CLAUDIA CRETTI/ La ciclista verso il risveglio dal coma: ridotti i farmaci sedativi

- Davide Giancristofaro Alberti

Claudia Cretti, la ciclista verso il risveglio dal coma: ridotti i farmaci sedativi. Dopo la caduta del 6 luglio scorso al Giro Rosa, la ciclista era finita in coma, ed ora il risveglio

Cretti_ciclismo_facebook_2017
Claudia Cretti, ciclista bergamasca - Instagram

Buone notizie per la giovane ciclista Claudia Cretti. Latleta del team Valcar-Pbm, sta lentamente risvegliandosi. I medici hanno infatti deciso di iniziare la fase di riduzione dei farmaci sedativi, che porterà appunto al pieno risveglio della stessa Claudia. La ragazza è ormai fuori pericolo di vita ma è logico pensare che ora laspetterà una lunga riabilitazione prima di tornare alla normalità. La cosa certa è che la Cretti ha iniziato a dare dei piccoli ed incoraggianti segnali di vita, come lapertura degli occhi, e alcuni sbadigli, tutti segnali che hanno fatto ovviamente gioire i famigliari della stessa giovane atleta. « iniziato il risveglio, Claudia ha aperto gli occhi del parole di papà Beppe e mamma Laura su Facebookoggi i medici hanno deciso di provare a togliere la sedazione a Claudia… e noi ci siamo ritrovati quasi tutto il giorno in ospedale ad ammirarla e coccolarla nei suoi primi passi verso il risveglio. Vi sono stati dei piccoli passetti anche oggi, che a noi hanno riempito il cuore di gioia.

La Cretti era stata protagonista di una terribile caduta lo scorso 6 luglio al Giro Rosa, il giro dItalia per le donne, andando a sbattere contro il guard rail ad una velocità folle. Da quel giorno è rimasta ricoverata allospedale Rummo di Benevento, in coma farmacologico, ed oggi finalmente il risveglio. «C’è molta prudenza e i medici sono molto cauti ha aggiunto ancora il padre ma per noi è un momento di grande gioia. In queste ore è atteso un bollettino medico ufficiale in cui sarà più chiaro il quadro clinico della 21enne bergamasca, che ricordiamo, è stata sottoposta a due interventi chirurgici di decompressione. La Cretti, oltre ai piccoli segnali di cui sopra, avrebbe iniziato anche a muovere gambe e braccia, rispondendo bene ai primi esame: cè molta fiducia anche se non si può dire se la stessa recupererà al 100%.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori