Diretta/ Italia Ungheria (risultato finale 8-10), vittoria magiara, le azzurre chiudono 6^ (Mondiali di nuoto)

- Michela Colombo

Diretta Italia Ungheria: info streaming video e rai.tv, risultato live della partita di pallanuoto femminile in programma oggi ai Mondiali di Nuoto 2017 a Budapest.

setterosa Italia pallanuoto
Elisa Queirolo, Italia pallanuoto femminile (Foto LaPresse)

Nulla da fare per le azzurre che chiudono con una sconfitta amarissima la propria esperienza nel torneo di pallanuoto ai Mondiali di nuoto a Budapest 2017. 8-10 il risultato finale alla Alfred Hajbos tra Italia e Ungheria, risultato che porta le azzurre a ottenere la sesta posizione nel torneo iridato nelledizione 2017. Le magiare, partite benissimo fin dalle prime battute sono poi riuscite a conservare un abile vantaggio di almeno due punte sul nostro Setterosa, che di fatto non è mai riuscita a ricucire lo strappo. Nella quarta frazione è sempre lUngheria a firmare la prima rete con Csabai in superità numerica, con Garibotti che prova a mettere una nuova pezza con una bella rete. Nei primi minuti le magiare vanno in vantaggio ancora con Czigany: a poco  quindi è servito il rigore firmato da Bianconi sul finale. (agg Michela Colombo)

Le azzurre non riescono  superare il vantaggio di +2 dellUngheria anche nella terza frazione della partita che mette in palio il 5^ piazzamento ai Mondiali di nuoto di Budapest 2017. Le padrone di casa si sono rivelate spietate anche nella terza frazione in vasca alla Alfred hajbos e Il Setterosa, pure mettendo in acqua una buona prova continua a restare una distanza importante contro le magiare. Il 6-8 fissato alla sirena è stato firmato per il Setterosa di Conti da Bianconi su rigore e Garibotti, a segno in superiorità numerica. Decisive invece per le magiare la prima rete di Szilagyi, firmata nei primi 40 secondi del tempo con Keszthelyi ultima marcature a pochi secondi dalla sirena. (agg Michela colombo)

Anche il secondo parziale tra Italia e Ungheria si è chiuso con la compagine magiara sempre in vantaggio: 4-6 il tabellone quando è suonata la sirena dellIntervallo alla Alfred Hajbos Arena di Budapest. Le magiare sono scese in campo con unenergia e una determinazione  senza pari riuscendo a impostare un ritmo di gioco altissimo, a cui le azzurre del ct Fabio Conti difficilmente sono riuscite a stare dietro. anche nella seconda frazione di gioco la prima marcatura è stata segnata dallUngheria: è Keszthelyi a firmare il gol, con Garibotti abile comunque a sfruttare la superiorità numerica temporanea.  A metà match sono le magiare in superiorità e Keszthelyi non fallisce: Garibotti prova quindi a mettere una pezza ma alla fine è Gurisatti a chiudere il secondo tempo con lUngheria in vantaggio di 2 punti. (agg Michela Colombo)

Si è appena chiuso sul 2-3il primo quarto del match tra Italia e Ungheria, ultima sfida per il setterosa ai Mondali di nuoto di Budapest 2017. Come previsto lincontro si è acceso fin dal primo minuto con la compagine magiara ben intenzionata a impressionare il pubblico di casa nonostante la modesta posta in palio. proprio dellUngheria la prima rete del match con Bujka a cui però ha preso risposto la solita Bianconi  in gol poche decine di secondi dopo.  A metà match una nuova rete magiara con Szilagyi effettuata in superiorità numerica con Antal che ha siglato la rete del vantaggio. Sul finale è ancora Bianconi ha provare a ricucire lo strappo: che le faranno le azzurre nel secondo parziale?  (agg Michela colombo)

Finalmente siamo pronti a vivere questa Italia-Ungheria: comunque vada, la nostra nazionale chiude oggi il suo impegno ai Mondiali di pallanuoto femminile. Purtroppo per noi, con un bilancio non ottimale: eravamo arrivati a Budapest con la speranza di prendere una medaglia e invece abbiamo pagato a caro prezzo quello 0-4 iniziale nel quarto contro la Russia, un parziale che avevamo recuperato ma che alla fine è stato determinante nella sconfitta. La partita contro lAustralia ci ha ridato un po di spirito: avanti 6-3, il Setterosa si è trovato sotto di un gol e ha clamorosamente rischiato di perdere, prima di riprendersi e ottenere la vittoria ai rigori. Per il gruppo di Fabio Conti dunque ultima partita: vale la pena ricordare la rosa di questa nazionale. Giulia Gorlero, Chiara Tabani, Arianna Garibotti, Elisa Queirolo, Federica Radicchi, Rosaria Aiello, Domitilla Picozzo, Roberta Bianconi, Giulia Emmolo, Valeria Palmieri, Aleksandra Cotti, Sara Dario e Federica Lavi: quinto o sesto posto che sia, le ragazze in acqua hanno dato tutto e lo faranno anche oggi, provando a ottenere il massimo da questa spedizione iridata. Per tornare a vincere un Mondiale – manca dal 2001 – dovremo aspettare ancora, ma intanto diamo la parola alla piscina di Budapest per questa Italia-Ungheria che sta davvero per cominciare. (agg. di Claudio Franceschini)

LUngheria che oggi sfida lItalia ai Mondiali pallanuoto 2017 è una nazionale tra le più competitive a livello europeo e mondiale; magari non avrà raggiunto le vette della squadra maschile, ma sicuramente anche la versione al femminile si difende alla grande. A livello europeo per esempio lUngheria ha vinto tre ori mondiali, e nelle ultime otto edizioni del torneo è finita sette volte sul podio (due ori, un argento e quattro bronzi). Le magiare hanno anche conquistato due ori mondiali: il primo proprio a casa nostra (Roma 1994), il secondo invece a Montréal 2005. Da allora un calo, ma nel 2013 a Barcellona la nazionale femminile dellUngheria è tornata sul podio (terzo posto). Il nervo scoperto sono le Olimpiadi: se i maschi hanno vinto nove ori (con tripletta tra il 2000 e il 2008) e un totale di 15 medaglie), le donne hanno partecipato per la prima volta nel 2004 (sesto posto) e nelle ultime tre edizioni si sono sempre fermati ai piedi del podio. Nel 2008 sono state fermate da Olanda e Australia (ai rigori); nel 2012 semifinale persa contro la Spagna e finale per il bronzo con sconfitta ancora dallAustralia; lo scorso anno Stati Uniti e Russia (ai rigori) avevano frenato limpeto di unUngheria che quella medaglia a cinque cerchi lha sempre sfiorata, ma non è mai riuscita a prenderla. (agg. di Claudio Franceschini)

LItalia arriva alla sfida contro lUngheriaavendo battuto lAustralia ai rigori; una vittoria che ci consente di andare a caccia del quinto posto. Non quello che avremmo voluto ovviamente; lo sa bene anche il CT Fabio Conti, che dopo la partita di mercoledì ha commentato – come si legge sul sito ufficiale della Federnuoto – che in contesti del genere si pensa già al futuro, con buona volontà e propositi. Conti ha affermato di aver visto un Setterosa con la giusta mentalità, che ha permesso alle ragazze di affrontare la partita nel migliore dei modi; abbiamo pagato la stanchezza e lassenza di Valeria Palmieri, che aveva giocato finora con una lombosciatalgia. Per quanto riguarda la vittoria, il Commissario Tecnico ha elogiato il suo gruppo, mettendo particolarmente in risalto lo spirito di rivalsa e la capacità di non mollare mai; menzione speciale ai due portieri Giulia Gorlero e Federica Lavi, che si sono alternate nei rigori e sono state entrambe decisive. Abbiamo avuto anche un pizzico di fortuna ha detto Conti; quella fortuna che potrebbe servirci anche oggi nella sfida conclusiva contro lUngheria padrona di casa, anche se purtroppo vale soltanto per il quinto posto ai Mondiali di pallanuoto femminile 2017. (agg. di Claudio Franceschini) 

Italia e Ungheria scendono in vasca tra poco; la partita che vale per il quinto posto ai Mondiali di pallanuoto femminile sarà la terza che le due nazionali giocano in stagione. Purtroppo siamo sotto nel bilancio: entrambe le sfide si sono giocate per la World League. Nel primo turno, a gennaio, le magiare hanno avuto la meglio per 13-11 ai rigori, replicando poi al ritorno (giocato ad Avezzano) con un 12-10; Ungheria che ha dunque vinto il raggruppamento a tre davanti al Setterosa e alla Francia; arrivata alla fase ad eliminazione diretta ha battuto lOlanda ma è stata eliminata dagli Stati Uniti, chiudendo al quarto posto. Prima di allora, lItalia si era presa la vittoria per 10-7 in una partita amichevole giocata a luglio di un anno fa; era stata la seconda vittoria consecutiva, prima ancora – febbraio 2016 – il Setterosa si era imposto per 10-7 nella World League nella quale aveva però chiuso in quinta posizione. Se parliamo di Mondiali, dobbiamo tornare al 2013: partita del girone, vittoria magiara con un netto 10-4 e poi Setterosa giunto decimo con ungheresi a bronzo. Cè anche una sfida per le qualificazioni alle Olimpiadi di Londra 2012: avevamo battuto le magiare per 11-9, rimontando un 1-3 maturato a fine primo quarto. (agg. di Claudio Franceschini) 

lincontro di pallanuoto in programma oggi venerdi 28 luglio alle ore 13.30 alla Alfred Hajbos di Budapest, ultimo match per il nostro Setterosa a caccia del 5^ miglior piazzamento ai Mondiali di nuoto 2017. La nazionale azzurra sotto la guida del ct Fabio Conti è quindi pronta a scendere in vasca per lultima volta in questa competizione iridata: un peccato che questo non avvenga per una medaglia, ma va detto che il percorso, pur accidentato, delle italiane è stato senza dubbio entusiasmante. Dopo la medaglia di bronzo vinto solo un anno fai alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, la nazionale del Setterosa era arrivata a Budapest con il chiaro obbiettivo di confermarsi in testa al mondo: così purtroppo non è successo e contro la Russia si è infranto il sogno della medaglia: e ora tocca quindi lottare per il miglior piazzamento possibile ovvero il quinto.  

Benchè in palio oggi non via sia molto di più di un posto donore la sfida di annuncia più intesa che mai : oggi si troveranno di fronte due delle nazionali più vincenti di sempre di questo sport, avversarie storiche in tante competizione, due rose di grandissime qualità, chiamate a sfidarsi di fronte a un pubblico che sarà caldissimo, dato che si gioca in terra magiara. Data la situazione calda, è possibile che le azzurre possano attraversare qualche momento di maggior distrazione e tensione: in questa edizione dei Mondali sono due errori cui le azulene di Conti sono incappate in diverse occasioni spesso decisive. Dopo tutto va detto che la nazionale azzurra, dove non mancano le senatrici, una grande fetta di giocatrici sono molto giovani a cui forse manca  ancora un po la malizia nelle grandi competizioni. Il Setterosa quindi dovrà fare attenzione perché lavversario senza dubbio sarà altezza della situazione, e in palio vi è la possibilità di chiudere lesperienza iridata con la sicurezza di aver davvero dato tutto il possibile. 

Ricordiamo infine che la partita tra Italia e Ungheria sarà visibile in diretta tv sulla tv nazionale, che ha garantito ampia copertura agli eventi dove saranno impegnati gli azzurri per i Mondiali di nuoto 2017 a Budapest. Lappuntamento è quindi per le ore 13.30 su Raisport + al numero 57 del telecomando del digitale terrestre, mentre la diretta streaming video della partita sarà garantita dal servizio gratuito Raiplay.it. Consigliamo infine di consultare il sito della federazione internazionale (www.fina.org) oltre che del comitato italiano (www.federnuoto.it) per rimanere aggiornati sul risultato finale



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori