Video/ Roma-Pinzolo (8-0): highlights e gol della partita (amichevole)

- Stefano Belli

Video Roma Pinzolo (risultato finale 8-0): highlights e gol della partita amichevole. Arriva prevedibile la goleada giallorossa nella prima uscita estiva per Eusebio Di Francesco

diego_perotti_asroma_amichevole_pinzolo_lapresse_2016
Infortunio Perotti, As Roma News - La Presse

La prima amichevole estiva non riserva brutte sorprese alla Roma che liquida il Pinzolo Val Rendena (squadra che milita nella Prima categoria trentina) per 8 a 0. I giallorossi convincono soprattutto nella prima frazione di gioco quando Di Francesco schiera i migliori uomini che ha a disposizione in questo momento: su tutti spicca senz’altro Diego Perotti, l’argentino autore di una doppietta ha aperto il match trasformando un calcio di rigore che lui stesso si è procurato dopo essere stato atterrato in area dal portiere avversario Collini che al netto di questo episodio ha comunque effettuato una serie di interventi salvifici sullo stesso Perotti e su Cappa ma non ha potuto impedire al giovane prodotto del vivaio di gonfiare la rete. Gloria personale anche per Castan (tornato a vestire la maglia della Roma dopo l’esperienza non proprio esaltante al Torino di Mihajlovic), Tumminello (doppietta anche per lui) e Ricci (reduce dall’annata positiva al Perugia): 7 gol e tante belle giocate nei primi quarantacinque minuti, dopo l’intervallo Di Francesco si dedica agli esperimenti proponendo dieci volti nuovi a inizio ripresa (confermato solamente Gerson che successivamente lascerà il posto a Keba), si profila un’altra goleada quando Ciavattini al 48′ firma l’ottava rete dei giallorossi che improvvisamente si bloccano, in particolare Sadiq che si divora l’impossibile e una volta che si fa prendere dal nervosismo per l’ex-centravanti del Bologna la porta del Pinzolo diventa stregata. Roma che nel corso dei novanta minuti ha anche colpito tre legni con le traverse di Gerson e Perotti e il palo di De Santis. Da registrare per il Pinzolo una sola conclusione in porta, quella di Maturi, che non ha impensierito in alcun modo Lobont. Al triplice fischio dell’arbitro Sozza arrivano gli applausi del pubblico sugli spalti, c’è ancora molto da lavorare ma la squadra di Di Francesco potrà ritagliarsi un ruolo da protagonista nel prossimo campionato.

Ai microfoni di Roma Tv, al termine della gara, è intervenuto Stefano Ciavattini: “Oggi ho giocato coprendo un ruolo inedito per me ma è andata bene, non segnavo da tanto tempo ed è una grande emozione essere qui in ritiro con il nuovo mister e con tutti questi grandi campioni. Di Francesco mi ha detto di stare tranquillo e di fare quello che abbiamo provato in allenamento durante la settimana, sono sicuro che sarà contento della prestazione ma c’è ancora molto da migliorare. In questi giorni ho imparato tantissime cose, i ritmi sono elevati e non puoi permetterti di rifiatare, cercherò di fare tesoro di questa esperienza soprattutto in ottica futura”. Maxime Gonalons non parla ancora l’italiano e quindi si è espresso in francese con l’aiuto di un interprete: “Oggi è stata senz’altro una giornata positiva, ho avuto delle buone sensazioni, abbiamo praticato un bel calcio, stiamo lavorando sodo dall’inizio del ritiro e ci divertiamo parecchio. Il mister insiste molto sulla verticalizzazione, continueremo a lavorarci e a rispettare nel migliore dei modi le sue indicazioni. Le gambe sono ancora pesanti ma ci faremo trovare pronti alla prima giornata di campionato, poco ma sicuro. Comincio a capire i meccanismi della squadra, mi sto integrando molto bene grazie all’aiuto dei compagni, la lingua per adesso non mi sta creando problemi. In conferenza stampa è intervenuto il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco: “Sono molto soddisfatto del primo tempo, non tanto per i gol ma per come i ragazzi hanno applicato alla lettera quello che gli avevo chiesto di fare, producendo ottime verticalizzazioni. Nella ripresa avevo parecchi giocatori fuori ruolo e non tutti si sono adattati in fretta, motivo per cui lo sviluppo della manovra era leggermente più lento e meno scorrevole. Non mi piace parlare dei singoli, dico solo che ci sono parecchi giovani di prospettiva molto interessanti, mi sarebbe piaciuto vedere all’opera anche Antonucci che purtroppo non è potuto scendere in campo per un problema fisico”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori