Phelps vs squalo/ Video, la grande sfida è una truffa? Il trucco c’è, l’americano aveva paura, ha vinto…

Phelps vs squalo: il video della sfida tra il nuotatore americano e tre diversi esemplari. Il campione è stato accusato di truffa: il faccia a faccia infatti è stato realizzato virtualmente

25.07.2017 - Claudio Franceschini
Phelps_seduto_lapresse_2017
(LaPresse)

Michael Phelps ha perso due sfide su tre contro lo squalo; in più, il 32enne di Baltimora è stato anche accusato di truffa per aver soltanto simulato le gare contro il re degli oceani. Spieghiamo: nella puntata conclusiva di Shark Week – programma gestito da Discovery Channel con trasmissione tv annuale – Phelps avrebbe dovuto gareggiare in acque aperte (ovviamente) contro tre specie di squali: lo squalo bianco, lo squalo martello e lo squalo di scogliera. Così ha fatto, battendo solo questultimo e perdendo nettamente contro lo squalo bianco che ha percorso i 100 metri in 361, ovvero due secondi netti meno del campione americano. Il problema è che la gara non si è svolta fianco a fianco: per motivi di sicurezza infatti Phelps e gli squali hanno nuotato in momenti diversi, e sono poi stati affiancati virtualmente con le più avanzate tecniche di computer animation.

La mia priorità numero 1 era stare al sicuro ha spiegato il nuotatore di Baltimora, che ha anche rivelato come la sfida (che si è svolta al largo del Sudafrica) sia stata comunque difficile per la bassa temperatura dellacqua – circa 13 gradi. Una spiegazione che però non ha convinto i tanti appassionati: per una settimana Shark Week ha presentato questa grande sfida come un avvenimento di portata così monumentale da non essere mai stata tentata da nessuno prima dora. Lattesa era spasmodica, ma alla prova dei fatti lo scontro diretto non cè stato; pare che lo stesso Phelps – come del resto sarebbe confermato dalle sue dichiarazioni – si sia tirato indietro allultimo. Dunque, almeno nelle ipotesi, un fianco a fianco ci sarebbe dovuto essere, ma purtroppo possiamo gustarcelo soltanto nel video realizzato digitalmente.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori