Classifica Tour de France 2017 / Froome di nuovo maglia gialla, Aru a 18″ (oggi 14^ tappa)

- Michela Colombo

Classifica Tour de France 2017: la maglia gialla e le altre graduatorie della Grande Boucle alla 14^ tappa da Blagnac a Rodez. Aru ancora leader della generale. 

aru_planche_facebook_tour_2017
Fabio Aru, leader della classifica del Tour de France 2017 (LaPresse)

La classifica del Tour de France 2017 cambia in modo significativo nel complicato finale della tappa di Rodez, dove il gruppo si è sparpagliato: ride Chris Froome, che riconquista la maglia gialla con 18 di vantaggio su Fabio Aru. Andiamo allora ad esaminare nel dettaglio i piazzamenti di tutti i migliori della classifica generale: solo lo stesso Froome, Rigoberto Uran e Daniel Martin sono arrivati nel primo gruppetto, quello giunto al traguardo a 1 dal vincitore Michael Matthews. Romain Bardet e Simon Yates hanno perso 4 da Froome, Mikel Landa ne ha concessi 14, 21 di ritardo per Nairo Quintana, Alberto Contador e George Bennett, mentre Aru e Louis Meintjes sono stati i peggiori, a 24 da Froome, Uran e Martin. Differenze non grandissime, naturalmente, ma che hanno forte impatto su una graduatoria corta come quella del Tour de France che stiamo vivendo: adesso per Froome il vantaggio è di 18 su Aru, 23 su Bardet e 29 su un Uran poco considerato, ma che non perde mai un colpo. Landa a 117, Martin a 126, Yates a 202 e Quintana a 222 restano gli otto corridori in corsa per il successo finale, o almeno per il podio di Parigi. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

Altra classifica del Tour de France 2017 che sembra avere un padrone già molto ben definito, come quella dei giovani, è quella della maglia verde. Infatti Marcel Kittel è lindiscusso dominatore della classifica a punti di questo Tour de France, come è anche giusto che sia per chi ha già vinto la bellezza di cinque tappe. Dunque il velocista tedesco della Quick-Step Floors guida la classifica con 373 punti, considerando anche i 10 che Kittel ha conquistato vincendo la volata del gruppo per il sesto posto al traguardo volante, tanto per mettere bene in chiaro a Michael Matthews che la rimonta sarà praticamente impossibile. Per laustraliano del Team Sunweb 244 punti, compresi i 9 dellodierno traguardo volante, chiuso alle spalle del tedesco. Oggi però è proprio Matthews il più atteso dei due: con larrivo posto in cima a uno strappo, solo laustraliano può ambire alla vittoria. Il migliore italiano nella classifica a punti è Sonny Colbrelli, quinto a quota 113 punti – compresi i 6 del traguardo volante di oggi. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

La classifica del Tour de France 2017 sembra essere equilibrata solo per quello che riguarda la generale, che vede il nostro Fabio Aru in maglia gialla, ma con margini di vantaggio molto ridotti su tutti gli avversari più pericolosi. La situazione sembra essere molto più chiara in tutte le altre graduatorie, compresa quella della classifica dei giovani, che vede stabilmente in maglia bianca il britannico Simon Yates della Orica-Scott, che ieri ha guadagnato ancora qualche secondo sullunico possibile avversario, il sudafricano Louis Meintjes della UAE Team Emirates, staccato da Yates di 247. Margine non ancora definitivo quando mancano ancora le Alpi e lultima cronometro, ma senza dubbio Simon Yates è il grande favorito per diventare il miglior Under 25 di questo Tour de France, come aveva già fatto lanno scorso suo fratello Adam. Lontanissimi tutti gli altri, a partire dal francese Pierre Roger Latour della Ag2R-La Mondiale, terzo ma con un ritardo di 829 da Yates. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

Per la classifica del Tour de France 2017 facciamo adesso un tuffo nel passato: Fabio Aru veste per il secondo giorno la maglia gialla, come spesso è successo ai corridori italiani nella storia del Tour de France, che in totale abbiamo vinto dieci volte. Per la precisione, in totale sono stati ben 214 i giorni con un italiano al comando della classifica generale della Grande Boucle, anche se sono 212 le maglie gialle, che è stata introdotta a partire dalledizione 1919. Limitandoci agli anni più recenti, bisogna notare un buco fra i quattro giorni in maglia gialla di Alberto Elli nel 2000 e gli otto di Rinaldo Nocentini nel 2009, poi siamo alla contemporaneità con i 19 giorni su 21 da leader per Vincenzo Nibali nella memorabile edizione 2014 nella quale lo Squalo vinse anche quattro tappe e arrivò a Parigi con oltre sette minuti di vantaggio sul secondo, il francese Jean Christophe Peraud. Da Nibali ad Aru, dalla Sicilia alla Sardegna, è sempre il campione nazionale in carica e capitano della Astana a farci sognare in grande al Tour de France (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

La classifica del Tour de France 2017 regala grande incertezza se si parla della generale, dove il nostro Fabio Aru si gode una splendida maglia gialla ma ci sono otto corridori nello spazio di soli 207. Situazione invece molto diversa nella classifica degli scalatori, dove il francese Warren Barguil ha un margine di vantaggio enorme su tutti gli inseguitori: infatti la maglia a pois ha finora raccolto ben 94 punti, mentre in seconda posizione troviamo Mikel Landa, che però di punti ne ha solo 33. Una differenza di 61 punti che sarà difficilissima da colmare, anche perché Landa ha altri e più ambiziosi obiettivi, anche se la doppietta nella classifica scalatori Giro-Tour sarebbe comunque un colpaccio da segnalare. Dietro Landa le distanze sono fortissime: terzo Thomas De Gendt con 32 punti, quarto Primoz Roglic a quota 30, poi tutti gli altri fra cui allottavo posto proprio Aru, con 22 punti. Sarebbe una lotta incertissima, se non fosse per un Barguil in grande fuga (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

Parlando della classifica del Tour de France 2017, è inevitabile spendere qualche parola per Mikel Landa, che può essere la variabile impazzita nelle prime posizioni. Spalla di Chris Froome nel Team Sky, lo spagnolo con lattacco di ieri è risalito al quinto posto nella classifica generale, con un ritardo di solo 109 dalla maglia gialla Fabio Aru. Sarà un vantaggio per Sky avere anche una seconda carta da giocare, oppure rischia di turbare gli equilibri in squadra? Ieri, rispondendo a un giornalista spagnolo che gli faceva i complimenti perché ha le gambe, Landa ha detto: Sono i gradi che mi mancano. Froome si è detto felice di avere una grande carta tattica da potere giocare, Landa stesso ha affermato che Chris è il leader e gode la fiducia di tutta la squadra, ma non rinuncia alle speranze personali: Chi vince il Tour? Froome. O altrimenti, io. Da ricordare che nel 2018 Landa passerà alla Movistar: chissà se anche un addio già annunciato potrebbe pesare sulle dinamiche interne a Sky (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

Il Tour de France 2017 torna oggi protagonista con la 14^ tappa da Blagnac a Rodez e che vedrà al via la maglia gialla da leader della classifica generale ancora sulle spalle di Fabio Aru. Il campione dItalia con grande freddezza ieri è infatti riuscito  a difendersi con grande lucidità dagli attacchi del suo principale rivale Chris Froome riuscendo così a conservare fino al traguardo di Foix lambita casacca color del sole. Se diamo un occhio alla classifica del Tour de France 2017 però il vantaggio di Aru rimane minimo: lalfiere dellAstana, maglia gialla, è infatti seguito dal britannico del team Sky ad appena 6 secondi e dal francese Romain Bardet a 25 secondi. Anche in fondo dopo, lesito della 13^ frazione i distacchi si sono rimpiccioliti: alla quarta piazza troviamo Rigoberto Uran a +352 con alle spalle in grande rispolvero al traguardo di Foix Mikel Landa ora quinto a un minuto e 9 secondo da Aru. Completano la top ten Daniel Martin (+ 01′ 32”9 Simon Yates a + 02′ 04”, Nairo Quintana, altro protagonista della tappa precedente, a + 02′ 07”, e con Meitjes e Alberto Contador nella top ten.

Se andiamo a aprire nel dettaglio il percorso previsto per la 14^ tappa del Tour de France 2017 notiamo anche 2 gran Premi della Montagna di 3^ categoria che difficilmente però potrebbero movimentare le cose nella graduatoria riservata agli scalatori, dominata con sicurezza dal vincitore della frazione precedente Warren Barguil: il francese della Sunweb è infatti leader della classifica con 94 punti e veste la maglia a pois, seguito da Mikel Landa salito al secondo piazzamento con 33 punti. Il podio è quindi completato da Thomas De Gendt che registra un distacco dallo spagnolo del Team sky si appena una lunghezza.  

Controllando le altre classifiche del Tour de fornace 2017 notiamo che a punti il leader rimane ancora una volta Marcel Kittel, in maglia verde con 363 punti e seguito nella lista da Michael Matthews a 235 punti e da Andrè Greipel invece fermo a  quota 180 punti. Non dimentichiamo infine la maglia bianca associata alla classifica riservata ai giovani corridori del Tour de France 2017: il leader rimane ancora una volta Simon Yates ora con il crono generale di  55H 30′ 06”, con alle spalle ancora Louis Meintjes a 2 minuti e 47 seconda e da Pierre Roger Latour a +829. 

1. Chris Froome (Gbr, Sky)

2. Fabio Aru (Ita, Astana) a 18″

3. Romain Bardet (Fra, Ag2r LA Mondiale) a 23

4. Rigoberto Uran (Col, Cannondale ) a 29

5. Mikel Landa (Spa, Team Sky) a 117

6. Daniel Martin (Irl,Quick Step Floors) a 126

7. Simon Yates (Grb, Orica Scott) a 202

8. Nairo Quintana (Col, Movistar) a 222

9. Louis Meintjes (Rsa, UAE Team Emirates) a 5’09”

10. Alberto Contador (Spa, Trek-Sgafredo) a 537″

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori