Calciomercato Roma/ News, Macedoni: brutte notizie dal Sassuolo, e Zappacosta… (esclusiva)

- int. Giovanni Macedoni

Calciomercato Roma news:intervista esclusiva al procuratore sportivo Giovanni Macedoni sui prossimi movimenti e le ultime voci di mercato in casa dei giallorossi.

davide_zappacosta_nazionale_italia_lapresse_2017
Zappacosta, primo gol al Chelsea (foto LaPresse)

C’è fermento in casa della Roma in queste ultime settimane di calciomercato: la dirigenza Monchi è infatti all’opera per consegnare al nuovo allenatore Eusebio di Francesco una rosa al completo e il più possibile competitiva in vista della prossima stagione. Sono perciò tanti i nomi che le voci di mercato stanno accostando alla Roma: da Defrel a Berardi del Sassuolo fino a Zappacosta del Torino,ma i tifosi si chiedono quali di questi colpi di calciomercato verranno effettivamente chiusi? . Per parlare di tutto questo abbiamo sentito il procuratore sportivo Giovanni Macedoni: eccolo in questa intervista esclusiva a ilsussidiario.net.

Defrel dal Sassuolo? Dipenderà dalla cifra che il Sassuolo chiederà, la vedo dura in ogni caso per la Roma, non sarà un acquisto semplice.

Anche Berardi arriverà dalla formazione emiliana? Il problema è che il Sassuolo vuole tenerlo, farne un suo giocatore simbolo. La Roma quindi dovrà cercare di convincere la squadra emiliana a cedergli Berardi.

Zappacosta in giallorosso? Penso piuttosto che Zappacosta possa rimanere un altro anno ancora a Torino. In questo modo si permetterà allo stesso Zappacosta di crescere, di migliorare sempre di più.

Nainggolan resterà?  No, credo che la proposta dell’Inter alla fine convincerà la Roma che cederà Nainggolan. La Roma vorrà incassare una buona cifra per le sue casse. Una Roma che sta cedendo i suoi giocatori migliori e sembra voler puntare su una linea giovane, sulla linea verde per il suo futuro.

Manolas andrà al Barcellona? No, il Barcellona punta sempre a calciatori più forti, più importanti. E’ società che preferisce acquistare, valersi di giocatori di maggior rilievo.

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori