunque favorita ma adesso, vedendo il livello della Ostapenko e soprattutto il momento clamoroso e di grande incoscienza (soprattutto in senso positivo) della giovane lettone, tutto sembra essere possibile (agg. di Claudio Franceschini)

ad un set dal fare la storia: nella semifinale del Roland Garros 2017 la giovane lettone conduce per 1-0 dopo aver vinto il primo set al tie break (7-4). Partita male e sotto di un break, la Ostapenko ha dimostrato grande carattere ricucendo immediatamente lo svantaggio e facendo match pari contro la più navigata Timea Bacsinszky, che per ben due volte era riuscita a rimontare un break di svantaggio (l’ultimo l’aveva portata sotto 5-6 con servizio avversario) ma alla fine ha dovuto cedere il primo parziale. Adesso staremo a vedere quello che succederà: la Ostapenko sente vicina la possibilità di diventare la prima lettone di sempre in una finale Slam, e centrare lobiettivo nel giorno del suo ventesimo compleanno sarebbe ancora più speciale. La Bacsinszky però ha tutto il tempo per recuperare la situazione, contando sul fatto di essere favorita e dunque, almeno sulla carta, avendo a disposizione più armi per girare questa semifinale. (agg. di Claudio Franceschini)

E Timea Bacsinszky sono pronte a fare il loro ingresso sul centrale del Roland Garros 2017 per la loro semifinale. Come abbiamo già detto, si tratta della seconda in tre anni per la svizzera: nel 2015 la Bacsinszky, che era testa di serie numero 23, sconfisse nellordine Arruabarrena, Smitkova, Madison Keys e soprattutto Petra Kvitova, poi fece fuori la sorpresa Van Uytvanck e in semifinale prese il primo set a Serena Willams, che tuttavia ebbe nettamente la meglio per 4-6 6-3 6-0. Per la svizzera cè anche un quarto di finale raggiunto a Wimbledon, sempre nel 2015 e con eliminazione per mano di Garbine Muguruza. Per quanto riguarda la Ostapenko, fino a questo momento la giovane lettone non si era mai spinta oltre il terzo turno di uno Slam: risultato centrato a gennaio agli Australian Open battendo Zhu Lin e Yulia Putintseva senza perdere un set (e con appena 8 game lasciati per strada). Al terzo turno la sfida contro Karolina Pliskova, che la lettone potrebbe trovarsi di fronte nella finale di sabato: la Ostapenko aveva vinto il primo set, perso nettamente il secondo (0-6) e nel terzo era salita 5-2 per poi farsi rimontare e perdere 8-10 con tanti rimpianti. Oggi per lei potrebbe esserci la grande soddisfazione di andare alla prima finale Slam ed eventualmente vendicarsi di quella sconfitta; staremo a vedere se ce la farà, adesso parola al campo perchè la prima semifinale sta per cominciare. (agg. di Claudio Franceschini)

In attesa che inizino le semifinali femminili al Roland Garros 2017, è interessante andare a vedere alcuni match che animano il programma del Suzanne Lenglen: in campo infatti i circuiti delle leggende maschili (Under e Over 45) e femminili. Troviamo giocatori che hanno trionfato al Roland Garros: Gaston Gaudio per esempio è stato lultimo a trionfare agli Open di Francia prima del dominio di Rafa Nadal, vincendo unepica finale contro Guillermo Coria. Iva Majoli è invece la giocatrice che, vincendo ledizione del 1997, ha impedito a Martina Hingis (che era numero 1 del mondo e arrivò in finale) di completare il Grande Slam del calendario, che lavrebbe fatta diventare la terza giocatrice di sempre a farlo (dopo Margaret Court e Steffi Graf). Non solo: la Hingis non avrebbe mai vinto il Roland Garros, due anni dopo avrebbe perso una celebre finale proprio contro la Graf, partita diventata famosa per il pianto disperato della svizzera che fu anche disturbata da qualche spettatore e perse la concentrazione in un match che avrebbe potuto vincere. In campo oggi anche Alex Corretja, per due volte finalista a Parigi (ma sempre sconfitto), lidolo di casa Fabrice Santoro (un quarto di finale agli Australian Open, vinti due volte nel doppio) e lintrattenitore iraniano Mansour Bahrami, che al Roland Garros ha giocato un secondo turno nel 1981 e, senza grandi risultati quando era un professionista, è diventato personaggio immancabile nel circuito senior (lo potremmo definire una sorta di Globetrotter del tennis). (agg. di Claudio Franceschini)

E Karolina Pliskova infiammeranno nel pomeriggio il Roland Garros 2017: la seconda semifinale femminile è, come abbiamo detto, una sorta di finale anticipata visto che queste due giocatrici sembrano avere qualcosa in più di Jelena Ostapenko e Timea Bacsinszky, che si sfideranno nellaltra semifinale. Halep e Pliskova, a differenza delle altre, hanno già giocato una finale Slam: la rumena lha raggiunta proprio qui al Roland Garros (tre anni fa) ed è stata sconfitta da Maria Sharapova, mentre la ceca lha disputata agli Us Open lo scorso settembre, venendo sconfitta da una Angelique Kerber che sarebbe diventata la numero 1 del mondo di lì a due giorni. Il bilancio nei testa a testa è nettamente a favore della Halep: 4-1,  e quando la rumena ha vinto non ha mai concesso un set alla sua avversaria. E stata invece una vittoria in rimonta quella della Pliskova, che lo scorso anno in Fed Cup si era imposta per 6-7 6-4 6-2. Per la prima volta inoltre queste due giocatrici si scontreranno sulla terra rossa: in precedenza lo avevano sempre fatto su superficie dura. (agg. di Claudio Franceschini) 

Lo avevamo già detto nei giorni scorsi, ma questo può essere il giorno giusto: al Roland Garros 2017 Karolina Pliskova può prendersi la vetta del ranking WTA. La tennista ceca è al momento seconda alle spalle di Angelique Kerber, ma la tedesca in questo 2017 è chiamata a difendere i tanti punti conquistati nella strepitosa stagione passata e al momento non sta riuscendo nellimpresa. Ecco allora che la Pliskova può diventare la ventitreesima giocatrice a salire al numero 1 della classifica mondiale: la prima ceca da tempi di Martina Navratilova, e stiamo parlando di 37 anni fa perché quando la mancina tornò a comandare la graduatoria, due anni più tardi, la sua nazionalità era già quella statunitense. Degna erede di una tradizione di grandi tenniste come la stessa Navratilova, Hana Mandlikova, Jana Novotna e la stessa Petra Kvitova, la Pliskova in questi anni è nettamente migliorata: grande servizio e dritto mortifero, deve forse migliorare con il rovescio e mettere magari qualche chilo in più ma ha certamente margini per arrivare a dominare il circuito. Sempre se ce la farà, perché in questo momento sembra esserci davvero tanto equilibrio. Anche per questo motivo Simona Halep ha tutte le possibilità di vincere la semifinale e andare in finale a tre anni di distanza dallultima qui al Roland Garros 2017. (agg. di Claudio Franceschini)

E Ostapenko-Bacsinszky sono le due semifinali femminili al Roland Garros 2017: giovedì 8 giugno i due match iniziano non prima delle ore 15 sul campo centrale, con Jelena Ostapenko che sfiderà Timea Bacsinszky e a seguire la sfida che è una sorta di finale anticipata. Lo avevamo già detto: con leliminazione di Angelique Kerber al primo turno, il tabellone Wta nella sua parte alta è diventato una grande opportunità per tutte.

A sfruttarla sono state la giovane lettone e la svizzera: per Timea Bacsinszky questa è già la seconda semifinale al Roland Garros (laveva centrata due anni fa) e rappresenta unaltra grande tappa di una carriera che si era bruscamente interrotta nel 2011 a seguito di un grave infortunio. La semifinale agli Open di Francia ci parla della grande costanza e dei sacrifici che la svizzera del 1989 ha compiuto per arrivare fino a qui; oggi per lei cè unavversaria che ha otto anni in meno ma che sta imparando in fretta.

Jelena Ostapenko è unaltra rappresentante di quella classe del 97 che sta stupendo e compiendo passi da gigante: prima Belinda Bencic, poi Ana Konjuh, adesso è il turno della lettone che però rispetto alle due coetanee ha fatto un passo in più, perché svizzera e croata si erano fermate ai quarti di uno Slam (per entrambe gli Us Open). La Ostapenko è una vincitrice Major a livello juniores (ha trionfato a Wimbledon) ed è una giocatrice che ha già giocato tre finali Wta (tutte perse), una per ogni anno da quando ha intrapreso la strada del professionismo.

La Bascinszky resta comunque grande favorita: la svizzera ha fatto fuori Venus Williams e Kristina Mladenovic per arrivare fino a qui. Dallaltra parte, come detto, una grande sfida: tra Karolina Pliskova e la seconda finale Slam con tanto di numero 1 de ranking mondiale cè Simona Halep, una giocatrice arrivata al Roland Garros con condizione fisica precaria e tanti dubbi, ma rinfrancata dai risultati ottenuti in precedenza (il titolo a Madrid e la finale a Roma).

La Halep ha penato ancora contro Elina Svitolina, ma ha rimontato arrivando a dominare il terzo set; la terra rossa è una superficie che la favorisce senza discussioni, certamente è lei a poterne trarre vantaggio rispetto a una Pliskova che però si è decisamente arrangiata e che, pur non dovendo affrontare un tabellone impossibile, ha saputo far fronte alle difficoltà incontrate. Fino a questo momento la ceca è sempre entrata male nei suoi match, rimontando e prendendo ritmo con il passare dei minuti; anche la Halep sembra avere questa caratteristica da diesel, e dunque staremo a vedere quale delle due giocatrici riuscirà a prendere il comando del match.

Quella delle due che vincerà partirebbe con tutta probabilità favorita in finale, e dunque avrebbe i piedi ben piantati in direzione del primo Slam in carriera; tuttavia in questo Roland Garros 2017 abbiamo già assistito a tante sorprese, e altre potrebbero essere dietro langolo.

Le semifinali femminili del Roland Garros 2017 saranno trasmesse in diretta tv su Eurosport; chi non avesse a disposizione un televisore potrà avvalersi del servizio di diretta streaming video fruibile con Eurosport Player, per il quale bisogna pagare una quota in abbonamento. Per gli abbonati Sky invece ci sarà la possibilità dellapplicazione Sky Go, attivabile senza costi aggiuntivi su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori