Probabili formazioni / Lazio-Auronzo: promosso titolare. Ultime novità live (amichevole)

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Lazio-Auronzo: le ultime novità live sulla partita che si gioca mercoledì 12 luglio. Per i biancocelesti si tratta della prima amichevole in questa estate 2017

Immobile_Laxalt_Lazio_Genoa_lapresse_2017
Video Genoa Lazio (LaPresse)

La Lazio riparte dallamichevole contro lAuronzo e da un nuovo portiere: sarà Thomas Strakosha a difendere i pali della porta biancoceleste per la prossima stagione. A dire il vero Strakosha è stato il numero 1 anche lo scorso anno, ma non lo era nei fatti: il ruolo era di Federico Marchetti, che però ha avuto tanti problemi fisici. Adesso è ufficiale: il veneto ha lasciato la Lazio dopo sei stagioni nelle quali ha messo insieme un totale di 194 partite, e la scelta della società è quella di promuovere a tutti gli effetti Strakosha. Classe 95, è arrivato dal Panionios nellestate 2012 per unirsi alle giovanili biancocelesti, seguito un anno dopo dal connazionale Etrit Berisha; mentre questultimo è rimasto nella Lazio per fare il secondo di Marchetti – prima del passaggio allAtalanta – Strakosha nel 2015 è stato mandato alla Salernitana (altra squadra di proprietà di Lotito), ma il prestito non è stato troppo fruttuoso visto che ha messo insieme soltanto 13 presenze. Rientrato alla base, è riuscito a ritagliarsi spazio grazie ai guai del titolare; dal 2017 dovrebbe quindi essere lui il titolare, del resto nelle 25 gare stagionali che ha messo insieme ha dato prova di essere un portiere piuttosto affidabile e Simone Inzaghi punta molto sulla crescita del ragazzo, che è anche riuscito a giocare quattro partite con la nazionale maggiore dellAlbania (due di qualificazione ai Mondiali 2018) dove si gioca il posto proprio con Berisha, suo ex compagno nella Lazio. (agg. di Claudio Franceschini)

La Lazio gioca contro lAuronzo senza Lucas Biglia: il capitano biancoceleste non è nemmeno partito per il ritiro estivo, la sua cessione (al Milan) è sempre più vicina. Senza di lui si viene ad aprire un buco in mezzo al campo nella formazione della Lazio: Biglia è stato il playmaker della squadra nelle ultime quattro stagioni e, nonostante i tanti problemi fisici, ha sempre garantito un ottimo rendimento fino appunto a prendersi la fascia di capitano. Adesso Simone Inzaghi ha il difficile compito di sostituirlo: tra i calciatori che fanno parte della rosa attuale della squadra, il giovane Alessandro Murgia sembra poter essere il profilo migliore. Nello scorso campionato il ragazzo del vivaio ha giocato 14 partite (2 gol) più quattro in Coppa Italia, riuscendo a imporsi allattenzione e facendo tanta esperienza. Questanno, chissà, Inzaghi potrebbe anche decidere di mandarlo in campo nelle prime partite per capire se effettivamente possa essere lui a guidare il centrocampo della Lazio, con una mano che dovrà evidentemente arrivare da Parolo e Milinkovic-Savic (alloccorrenza il serbo può agire come regista davanti alla difesa). La soluzione più probabile tuttavia è quella di arrivare a un altro giocatore in mezzo al campo; si pensa a tre giocatori turchi come Ozyakup (naturalizzato tedesco), Selçuk Inan e Arslan, ma per il momento sono soltanto indiscrezioni che non si sono trasformate in vere e proprie trattative di calciomercato. (agg. di Claudio Franceschini)

A poche ore dalla prima amichevole estiva della Lazio, quella contro lAuronzo, sono ancora tanti i dubbi che attanagliano la mente di Simone Inzaghi. Non tanto riguardo la partita di oggi, quanto sulla rosa che dovrà affrontare la prossima stagione: dubbi che riguardano in particolare modo lattacco. Un anno fa la Lazio è arrivata quinta in campionato anche perchè nel girone di ritorno è esploso Keita Balde Diao: il giovane senegalese non aveva mai segnato così tanto in campionato e i suoi gol sono stati manna dal cielo per la Lazio. Da tempo però Keita ha scelto di non rinnovare il suo contratto con la società capitolina, ed è vicino alla cessione; ancora non si sa dove – Juventus e Milan se lo stanno contendendo – difficilmente però lo rivedremo in campo con la maglia biancoceleste. Laddio di Keita Balde Diao obbliga Inzaghi, almeno per il momento, a giocare con Felipe Anderson da seconda punta; un ruolo che il talento brasiliano sa certamente ricoprire, ma che gli impedirebbe di partire da lontano per accelerare e scattare sulla corsia, il suo marchio di fabbrica. Dunque si cerca una seconda punta: ruolo che può occupare a spot Cristiano Lombardi, ma anche in questo caso è complicato immaginare che il giovane attaccante possa essere il vero titolare nella prossima stagione. Tanto lavoro attende dunque Claudio Lotito e Igli Tare nel corso dellestate, servirà un giocatore offensivo per completare la rosa. (agg. di Claudio Franceschini)

Adam Marusic è lunico volto nuovo che vedremo nella formazione della Lazio che sfida lAuronzo. Il calciomercato dei biancocelesti non è ancora decollato: per il momento infatti Claudio Lotito deve guardare soprattutto alle uscite, e spera di mettere a segno più tardi qualche acquisto di grido. Intanto si consola con questo esterno montenegrino (ma è nato a Belgrado, in Serbia) del 1992: ha fisico (è alto 185 centimetri) e buona tecnica. E cresciuto nelle giovanili del Partizan, solitamente una garanzia visto lottimo lavoro svolto dal vivaio della società serba; come professionista ha iniziato nel Vozdovac, è poi passato al Kortrijk mentre nellultima stagione ha fatto il salto di qualità in Belgio, con la maglia dellOostende. Dal punto di vista tattico, Marusic è un terzino destro; eppure nella Jupiler League è stato impiegato prevalentemente come esterno alto in entrambi i lati del campo. E dunque un elemento perfetto per la Lazio di Simone Inzaghi: Marusic potrà essere lesterno basso in una difesa a quattro oppure giocare come laterale di centrocampo in una linea schierata a cinque, e potrà anche sistemarsi sulla corsia mancina. Versatilità: questa la parola chiave della squadra biancoceleste, perchè altri giocatori a disposizione di Inzaghi sanno giostrare in diversi ruoli così da rendere maggiormente possibile un cambio di modulo anche e soprattutto a partita in corso. (agg. di Claudio Franceschini)

– Lazio e Auronzo si affrontano in amichevole alle ore 17:30. I biancocelesti hanno scelto la consueta località per il loro ritiro estivo e iniziano a togliere i veli alla nuova stagione: prima uscita estiva per la squadra allenata da Simone Inzaghi, che riparte dallottimo quinto posto conquistato in campionato e da una qualificazione in Europa League che era sicuramente tra gli obiettivi, ma che è arrivata in maniera brillante e con uno sguardo ampio anche sulla Champions, aggiungendo la ciliegina con la finale di Coppa Italia e dunque la possibilità di disputare la Supercoppa. Staremo a vedere, nelle probabili formazioni di Lazio-Auronzo, in che modo Simone Inzaghi sceglierà di mandare in campo la sua nuova squadra, che chiaramente ha ancora tanti punti interrogativi.

La Lazio per questa stagione dovrebbe confermare il 3-5-2, che si potrà agilmente trasformare in 4-3-3 come è stato lanno scorso; il problema allo stato attuale è capire come sarà completata la rosa a disposizione di Inzaghi. Strakosha, dopo laddio di Marchetti, sarà promosso titolare essendosi conquistato i gradi sul campo; davanti a lui agiranno Bastos, De Vrij e capitan Radu, ma lolandese non è ancora certissimo di rimanere e su lui potrebbe sempre esserci la Juventus (ma solo se alla fine Bonucci sarà venduto allestero).

A centrocampo i dubbi maggiori: per il momento il nuovo acquisto Marusic agirà come esterno destro, dallaltra parte ci dovrebbe essere Lulic con Milinkovic-Savic e Parolo ancora sulle mezzali, mentre a coprire la zona centrale della mediana, con compiti di regista, Simone Inzaghi pare intenzionato a lanciare il giovane Murgia – già visto nellultima stagione – ma è evidente che ci si aspetta qualche altro colpo sul calciomercato. Davanti la certezza si chiama Ciro Immobile, pronto a partire titolare oggi e punto di riferimento per lattacco 2017-2018 della Lazio; al suo fianco potremmo vedere un giovane (lindiziato è Cristiano Lombardi, mentre Rossi è più simile a Immobile come caratteristiche), con Felipe Anderson che potrebbe guidare le seconde linee nella ripresa.

Strakosha; Bastos, De Vrij, Radu; Marusic, Parolo, Murgia, Milinkovic-Savic, Lulic; C. Lombardi, Immobile

Allenatore: Simone Inzaghi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori